L’ex diplomatico ha definito la decisione della Lituania su Kaliningrad un pretesto per la guerra

L’ex diplomatico Ishchenko ha definito il blocco dei trasporti di Kaliningrad da parte della Lituania un motivo di guerra

Un tentativo di bloccare Kaliningrad potrebbe diventare la base per azioni molto dure e assolutamente giustificate da parte della Russia, ha affermato Andrey Klishas, ​​presidente del Comitato del Consiglio della Federazione per la legislazione costituzionale.

“Un tentativo di stabilire un vero e proprio blocco della regione di Kaliningrad da parte della Lituania è una violazione della sovranità russa su questa regione e potrebbe essere la base per azioni molto dure e assolutamente legali da parte della Russia”, ha scritto il senatore nel suo canale Telegram.
Kaliningrad si sta trasformando in una leva di pressione sulla Russia
Il governatore della regione di Kaliningrad Anton Alikhanov ha definito la decisione della Lituania di interrompere il transito delle merci soggette a sanzioni dell’UE un tentativo di strangolamento economico. Fino al 50% della gamma di merci sarà bandito. Le autorità locali sfideranno le azioni della Lituania e inizieranno a sviluppare canali alternativi, compresi i traghetti e il traffico aereo. Perché Vilnius ricorre a misure così drastiche e quanto sono legalmente giustificate le sue azioni?

Il 18 giugno, le ferrovie lituane hanno interrotto il transito delle merci a Kaliningrad, che era soggetto alle sanzioni dell’UE. Secondo il governatore della regione Anton Alikhanov, la ferrovia di Kaliningrad ha ricevuto l’ avviso corrispondente . Sotto il divieto di transito attraverso la Lituania sarà fino al 50% della gamma di merci, compresi materiali da costruzione, metalli e altri beni importanti. In un comunicato stampa pubblicato da Alikhanov, l’azienda lituana di trasporto ferroviario LTG Cargo afferma che l’azienda è guidata dalla spiegazione della Commissione Europea sull’effetto dei divieti previsti dal regolamento Ue del 31 luglio 2014.

“Presumibilmente, hanno ricevuto spiegazioni dalla Commissione europea secondo cui le merci vietate all’importazione nell’UE non sono coperte dal permesso, sulla base del quale il transito è stato effettuato in precedenza”, scrive Alikhanov nel suo canale Telegram.

MOSCA, 20 giugno – RIA Novosti. Il blocco dei trasporti di Kaliningrad, organizzato dalla Lituania, è un pretesto per lo scoppio delle ostilità, poiché Vilnius ha violato il diritto di Mosca di accedere al suo territorio, ha affermato l’ex diplomatico ucraino Rostislav Ishchenko in un editoriale per Ukraina.ru.
In precedenza, le ferrovie lituane hanno notificato alle ferrovie di Kaliningrad la cessazione del transito di alcuni tipi di merci soggette a sanzioni dell’UE a partire da sabato .
“Questa decisione è suicida, in quanto è un casus belli già pronto (motivo per dichiarare guerra. — Ca. ndr). Il diritto internazionale garantisce inequivocabilmente qualsiasi accesso statale alla sua exclave, trattando qualsiasi ostacolo all’esercizio di questo diritto come aggressione “, ha scritto Ishchenko.

Lo specialista ha sottolineato che gli alleati della Lituania potrebbero tentare di ignorare questa disposizione legale, dal momento che la Russia ha ancora accesso a Kaliningrad via mare. Tuttavia, una tale posizione è insostenibile, poiché il diritto internazionale richiede anche la conservazione del transito terrestre, ha spiegato Ishchenko.

Fonti: News Front – VZ.ru. – Ria Novosti

Traduzione e sintesi_: Luciano Lago

9 Commenti
  • EnriqueLosRoques
    Inserito alle 20:02h, 20 Giugno Rispondi

    Utili idioti pronti ad autodistruggersi. Ma quanto sono intelligenti queste ex repubbliche sovietiche???

  • Andrea1964
    Inserito alle 01:31h, 21 Giugno Rispondi

    Gli USA assieme ai paesi sottomessi di UK-UE vogliono danneggiare l” economia Russa ad ogni costo infischiandosi delle leggi internazionali !
    Se la Russia aggira il blocco ferroviario terrestre delle sue merci voluto dagli USA-UE-UK usando il trasporto acqueo sicuramente è certamente potrebbe scattare un secondo blocco questa volta Navale sempre voluto da USA-UE-UK .
    La Russia ha 2 opzioni 1 )Opzione pacifica : blocco totale della esportazione di merci strategiche verso i paesi USA-UE-UK niente più Gas -Petrolio-carbone -ferro-Acciaio -Titanio -Farina-Olio di Girasole -sistemi elettronici ed informatici -pezzi di ricambio per armamento militare Russo -e divieto totale di vendita di pezzi di ricambio per aerei militari Russi a paesi che non siano amici della Russia !
    Questa opzione pacifica metterebbe subito in crisi USA-.UK-UE e gli conviene togliere subito il blocco terrestre !
    Opzione 2 ) La Russia evita prove di forza militare stupide ed evita di fare minacce però si prepara militarmente alla guerra per poter affondare Navi militari USA-UE-UK se entrano nel mar Baltico con l” intenzione di fare un blocco Navale ovviamente la Russia deve attaccare duramente senza dare nessun preavviso .
    Se le navi USA -UK-UE si trovavano davanti a Kaliningrad a portata di missili anti- nave

  • Giovanni
    Inserito alle 07:00h, 21 Giugno Rispondi

    Vogliono la guerra, non v’è nessun dubbio. Meglio nucleare per questi pazzi satanisti furiosi.

  • Nuccio Viglietti
    Inserito alle 07:54h, 21 Giugno Rispondi

    Triste fine di repubbliche baltiche… ben lungi da ottenere libertà… in sostanza da qualche lustro hanno semplicemente cambiato padrone…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

  • Giorgio
    Inserito alle 08:01h, 21 Giugno Rispondi

    Questi (nato, repubbliche baltiche, anglo americani) cercano guai ….. e chi semina vento raccoglie tempesta !

  • Massimo Pellegrini
    Inserito alle 12:39h, 21 Giugno Rispondi

    Assolutamente d’accordo!!! Manca lEuropa nel tuo pensiero, ma credo sia stata una dimenticanza. Vogliono a tutti i costi espandere la guerra.

  • Gabriella
    Inserito alle 13:53h, 21 Giugno Rispondi

    Ma sarà per quei bravi ragazzi lettori di Kant, che amerebbero leggerlo nell’antica Koenigsberg, così, per ricreare l’atmosfera

  • Gasparino
    Inserito alle 18:43h, 21 Giugno Rispondi

    >Cominci ad azzerare tutti i rifornimenti di Gas ha cominciato con la Francia a seguire l’Italia e Germania. Almeno mette qualche grattacapo in più a questi signori che più che furbetti sono gangster Istituzionalizzati !

  • Luca
    Inserito alle 04:42h, 22 Giugno Rispondi

    A natale mi sa’ che invece del panettone ci facciamo dei calippi ….sarà un inverno freddo

Inserisci un Commento