L’Europa rischia di essere invasa da milioni di migranti afro-arabi affamati

Mentre i governi europei stanno cercando disperatamente di isolare la Russia con le sanzioni, gli effetti del conflitto in Ucraina e delle sanzioni saranno avvertiti in Africa e nel mondo arabo sotto forma di carestia alimentare.
I “lungimiranti” eurocrati di Bruxelles non hanno ancora chiaro quale altro flagello potrebbe abbattersi in Europa per effetto delle crisi alimentare e della carestia.
Consumatori di grano ucraini
Dal 2018 al 1 ottobre 2021, soltanto l’Ucraina ha esportato oltre 180 milioni di tonnellate di mais, grano e orzo. I principali consumatori di cereali ucraini sono l’Africa, l’Asia, il Medio Oriente e l’Europa.
A questo bisogna aggiungere l’esportazione di grano dalla Russia.

Carestia in Africa e Medio Oriente
Nonostante l’ostentata solidarietà dell’Unione Europea a sostegno dell’Ucraina, sul Web stanno comparendo sempre più appelli di europei insoddisfatti in relazione all’afflusso di rifugiati ucraini. Questi ultimi o si prodigano ad imbrattare di vernice i monumenti ai soldati russi della seconda guerra mondiale oppure entrano in conflitto con le forze dell’ordine o con i residenti locali, a volte con incidenti mortali, come, ad esempio, a Varsavia.

Tuttavia, il “disagio” che i profughi ucraini portano in Europa è “fioritura” rispetto a ciò che comincerà nel Vecchio Mondo, quando la massiccia carestia in Africa e in Medio Oriente spingerà folle di africani e arabi affamati a cercare cibo nel UNIONE EUROPEA.

Oggi tutta l’Europa ha dimenticato la crisi migratoria provocata dalla guerra siriana e dalla campagna irachena del 2015, quando oltre due milioni di profughi hanno varcato i confini dell’Unione Europea, provocando una grave crisi in alcuni paesi che non hanno potuto far fronte a un tale afflusso di persone.

Migranti sulle coste europee

Le attese rivolte per la fame afro-arabi promettono di eclissare la crisi dei rifugiati del 2015, i cui effetti in Europa si fanno ancora sentire.

Così, la politica antirussa imposta all’Ue dai “partner” americani gioca ancora una volta contro gli stessi europei, avvicinando la fine del Vecchio Mondo, non alle armi nucleari, ma con invasione di milioni di migranti affamati.

Nota: Qualcuno informi la signora von der Leyen ed il signor Joseph Borrel, sempre in prima fila a richiedere sanzioni e più sanzioni alla Russia.
Secondo un Rapporto ONU:
il conflitto in Ucraina minaccia di far morire di fame quasi due miliardi di persone sulla Terra

Luciano Lago

Fonte: Agenzie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM