L’inclinazione verso ovest di Erdogan non salverà la sua economia

placeholder


Abbastanza impossibile, il camaleontico leader turco ha fretta di ingraziarsi i leader occidentali e del Golfo nella speranza di rallentare la caduta della lira mentre cerca anche di non alienare il suo rapporto con il Cremlino.

di Ceida Karan

Da sempre il maestro politico, il presidente di Turkiye Recep Tayyip Erdogan ha dimostrato ancora una volta la sua abilità nell’aggiustare la sua rotta. Dopo la sua clamorosa vittoria alle elezioni di maggio nel paese, non ha perso tempo a consolidare l’autorità acquisita da un mandato politico rafforzato e ha lanciato una vorticosa offensiva di fascino occidentale/Golfo Persico per rafforzare il soft power e l’economia di Turkiye.

Erdogan, famoso per la sua imprevedibilità sia nella politica estera che in quella interna, ha dovuto affrontare turbolenze economiche due anni fa quando il suo controverso approccio a bassi tassi di interesse ha innescato un boom valutario, con conseguente massiccia svalutazione della lira turca .

Nonostante i critici abbiano avvertito dei pericoli di questa strategia, Erdogan è rimasto fermo, affermando la sua competenza come ” economista “. Tuttavia, l’inflazione non ufficiale è salita a uno sbalorditivo 160 percento, sollecitando un’azione urgente.
Ritorno a politiche razionali
Prima del devastante terremoto del 6 febbraio, l’allarmante debito estero della Turchia, il controllo artificiale del tasso di cambio e le politiche elettorali dispendiose avevano già sollevato notevoli preoccupazioni. Ma dopo la sua vittoria elettorale, Erdogan ha fatto una mossa decisiva nominando Mehmet Simsek , noto per i suoi stretti legami con la capitale occidentale e del Golfo Persico, a capo del Ministero del Tesoro e delle Finanze. Ciò ha segnato un significativo ritorno alle “politiche razionali”.

La prima salva di Simsek è stata quella di alzare il tasso ufficiale dall’8 al 15% in giugno e poi al 17,5% in luglio, in violazione del principio islamico “nas”. Ma non sembra aver aiutato il deprezzamento della lira turca.

Oggi, il problema principale per il popolo turco è l’elevata inflazione. I dati ufficiali hanno citato l’inflazione al 4% su base mensile e al 38,2% su base annua a giugno, ma economisti indipendenti hanno suggerito che il tasso reale potrebbe raggiungere il 108% .
Con le crescenti pressioni economiche, Erdogan ha implementato aumenti per i pensionati e le classi lavoratrici, ma il suo impatto è stato rapidamente eroso dai successivi aumenti dei prezzi. Gli esperti avvertono che si profilano aumenti ancora più sostanziali, aumentando i timori di iperinflazione, soprattutto dopo le imminenti elezioni locali previste per marzo 2024.

Mentre il costo della vita continua a salire, Turkiye sta assistendo a notevoli disparità: una volta che i marchi di auto a prezzi accessibili sono aumentati tra il 276 e il 440% negli ultimi due anni, mentre i ricchi appaltatori evadono le tasse e i debiti sui prestiti. I tassisti stanno chiudendo e i lavoratori organizzano scioperi su piccola scala, evidenziando le crescenti tensioni economiche avvertite in tutto il paese.

Anche all’interno della base di appoggio di Erdogan, il dissenso sta crescendo. Figure di spicco che un tempo si erano impegnate incrollabilmente lealtà stanno ora scendendo in piazza per protestare contro l’aumento del costo della vita.

Rapporti con la NATO
Erdogan, che aveva cercato di mantenere la neutralità di Ankara nella crisi ucraina, non aveva trascurato la vendita di armi a Kiev, pur facendo un premio sul suo accordo sul corridoio del grano con Mosca. Il 7 luglio, tre giorni prima del vertice Nato, Erdogan ha ospitato il presidente Volodymyr Zelensky in un incontro di due ore e mezza.

Alla loro conferenza stampa congiunta, il presidente turco ha affermato che “l’Ucraina merita l’adesione alla NATO” per la quale ha ottenuto l’apprezzamento di Zelensky. Firmato un accordo con Kiev per la produzione in Ucraina dei famosi droni Bayraktar di Turkiye. E in violazione dell’accordo dello scorso anno con la Russia, i comandanti del battaglione neonazista Azov catturato a Maruipol nel maggio 2022 sono stati rilasciati e autorizzati a tornare con Zelenskyj.

Truppe turche nel nord della Siria

Poi, il 10 luglio, al vertice Nato di Vilnius, Erdogan ha tolto il veto alla Svezia, dopo essersi opposto con veemenza per mesi. Tra molti applausi, è stato annunciato che il protocollo di adesione sarebbe stato presentato al parlamento turco.

Dal punto di vista di Mosca, l’approvazione data alla Svezia – già membro de facto della Nato – o l’accordo di produzione di droni Bayraktar con Kiev – già oggetto di blando disprezzo – o le possibili installazioni militari che verranno comunque colpite, non fanno differenza. Ma è chiaro che la forte retorica sull’”adesione alla NATO” dell’Ucraina e l’invio dei membri dell’Azov hanno causato grande disagio in Russia.

Subito dopo, il 18 luglio, l’accordo turco sul grano con Mosca è stato risolto, contro la volontà di Erdogan e contro gli sforzi di Turkiye per mantenerlo in gioco. Il presidente russo Vladimir Putin non ha nemmeno fatto il nome di Erdogan quando ha annunciato la fine dell’accordo. Per 15 giorni Erdogan ha continuato a insistere sulla sua intenzione di parlare telefonicamente con Putin e di ospitarlo ad agosto, nonostante non abbia ricevuto alcuna risposta dal Cremlino.

Erdogan ora deve affrontare un conto per miliardi di dollari di gas naturale che Mosca ha rinviato prima delle elezioni. Questo è il motivo per cui il destino di BOTAS, la compagnia energetica statale nel fondo sovrano di Turkiye, è motivo di preoccupazione.

L’analista politico Aydin Sezer, esperto di Russia, sottolinea la “sfiducia” che Erdogan ha creato a Mosca, ma ritiene che la situazione sarà bilanciata dalle “aspettative di comprensione” di Ankara.

Sezer informa The Cradle che “c’è un certo disagio, ma sembra essere il classico risentimento di Putin”, ha detto Sezer, sottolineando che il lavoro di Erdogan non sarà facile con i debiti differiti del gas naturale.
Offrendo alla Svezia la NATO per l’adesione all’UE
Dal vertice di Madrid nel 2022, Erdogan ha negoziato con l’occidente sull’adesione della Svezia e della Finlandia alla NATO e sull’espansione dell’alleanza, e ha approvato l’offerta della Finlandia di aderire lo scorso aprile.

Ma fino al vertice della NATO, ha mantenuto ferme le sue richieste che la Svezia debba estradare i sospetti del Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK), fermare il suo “sostegno al terrorismo”, revocare le sanzioni dell’industria della difesa imposte sulle operazioni dell’esercito turco in Siria e fermare i roghi del Corano in Svezia.

Poi, durante il suo viaggio a Vilnius il 10 luglio, Erdogan ha fatto un annuncio sorprendente, proponendo di rilanciare il processo di UE di Turkiye in cambio dell’adesione della Svezia alla NATO. Sebbene l’aspirazione di Turkiye all’adesione all’UE fosse stata rafforzata dopo le elezioni, questa è stata inizialmente percepita come la retorica di routine di Erdogan per il pubblico interno, e la condizione legata all’approvazione della Svezia non è stata presa in seria considerazione in occidente. Tuttavia, la dichiarazione congiunta della NATO ha ribadito il sostegno all’adesione di Turkiye all’UE, aggiornando l’accordo sull’unione doganale e la liberalizzazione dei visti.

Erdogan sa bene che è improbabile che l’adesione di Turkiye all’UE si concretizzi. La liberalizzazione dei visti rimane un sogno lontano a causa dell’accordo del 2016 che ha trasformato Turkiye in una zona cuscinetto per i rifugiati diretti in Europa. Nel contesto dell’approvazione NATO della Svezia, l’unico probabile sviluppo tangibile è la revoca delle restrizioni all’industria della difesa turca da parte dei paesi europei.

Il riallineamento occidentale di Erdogan
La novità sulla scena geopolitica è la riaffermazione della salda posizione di Ankara all’interno del blocco atlantista, dopo anni di flirt con gli avversari eurasiatici di Washington. Nel suo incontro con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, Erdogan ha evidenziato la questione del “incrollabile sostegno degli Stati Uniti all’adesione di Turkiye all’UE”. Anche il ministro degli Esteri tedesco Baerbock ha riconosciuto l’importanza di Turkiye come “attore strategico globale”, nonostante lo escludesse dalle considerazioni sull’adesione all’UE.

Turkish President Recep Tayyip Erdogan, right, shakes hands with Ukrainian President Volodymyr Zelenskyy at the end of a joint news conference following their meeting in Istanbul, Turkey, early Saturday, July 8, 2023. (AP Photo/Francisco Seco)

L’incontro Biden-Erdogan è diventato una gara di promesse. In conseguenza dell’acquisto di S-400 dalla Russia da parte di Turkiye, Ankara è stata espulsa dal programma di produzione dell’F-35 occidentale nel 2019, causando battute d’arresto e perdite finanziarie nell’industria della difesa turca.

Di conseguenza, sebbene Turkiye abbia pagato 40 nuovi F-16 e kit di modernizzazione per 79 di questi, l’aereo e le parti non sono mai stati consegnati. Ma al vertice della NATO, Biden si è impegnato a sostenere il processo degli F-16. Mentre il Congresso degli Stati Uniti impone restrizioni all’uso di questi aerei contro alleati come la Grecia nell’Egeo o i separatisti curdi in Siria, Biden ha indicato la sua disponibilità ad affrontare quegli ostacoli. Pertanto, l’equazione si pone come aerei da combattimento che sono già stati pagati e non ancora ricevuti, in cambio dell’approvazione di Ankara per l’offerta della Svezia alla NATO.

Sezer afferma che Erdogan è riuscito ancora una volta a manipolare l’occidente con il suo pragmatismo. Sezer dice a The Cradle che dando un “semaforo giallo” per l’adesione della Svezia alla NATO, “è come se avesse detto di sì senza dire di sì”, e d’altra parte l’incontro di Erdogan con Biden sarà un incentivo per l’establishment finanziario statunitense a ristabilire i suoi interessi commerciali in Turkiye.

Secondo il dottor Fatih Yasli dell’Università Abant Izzet Baysal, l’obiettivo principale di Erdogan è quello di ristabilire le relazioni di Turkiye con l’occidente a un nuovo livello. Come spiega a The Cradle :

“L’economia turca ha raggiunto il punto di bancarotta a causa delle politiche di tassi di cambio bassi e tassi di cambio elevati che ha perseguito negli ultimi due anni. Non c’è più denaro nelle riserve della banca centrale. Turkiye sta affrontando una crisi della bilancia dei pagamenti …Erdogan non ha altra scelta che voltare la faccia a ovest e riaprire il Paese ai flussi di capitali dall’ovest”.

I soldi parlano
Non è chiaro se o quanto queste manovre risolveranno il problema delle risorse a breve termine di Erdogan. Pertanto, la sua ultima e più sorprendente mossa è arrivata con il suo tour nel Golfo Persico. Prima di recarsi in Arabia Saudita, Qatar ed Emirati Arabi Uniti dal 17 al 19 luglio, ha inviato il suo ministro delle finanze Simsek per oliare il percorso.

Il fallimento della politica estera neo-ottomanista di Turkiye è ampiamente riconosciuto in Asia occidentale e oltre. Le relazioni con Abu Dhabi e il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman sono state riparate negli ultimi due anni, nonostante le passate tensioni su questioni come il tentativo di colpo di stato del 15 luglio e l’omicidio di Jamal Khashoggi al consolato saudita a Istanbul.

Durante il suo tour nel Golfo Persico, Erdogan ha sottolineato l’impegno di Ankara per la sua presenza militare nel nord della Siria, ma le discussioni in merito non hanno avuto luogo. A Jeddah sono stati firmati accordi in vari settori, tra cui un importante accordo per l’esportazione e la cooperazione del velivolo senza pilota Akinci.

Ad Abu Dhabi sono stati annunciati accordi per un valore di 50,7 miliardi di dollari , suscitando molto interesse. Mentre i valori in dollari promessi sono visti come positivi per l’economia turca, ci sono dubbi sull’immediata realizzazione degli investimenti sulla base di impegni precedenti che non si sono mai concretizzati.

Quindi, sebbene il tour del Golfo Persico di Erdogan abbia segnato uno sforzo significativo per rafforzare i legami finanziari e politici di Turkiye con gli attori regionali, molti osservatori ritengono che le opzioni di Erdogan potrebbero essere limitate dopo le elezioni locali del 2024, quando potrebbe essere costretto a cercare assistenza finanziaria da politiche restrittive guidate dall’occidente. Le istituzioni finanziarie stanno limitando il pieno potenziale di Ankara in un perno orientale verso il campo eurasiatista.

Fonte: The Cradle

Traduzione: Luciano Lago

7 commenti su “L’inclinazione verso ovest di Erdogan non salverà la sua economia

  1. Basta. . . . Putin e la russia devono lasciare perdere questo levantino pronto sempre a tradire.
    L’onesta’ dei russi, per il turco, e’ solo debolezza. I levantini sono fatti cosi’, non cambieranno mai.

  2. Nella storia, i volta faccia non fanno mai una bella fine!
    La Turkia poteva risollevarsi, invece ha deciso di strozzarsi con l’occidente.

    1. Qui non è solo erdogan….tutto l’occidente è finito sia economicamente che spiritualmente.
      Manca solo che qualcuno tiri la catenella.

  3. Il Turco e’ un elemento col quale perfino il deep state dello zio sam tratta con infinita circospezione. Fra loro si intendono molto bene.

  4. Erdogan è stato abile a stare con un piede in due scarpe … ma i nodi vengono sempre al pettine, e il doppio gioco non paga mai … ormai è considerato infido sia in occidente che in oriente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus