L’“incidente di Isfahan”: un chiodo nella bara di Israele

La deludente risposta militare di Tel Aviv all’attacco militare iraniano del 13 aprile ha distrutto decenni di atteggiamento deterrente attentamente coltivato da Israele.
Gli attacchi iraniani dell’Operazione True Promise del 13 aprile hanno riaperto le profonde ferite subite da Israele durante l’attacco di Hamas del 7 ottobre. Mentre l’operazione Al-Aqsa Flood ha scosso al centro la bolla di sicurezza dello stato occupante, una sola notte di razzi e droni iraniani ha lasciato gli israeliani a fatica a mantenere anche solo un briciolo della loro famosa posizione di deterrenza.

Come ha sottolineato brevemente il portavoce militare delle Brigate Qassam di Hamas, Abu Obeida, nel suo discorso del 23 aprile:

La risposta dell’Iran, per la sua portata e natura, ha stabilito nuove regole e confuso i calcoli del nemico.

Questo è il nuovo status quo della regione. E il misterioso “ attacco di Isfahan ” di Israele non ha fatto nulla per scuotere la fiducia dell’Iran. In breve, la presunta controparte israeliana ha riaffermato la visione regionale – almeno militarmente – secondo cui Teheran ha dato scacco matto a Tel Aviv e riscritto le regole di ingaggio.

Dopo anni di provocazioni, e per la prima volta nella sua storia, l’Iran ha lanciato un’offensiva diretta contro Israele, affermando con sicurezza di aver utilizzato solo una frazione delle sue capacità militari – molti di questi missili “ obsoleti ” all’interno del suo arsenale in rapida evoluzione.

L’Iran ha preso di mira proprio le principali basi aeree israeliane di Nevatim e Ramon, nonostante lo stupefacente spettacolo di luci delle esplosioni intercettate che illuminavano i cieli. Molti, pronti a giudicare, hanno interpretato erroneamente la massiccia salva come un segno di una più ampia offensiva strategica da parte dell’Unità dei Fronti – l’alleanza della Resistenza che pone un dilemma su più fronti a Tel Aviv – mirata a devastare Israele in un colpo solo.

Uno schiaffo in faccia

In realtà, l’Iran ha condotto l’operazione da solo, il che rende ancora più significativa la gravità dello “ schiaffo ” iraniano .

La notte dell’attacco missilistico iraniano ha anche dimostrato i limiti della pazienza iraniana e il passaggio strategico di Teheran dalla cautela all’aggressione calcolata, rendendo necessario l’intervento di tre potenze nucleari occidentali e della “foglia di fico araba ”, la Giordania, per contrastare l’assalto.

Gli iraniani hanno sostenuto le loro azioni militari con dichiarazioni pubbliche e immagini condivise dei loro comandanti che orchestravano le operazioni. Al contrario, la risposta di Israele agli eventi di Isfahan è stata ambigua e scarsamente comunicata, con solo sporadiche informazioni trapelate alla stampa statunitense e israeliana in un debole tentativo di proiettare una soluzione.

Il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amir-Abdollahian ha deriso la risposta israeliana in un’intervista a NBC News, dove ha liquidato i droni israeliani come banali, paragonandoli a “giocattoli con cui giocano i nostri bambini”.

Guardie della Rivoluzione Iraniana

Il ‘ridicolo’ ritorno di Israele

La risposta militare di Israele è ora ampiamente percepita come un disastro, derisa anche all’interno dello stesso Israele da figure come il Ministro della Sicurezza Nazionale Itamar Ben-Gvir, che la descrive come “ridicola”.

Nonostante il formidabile arsenale militare di Tel Aviv, che comprende armi nucleari non dichiarate, e la sua posizione storica di affidabile alleato occidentale nella regione, gli eventi del 13 aprile hanno messo in luce le maggiori vulnerabilità nella sua capacità di rispondere a minacce credibili, soprattutto dall’Iran.

Questa inefficacia è stata evidenziata nel simbolismo di Isfahan – sede dell’impianto nucleare iraniano di Natanz – dove il primo ministro Benjamin Netanyahu, che da tempo si è posizionato come un sostenitore delle ambizioni nucleari dell’Iran, è apparso insolitamente passivo.

La mancanza di una risposta tangibile da parte del primo ministro israeliano rappresenta un allontanamento dalla sua solita iperbole, che dipinge un quadro di Israele impreparato ed esitante, che si ritira invece di confrontarsi.

Inoltre, il programma nucleare iraniano è paradossalmente emerso anche come un potente strumento nell’arsenale strategico di Teheran. L’avvertimento esplicito della Repubblica islamica sulla possibile revisione della sua dottrina nucleare in risposta all’escalation della minaccia israeliana suggerisce una nuova posizione coraggiosa, nonostante la fatwa (decreto islamico) del leader supremo Ali Khamenei contro le armi nucleari.

La deterrenza israeliana è morta?

L’incidente di Isfahan ha fatto ben poco per rafforzare la posizione deterrente di Israele, che si è indebolita dopo l’alluvione di Al-Aqsa e ulteriormente indebolita dalle operazioni di Hezbollah nel nord e dalla Vera Promessa dell’Iran. Questi eventi hanno avuto un impatto profondo sulla psiche israeliana, mettendo in discussione il fondamentale senso di sicurezza che è alla base della visione sionista di uno “stato ebraico sicuro” stabilito sulle terre della Palestina.

In questo contesto, le regole convenzionali di ingaggio che hanno a lungo governato le interazioni regionali vengono rivalutate. Le audaci mosse dell’Iran – nonostante gli avvertimenti di Stati Uniti e Israele – segnalano una ricalibrazione delle dinamiche di potere, indicando un periodo potenzialmente trasformativo nella geopolitica dell’Asia occidentale.

La risposta israeliana, sia presente che futura, deve ora considerare la possibilità di un fronte unito dell’Asse della Resistenza se sceglie di intensificarsi ulteriormente. Ciò aggiunge un livello di complessità a qualsiasi pianificazione militare contro l’Iran, spingendo probabilmente Israele a tornare al suo approccio caratteristico delle operazioni segrete. Questi potrebbero comportare sabotaggi o omicidi mirati attribuiti ad agenti locali piuttosto che attacchi militari diretti.

Nel frattempo, gli Stati Uniti, tra le proprie questioni politiche interne e le imminenti elezioni di novembre, svolgeranno probabilmente un duplice ruolo. Monitorerà da vicino le azioni dei suoi alleati mentre cercherà di moderare le tensioni regionali per prevenire qualsiasi escalation significativa che potrebbe destabilizzare i suoi interessi strategici più ampi.

Un punto di non ritorno

Oggi è l’Iran – non gli Stati Uniti, non Israele, e certamente non l’attacco di Isfahan – che ha ristabilito, anche temporaneamente, l’equilibrio regionale, in attesa della cristallizzazione delle nuove regole di ingaggio.

Il contrattacco di Tel Aviv ha cercato di mitigare la possibilità di qualsiasi ulteriore ritorsione iraniana, soprattutto perché la prossima mossa di Teheran sarebbe probabilmente arrivata senza preavviso, coinvolgendo la superiorità missilistica iraniana e potenzialmente la mobilitazione degli alleati iraniani verso i confini di Israele .

L’Asse della Resistenza è stato felice di permettere al suo alleato iraniano di prendere il centro della scena il 13 aprile e di vendicarsi per il mal calcolato bombardamento israeliano del 1° aprile della missione diplomatica iraniana a Damasco. Qualsiasi ulteriore mossa coraggiosa da parte di Tel Aviv garantirebbe che l’Asse si attivi su ogni fronte per invadere Israele.

Quindi, per il momento, Tel Aviv non osa compromettere direttamente la sicurezza dell’Iran, rivolgendo invece la sua rabbia impotente verso la vulnerabile Rafah, dove oltre un milione di civili palestinesi sono bloccati senza cibo, riparo e acqua.

I media ebraici stanno già dando tutto il loro valore, promuovendo i “vantaggi” di Tel Aviv derivanti dalla dimostrazione di moderazione nei confronti dell’Iran – sia dal veto del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite della scorsa settimana su uno stato palestinese o dal nuovo pacchetto di aiuti da 26 miliardi di dollari che il Congresso degli Stati Uniti ha appena approvato per Israele, o ottenere il sostegno della Casa Bianca per l’invasione di Rafah da parte dell’esercito di occupazione.

Il dottor Hussein al-Musawi, portavoce dell’Harakat al-Nujaba iracheno, dice a The Cradle che Israele ha, in effetti, ricevuto un assegno in bianco per cattivo comportamento da Washington:

Non sorprende che gli Stati Uniti sostengano e difendano Israele, indipendentemente dalla sua violazione delle norme internazionali, e questo indubbiamente mette in imbarazzo il governo iracheno, che cerca di prendere una posizione chiara sulla presenza militare americana in Iraq.

Per queste e molte altre ragioni, i leader israeliani sono ora profondamente consapevoli che qualsiasi azione apertamente aggressiva non passerà inosservata nell’attuale clima geopolitico. La regione è coinvolta in quella che potrebbe essere descritta come una “mini-guerra regionale-internazionale”, caratterizzata da fiammate intermittenti e periodi di relativa calma.

True Promise, proprio come il diluvio di Al-Aqsa prima di esso, è pronto a essere registrato nella storia come un momento cruciale, forse addirittura terminale, per la breve storia dello stato di occupazione israeliano, che ora si trova più isolato che mai e ad affrontare una situazione sempre più di futuro incerto.

Fonte: The Cradle

Traduzione: Luciano Lago

4 commenti su “L’“incidente di Isfahan”: un chiodo nella bara di Israele

  1. I violenti cani bavosi ebraici, nella loro tracotanza, non si solo accorti che il 14 aprile hanno permesso all’ Iran di scrivere la storia. Gli scenari geopolitici mediorientali cambieranno per sempre! W lo Zar! Se l’ Iran è grande e’ anche, e soprattutto , merito suo! È grazie alla Russia, ma anche alla Cina, se oggi l’ Iran è potente!

  2. La Tendenza Storica si conferma in ogni dove dell’ovest. L’occidente è sempre più impotente e ridimensionato. E’ ancora tracotante e tenace come i padroni americani, ma quando va tutto male, non serve più a niente essere onnipotenti ………………….la negatività accelera la fine.
    L’Iran si conferma una strapotenza ……………… ha missili ipersonici di sua concezione (sono molto allungati, come gigantesche matite) ha tutte le bombe e testate di ogni genere ………………………… una potenza di fuoco da paura, una flotta che gira anche nei Caraibi …………………… Dottrine rivoluzionarie e innovative ……………………………… Non per niente sono i discendenti del primo grande impero Ario.

    1. Anch’io ho letto di un f35 con un missile no nucleare ma magnetico, che avrebbe bloccato l’elettricità e le macchine connesse.Dicono che, ha prima sorvolato la Giordania,Stato complice, e quando è entrato nello spazio aereo Siriano ,è stato abbattuto dai Russi. Escobar ha postato il pezzo che non ha avuto rilevanza mediatica, quindi ,tacendo è vero.Ora se colleghiamo l’attacco israeliano ”annacquato’ precedente può avere una giustificazione logica -tattica altrimenti, faccio fatica a credere a l’uso di –droni giocattolo– come riferito dagli Iraniani.Un’altra ipotesi ,se si vuole escludere l’articolo di Escobar è che veramente i droni fossero semplici e –indolore– ma il fine fosse captare i punti deboli della contraerea iraniana per un futuro attacco.Alla fine.dobbiamo ricordare che ,i vertici militari israel., anche se criminali e macchiavellici, sono stati e sono furbi e perspicaci anche se amorali e senza scrupoli….Un certo Roberto Gervaso ne delineo’ questi caratteri nel suo libro della Guerra dei sei giorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM