L’incontro a Mosca potrebbe cambiare gli equilibri di potere in Medio Oriente

Ankara e Damasco affermano che i contatti avviati a Mosca a livello dei capi dei dipartimenti della difesa di Turchia e Siria continueranno. Questo sviluppo potrebbe portare a un forte calo della tensione tra Ankara e Damasco. È vero, è improbabile che uno scenario del genere si adatti agli Stati Uniti, che potrebbero entrare in gioco con la propria agenda.
di STANISLAV TARASOV ,
Gli eventi si stanno preparando in Medio Oriente, le cui conseguenze potrebbero cambiare seriamente gli equilibri di potere in questa regione. Questo diventa evidente dopo i colloqui avvenuti a Mosca con la mediazione del ministro della Difesa russo Sergei Shoigu tra i capi dei dipartimenti della difesa di Turchia e Siria – Hulusi Akar e Ali Mahmoud Abbas , il primo incontro dei ministri dei due Paesi negli ultimi 11 anni.
C’è voluto molto tempo per prepararsi, anche grazie agli sforzi diplomatici di mediazione di Mosca, che funge da mediatore nella risoluzione dei rapporti tra i due paesi in conflitto nella regione. Un ruolo significativo è stato assegnato anche ai contatti dei capi dell’intelligence: dalla Turchia – Hakan Fidan , dalla Siria – Ali Mamluk .
Nel gennaio 2020 avevano tenuto colloqui chiusi nella capitale russa, poi ci sono stati incontri segreti in vari paesi del Medio Oriente e persino in Siria. Ciò ha aperto la strada alla riconciliazione tra i due paesi. Come sottolinea l’edizione turca Turkiye, è “sull’attuazione del nuovo concetto regionale di politica estera del presidente turco Recep Tayyip Erdogan per migliorare le relazioni con paesi della regione, come l’Arabia Saudita, gli Emirati Arabi Uniti e l’Egitto. Ora tocca alla Siria ”. Ecco perché i capi dell’intelligence di Turchia e Siria hanno preso parte attiva al vertice di Mosca dei capi dei dipartimenti della difesa dei due Paesi.
Le parti, come è stato dichiarato ufficialmente, hanno discusso prima di tutto i dettagli nascosti della crisi siriana, il problema dei rifugiati e “la lotta congiunta contro le organizzazioni terroristiche sul territorio siriano “. Ma non solo. Akar ha sottolineato in particolare che ” Ankara rispetta l’integrità territoriale e i diritti sovrani di tutti i nostri vicini, in particolare Siria e Iraq, il nostro unico obiettivo è combattere il terrorismo, non abbiamo altri obiettivi “.
Questo amplia la geografia dei problemi discussi a Mosca. Per quanto riguarda nello specifico la Siria, secondo il canale televisivo del Qatar Al Jazeera, “ le parti hanno concordato di istituire una commissione mista tripartita”, che dovrà discutere, tra l’altro, dell’apertura di strade internazionali in Siria e del passaggio di merci turche attraverso il territorio della repubblica. Le parti hanno anche considerato uno scenario per istituire un meccanismo congiunto per facilitare il ritorno dei rifugiati siriani in patria.

Mevlut Cavusoglu


Allo stesso tempo, il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu è andato oltre. Ha affermato che ora si tratta di preparare una tabella di marcia specifica per l’insediamento siriano e che i suoi piani includono colloqui con il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov sull’organizzazione di un incontro tra i ministri degli esteri di Russia, Siria e Turchia. Successivamente, la possibilità di negoziati tra Erdogan e il presidente siriano Bashar al-Assad diventa reale. Insomma, è stato avviato un nuovo processo di pace nei rapporti tra Turchia e Siria, per il quale, secondo la testata turca Sabah, “ sono previsti almeno sei mesi con la possibilità di prorogare l’accordo di Adana sulla lotta al terrorismo, siglato tra Turchia e Siria nel 1998″. In Medio Oriente si registra una tendenza alla diminuzione dell’escalation sia tra Ankara e Damasco, sia nella stessa Siria, e Mosca riesce a fare da efficace mediatore.
I cambiamenti nell’assetto geopolitico della regione non sono più un segreto. Erdogan, che giocava sulla scacchiera siriana con Russia e Stati Uniti, ha virato verso Mosca, che è riuscita a convincerlo che la normalizzazione dei rapporti tra Ankara e Damasco “ non danneggerebbe l’immagine internazionale della Turchia e non comporterebbe la perdita del suo assetto geopolitico e delle posizioni nella regione”.”

Cooperazione Russia Turchia in Siria

Piaccia o no, ma la Turchia è ora in una posizione difficile, sta combattendo su quattro fronti: in Siria, Iraq, Libia e, infine, nei suoi vilayet sud-orientali con i curdi. In tutte queste aree, non riesce a raggiungere il successo attraverso la diplomazia, nonostante i precedenti tentativi di spingere Washington a continuare la “serie siriana”. Ora tutte le i vengono puntate e Ankara viene portata fuori dalla zona di acuti problemi regionali, quando nella stessa Turchia, con l’avvicinarsi dei processi elettorali del prossimo anno, la reazione pubblica negativa a certi eventi controversi si intensifica.
Ma l’intrigo sta appena iniziando a svolgersi. La cosa principale è come gli eventi si svilupperanno ulteriormente. Ora Ankara e Damasco dichiarano che i contatti avviati a Mosca continueranno. Non è da escludere, però, che entrino in gioco gli americani, finora rimasti in disparte. Hanno un’idea diversa della fine della crisi siriana e possono iniziare una contromossa, usando la questione curda come “punto dolente” sulla mappa del Medio Oriente, e includendola nel processo di risoluzione politica in Siria. Inoltre, la figura di Assad rimane un serio motivo di irritazione per l’Occidente e, dopo gli accordi di Mosca, anche Erdogan potrebbe essere elencato come tale.
Stanislav Tarasova

Fonte: REGNUM.RU

Traduzione: Segei Leonov

9 Commenti
  • luther
    Inserito alle 18:48h, 30 Dicembre Rispondi

    Questa è davvero una buona notizia. Un riavvicinamento tra Turchia e Siria sembrava improbabile eppure Putin sta riuscendo anche in questa mediazione. . Certo Washington non sarà contenta di questa mossa ma tant’è.Dovranno arrendersi all’evidenza o tentare la carta curda, ma, con quante possibilità di successo? Molto poche. Finalmente un po’ di senno!

  • rossi
    Inserito alle 20:17h, 30 Dicembre Rispondi

    hahahahah W BASHAR AL ASSAD, ALLAH U AKBAR!

    • blackarrow
      Inserito alle 20:53h, 30 Dicembre Rispondi

      Ma va’ a ffan(_Y_) va’

  • blackarrow
    Inserito alle 22:14h, 30 Dicembre Rispondi

    Veramente di fronti aperti la Turchia ne ha cinque non quattro, avete forse dimenticato la Grecia?

  • antonio
    Inserito alle 00:31h, 31 Dicembre Rispondi

    yankee go home

  • eusebio
    Inserito alle 08:47h, 31 Dicembre Rispondi

    Cosa poco nota anche i sauditi hanno riaperto la loro ambasciata a Damasco, mentre la partecipazione cinese allo sviluppo della nuova metropoli saudita di Neom, all’imbocco del Golfo di Aqaba, si delinea come un sostegno allo sviluppo economico dell’area, a cui dovrebbe contribuire anche il possibile scavo di un canale proposto dall’ONU tra il suddetto golfo e il Mediterraneo al confine tra Egitto, Israele e Gaza, praticamente impossibile da realizzare visto lo stato di guerra permanente tra sionisti e palestinesi.
    Quindi i sauditi per sviluppare Neom dovranno appoggiarsi al Canale di Suez.

  • Giorgio
    Inserito alle 12:46h, 31 Dicembre Rispondi

    Via curdi, isis e usa dalla Siria … Bene cosi !

  • Giorgio
    Inserito alle 12:48h, 31 Dicembre Rispondi

    Meglio mussulmano, ortodosso o qualunque cosa che finto cristiano !
    Forza Assad !

  • rossi
    Inserito alle 15:05h, 31 Dicembre Rispondi

    La puttana europa deve morire insieme agli usa!

Inserisci un Commento