L’indagine Dell’ONU Rivela: Il 5 Maggio Attacchi Aerei Statunitensi Contro I Laboratori Farmaceutici Afgani Hanno Ucciso 30 Civili


di Drago Bosnic

New York, USA – Gli attacchi aerei statunitensi contro presunti laboratori talebani in Afghanistan hanno ucciso o ferito dozzine di civili a maggio, secondo un rapporto delle Nazioni Unite, che è stato respinto dall’esercito americano. La missione di assistenza delle Nazioni Unite in Afghanistan (UNAMA) ha condotto un’indagine di quattro mesi sugli attacchi aerei del 5 maggio che hanno colpito più di 60 siti che le forze statunitensi e afghane hanno identificato come impianti di produzione di droga nelle province occidentali di Farah e Nimroz, come segnalato da Al-Jazeera .

L’UNAMA e l’ufficio delle Nazioni Unite per i diritti umani hanno annunciato, in un rapporto congiunto pubblicato mercoledì. che ci sono stati almeno 30 decessi tra le 39 vittime civili. Il numero comprendeva 14 bambini e cinque donne uccise o ferite nei raid aerei, che secondo le Nazioni Unite violavano il diritto internazionale umanitario poiché le vittime erano non combattenti.

“L’UNAMA ha valutato che il personale che lavorava all’interno delle strutture di produzione di droga non svolgeva funzioni di combattimento. Avevano quindi diritto alla protezione dagli attacchi e avrebbero potuto perdere questa protezione solo se, e per quel tempo, poiché avevano partecipato direttamente alle ostilità “, ha aggiunto il rapporto.

Le Forze degli Stati Uniti-Afghanistan (USFOR-A) hanno rilasciato una dichiarazione, respingendo il rapporto delle Nazioni Unite e sostenendo che non ci sono state vittime.

“USFOR-A sta combattendo in un ambiente complesso contro coloro che uccidono e si nascondono intenzionalmente dietro i civili, oltre a utilizzare le pretese disoneste di vittime non combattenti come armi di propaganda”, afferma la dichiarazione.

“USFOR-A ha adottato misure straordinarie per evitare la morte o gli infortuni dei non combattenti”, ha aggiunto la Dichiarazione.

Dalla fine del 2017, le forze statunitensi hanno attaccato siti ritenuti utilizzati per il trattamento di droghe nell’ambito degli sforzi per tagliare i fondi al gruppo talebano. Le strutture che aiutano a finanziare le parti coinvolte nella guerra di 18 anni sono considerate obiettivi civili ai sensi del diritto internazionale umanitario, e quindi i laboratori di droga e i loro lavoratori sono obiettivi illegali, ha concluso il rapporto.

Afghanistan- contingente NATO

Le forze di sicurezza dell’Afghanistan e le forze NATO a guida USA sono state pesantemente criticate per aver inflitto vittime civili durante i loro raid e attacchi aerei. Almeno 3.812 civili sono stati uccisi o feriti nella prima metà del 2019, ha dichiarato l’UNAMA in un rapporto pubblicato a luglio, rilevando un grande aumento del numero di vittime causate dal governo e dalle truppe guidate dalla NATO. Ha aggiunto che 1.366 civili sono stati uccisi e altri 2.446 feriti nei sei mesi al 30 giugno.

The report attributed 717 civilians killed and 680 wounded to pro-government forces, representing a 31 percent increase from the corresponding period in 2018. Taliban and fighters from the Islamic State of Iraq and the Levant (ISIL, ISIS or Daesh) armed group killed 531 Afghans and wounded 1,437, according to the UNAMA report. The US formally ended its combat mission in Afghanistan in 2014 but still provides extensive air and other support to local forces battling both the armed groups.

Fonte: FRN

Traduzione: Luciano Lago

2 Commenti

  • michele
    11 Ottobre 2019

    bombardano come di prassi……..i civili e le pochissime infrastrutture di uno dei paesi più poveri del mondo….la continuazione della strategia shock and wave della 2 guerra mondiale.
    lo sanno ormai tutti che i protettori delle piantagioni…..produttori e distributori grazie all’enorme rete di basi….in tutto il mondo sono i distributori di democrazia…..a suon di bombe sanzioni e guerre economiche.

    • atlas
      11 Ottobre 2019

      ci penserà merdogan agli usa ! E’ un merda tutto di un pezzo

Inserisci un Commento

*

code