Libia: La Russia esplora la terza via in Libia e contatta Seif al-Islam Gheddafi


Per la prima volta, gli ufficiali russi del GRU hanno legato con Seif-al-Islam Gheddafi e i suoi sostenitori in Libia, nel tentativo di esplorare una terza via escludendo sia il maresciallo Khalifa Haftar (Cirenaica) che il presidente Fayaz Al -Serradj (Tripolitania).

Questa iniziativa russa presa dopo le consultazioni con l’Algeria mira a sondare la popolarità del clan Gheddafi e la loro capacità di federare le potenti tribù libiche, veri detentori del potere informale in Libia. La terza via si sbarazzerebbe del voluminoso maresciallo Haftar e in particolare dei suoi pericolosi sostenitori egiziani, sauditi, emirati e francesi mentre neutralizzava la Turchia e il governo di Fayaz Al-Serradj a Tripoli.

La situazione rimane esplosiva attorno a Sirte, l’antica roccaforte di Gheddafi, dove le fregate della marina turca iniziano a schierarsi al largo. L’Egitto del maresciallo Abdelfettah al-Sisi ha iniziato a mobilitarsi e armare con fondi degli Emirati le tribù libiche più potenti della Cirenaica, in particolare l’Abidat e quelle con ramificazioni nell’Egitto occidentale. Il vero problema nel conflitto libico è la stretta sugli idrocarburi e le risorse idriche.

Il maresciallo Khalifa Haftar è scomparso dall’opinione pubblica dall’avvicinamento delle forze governative di Tripoli e delle forze turche vicino a Sirte e Al-Jufra. Rapporti non confermati della paura di Haftar di un’operazione di decapitazione turca con un attacco di droni o un’operazione speciale.

In tutti i casi, i paesi che sostengono Haftar faranno di tutto per evitare uno scenario del genere, mentre la Turchia non intende lasciare andare la presa sul territorio o piuttosto una straordinaria opportunità storica di diventare un potere interpretando il ruolo dell’ala armata dell’amministrazione Trump facendo avanzare le proprie priorità strategiche neo-ottomane.


Fonte: Strategika 51

Traduzione: Luciano Lago

4 Commenti
  • Teoclimeno
    Inserito alle 06:07h, 30 Giugno Rispondi

    Mentre l’Italia sta a guardare…Eppure quanto accade in Libia dovrebbe riguardaci e molto.

  • Eugenio Orso
    Inserito alle 16:26h, 30 Giugno Rispondi

    Spero che l’Egitto si metta in moto e infligga una pesante sconfitta alle bestie turche filo-atlantiste, in modo che non mettano le mani sull’intera Libia.

    Cari saluti

  • Carlo Degliantoni
    Inserito alle 17:08h, 30 Giugno Rispondi

    Anche in questo caso molto dipenderà dal nostro amato Zar (che Dio lo protegga sempre)

  • Eugenio Orso
    Inserito alle 00:43h, 01 Luglio Rispondi

    Sarebbe utile, in effetti, una saldatura militare fra la Santa Russia e l’Egitto, che consenta l’umiliazione della nato e, come effetto collaterale positivo, il collasso dell’infame turchia.
    La sconfitta della nato è importante, a partire dalla terra libica o da altrove, perché è quella la vera base, armata, del potere oppressivo dell’élite finanz-globalista-giudaica.
    Cadrebbero, poi, come birilli l’unione europoide/eurolager, l’entità sionista isaraele e la sconcia tirannia saudita ….

    Cari saluti.