L’ex presentatore di Fox News accusa i media occidentali di mentire e rivela chi ha distrutto la centrale elettrica di Kakhovka.


Il famoso giornalista americano dimessosi da Fox News, Tucker Carlson, ha accusato i media occidentali di mentire sfacciatamente accusando la Russia di aver bombardato la centrale idroelettrica di Kakhovka situata nella provincia di Kherson.

“Mosca non aveva alcun interesse a distruggere la diga di Kakhovka”, dice il giornalista americano Tucker Carlson nel primo episodio del suo nuovo programma che ha lanciato su Twitter dopo le sue dimissioni da Fox News.
Secondo lui, ci sono tutte le ragioni per ritenere che Kiev sia responsabile di quanto accaduto martedì, soprattutto da quando un generale americano ha dichiarato al Washington Post alla fine di dicembre che questi uomini hanno lanciato missili HIMARS contro la diga.
“La diga di Kakhovka era una diga russa. È stato costruito dalla Russia. Ora è in territorio controllato dalla Russia. Il serbatoio della diga fornisce acqua alla Crimea, che da 240 anni ospita la flotta russa del Mar Nero. Far saltare in aria la diga è un male per l’Ucraina, ma danneggerebbe ancora di più la Russia. Il Washington Post ha citato un generale ucraino che ha affermato che i suoi uomini hanno lanciato missili statunitensi contro la chiusa della diga come test.
Quello che potrebbe essere accaduto alla diga diventa molto meno misterioso. Qualsiasi persona sana di mente concluderebbe che gli ucraini l’hanno fatto saltare in aria, proprio come hanno fatto saltare in aria il gasdotto russo Nord Stream lo scorso autunno. E infatti, come ora sappiamo, lo hanno fatto gli ucraini.

Il giornalista americano continua sarcastico: “Il motivo è semplice: Putin è cattivo. E quelli dalla parte del male fanno il male solo per il bene del processo stesso. In questo caso Putin ha attaccato se stesso, che è la forma più alta del male e quindi adattissima a un uomo come lui. Ecco come ci è stato spiegato”.

Nella notte del 6 giugno, i bombardamenti delle forze armate ucraine hanno danneggiato la parte superiore della centrale elettrica di Kakhovka, Mosca ha caricato. Secondo quanto riferito, l’attacco è stato effettuato da più lanciarazzi Olha.

Questo venerdì, il capo della diplomazia dell’UE, Josep Borrell, ha giudicato che “tutto sembrava indicare” che dietro questa distruzione parziale ci fosse la Russia.


Secondo AFP, nelle regioni di Kherson e Mykolaiv, le inondazioni causate dalla distruzione della diga di Kakhovka hanno ucciso almeno 13 persone: otto nelle zone sotto controllo russo, e cinque in quelle sotto controllo ucraino, dove le autorità riferiscono anche di 13 mancante.
“Secondo le previsioni, l’innalzamento delle acque potrebbe durare altri 10 giorni”, ha detto su Telegram Vladimir Saldo, capo della parte occupata della regione di Kherson.
“L’acqua è già entrata nelle case e nelle strade. Ogni due ore esco per vedere se l’acqua continua a salire”, ha detto all’AFP Tatiana Ioenko, residente a Chornobaivka.
Nella stessa città di Kherson, il livello dell’acqua ha comunque iniziato a scendere “per la prima volta” da martedì, secondo l’agenzia meteorologica locale.

Nota: Si distinguono nella diffusione delle menzogne della propaganda ucraina/Nato anche i media in Italia dove, TV e giornali sostengono, a scapito del ridicolo, la colpevolizzazione della Russia anche nel caso del bombardamento della diga. Lo stesso avevano fatto in occasione del sabotaggio del gasdotto Nordstream e persino nel caso di alcuni omicidi effettuati dagli agenti ucraini, in territorio russo, come la povera giornalista Daria Dugina. Avevano parlato in quella e altre occasioni di “una faida interna” alla Russia.
Specialisti nella menzogna, come sempre, risultano la RAI TV, i quotidiani più diffusi in Italia e i politici dei vari schieramenti.

Fonte: Agenzie

Traduzione: Luciano Lago

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM