L’indecisione perseguita dall’occidente: gli eventi sul fronte ucraino fanno vacillare le certezze


di Alastair Crook

Siamo – per il momento – nel vuoto sospeso tra gli eventi. Il caos che i MSM occidentali si aspettavano (“con libidinosa eccitazione”) si sviluppasse in Russia è arrivato, tranne per il fatto che è esploso in Francia, dove non era previsto – e con Macron alle corde, a Parigi, piuttosto che Putin, a Mosca. In effetti, c’è molto da ricavare da questa interessante inversione di aspettative e di eventi.

Se il fallimento della Russia nel precipitare nel caos alla francese come risultato dell'”ammutinamento” di Prigozhin rappresenta il “fermalibro” iniziale per l’attuale vuoto senza direzione, l’altro fermalibri è (o dovrebbe essere) l’inizio del vertice della NATO l’11 luglio a Vilnius, dove verrà ufficialmente promulgata una nuova ‘direzione’ occidentale per il futuro dell’Ucraina (sebbene a questo punto qualsiasi consenso sul futuro sembri molto traballante).

I rapporti suggeriscono che l’intelligence occidentale è stata gettata nella confusione quando la marcia di Prigozhin su Mosca è svanita in poche ore, solo per emergere come un accordo negoziato e (cosa sconcertante per gli analisti) per calmarsi in tutta la Russia.
Non riuscivano a capirlo: cosa stava succedendo? Prigozhin era reale o era tutta una complicata partita a scacchi che si stava svolgendo davanti ai loro occhi?

Quindi, per ora (in attesa del chiarimento finale al vertice di Vilnius), i commentatori statunitensi (con alcune onorevoli eccezioni) hanno tutti premuto il “pulsante predefinito”: “Congela il conflitto, così com’è” – quindi Biden e la dottrina militare statunitense potrebbero essere risparmiati dall’umiliazione. E, cosa più importante, risparmiare temporaneamente alla NATO la domanda chiave: è ‘adatta questa organizzazione allo scopo?’

È chiaro che l’approccio dottrinale della NATO al conflitto con qualsiasi avversario – che non sia un’insurrezione poliglotta armata alla leggera – è imperfetto. La NATO sta ancora combattendo la battaglia del 73 Easting nel deserto iracheno: un “pugno corazzato” che ha colpito, sostenuto dalla superiorità aerea; uno che ha battuto l’opposizione “per sei”. Ma, come ammette il comandante statunitense di quella battaglia (il colonnello Macgregor), il suo esito fu accidentale. Tuttavia è diventato un mito della NATO, con una dottrina generale costruita attorno alla sua circostanza unica.

La comunità dell’intelligence occidentale era già scossa dai video dei “pugni corazzati” forniti dalla NATO all’Ucraina, quando è scoppiata la débacle di Prigozhin.

Il problema con l'”opzione predefinita” (conflitto congelato) come “cosa fare dopo” è che semplicemente non funzionerà. Anche perché la Russia non accetterà un conflitto congelato. FM Lavrov lo ha detto, esplicitamente.

La ragione più fondamentale per cui non funzionerà è il suo addendum occidentale non dichiarato che, sebbene presumibilmente “congelato”, l’Occidente afferma che armerebbe “l’Ucraina di groppa” con le armi e i missili più recenti; aumenterebbe un esercito di quarta iterazione e gli darebbe un’aviazione per l’avvio. Tutto questo, in modo che l’Ucraina possa — come una matricola universitaria sveglia — “sentirsi al sicuro” nel suo spazio.

Forze russe in Ucraina

Questa è una cazzata. Questa formula consentirebbe semplicemente alla NATO di ripetere gli eventi del 2014 quando, sulla scia del colpo di stato di Maidan, la NATO ha costruito un formidabile esercito per i golpisti, in grado di sopprimere il dissenso delle regioni dell’est, in gran parte culturalmente russe (che hanno contestato la legittimità golpista) un esercito destinato anche a essere in grado di sferrare un colpo di frattura all’esercito russo.

Un conflitto congelato sarebbe insostenibile anche dal semplice punto di vista che le due parti non sono congelate nel significato fondamentale del termine: un conflitto in cui nessuna delle due parti è riuscita a prevalere sull’altra e rimane bloccata.

In parole povere, mentre l’Ucraina è strutturalmente in stasi – e lo “Stato” in bilico sull’orlo dell’implosione – la Russia, al contrario, è pienamente plenipotente: ha forze grandi e fresche. Domina lo spazio aereo e ha quasi il dominio dello spazio aereo elettromagnetico. Le sue linee di rifornimento “scorrono come un fiume in piena”.

Ma fondamentalmente, Mosca vuole che l’attuale collettivo di Kiev se ne vada. Di recente, il Ministero degli Affari Esteri russo ha dichiarato che lo stato ucraino non ha alcuna legittimazione o legittimazione legale sulla scia del colpo di stato di Maidan, in quanto né Poroshenko né Zelensky avevano approvato gli strumenti di riconciliazione con la Russia, dopo Maidan.

Esercto ucraino in rotta

Detto semplicemente: è un segnale che Mosca non ha intenzione di colludere con l’Occidente nel montare la finzione secondo cui Kiev ha combattuto contro la Russia fino a un punto morto, in cui nessuna delle due parti ha prevalso, dando così a Kiev una falsa posizione morale, come se, sul ring , l’arbitro alza in alto il braccio di entrambi i pugili malconci e contendenti e chiama “pareggio”.
Il conflitto ucraino non è un ‘pareggio’.

Allora, qual è il prossimo? Kiev è sotto un’enorme pressione occidentale per ottenere qualche vantaggio militare sul campo di battaglia, che l’Occidente può indicare come prova di una potenziale capacità ucraina di danneggiare la Russia (per quanto effimera possa essere tale capacità). Kiev può conformarsi; potrebbe non esserlo. Non è chiaro, infatti, se possa farlo.

Molte domande e poche risposte. La NATO è divisa e l’Europa vacilla per gli eventi in Francia, dove anche le domande sono molte e le risposte sono poche.

Fonte: Alastair Crook (Al Mayadeen English)

Traduzione: Luciano Lago

6 commenti su “L’indecisione perseguita dall’occidente: gli eventi sul fronte ucraino fanno vacillare le certezze

  1. Oltre alla Francia, anche , altre nazioni sono messi male.
    In Olanda, il governo si è dimesso.
    In Italia, il governo subisce colpi ogni giorno.
    l’Europa pian piano si avvicina al baratro.

  2. Non sono arabo erdogan è il grande traditore della nazione araba che comprende tutti i paesi arabi e ubbidisce agli americani gli f 16 che avrà deve darli a l’Ucraina come pure la fabbrica di droni che farà in ucraina l’occupazione della Siria su ordine usa ha finito di fare il doppio gioco e continuare a far uccidere arabi.

  3. in Francia non succede nulle di che! 4 incazzati che tra un po’ torneranno nei loro ghetti et voilà!
    ….o pensano veramente che sia la seconda rivoluzione francese?

  4. quando vai ad un party credendo di esserne il perno e poi vieni trattato come un reietto ci dovresti rimanere molto male e se sei un porello nella coscienza ti incazzi e ci rimani molto male.
    dopo l’incontro di vilnius mi aspetto una reazione, da parte di sniffolo, di rottura.
    mi immagino una silenziosa vendetta nei confronti degli ufficiali occidentali schierati sul campo.
    La disillusione, a volte, fa miracoli.

  5. il fatto sintomatico è che sniffolo è diventato l’idolo della casta politicante e dei loro lacchè giornalettistici , il simbolo “hype” della generazione clicco e me ne fotto , dei digital bambaccioni che si bevono parole come “fake news” , “riforme” , “democrazia” tutta fuffa spalamata h24 sui social per far credere alla gente di contare qualcosa ; non si conta un beneamato ciufolo!

  6. La NATO che non è un apparato militare offensivo controllato dagli USA ha creato fame e disoccupazione in tutta la UE con la sua guerra contro la Russia !
    Tutti i Kapò della UE sono come i nobili fascisti Mafiosi Francesi privilegiati che pensavano solo a rubare 2 secoli fa !
    Tutti i popoli della UE hanno fame e si sentono dire dai ricchi Kapò Privilegiati e Parassiti della UE che se il pane manca si devono mangiare un cornetto !
    Oppure si sentono rimproverare dalla ricca cretina Svedese della Greta finta ecologista che devono comperarsi un costoso monopattino elettrico oppure una costosissima auto elettrica 5 volte più inquinante !
    La nascita della UE ha portato ai cittadini UE solo nuove Tasse di guerra oppure nuove Tasse Finte ecologiste Fame Miseria disoccupazione e zero diritti o sussidi !
    Lo scoppio di una rivoluzione in tutta la UE e la sua dissoluzione e solo questione di tempo !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus