L’ex ambasciatore degli Stati Uniti in Siria ammette: Bashar al-Assad ha vinto la guerra


L’ex ambasciatore degli Stati Uniti in Siria Robert Ford afferma che le politiche di Washington per la Siria sono fallite e Bashar al-Assad ha vinto la guerra.

“L’opposizione siriana è diventata frammentata e la politica degli Stati Uniti per integrare questi gruppi di opposizione è fallita”, ha detto Ford giovedì in un’intervista esclusiva con il canale televisivo in lingua araba France 24 .

L’ex ambasciatore Usa ha indicato, però, che il governo siriano, presieduto da Bashar al-Assad, è ancora al potere e controlla una vasta parte del territorio siriano, comprese le principali città del Paese. “L’opposizione armata non può eliminare Al-Assad. Nonostante un’economia devastata in Siria, alla fine Al-Assad ha vinto la guerra civile”, ha sottolineato.

I paesi arabi ammettono che Al-Assad rimarrà al potere

Per quanto riguarda il crescente miglioramento delle relazioni tra la Siria e gli Stati arabi, come gli Emirati Arabi Uniti (EAU), ha ritenuto che questi paesi abbiano riconosciuto che il governo siriano è qui per restare e rimarrà al potere, quindi, ha aggiunto, avevano trovare un modo per vivere con lui.
Nel frattempo, ha sottolineato che gli Stati Uniti non sono contenti degli sforzi dei paesi arabi per rafforzare le relazioni con la Siria e non possono offrire un’alternativa per evitare questa strategia.

L’Iran afferma che i rinnovati legami della Siria con i paesi arabi della regione andranno a beneficio di tutte le parti coinvolte, e si tratta di una battuta d’arresto per gli Stati Uniti e Israele.

Gli Stati Uniti sono responsabili della crisi in Siria
D’altra parte, ha ammesso che il suo Paese è responsabile di quanto accaduto in Siria, poiché ha inviato armi a vari gruppi terroristici coinvolti nella guerra.
Queste parole sono giunte dopo la recente visita del ministro degli Esteri degli Emirati, Abdullah bin Zayed Al Nahyan, a Damasco (capitale siriana), e la pubblicazione di rapporti sul miglioramento delle relazioni di altri Paesi arabi con la Siria.

Assad incontra ambasciatore Emirati

La visita di Al Nahyan a Damasco è infatti la prima di un ministro degli Esteri degli Emirati dallo scoppio della guerra nel Paese levantino nel 2011, dopo la quale la Siria è stata espulsa dalla Lega Araba (LA) e boicottata dai Paesi arabi.

Tuttavia, negli ultimi anni, in seguito alle vittorie dell’esercito siriano contro gruppi armati e terroristi, nonché alla ripresa del controllo di quasi tutte le città occupate da estremisti, c’è stata una corsa tra i paesi arabi per ricucire i legami con il governo siriano .

Fonte: Hispan Tv

Traduzione: Luciano Lago

2 Commenti
  • Enriquelosroques
    Inserito alle 23:21h, 12 Novembre Rispondi

    Ma non era una guerra civile???? Abbugiardiiiiii e criminali

  • atlas
    Inserito alle 00:12h, 13 Novembre Rispondi

    non so per i cristiani, ma per i musulmani Gesù si manifesterà sulla via di Damasco (detto da Muhammad). La Famiglia Assad, sociale e nazionale, è l’unica resistente e che ha resistito (con un Marocco che è sì una Monarchia ereditaria, ma sempre più preda della fratellanza salafita. E con un’Algeria di un FLN sempre più obsoleto …)

Inserisci un Commento