APPELLO RACCOLTA FONDI! MANTIENI IN VITA UNA VOCE LIBERA!

L’Impero Statunitense sulla via della sua stessa autodistruzione

Trump sta cercando di quadrare un mondo globalizzato attraverso un capitalismo americano con base nazionale. Questo non funzionerà …
L’ex presidente Teddy Roosevelt (1901-09) descrisse l’ essenza della politica estera degli Stati Uniti come “parlare piano mentre portava un grosso bastone”.

Sotto l’attuale presidente, Donald Trump, sembra che si tratti di “parlare sempre ad alta voce” .Quella che Trump sta portando in riserva è una politica discutibile.

La differenza si riduce a una questione di credibilità. Un secolo fa, l’America rappresentava un formidabile potere militare, diplomatico ed economico. Quindi, Roosevelt poteva permettersi di parlare sottovoce perché c’erano altri mezzi indiscutibili a sua disposizione per rafforzare il potere degli Stati Uniti.

Oggi, gli Stati Uniti sono ancora una formidabile potenza militare, questo è certo. Ma per quanto riguarda la sua economia e il ruolo del dollaro americano come meccanismo di pagamento globale, l’evidenza suggerisce che gli USA hanno perso molto del loro precedente dominio.

Il presidente Trump sembra stia cercando di compensare il declino della potenza degli Stati Uniti nel complesso, adottando una retorica più ironica e aggressiva rispetto agli altri paesi affinchè questi si conformino alle richieste americane.

Questa settimana si è registrato un calo record nel mercato azionario americano. Ciò suggerisce che la presunta forza dell’economia statunitense non è proprio quella che è stata descritta sotto Trump . Uno dei principali fattori nel crollo del mercato azionario statunitense è l’incertezza provocata dalla crescente guerra commerciale degli Stati Uniti con la Cina.

La scorsa settimana, il presidente russo Vladimir Putin ha deplorato la politica statunitense di imporre sanzioni contro altre nazioni e la sua eccessiva dipendenza dal dollaro come principale strumento di scambio valutario globale. Putin ha detto che gli Stati Uniti stanno facendo un “errore strategico” usando il dollaro come arma con cui punire le altre nazioni perobbligarle a conformarsi ai diktat di Washington.

“Questo è un errore tipico di qualsiasi impero”, ha detto alla Conferenza russa della Settimana dell’energia, a Mosca.

Implicito nei commenti di Putin è stato che gli Stati Uniti si stanno comportando come un impero fallito. Incerto del suo precedente dominio, gli Stati Uniti ricorrono alla forza bruta per sostenere il loro potere altrimenti in declino. Ma così facendo, l’America sta operando al di sopra della sua credibilità e quindi costringendo gli altri paesi a cercare modi e sistemi per aggirare la tracotanza di Washington.

Quando il dollaro ha sostituito l’oro come standard finanziario globale nei primi anni ’70, la valuta americana ha assunto una posizione privilegiata nel commercio internazionale. Ma con tale privilegio arriva la responsabilità di essere un banchiere universalmente rispettato, cosa che comporta un certo carattere apolitico del dollaro.

La perdita americana del potere economico nazionale ha portato gli Stati Uniti ad abusare del sistema del dollaro globale per i propri interessi egemonici. Questo a sua volta comporta una perdita di fiducia da parte di altre nazioni. Washington sta politicizzando il sistema del dollaro per perseguire i suoi interessi nazionali.

L’eccessivo affidamento da parte di Washington alle sanzioni economiche contro le altre nazioni sta costringendo queste a cercare modi per eludere il sistema globale di scambi e commercio dominato dagli Stati Uniti.

Vediamo questo nell’Unione Europea che istituisce un sistema alternativo non-dollaro per continuare le relazioni commerciali con l’Iran dopo che Trump ha abbandonato l’accordo nucleare internazionale con Teheran. Lo vediamo nel modo in cui Russia e Cina stanno creando un sistema di pagamento per il petrolio e altre materie prime che ovvia all’uso dei dollari.

Tanto per descrivere il “capitalismo del libero mercato” per il quale l’America dovrebbe essere l’esponente globale. Se l’America non riesce a farsi strada sui mercati, allora le sanzioni vengono imposte per “correggere” la strada. L’approvvigionamento energetico di gas dalla Russia verso l’Europa è un classico esempio. Il gas fornito dalla Russia è commercialmente redditizio per soddisfare la domanda europea. Eppure gli Stati Uniti vogliono soppiantare quel mercato con il proprio gas più costoso, e l’unico modo per farlo è decretare le sanzioni contro la Russia e le compagnie europee. Questa non è economia di mercato. È un diktat egemonico imperialista. Esattamente quello che mina il dollaro USA nei principi del presunto capitalismo americano.

Dollari USA e Yuan cinesi

Lentamente ma sicuramente il mondo si sta allontanando dal dollaro come valuta universale. A causa dell’abuso del dollaro da parte di Washington e della sua preminenza nel settore bancario come arma politica geofinanziaria per ottenere i propri obiettivi nazionali.

Putin ha detto che la politica di sanzioni statunitensi nei confronti di molti paesi e l’abuso del dollaro come valuta di riserva globale è un “errore strategico” commesso da un impero calante. Mentre sempre più paesi abbandonano il dollaro per aggirare le sanzioni statunitensi, il risultato sarà un continuo indebolimento della posizione internazionale della moneta e del sistema bancario statunitense. Un caso classico di sovraffollamento da parte di Washington che alla fine porta alla sua stessa scomparsa economica.

Se la storia ci suggerisce una cosa è quella che ogni impero ha il suo giorno segnato. L’over-reach imperiale è il segno di un impero in declino.

Il presidente Trump si sta scontrando rumorosamente per il commercio con la Cina e quasi ogni altra nazione, compresi gli europei e il Canada. Trump sta reclamando sul commercio “ingiusto” perché non ha un grosso bastone nella riserva in termini di intrinseca forza americana. Il dollaro non è più l’unico “spettacolo in città”.

La Russia sta progressivamente “de-dollarizzando” la sua economia , il che significa che si sta muovendo verso il commercio con le altre nazioni in cambio di valuta bilaterale. Lo stesso vale per la Cina e le altre nazioni. Il risultato è che il dollaro sta perdendo il suo potere internazionale e, con questo, l’economia degli Stati Uniti sta perdendo il suo primato. L’impero sta calando. E l’unico da incolpare per questa perdita è la stessa politica USA dettata dal suo abuso di potere.

La volontà di prevalere militarmente è l’unico bastone rimasto a Washington: il potere militare. Questo è il motivo per cui il mondo si trova ad affrontare una situazione pericolosa. Se l’America non ottiene la sua strada per il predominio, sembra voler spingere il mondo in guerra.

Potrebbe essere tutto molto diverso, naturalmente. Se gli Stati Uniti smettessero di cercare di affermarsi come un potere unipolare e iniziare a impegnarsi con gli altri sulla base di un mondo multipolare.

Trump sta cercando di quadrare un mondo globalizzato attraverso un capitalismo americano con base nazionale. Non funzionerà.

E più il governo degli Stati Uniti si adopera per ottenere questo, più il dollaro e il potere americano cadono in declino. Il che rende il militarismo americano un pericolo di compensazione maggiore di qualsiasi altro.

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

*

code

  1. atlas 6 giorni fa

    chissà come sarà contento Berlusconi. E tutti quelli che hanno venduto la loro anima al diavolo. Vedere le loro azioni disperse nel nulla.

    Ci godo, è ovvio sono Musulmano; quando la loro carne smetterà di bruciare gliene sarà data un’altra e si ricomincerà daccapo

    per sempre
    per sempre

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Renè 6 giorni fa

    Dato che questa settimana abbiamo avuto due giorni (due) di correzione sui mercati, l’economia americana secondo lo scribacchino, dovrebbe andar male… ma prima di scrivere delle kazzate perchè non informarsi?
    La borsa USA ha corretto perchè la FED ha dichiarato che l’economia USA VA TROPPO BENE … CHIARO?!
    Le borse sono crollate perchè la FED che vuole sgambettare Trump, ha dichiarato inoltre che visto che l’economia va troppo bene… aumenterà i tassi ed ecco spiegato il crollo, NON perchè l’economia vada male, ma per timore che i tassi alti tolgano capitali dalle borse verso i “bond” di stato.
    Circa la presunta “guerra commerciale” anche qui… ma perchè raccontar balle: i dazi cinesi verso le automobili importate sono del 25% i dazi USA erano del 5% … dunque un Presidente USA che non è CORROTTO da cinesi e multinazionali, ma fa gl’interessi degl’OPERAI USA sarebbe così kattivo?! Le auto si tornano a produrre in USA, la disoccupazione cala e con il blocco dell’immigrazione anche i salari aumentano (Marx docet).
    Che Trump sia anche un golem nelle mani dei sionisti è condivisibile ed i fatti lo dimostrano, l’analisi politica è corretta, anche quando scrive del Dollaro intuisce qualcosa di esatto e di fondamentale per qualsiasi valuta la “perdita di fiducia”.
    Putin dice il giusto quando suona a morto (ma troppo in anticipo) le campane del USD a causa della loro dissennata politica di pressioni, embarghi etc… ma attenzione: che altra valuta c’è oggi sul mercato mondiale più sicura del USD? Nessuna.
    Ecco perchè prima di essere scalzato, penso dallo yuan cinese (tra un decennio almeno) se i cinesi non si comporteranno da mafiosi quali sono… lo USD potrà apprezzarsi tantissimo su ogni altra valuta, questo unito alle obbligazioni statali dei paesi emergenti denominate in USD porterà ad un’Apocalisse finanziaria: prima si schianteranno gli emergenti, poi l’Europa in piena crisi politica e verso una guerra civile multietnica-religiosa, infine gli USA stessi potrebbero essere travolti e forse smembrarsi in diversi Stati per linee di faglia politiche-etniche, già il Texas e la California vorrebbero staccarsi…
    Dunque potrebbe essere un USD forte a sfasciare i mercati, non viceversa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Idea3online 6 giorni fa

    Ottimo articolo, ancora pochi anni ed il mondo di oggi sarà solo ricordo delle cartoline, delle foto……quando gli USA metteranno mani all’Aratro militare per vangare il mondo, solo in quel momento ci renderemo conto, che prima era tutto imperfetto ma era un mondo facile da vivere….godiamoci in pace questi anni prima che scoppi la Terza Guerra Mondiale. Dopo resterà solo la fede in Dio e Gesù.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. atlas 6 giorni fa

      i segni dell’ultima ora ci sono quasi tutti. Quando verrà il Messia Figlio di Maryam vuol dire che si sarà manifestato anche il falso messia il quale farà cose eccezionali, sempre col permesso di Dio per sviare chi è scritto per destino che dovrà essere sviato; infatti lui dirà di essere dio: solo chi ha un Credo monoteista perfetto e una Fede molto forte si salverà.

      Rispondi Mi piace Non mi piace