L’Impero delle bugie è impaziente di ricevere il biglietto da visita del signor Sarmat

di Pepe Escobar.

Tra la follia propagandistica e l’acuta dissonanza cognitiva che affligge l’intera sfera della NATO, l’unico antidoto sono le rare voci della ragione, che per caso sono russe, così messe a tacere e/o respinte.

In particolare dall’inizio della Guerra Globale al Terrorismo (GWOT) all’inizio del millennio, nessuno ha mai perso soldi scommettendo contro il mix tossico di arroganza, tracotanza e ignoranza schierato in serie dall’Impero del Caos e della Falsità.

Ciò che passa per “analisi” nella vasta no-fly zone intellettuale conosciuta come “Think Tankland” degli Stati Uniti include balbettii di pio desiderio come Pechino “crede” che Mosca avrebbe svolto un ruolo di supporto nel secolo cinese, solo per vedere La Russia, ora, al posto di guida della geopolitica.

Questo è un buon esempio non solo di paranoia russofobica/sinofobica per quanto riguarda l’emergere di concorrenti pari in Eurasia – il primo incubo anglo-americano – ma anche di totale ignoranza dei dettagli della complessa partnership strategica globale Russia-Cina.

Mentre l’Operazione Z entra metodicamente nella sua Fase 2, gli americani – con una vendetta – hanno anche intrapreso la loro Fase 2 simmetrica, che si traduce di fatto in una vera e propria escalation verso la Totalen Krieg (guerra totale), sfumature dall’ibrido all’incandescente, il tutto ovviamente per procura. Il famigerato trafficante d’armi della Raytheon, diventato capo del Pentagono, Lloyd Austin, ha svelato il gioco a Kiev:
“Vogliamo vedere la Russia indebolita al punto da non poter più fare il tipo di cose che ha fatto invadendo l’Ucraina”.

Quindi eccolo qui: l’Impero vuole annientare la Russia. La frenesia di War Inc. si traduce in spedizioni illimitate di armi in Ucraina, la stragrande maggioranza delle quali sarà debitamente sventrata dagli attacchi di precisione russi. Gli americani condividono informazioni con Kiev 24 ore su 24, 7 giorni su 7, non solo su Donbass e Crimea, ma anche sul territorio russo. Il Totalen Krieg si svolge parallelamente alla demolizione controllata dell’economia dell’UE, con la Commissione europea che agisce felicemente come una sorta di braccio di pubbliche relazioni della NATO.

Tra la follia propagandistica e l’acuta dissonanza cognitiva che affligge l’intera sfera della NATO, l’unico antidoto sono le poche voci della ragione, che per caso sono russe e quindi vengono messe a tacere e/o scartate. L’Occidente li ignora a proprio rischio collettivo.

Il presidente Putin

Patrushev la guancia Triple-X scatenata
Cominciamo con il discorso del presidente Putin al Consiglio dei legislatori di San Pietroburgo per celebrare la Giornata del parlamentarismo russo.

Putin ha dimostrato come un'”arma geopolitica” appena nuova, basata sulla “russofobia e sui neonazisti”, unita agli sforzi di “strangolamento economico”, non solo non è riuscita a soffocare la Russia, ma ha permeato nell’inconscio collettivo il sentimento di un conflitto esistenziale: una ” Seconda Grande Guerra Patriottica”.

Con un’isteria smisurata su tutto lo spettro, un messaggio per un Impero che ancora si rifiuta di ascoltare e non capisce nemmeno il significato di “l’indivisibilità della sicurezza”, era destinato a essere inevitabile:

“Vorrei sottolineare ancora una volta che se qualcuno intende interferire negli eventi che si svolgono dall’esterno e creare minacce di natura strategica inaccettabili per la Russia, dovrebbe sapere che i nostri attacchi di rappresaglia saranno fulminei. Abbiamo tutti gli strumenti necessari per questo. Come nessuno può vantarsi oggi. E non ci vantiamo. Li useremo se necessario. E voglio che tutti lo sappiano: abbiamo preso tutte le decisioni al riguardo”.

Traduzione: le incessanti provocazioni possono portare il signor Kinjal, il signor Zircon e il signor Sarmat a essere costretti a presentare i loro biglietti da visita a certe latitudini occidentali, anche senza un invito ufficiale.

Probabilmente per la prima volta dall’inizio dell’operazione Z, Putin ha fatto una distinzione tra le operazioni militari nel Donbass e nel resto dell’Ucraina. Questa distinzione è direttamente correlata alla continua integrazione di Kherson, Zaporizhia e Kharkiv e implica che le forze armate russe continueranno ad andare avanti, stabilendo la sovranità non solo nelle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk, ma anche su Kherson, Zaporijia e inoltre, dal Mar d’Azov al Mar Nero, fino a stabilire il controllo totale di Mykolaiv e Odessa.

La formula è chiarissima: “La Russia non può permettere la creazione di territori anti-russi in tutto il Paese”.

Passiamo ora a un’intervista estremamente dettagliata con il segretario del Consiglio di sicurezza Nikolai Patrushev su Rossiyskaya Gazeta, dove Patrushev ha interpretato il messaggio scatenando laTriple-X.

Il punto essenziale da ricordare qui è forse: “Il crollo del mondo americano-centrico è una realtà in cui bisogna vivere e costruire una linea di comportamento ottimale”. Il “miglior corso” della Russia – con grande rabbia dell’egemone universalista e unilateralista – è caratterizzato da “sovranità, identità culturale e spirituale e memoria storica”.

Nikolai Patrushev, segretario Consiglio di Sicurezza russo

Patrushev mostra come “i tragici scenari delle crisi globali, sia negli anni passati sia oggi, sono imposti da Washington nella sua volontà di consolidare la propria egemonia, resistendo al crollo del mondo unipolare”. Gli Stati Uniti non si fermeranno davanti a nulla «per garantire che gli altri centri del mondo multipolare non osino nemmeno alzare lo sguardo, e il nostro Paese non solo ha osato, ma ha pubblicamente dichiarato che non giocherà secondo le regole imposte».

Patrushev non ha potuto fare a meno di sottolineare come la War Inc. stia letteralmente devastando l’Ucraina: questo l’ordine. Non sorprende che, a differenza della Russia, interessata al rapido completamento di un’operazione militare speciale e alla riduzione al minimo delle perdite da tutte le parti, l’Occidente sia determinato a ritardarla almeno fino all’ultimo ucraino”.

E rispecchia la psiche delle élite americane: “Stai parlando di un paese la cui élite non è in grado di apprezzare la vita delle altre persone. Gli americani sono abituati a camminare sulla terra bruciata. Dalla seconda guerra mondiale, intere città sono state rase al suolo dai bombardamenti, compresi quelli nucleari. Hanno inondato di veleno la giungla vietnamita, bombardato i serbi con munizioni radioattive, bruciato vivi gli iracheni con fosforo bianco, aiutato i terroristi ad avvelenare i siriani con il cloro (…) Come mostra la storia, la NATO non è mai stata né un’alleanza difensiva, ma solo un alleanza offensiva».

In precedenza, in un’intervista con il deliziosamente intitolato The Great Game della televisione russa, il ministro degli Esteri Sergey Lavrov ha spiegato ancora una volta come gli americani “non insistono più sull’applicazione del diritto internazionale, ma sul rispetto dell'”ordine mondiale basato sulle regole”. Queste “regole” non sono in alcun modo decifrate. Dicono che ora ci sono poche regole. Per noi non esistono affatto. C’è il diritto internazionale. La rispettiamo, così come la Carta delle Nazioni Unite.
La disposizione chiave, il grande principio è l’eguaglianza sovrana degli Stati. Gli Stati Uniti stanno palesemente violando i loro obblighi ai sensi della Carta delle Nazioni Unite quando promuovono le loro “regole”.

Lavrov ha dovuto sottolineare, ancora una volta, che l’attuale situazione incandescente può essere paragonata alla crisi dei missili cubani: “All’epoca c’era un canale di comunicazione di cui entrambi i leader si fidavano. Oggi questo canale non esiste. Nessuno sta cercando di crearlo”.

L’Impero delle bugie, allo stato attuale, non fa diplomazia.

Il ritmo del gioco nella nuova scacchiera
In un sottile riferimento al lavoro di Sergey Glazyev, come ha spiegato il ministro dell’Integrazione e della Macroeconomia dell’Unione economica eurasiatica nella nostra recente intervista , Patrushev ha toccato il cuore dell’attuale gioco geoeconomico, la Russia ora si sta muovendo attivamente verso un gold standard: “Gli esperti stanno lavorando a un progetto proposto dalla comunità scientifica per creare un sistema monetario e finanziario a doppio circuito. In particolare si propone di determinare il valore del rublo, che dovrebbe essere garantito sia dall’oro che da un insieme di beni che sono valori monetari, al fine di allineare il tasso di cambio del rublo alla parità del potere d’acquisto reale.

Ciò era inevitabile dopo il furto totale di oltre 300 miliardi di dollari di riserve estere russe. Potrebbero essere passati alcuni giorni prima che Mosca fosse completamente certificata che stava affrontando la Totalen Krieg. Il corollario è che l’Occidente collettivo ha perso ogni potere di influenzare le decisioni russe. Il ritmo di gioco sulla nuova scacchiera è fissato dalla Russia.

All’inizio della settimana, nel suo incontro con il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres, Putin è arrivato al punto di dire che sarebbe stato più che disposto a negoziare, a poche condizioni: la neutralità dell’Ucraina e uno statuto autonomo per il Donbass. Tuttavia, ora tutti sanno che è troppo tardi. Per una Washington in modalità Totalen Krieg, la negoziazione è un anatema – e lo è dal giorno dopo l’incontro Russia-Ucraina a Istanbul alla fine di marzo.

Finora, nell’operazione Z, le forze armate russe hanno utilizzato solo il 12% dei loro soldati, il 10% dei loro jet da combattimento, il 7% dei loro carri armati, il 5% dei loro missili e il 4% della loro artiglieria. Il dolore aumenterà drammaticamente – e con Mariupol completamente liberato e il calderone del Donbass in qualche modo risolto, non c’è altro che la combinazione isteria/propaganda/armi schierata dall’Occidente collettivo può fare per cambiare i fatti sul campo.

Ciò include manovre disperate come quella scoperta dall’SVR, il servizio di intelligence estero russo, che molto raramente sbaglia le cose. L’SVR ha rilevato che l’asse Empire of Lies/War Inc. sta spingendo non solo per un’invasione polacca de facto per annettere l’Ucraina occidentale, all’insegna della “riunificazione storica”, ma anche per un’invasione congiunta rumena/ucraina. , con i “peacekeeper” rumeni già affollati vicino al confine con la Moldova.

Washington, come sostiene l’SVR, sta preparando la manovra polacca da più di un mese. Avrebbe “guidato dietro le quinte” (ricordate la Libia?), “incoraggiando” un “gruppo di paesi” ad occupare l’Ucraina occidentale. Il punteggio è quindi già nelle caselle. Se questo dovesse concretizzarsi un giorno, sarebbe affascinante scommettere sui luoghi in cui il signor Sarmat sarebbe propenso a distribuire il suo biglietto da visita.

Pepe Escobar

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

5 Commenti
  • luther
    Inserito alle 18:21h, 30 Aprile Rispondi

    Ogni volta che leggo questi articoli mi sembra, anzi no, sono sempre più convinto che la diplomazia non esiste più. Il diritto internazionale non esiste più, il diritto umano non esiste più. L’occidente si sta pericolosamente, istericamente e irresposabilmente agitando sull’orlo del precipizio. Avremo quello che ci meritiamo. Quell’arrogante di Macron, non molto tempo fa, ha detto”… la Bestia è qui, è già arrivata”, non stento a crederlo. Putin, con questa operazione speciale Ucraina non sta combattendo un conflitto regionale, non è così , dovremo tutti prendere coscienza che la guerra vera arriverà presto sarà crudele e come lui stesso ha detto, assisteremo a cose mai viste nella storia. Questo significa che al Cremlino tutte le opzioni sono aperte. Vista la quantità esigua delle forze russe impegnate in Ucraina poi, non si può pensare che non sia stato tutto pianificato,perfino il comportamento dell’occidente. Perfino la irritante calma, se così si può dire, della stessa operazione Ucraina destabilizza l’occidente lo vediamo ogni giorno. Gli anglosassoni si dissanguano mandando armi sofisticate che non si sa bene dove finiscano oltre quelle che vengono intercettate edistrutte dalle forze russe. Sputacchiano un pacchetto di sanzioni al giorno, ma, comunque i russi avanzano lo stesso. Mandano i migliori specialisti ma Maryupol è caduta,, dicono di eroica resistenza ma di fatto l’esercito ucraino è morto e solo i mercenari occidentali fanno qualche azione di sabotaggio e niente di più. Un po’ poco per vincere una guerra. Comunque la situazione resta intricata non si può negare, io credo che qualcosa sfuggirà di mano prima o poi e quello… sarà il momento dei biglietti da visita citati sopra…. Restiamo in trepidante attesa….

  • stefanogrim
    Inserito alle 20:36h, 30 Aprile Rispondi

    Io invece continuo a pensare che nessuno sarà mai tanto pazzo da arrivare ad usare anche il nucleare strategico! La guerra attuale, destinata molto probabilmente ad allargarsi ad alcuni altri paesi (della nato) o addirittura alla Nato nella sua interezza intendono svolgerla fermandosi ad armi convenzionali , con l’aggiunta, forse, di attacchi biologici e , perchè no, anche climatici! Con questo le jene occidentali e il loro capo branco pensano di avere la meglio anche perchè demograficamente tutti i paesi nato sono di parecchio superiori ai russi che possono contar solo su apporti (aiuti in uomini) limitati. Bisognerà vedere se l’apparato missilistico tattico russo sia e le altre tecnologie russe sia una sicura maggiore motivazione psicologica dei russi dovuta alla consapevolezza che vogliono distruggerli, saranno in grado o meno di controbilanciare e soverchiare questo dato demografico…..sulla cina e sull’india francamente, fossi al posto dei russi, non ci conterei molto! quelli sono anche capaci di restare alla finestra e fare la parte del terzo che gode dopo che gli altri si sono scannati.

    • stefanogrim
      Inserito alle 20:40h, 30 Aprile Rispondi

      devo riscrivere sostanzialmente quanto già scritto ma con qualche correzione:
      Io invece continuo a pensare che nessuno sarà mai tanto pazzo da arrivare ad usare anche il nucleare strategico! La guerra attuale, destinata molto probabilmente ad allargarsi ad alcuni altri paesi (della nato) o addirittura alla Nato nella sua interezza , credo che intendono svolgerla fermandosi alle armi convenzionali , con l’aggiunta, forse, di attacchi biologici e , perchè no, anche climatici! Con questo le jene occidentali e il loro capo branco pensano di avere la meglio anche perchè demograficamente tutti i paesi nato sono di parecchio superiori ai russi che possono contar solo su apporti (aiuti in uomini) limitati. Bisognerà vedere se l’apparato missilistico tattico russo, le altre tecnologie russe e una sicura maggiore motivazione psicologica dei russi dovuta alla consapevolezza che vogliono distruggerli, saranno in grado o meno di controbilanciare e soverchiare questo dato demografico…..sulla cina e sull’india francamente, fossi al posto dei russi, non ci conterei molto! quelli sono anche capaci di restare alla finestra e fare la parte del terzo che gode dopo che gli altri si sono scannati.

  • luther
    Inserito alle 20:57h, 30 Aprile Rispondi

    Amico mio, il tuo modo di vedere le cose non lo reputo affatto fuori luogo, anzi, è condivisibile in parte anche se io rimango convinto che la posta in gioco sia altissima e l’occidente che l’ha istigata questa situazione non mollerà e rilascerà fino al punto di non ritorno. Per quanto riguarda il lato demografico penso che questo abbia una importanza relativa le armi in campo ormai hanno raggiunto un potere distruttivo tale da renderlo, non obsoleto ma quasi. Un saluto

  • luther
    Inserito alle 20:58h, 30 Aprile Rispondi

    Rilancera’

Inserisci un Commento