Libia: Forze Della Fratellanza Mussulmana Turca Sul Precipizio Della Rovina – Putin by Passa La Vittoria Vuota Di Erdogan

Di George Ades

Con un senso di urgenza Erdogan voleva parlare con Putin della situazione in Libia. Dopo aver ritardato la riunione quanto era necessario, Putin alla fine ha concesso a Erdogan un incontro in cui, i due leader hanno concordato un cessate il fuoco in Libia, qualcosa per cui Erdogan ha insistito duramente, poiché i suoi Fratelli musulmani a Tripoli stanno perdendo la terra da sotto il loro piedi.

Tuttavia, il “cessate il fuoco” entrerà in vigore a partire da mezzanotte di domenica gennaio 12 . A quel punto, le forze dell’LNA (Haftar) dovrebbero avere Tripoli sotto il loro controllo e non ci sarà nessuno con cui firmare un cessate il fuoco.

Rapporti dalla Libia affermano che interi reggimenti di fanteria del GNA (Sarraj) stanno abbandonando e gettandosi dalla parte di Haftar. I topi sanno sempre quando è il momento di abbandonare una nave che affonda. (FRN)

Conte con Haftar


Nota: Gli unici che non lo avevano ancora capito erano i due “fenomeni” del Governo Italiano, “Gigino” Di Maio e “Giuseppi” Conte, i quali pensavano di essere più furbi degli altri ed avevano invitato entrambi i contendenti a Roma per siglare un accordo.
Sarraj ha fiutato l’inganno tesogli da Gigino e Giuseppi ed ha rifiutato di fermarsi a Roma, lasciando la coppia dei due presunti statisti con un pugno di mosche in mano ed una magra figura diplomatica a livello internazionale.
La Libia sarà inevitabilmente spartita fra le grandi potenze e l’Italia dovrà riflettere sul suo triste ruolo di sub colonia della NATO, degli USA e della UE che, ogni volta che può, scantona e lascia i paesi imbelli (come l’Italia) con il cerino in mano.
Difficile comunque che si apprenda in Italia questa ennesima lezione che riguarda la geopolitica: se non sei in grado di far valere i tuoi interessi nazionali e vai a rimorchio degli altri, sei destinato a essere scaricato e bidonato. La Storia ce lo insegna ma sono in pochi ad averla studiata.

Nota di Luciano Lago

3 Commenti

  • Franco
    9 Gennaio 2020

    “La Storia ce lo insegna ma sono in pochi ad averla studiata.”
    Modificherei l’ultima frase: “La Storia ce lo insegna e i pochi che non l’hanno studiata sono i politicanti italiani”

    • Mo' vedemo
      9 Gennaio 2020

      Non pretendere troppo da giggetto, ancora sta’ ripassando la geografia, una cosa per volta che diamine.

  • atlas
    10 Gennaio 2020

    non solo, i fratelli salafiti non musulmani arrivati dalla Turchia non sono altro che legione straniera della nato che prima era in Siria. E poi Haftar ha respinto la tregua. Certo, sta vincendo. Come godo. E in Tunisia sono settimane che discutono, ma tra continui rimandi il nuovo regime democratico non parte: nessuno vuole al nahda (fratellanza salafita). In Algeria le forze armate sono forti ed allenate e poi l’Algeria è grande, non è semplice prendervi il potere. E in Marocco i servizi di sicurezza lavorano bene e la maggior parte della gente ama il Re. In Egitto sono schiacciati

    poi, una precisazione da ricordare che non leggo da nessuna parte: in Russia la fratellanza massone salafita E’ ILLEGALE !

    A questi non rimane che scappare in europa come topi, come hanno sempre fatto. Quì sono coccolati dai regimi democratici, perfettamente legali e hanno covi in ogni città. Li vidi di persona, anni 2000, andare in Svizzera a prendere soldi giudei alla citybank e altri … quì si chiamano U.C.O.I.I. e il capo è un siriano tutto Soros e PD usa e nostrano, lo maledica Iddio

Inserisci un Commento

*

code