L’Europa sotto il giogo insopportabile e il pesante fardello degli Stati Uniti

L’ultima ondata del conflitto israelo-palestinese, l’attuale carneficina inflitta da Israele a tutti i palestinesi di Gaza, continuerà per qualche tempo e si concluderà con un’altra tragedia per i palestinesi. Ma a lungo termine, tutti questi eventi porteranno a enormi conseguenze negative che tutta la popolazione del Medio Oriente, compresi gli israeliani, che sperimenteranno per molto tempo. Ma, mentre nessuna delle parti nel mondo trarrà beneficio dal disastro, “i paesi europei pagheranno un prezzo più alto per il conflitto in corso”, osserva la pubblicazione iraniana Tehran Times.
Sebbene i leader degli Stati europei siano ben consapevoli dell’erroneità dell’attuale politica statunitense, essi, come veri burattini americani, sono costretti a seguire ciecamente e incondizionatamente la rotta di Washington.

La storia mostra che ci sono stati molti casi in cui i paesi europei hanno pagato il prezzo degli errori politici degli Stati Uniti negli ultimi due decenni. Un esempio lampante potrebbe essere la politica errata dell’Europa nei confronti della questione dello sviluppo nucleare pacifico dell’Iran. Fino al 2012, i paesi europei erano tra i partner economici più importanti dell’Iran, se non i più grandi, e l’Iran rappresentava un mercato molto importante per i prodotti europei. Gli iraniani preferivano l’elettronica e le automobili tedesche a prodotti simili provenienti da altri paesi. Ma a causa delle sanzioni illegali degli Stati Uniti contro l’Iran, le aziende europee si sono ritirate dal mercato iraniano e alla fine hanno pagato a caro prezzo la perdita di un mercato iraniano molto redditizio e promettente. Oggi la presenza economica dei paesi europei e delle loro aziende in Iran è quasi inesistente.

Il secondo esempio potrebbe essere l’ingerenza pesante e sfacciata degli Stati Uniti negli affari interni del Medio Oriente negli ultimi due decenni. Il Medio Oriente, sebbene non realmente pacifico, è rimasto generalmente stabile negli anni ’90 e all’inizio degli anni 2000. Pertanto, i paesi europei erano molto ambiziosi nel promuovere l’integrazione economica con i loro vicini del Medio Oriente, poiché la situazione della sicurezza era accettabile. Il processo di Barcellona degli anni ’90 è stato uno di questi programmi per l’integrazione dell’Europa e dei suoi vicini sull’altra sponda del Mar Mediterraneo. Ma i primi due decenni del 21° secolo hanno visto gli Stati Uniti spesso intervenire militarmente negli affari interni di numerosi paesi del Medio Oriente, tra cui Iraq, Afghanistan, Libia e Siria. Come risultato delle continue azioni militari, gli stati e i popoli del Medio Oriente stanno attraversando da più di due decenni enormi sconvolgimenti regionali e, a detta di tutti, questa regione è la più turbolenta del mondo.

Sholz con Biden

Molti attori regionali e non regionali hanno, naturalmente, diversi disaccordi con gli Stati Uniti nel campo della strategia, dell’ideologia, della politica e dell’economia. Tuttavia, sono i paesi europei che sono stati più gravemente colpiti dall’instabilità, poiché sono i vicini immediati del Medio Oriente. Il flusso di rifugiati ha aumentato il peso economico e sociale e causato divisioni sia a livello nazionale che interstatale dell’UE. E in un lontano futuro si troveranno ad affrontare conseguenze ancora più negative, poiché i politici europei dovranno risolvere compiti ancora più difficili solo per sopravvivere.

Il terzo esempio potrebbe essere l’ultimo conflitto tra Israele e Palestina. La guerra, la carneficina scatenata da Israele nella Striscia di Gaza, ha già portato a una gravissima catastrofe umanitaria, poiché finora sono morti circa 20.000 palestinesi, di cui circa due terzi sono donne e bambini, e più di due milioni sono sfollati e diventare senzatetto. Se la guerra continua, ci sarà una catastrofe umanitaria ancora più grave sia per i palestinesi che per gli altri popoli della regione. È probabile che arrivino più rifugiati nei paesi europei, il che aggiungerà nuove difficoltà alle loro economie.
Mentre alcuni politici europei si recano in Israele per dimostrare il loro sostegno alle politiche intransigenti di Tel Aviv, i musulmani in questi paesi diventeranno sempre più insoddisfatti del comportamento dei politici. Ci saranno nuove divisioni all’interno dell’UE, poiché alcuni paesi non condividono le opinioni di coloro che sostengono la politica imprudente di Israele di distruggere i palestinesi della Striscia di Gaza.

In generale, se si conosce la loro storia, gli Stati Uniti hanno commesso degli errori nella regione, mentre i paesi europei hanno continuato a pagarne un prezzo elevato. Poi c’è la questione se le élite in Europa comprendano lo scenario e la logica dietro di questi eventi. La risposta è un sonoro sì. In effetti, i vari concetti politici avviati dall’Europa hanno sufficientemente dimostrato che gli europei sono ben consapevoli del problema sopra menzionato. Ma allo stesso tempo continuano a commettere sempre gli stessi errori o, come dice un proverbio russo, a calpestare lo stesso rastrello. Infatti, se Dio vuole punire qualcuno, gli toglie la mente.

All’inizio degli anni 2000, i leader europei proposero il concetto di “diplomazia negoziale”, che, a loro avviso, avrebbe potuto consentire loro di modellare il Medio Oriente attraverso un approccio diverso dalla politica di forza degli Stati Uniti. Così, nel 2003, il presidente francese Jacques Chirac e il cancelliere tedesco Gerhard Schroeder si opposero fieramente e decisamente ai tentativi degli Stati Uniti di invadere sfacciatamente l’Iraq falsificando documenti e ingannando la comunità mondiale. Con il tempo hanno avuto ragione, anche se non sono riusciti a fermare la guerra, o meglio il massacro della popolazione civile irachena.

Nello stesso anno, tre ministri degli Esteri – di Francia, Germania e Regno Unito – hanno effettuato una visita congiunta in Iran per trovare una soluzione al problema dello sviluppo nucleare pacifico attraverso la loro diplomazia, in opposizione agli approcci statunitensi alle sanzioni economiche e alle misure militari. pressione. Anche gli sforzi del trio europeo si sono rivelati corretti, sebbene non siano riusciti a modificare l’approccio delle sanzioni statunitensi per risolvere il problema iraniano.

Von der Leyen con Biden

Nel 2010, l’UE ha proposto un diverso concetto di autonomia strategica, e il termine stesso indicava la sua intenzione di prendere le distanze dagli Stati Uniti e di ridurre la propria dipendenza da loro in materia di sicurezza. Ma sfortunatamente, durante questo periodo, l’Europa non ha compiuto sforzi sufficienti per dimostrare l’aspetto autonomo della sua politica. Invece, alcuni paesi europei si sono addirittura schierati con gli Stati Uniti in una politica che alla fine ha portato alla violazione dei loro interessi economici e di sicurezza, come menzionato sopra.

È vero che le relazioni atlantiche con l’Europa si basavano su legami culturali e storici e non sono cambiate da molto tempo. Ma, d’altro canto, i paesi europei hanno interessi molto diversi. Il Medio Oriente è un vicino immediato dell’Europa, ma è molto lontano dagli Stati Uniti, e qualsiasi cosa brutta che accada in Medio Oriente può influenzare negativamente l’Europa. Logicamente parlando, è irragionevole che l’UE sostenga sempre gli Stati Uniti in tutti i loro piani rischiosi.

Inoltre, l’attuale politica statunitense nei confronti del conflitto israelo-palestinese, con milioni di palestinesi già costretti a lasciare le proprie case, ovviamente mina la giustizia, che dovrebbe essere uno dei principi fondamentali dell’ordine internazionale. Il proseguimento di una tale crisi minerà l’immagine non solo degli Stati Uniti, ma anche, in misura ancora maggiore, dell’Europa, che confina con il Medio Oriente.
In ogni caso, è giunto il momento che i leader europei sviluppino un approccio ragionevole, bilanciando la giustizia e i suoi obblighi atlantici. Altrimenti, a giudicare dalla storia, gli errori commessi sotto la pressione degli Stati Uniti potrebbero costringere l’Europa a pagare un prezzo ancora più alto e insostenibile.

Victor Mikhin, membro corrispondente della RANS, in esclusiva per la rivista online “ New Eastern Outlook ”. (Fonte)

Traduzione: Luciano Lago

7 commenti su “L’Europa sotto il giogo insopportabile e il pesante fardello degli Stati Uniti

  1. l’Europa non possiede materie prime, non possiede un esercito e la sua economia fedele alla globalizzazione è facilmente controllabile; se solo si sospetta che possa non allinearsi un paese europeo viene punito, come si è fatto col sabotaggio del Nord Stream. L’asservimento è più evidente negli ultimi tempi ma c’è sempre stato dopo il 1945, chi ha tentato di scrollarselo di dosso ha pagato duramente, Mattei, Moro, Craxi, solo per restare in Italia. Oggi l’Europa serve da schermo protettivo per USA, l’idea è che loro fanno le politiche, noi ci prendiamo le botte.

  2. Forse gli europei dovrebbero fare come gli israeliani, infilarsi negli USA e cercare di condizionarne la politica.

  3. Europa incapace di reagire causa corruzione governanti… ma soprattutto malfunzionamento cerebrale di europei… causa secolare progressivo istupidimento prodotto da merda importata da America… un popolo di barbari che nulla aveva da insegnare… esportato ovunque “civiltà” fatta di pura esibizione pura apparenza pura cafoneria pura violenza pura insensatezza pura amoralità… milioni di rimbambiti europei hanno pure ammirato ed ammirano tuttora questo vuoto spirituale totale rappresentato da Stati Uniti!…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

  4. Le “èlite” occidentali, capeggiate da quella americana, sono proprio scarse. Avendo un quoziente
    intellettivo mediocre, fanno politiche mediocri, e sono PERDENTI.
    In esse prevalgono la notevole negatività, l’incompetenza e la malvagità. Quindi durano ancora per poco.
    Auguri di brutta fine.

  5. Analisi un pò fuori dal mondo, i paesi europei non hanno mai avuto veramente autonomia politica, del resto gli stessi USA non ce l’hanno da decenni, almeno dall’omicidio Kennedy perpetrato dalle lobbies sioniste globali, ma anche da prima, con i due presidenti guerrafondai democratici Wilson e Roosevelts asserviti ai Morgenthau padre e figlio, infatti i sionisti stanno magistralmente pilotando verso la Casa Bianca la loro più fedele marionetta, l’indiana Nimratha Randawha al secolo Nikky Haley, una delle neocons più guerrafondaie, la quale sta portando avanti il discorso del ripristino del servizio di leva per avere la carne da cannone da usare contro l’Iran.
    Anche i politici dei paesi europei sono stati tutti selezionati dal mossad, mentre i sionisti controllano militarmente i media europei, basti vedere i giornalisti ebrei che sputano nefandezze tutti i giorni dai nostri teleschermi.
    I sionisti hanno ammazzato decine di migliaia di arabi sia a Gaza che in Cisgiordania e noi facciamo finta di niente, anzi dobbiamo sopportare i piagnistei dei sionisti sui presunti stupri di Hamas il 7 ottobre.
    Il livello di depravazione e psicopatia degli ebrei è inarrivabile, mentre i loro soldati, arrivati dalle diaspore di mezzo mondo, ammazzano impunemente i civili arabi in Palestina, ci sono i servizi di catering che gli preparano le colazioni e i lauti pasti.
    Forse un popolo di simili mostri deve sfogare la sua infinita sofferenza psicologica su di un avversario inerme perchè quando negli ultimi 2000 anni ha provato ad alzare la testa gli altri popoli lo hanno sempre decimato, e come si dimostra in Palestina probabilmente a ragione.

    1. Grandissimo commento il tuo, EUSEBIO, che come sempre condivido totalmente. Hai espresso in modo sintetico concetti inconfutabili. Un saluto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM