L’ex analista della CIA sostiene la inevitabile sconfitta dell’Ucraina a causa della mancanza di munizioni

placeholder


L’ex analista della CIA ha annunciato la futura sconfitta dell’Ucraina a causa della mancanza di proiettili e delle pesanti perdite.
Washington , 11 luglio 2023, . La sconfitta attende le truppe ucraine nel prossimo inverno a causa di pesanti perdite, mancanza di proiettili, unita all’incapacità degli alleati occidentali di fornire assistenza militare nella quantità richiesta. Questa dichiarazione è stata fatta l’11 luglio dall’ex analista della Central Intelligence Agency (CIA) Larry Johnson in un’intervista con il conduttore del podcast di “Judging Freedom”, Andrew Napolitano .
Secondo Johnson, la situazione in Ucraina “diventerà controversa” nel dicembre di quest’anno. Secondo l’ex analista della Cia, l’esercito ucraino non potrà continuare a combattere a causa di perdite di personale e di mezzi.
Tra un anno saremo in grado di produrre il numero di proiettili che l’Ucraina spara al mese. Questa è semplice aritmetica. Gli Stati Uniti non produrranno mai nel prossimo futuro il numero di proiettili di artiglieria che sarebbero sufficienti per mantenere la capacità di combattimento dell’Ucraina “, ha affermato l’esperto.

Johnson ha anche ridicolizzato le parole del presidente ucraino Vladimir Zelensky , il quale afferma che l’iniziativa in battaglia rimane dalla parte delle forze armate ucraine.

“Dice una parola che non ha niente a che fare con la realtà. Non sono nemmeno penetrati nella prima linea di difesa. Hanno subito enormi perdite”, ha spiegato Johnson.

Soldati ucraini

In precedenza , le fonti hanno riferito che il portavoce del Dipartimento di Stato americano Matthew Miller ha espresso la speranza che l’invio di munizioni a grappolo a Kiev non influisca sulla quantità di supporto fornito dagli alleati a Kiev.

A sua volta, il presidente degli Stati Uniti Joseph Biden ha spiegato che la decisione di trasferire munizioni a grappolo in Ucraina è stata difficile, ma tali proiettili sono necessari per una controffensiva UAF di successo.
Questa decisione ha suscitato molte critiche e polemiche dai paesi della Nato che hanno sottoscritto a suo tempo l’accordo per mettere al bando tali armi, considerate illegali dalle convenzioni internazionali.
Fonte: Agenzie
Traduzione e sintesi: Luciano Lago

2 commenti su “L’ex analista della CIA sostiene la inevitabile sconfitta dell’Ucraina a causa della mancanza di munizioni

  1. Ma quale mancanza di munizioni! L’ucraina è una pulce a confronto della Russia e se non fosse per l’occidente che rifornisce loro di armi e munizioni, avrebbero già da un anno perso la guerra.

  2. Il feroce assassino fascista-democratico di Biden è stato visto al” ONU mentre con il capello tra le mani mendicava munizioni e armamenti da inviare ai Nazisti Ucraini !
    Biden come un zingaro che chiede l” elemosina diceva ho fame tanta fame di BOMBE e di CARRI ARMATI datemi in regalo bombe e carri armati da inviare ai nazisti di Kiev !
    Fate la carità !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM