"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

L’Europa occidentale è in ginocchio: povertà, droga, immigrazione incontrollata, assenza di stato sociale

di Pietro Vinci

Un tempo la “bestia venuta dall’Est”, ossia il socialismo reale, era il mostro terrificante che tutto l’Occidente dipingeva a fosche tinte. L’esempio concreto, volevano indurci a ritenere, della malfunzione totale di un regime descritto come “antiquato”, “inadatto”, “ingiusto”. Questa feroce lente d’ingrandimento, oggi, non è quasi più utilizzata e soprattutto non la si adopera per vedere le misere condizioni nelle quali versa l’Europa occidentale la quale sembra oramai in ginocchio, schiacciata verso il pavimento della storia dal peso delle sue nequizie e falsità manifeste.

In Francia, numerosi sindaci di varie città hanno rivolto a Parigi una sorta di grido d’allarme: le cittadine d’oltralpe sono ricolme di rifugiati, portando queste comunità sull’orlo del collasso. I fondi nazionali destinati all’emergenza immigrazione, frutto di varie scelte sconsiderate del governo centrale sia in politica estera che negli affari interni, fanno sembrare le città di Bordeaux, Lille, Rennes, Grenoble, Strasburgo, Tolosa e Nantes giganteschi “parcheggi” dove lo spazio è oramai assente per poter accogliere l’immensa folla di uomini che ha già scavalcato i confini dell’Europa. Nella nota inviata al governo, che ha il tono di una supplica, si legge: “L’anno 2017 è terminato con un enorme aumento delle richieste d’asilo, e l’arrivo di nuovi rifugiati pone sotto pressione le amministrazioni locali”. Parlano già di una emergenza sociale su scala nazionale, proponendo persino una sorta di “rete” di collaborazione fra le diverse città e cittadine francesi per distribuire l’infinita massa di arrivati.

Anche da Parigi giungono notizie rammaricanti: non più celebre unicamente per il fascino storico e artistico che la rese la più luccicante delle capitali, ora l’ombra oscura del fallimento, del degrado e del sovraffollamento la oscura minacciosamente. Gli abitanti del 10mo e 19mo distretto hanno richiesto il mese scorso a gran voce un nuovo centro per gli immigrati, sottolineando lo stato malsano in cui questi immigrati sono lasciati a loro stessi: per “proteggersi” dai litri di urina che inondano le zone nelle quali sono accampati i richiedenti asilo, ai quali l’assistenza è garantita unicamente da volontari mentre lo stato francese guarda chissà dove, vogliono persino sottoscrivere collettivamente la costruzione di una barricata. “Questo sistema distrugge il nostro distretto, l’immagine dei richiedenti asilo e i loro diritti. Andrebbe trasformato per aiutare queste persone a ritornare normalmente nelle loro nazioni. Se ciò non sarà fatto entro la fine dell’anno, il nostro gruppo inizierà uno sciopero della fame” ha dichiarato a RussiaToday Pierre Vuarin, portavoce dell’associazione dei residenti del quartiere.

I numeri degli immigrati a Parigi sono cresciuti a dismisura, soprattutto dopo la chiusura del centro di Calais ad agosto dello scorso anno. Ci si domanda, ragionando senza orpelli pregiudiziali, sino a quando la Francia potrà accogliere e sino a quando le infrastrutture, i quartieri e le città reggeranno sotto il peso di una fiumana infinita di persone in fuga dai conflitti spesso causati dallo stesso Occidente in Siria e Afganistan? Lo stesso Presidente francese Macron promise che per la fine del 2017 non ci sarebbero stati più rifugiati accampati per le strade parigine, ma già il primo periodo dell’anno nuovo dimostra quanto la sua sia stata una promessa da marinaio: in migliaia languono ai bordi delle vie, in attesa della realizzazione dei tristemente celebri “centri di accoglienza”. Si può notare in questa presunta soluzione una chiara impronta demagogica: anziché frenare il fenomeno, pensando con numeri alla mano all’impossibilità materiale di rispondere realmente ad un’intera crisi umanitaria in atto in determinate zone del Mondo, si preferisce costruire ulteriori centri per allocare ulteriori immigrati. Il governo francese vuole così svuotare l’Oceano con un guscio di noce, giacché così il problema resta il medesimo.

Tendopoli a Parigi

Nel frattempo anche la metropolitana parigina diviene un posto pericoloso e dominato dal degrado, figlio sin troppo legittimo del lassismo politico-amministrativo e di visioni utopiche e falsificanti sulla società “multiculturale”: il sindacato dei manovratori dei treni della metro (l’Unsa RATP) ha chiarito sin troppo bene lo stato delle cose diramando un comunicato di protesta, inviato al Ministro dell’interno francese Gerard Collomb e anche al sindaco Anne Hidalgo. Le fermate Marx Dormoy e Marcadet-Poissonniers, sulle linee 12 e 4, sono stazioni estremamente pericolose: senzatetto, spacciatori di crack e tossicomani gridano, litigano violentemente o persino invadono i binari.

Non si sono fatti attendere i casi di attacchi e aggressioni anche sui treni in fermata e i manovratori hanno riferito che salteranno queste fermate, sino a quando non sarà garantita la sicurezza dei lavoratori e dei passeggeri tramite anche una maggiore presenza di poliziotti. Protestano anche le guardie penitenziarie francesi: il 15 gennaio, in migliaia hanno bloccato l’accesso a diverse prigioni francesi protestando per i pericoli ai quali sono sottoposti quotidianamente ormai; Christian Ganczarski, un ex membro di Al-Qaeda, ha attaccato e ferito più di una guardia nel carcere di massima sicurezza di Vendin-le-Viel armato di forbici e lame da rasoio. Ganczarski rischia di essere estradato negli Stati Uniti per la sua sospetta partecipazione nientemeno che agli attentati dell’11 settembre 2001 a New York. Il responsabile del sindacato delle guardie penitenziarie, Jean-Francois Forget, ha riferito quanto segue a Europe1: “Il nostro staff subisce dai 4000 ai 5000 assalti all’anno assieme a 20 episodi nei quali uno dei nostri colleghi è preso in ostaggio. Quando finirà tutto questo? Quando qualcuno sarà ucciso?!”.

Non vanno sicuramente meglio le cose oltre la Manica: il governo di Theresa May è praticamente sotto scacco da parte del Partito Conservatore che la sta accusando, con prove alla mano, di non essere capace di dare soluzioni alla crisi in corso dei senzatetto in Gran Bretagna. Il Public Accounts Committe, organo della Camera dei comuni del Parlamento britannico, ha redatto un rapporto nel merito: il numero di persone che dormono all’addiaccio, dal 2011, è balzato in alto del 134%. Numeri da collasso in poche parole: “… l’azione limitata che il governo ha posto in essere ha trascurato l’urgenza così grave del caso, il suo approccio ‘light-touch’ (con tocco leggero) di lavoro assieme alle autorità locali per affrontare il problema dei senzatetto è chiaramente fallito”, si legge nel rapporto. Questa crisi sociali senza pari colpisce gravemente anche la qualità della vita: la speranza di vita di uno di questi diseredati scende orribilmente a 50 anni e i più piccoli sono costretti a un percorso scolastico di qualità inferiore a causa delle assenze.

Agenti aggrediti a Londra

Si è anche fatta largo la critica verso i meccanismi del famigerato “mercato”, tramite le dichiarazioni del membro del Parlamento inglese Meg Hillier (labourista), a rispondere adeguatamente alle esigenze abitative. Il “mercato”, libero e invincibile, dimostra di essere inadeguato, inadatto e ingottato ma nessuno realmente si sofferma su questo punto con tutta l’attenzione necessaria: guai a turbare il sonno nel quale tutti, da sin troppo, siamo costretti a larvare; potremmo anche renderci finalmente conto che i “mercati” sono una follia criminale che sta decimando patrie e masse, grazie al placito consenso di politici inadatti, senza spirito critico né realmente al servizio dei rispettivi popoli e nazioni. Gli ospedali britannici e il NHS (Servizio sanitario nazionale) sono nel frattempo già stati bollati come “da Terzo Mondo” dal dr. Richard Fawcett: non si è sbagliato a quanto pare né ha esagerato, visto che i dirigenti ospedalieri inglesi hanno detto che il NHS sta fronteggiando “… la peggior crisi invernale da 30 anni, alcuni pazienti hanno dovuto sostenere attese di 12 ore a causa di un picco dell’influenza invernale”. Se il dr. Fawcett o un suo collega direttore sanitario assistessero a ciò che, con malefica routine, avviene nei nostri ospedali tiranneggiati da budget assurdamente bassi, strutture obsolete e personale in deficit, resterebbe pietrificato.

In fine, concludiamo questo piccolo viaggio attraverso le stridenti ineguaglianze occidentali dei nostri giorni, andiamo in Grecia: da qui, per la nostra “cara” stampa main-stream non sembrano arrivare notizie né aggiornamenti. Quello che fu denominato “il più grande successo dell’Euro” da Mario Monti, dimostra le “vittorie” eclatanti che sta consegnando al popolo greco: martedì 16 gennaio, riporta la Reuters, più di 10mila persone si sono radunate di fronte al Parlamento ad Atene per protestare contro l’ennesimo piano grondante lacrime e sangue a scapito dei greci. Il governo di “sinistra” ha approvato un altro documento per le politiche di austerità, che già hanno falcidiato l’intera nazione ellenica, senza battere ciglio. Mentre una sorta di nuovo governo provvisorio continua a mantenere fede alle promesse fatte ai banchieri e gerarchi europei, il popolo greco si rivolta per la fame lanciando pietre: le nuove “riforme” accettate a capo chino dal governo di Tsipras, già in passato osannato dalla nostra “sinistra” nostrana”, prevedono misure più severe contro i sindacati e impongono tagli ulteriori ai vari benefit.

Quando potremo proclamare, con voce forte e all’unisono, che “i mercati” sono una sciagura, un sistema obsoleto, inadeguato, inefficiente, tirannico e ingiusto di governare? La società e dunque tutti noi, intanto, continuiamo a inveire troppo su ciò che fu, mentre la mortifera realtà contemporanea non subisce alcuno strale.

Fonte: Oltre La Linea

*

code

  1. max tuanton 4 mesi fa

    Non rimane che sperare Nell ‘Esercitotipo i Para ‘ Della Folgore sono Italiani anche loro! Non credo che ai Militari faccia piacere l’invasione di Orde di Africani incivili che s’ ingroppano TUTTO anche le loro figlie o fidanzate .I traditori come LA Boldrini Minniti Del Rio dovrebbero essere Condannati per Alto Tradimento ,il generale pappalardo in unvideo parla di un procuratore Della repubblica di Catanzaro Nicola Gratteri che si sta dando da fare ,qualcuno prima opoi dovra pur ribellarsi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. jack 4 mesi fa

      Ma cosa vuoi sperare?..Io mi meraviglio di te..Viviamo in una società dove è stato rimosso il basilare senso logico delle cose.
      Basta uscire per strada ed ascoltare i discorsi della gente..dai,sono le due di mattina..non ho voglia di aggiungere altro,
      anche perché non avrebbe senso.
      Ciao,mi berrò l’ultima birra alla tua salute. Tank you and goodnight.

      m

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Silvia 4 mesi fa

      Vorrei sbagliarmi, ma mi sembra che i nostri militari ormai siano dei professionisti(=mercenari), incapaci di scelte veramente coraggiose. Aggiungo che sono ben controllati dai vertici NATO.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Christian 4 mesi fa

        Vero. Anche se devo riconoscere che oggettivamente, il malcontenti ai vertici delle forze dell’ordine è alto, sopratutto l’arma dei carabinieri. Comunque si, i vertici delle nostre forze armate sono non solo controllate, ma sono anche pro-Nato e pro-Usa. Ma come scrive Jack sopra, alla gente o non gliene frega niente, oppure si concentrano sui “ladri di polli”, pensando che siano la causa prima della situazione attuale, quando i veri architetti e colpevoli manovratori stanno a Washington, Tel Aviv, Berlino, Francoforte e Bruxelles. E questa situazione, parlando generalmente, è voluta fin dall’inizio, non sono affatto ” danni collaterali” non voluti.a

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. max tuanton 4 mesi fa

    Non Voglio passare per cieco presuntuoso , posso dire pero che SIETE infarciti di pessimismo ,si vede che I vari Tafazi della controinformazione hanno lavorato Bene,vedevo le 2 nuove “dive “per l’economia di Salvini,non ha piu vergogna di niente !!!Possibile tutti all’improvviso diventati dei Gigioni !Nessun sobbalzo qualcuno ci sara pure ! I militari non far nulla con le coste invase da clandestini?SAREBBE una prodigiosa vigliaccheria altro che Caporetto ,peggio ! Non voglio crederci!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. claudio 4 mesi fa

      Caro max, non voglio passare da pessimista ma da realista quale sono.. se fai caso l’italia manda le navi militari ( la marina dopo essersi consegnata al nemico a la valletta l’8 settembre 1943 mi fa schifo, salvando pochi tra cui la decima e carlo fecia di cossato ) a prendere i clandestini e spero che non sarai così ingenuo da pensare che anche se vincesse salvini le cose cambierebbero.. l’ esercito: quale esercito?? Abbiamo più ufficiali dalla ricca carriera automatica di quanti siano i soldati, i quali non aspettano altro che andare in missione così possono aggiungere una cospicua diaria al loro stipendio.. corpi speciali?? Vedi esercito.. il problema loro è anche che si sentono fascisti pur non essendolo.. infatti nessun fascista vero potrebbe MAI abbracciare il nemico yankee invasore e questo cambio di maglia lo dobbiamo al porco almirante e all’msi che servì per confondere, distrarre e far perdere agli Italiani la conoscenza del vero Credo Fascista.. polizia e carabinieri?? Dai, lasciamo perdere.. mi ricordo l’esperienza del presidio 9 dicembre a Roma.. diedero un pugno in faccia ad una signora anziana… guardati intorno max, su 900 basi americane nel mondo 113 sono in italia.. e le rivoluzioni si fanno con l’oro e con il sangue.. smetto qui, è meglio..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Christian 4 mesi fa

        Verissimo, concordo su tutta la linea. Alla fine è il popolo che deve cambiare, capire e agire di conseguenza, ma la mentalità dominante in Italia fà schifo, e quei pochi che più o meno capiscono sono ancora troppo pochi per poter fare realmente qualcosa di concreto e incisivo per migliorare. Salvini? dopo essersi messo con Berlusconi, si è sparato sui piedi. I 5Stalle? Molti sostenitori del M5S sono così ciecamente fideisti da non accorgersi di che presa per il culo è il M5S, nato fin dall’inizio come partito civetta. E ora rivela il suo vero volto: Pro-euro, pro-Ue dei trattati capestro senza legittimità popolare, pro-Nato, pro-Usa… ma dai su… con il M5S che senza voler dare troppo nell’occhio, ha manovrato per allearsi al Parlamento Europeo con l’ALDE, il gruppo ultra neoliberista, mondialista, dov’è presente Mario Monti!!! E la cosa era così surreale, che l’ALDE ha rifiutato tale alleanza parlamentare!!! Questo è il M5S, senza nulla togliere a tutti quelli della base che erano in buona fede.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. XD 4 mesi fa

        Verissimo….

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. giannetto 4 mesi fa

    “Macron promise che per la fine del 2017 non ci sarebbero stati più rifugiati accampati per le strade parigine, ma già il primo periodo dell’anno nuovo dimostra quanto la sua sia stata una promessa da marinaio:”

    … Ma è da almeno 30 anni che i politicanti al potere e i contro-politicanti leccaculo sbagliano sistematicamente calcoli e previsioni. Sistematicamente e scientemente, cioè criminalmente. Leggere il libro di Mark Rigg per chiarirsi le idee.

    – “Quando potremo proclamare, con voce forte e all’unisono, che “i mercati” sono una sciagura, un sistema obsoleto, inadeguato, inefficiente, tirannico e ingiusto di governare?”…

    ..Ma in questo caso il problema non è lì, nei mercati. L’esercito di riserva ormai ESONDA e sta diventando un’arma letale contro lo stesso Capitale; e non c’è altra alternativa che mantenerlo com’è, scioperato e sempre più delinquente, nonché sempre più fanatizzato.

    C’è ben altro che la logica dei “mercati” che bolle in pentola.

    Quando sti coglioni di europei saran capaci di una riscossa?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Brancaleone 4 mesi fa

    Monsieur vuarin vuole fare lo sciopero della fame, non si cura con l’aspirina un tumore. La destabilizzazione in atto, in paesi fuori dall’europa avrebbe gia’ da un bel pezzo sortito reazioni. Le società’ europee sono malate, la mancata reattivita’ e’ in larga parte dovuta all’inganno instillato nelle menti che la protesta e la rivendicazione dei diritti coincida con la violenza, il fascismo e il razzismo. Il sistema, ha trasformato il “aiutiamoli a casa loro” che di per se’ lo credo piu’ giusto e piu’ umano, in una sorta di luogo comune da cretini tipo le stagioni non sono piu’ quelle di una volta. Questa e’ manipolazione psicologica: affermi questo? Sei cretino, i piu’ non avendo la forza di sostenere le proprie idee, non vogliono sentirsi cretini e il gioco e’ fatto. Il senso di liberta’ ha un suo sistema immunitario che interviene quando percepisce una minaccia, in questo caso esso non risponde perche’ la minaccia e’ multiforme, manipolatoria e si presta a molteplici interpretazioni( molti intendono molti discorsi complottisti se non paranoici). La risposta e’ interdetta, anche se ( per coloro che sono in buona fede) e’ comunque sopraggiunto un senso di smarrimento e di impotenza. Nella storia, un veleno cosi ben edulcorato non c’ e’ mai stato: ti da’ fumo e ti toglie tutto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. animaligebbia 4 mesi fa

    Per esperienza,Max, ti posso dire che i vertici militari sono totalmente massonici e i militari non fanno neanche una scoreggia se non sono coperti politicamente,Pietro Valleregia sara’ piu’ esaustivo data la sua esperienza.Ed ora consentitemi una piccola digressione: Ecco che avanza,puntuale come una cambiale,tra la giornata del cardo senza spine e la giornata delle grucce abbandonate negli armadi,in anticipo come il panettone a novembre sullo scaffale,il giorno mondiale del vittimismo totale,dell’inganno globale,del “chiaggne & fotte internaZIONale.(Scusate l’ot,ma volevo portarmi avanti).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. PieroValleregia 4 mesi fa

      … è meglio che taccia ma chi mi ha preceduto hs scritto il vero …
      vi racconto solo un episodio: ero destinato presso un ente terrestre della MM e, una mattina, come tutte la mattine, lessi le consegne giornaliere e, con massimo sconforto
      appresi che ero con altri, di picchetto per … la Festa della Donna … tutti si lamentavano ma poi, dal Capo Reparto andai solo io a protestare e sapete cosa dissi ?
      Oggi facciamo il picchetto per l’8 marzo, domani facciamo il servizio d’ordine al gay pride ? io mi rifiuto ! urla e strepiti dell’ufficiale superiore ma io il
      servizio di picchetto non l’ho fatto, gli altri si
      un saluto
      Piero e famiglia

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Citodacal 4 mesi fa

        Esternazione di stima.
        (la “festa” dell’8 marzo è tra le trovate più ipocrite e inutili che una società alla frutta e dedita alla celebrazione formale potesse mai partorire – e perché la MM debba esservi coinvolta rimane un mistero -; però ne abbiamo almeno scampata una; qualche anno fa il deputato Pino Pisicchio propose senza successo d’istituire la “Giornata nazionale contro la povertà”; capirai, niente di meglio per abbassarne il tasso reale, invece di lavorare sulle cause – basta una celebrazione e “E la pancia non c’è piùùù, e la pancia non c’è piùùù…”, come cantava Mimmo Craig nella pubblicità all’olio Sasso anni 60’-70’. Anch’io nel mio piccolo avrei dunque una proposta: istituire la “Giornata contro la stitichezza”, che tanto disturba i nostri vessati intestini ed istiga che qualcuno ci mandi giocoforza a c…, così aumentando l’intolleranza e il ricorso al turpiloquio purgativo, indegne piaghe di una civile società: però nessuno mi vota)

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. max tuanton 4 mesi fa

    Vedo che c’e’ una Calata di Braghe generale … E voi sareste I nipoti dei Boia Chi Molla?Bella Roba! Celine lo diceva i Massoni( tutti I politician sono massoni) e gli ebrei hanno paura solo di una cosa:” vedervi Razzisti”un po di odio salvifico vi FAREBBE bene e’la vostra pellaccia da Italiani in gioco ,altrimenti fatevi ingroppare da tutte le razze del mondo cosi’ LA facciamo finita una Volta per tutte ,ve lo sarete 1000 volte meritato !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. leopardo 4 mesi fa

    E´la solita storia. Ossia l´immane stupiditá di tanta, troppa gente. E come dicevano gli antichi,
    la stupiditá é la cavalcatura del diavolo. Gli esempi sono molti. Negli Usa, un popolo di 350 milioni
    di persone non é altro che una massa di zombi totalmente in balia di una minoranza del 2% che peró
    ha in mano le redini del potere per la quasi totalitá. Eppure non c´é nessun segnale di rivolta. In Francia
    la Marine, l´unica che poteva ancora salvaguardare l´identitá francese, é stata liquidata come
    fascista. Le hanno preferito un fantaccio dei banchieri. Se lo tengano questi imbecilli. Sull´Italia
    é meglio sorvolare. Pensarci sopra, il disgusto per personaggi ed istituzioni, mi riferisco
    alle Boldrini, alle Bonino,alle Boschi,alle Lorenzin, ai Mattarella, Renzi, Alfano, Berlusca , Gentiloni….fino
    a quel disastro totale dell´argentino ….dicevo tale disgusto mi ha indotto ad una repulsione epidermica
    nei confronti dei miei concittadini perché, in definitva, sono loro che hanno assegnato il nostro governo
    nelle mani di una accozzaglia demenziale di mentecatti e servi infami che ci hanno rovinato temo in modo
    irreversibile.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Christian 4 mesi fa

      Sono del parere che per quanto riguarda i danni che ci sono stati inflitti, alcuni siano già irreversibili; tutta questa massa sterminata di africani ormai è sul nostro suolo, è qua, e ci resteranno perché è impensabile mettere in atto espulsioni forzate su vasta scala, per via molteplici aspetti. Demograficamente, a meno di una RADICALE inversione a U, noi siamo già finiti. Questi arrivano in massa, figliano come conigli, mentre noi ormai facciamo sempre meno figli. Il radicalismo e la violenza sono dovute da masse di musulmani di stampo salafita/wahabita, ostili a noi e alla nostra società e che vogliono dichiaratamente arrivare a imporre le LORO regole, a comandare!. Quindi si, per via di questa e altre situazioni, credo fermamente che molti danni e disastri fatti siano già ora irrecuperabili.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. giannetto 4 mesi fa

        @Christian.- Concordo. Si tratta di occupazione tramite invasione.Grazie alla guerra “pacifica” degli umanitari alla Bonino, paladini per noi della morte (aborti, eutanasie), ma stupendamente “madreteresiani” nel prodigarsi per la vita di ogni ciandala, purché importato). – Si tratta di sostituzione di popoli. Si tratta di un piano massonico in cui l'”esercito della manodopera di riserva” viene messo in campo come un alibi appariscente, e fuorviante, perché gli “alternativi” al Sistema si facciano una ragione, e dian la colpa al solito nefando Capitale. Hai capito dove ritorna buono ripescare Marx? Ma guarda caso… proprio dove non serve. Questa analisi è oramai datata, superata. Non vale più. La Svezia, che di masse di manovalanza non qualificata non ha assolutamente bisogno (di suo ha solo 10 milioni di abitanti), ce lo insegna per prima.
        – Demograficamente saremo fottuti in breve tempo. Per noi la produzione di figli è un lusso che non ci possiamo permettere. Per loro è spesata…da noi… E’ anche vero che s’arrangiano in condizioni di vita per noi inaccettabili.
        – Molti danni sono sicuramente irrecuperabili. Un parziale aggiustamento, se è possibile, suppone risposte radicali, e immediate.
        Purtroppo in sto paese non nascono neppure embrioni di movimenti come il PEGIDA in Germania o l’EDL in Inghilterra. Pure loro, però, han fatto poco finora.
        Credo che in Francia, Inghilterra, Germania, Belgio, per non parlar di Svezia, la situazione sia ancor più allucinante che da noi.
        Insomma… l’intera Europa è fritta. Perfino per la Svizzera le previsioni son truci. E il gruppo di Visegrad non so fin quando ce la farà a far barricate.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. paolo 4 mesi fa

        @christian
        Vero! figliano come conigli.
        Ti sei però, dimenticato di sottolineare che lo fanno e lo faranno sempre di più con le “nostre femmine”, educate dall’ideologia femminista al più totale disprezzo del maschio italiano e incanalate dalla propaganda, (vedi gli spot di pubblicità in cui si vedono sempre più negri) a orientare le loro preferenze sessuali verso il diversamente bianco.
        Poi considera che gli invasori sono per il 98% maschi e quindi: “con chi dovrebbero figliare?”
        I mondialisti neoliberisti di cui i nostri politici (tutti) sono i loro sottomessi portavoce ed esecutori hanno posto in essere la distruzione della nostra identità anche attraverso l’umiliazione del maschio autoctono, non dimentichiamocelo mai!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. HERZOG 4 mesi fa

    Senza offesa Siete scoglionanti solo capaci di Lamentarvi sembrate gia in fila marchiati per il Macello ! Ma insomma un po di spirito di coservazione neanche quello avete piu’! Vi fate demoralizzare per del Cascame umano che vi governa ,come LA Boldrini ,mattarella vedevo ieri manco l’italiano sa parlare,un Niente Rimane un niente puo avere tutte le cariche che vuole! Quando vi Farete detestare da Tutti vorra dire che siete dalla parte del
    Giusto! avete l’esempio Vedevo il povero Castellino di Forza Nuova con altri GIRARE per le vie I treni nei bus ecc ecco Un esempio da imitare .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Eugenio Orso 4 mesi fa

    La medicina – in Italia – sarebbe impiccare per le strade, dopo averli bestialmente seviziati, i sinistroidi collaborazionisti, dall’ultimo tesserato al primo burocrate, e gli untori delle false opposizioni (grulloidi attenti a voi!), non dimenticando i forcaitalioti.
    Bei sogni di contoviolenza rivoluzionaria, di catarsi sanguinosa, di santa dittatura etica e giustizialista in arrivo!

    Cari saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Laura 4 mesi fa

      In Italia c’è ancora troppe gente che vive bene, molto bene , aspettiamo che arrivi qualche mazzata anche a loro.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. max tuanton 4 mesi fa

    Quando I Democratici ,Salvini ,M5Stelle Berlusca ecc vi Odieranno vorra’ dire che avrete ripreso LA strada Giusta ,il grande Leon Degrelle nel suo messaggio ai GIOVANI Europei disse:” noi giovani europei non abbiamo combattuto per rivedere queste carogne di Capitalisti ritornare a guidare l’europa allora era meglio il comunismo ” il comunismo avra FATTO 100 MILIONI di MORTI ma I’ll capitalismo NE fa 50 MILIONI di morti per fame all’anno fate I conti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. dolphin 4 mesi fa

    tutti bla bla bla e nessuno guarda alla GB che si é tirata fuori giusto in tempo e noi siamo rimasti col cerino in mano, nessuno capisce che se non ci tira fuori la politica da questo pantano, lo deve fare il popolo con determinazione altrimenti stiamo zitti e rassegnati a farci inculare quotidianamente da tutti !!! !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. dolphin 4 mesi fa

    Tanti bla bla bla e nessuno vede che la GB si é tirata fuori giusto in tempo, dovevamo fare anche noi lo stesso, considerando che la ns. politica non si muove in quella direzione, é il popolo che deve prendere l’iniziativa e fare quello che va fatto, altrimenti é inutile stare a parlare sempre delle stesse cose, bisogna agire con determinazione altrimenti lasciamoci inculare da chiunque per gli anni a venire e in silenzio. A proposito avete mai sentito parlare di palle ?!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. animaligebbia 4 mesi fa

    I nostri cuginetti francesi hanno preferito rimanere a casa piuttosto che votare la populista e fascista Le Pen,adesso devono prendersela solo con se stessi;ho l’impressione che anche da noi sara’ cosi’,e purtroppo i soliti pd (poltrone & divani) governeranno col 20%,come al solito.E’ vero che tutti i partiti sono venduti a qualcuno,ma secondo me si tratterebbe di spostare l’ago anche di poco verso forze sovraniste.Non si cambiera’ il mondo con una semplice elezione,ma noi possiamo essere quelli che spostano leggermente la barra a dritta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Silvia 4 mesi fa

      La maggioranza degli Italiani non vuole uscire dalla Ue e dall’Euro, perche’ ha paura di perdere i propri risparmi e salari.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. atlas 4 mesi fa

    i francesi hanno voluto Macron e non la Le Pen, si godano i risultati. Io dalle Due Sicilie, colonia d’italia penso che grazie alla ‘mafia’ nemmeno cristo si ferma ad Eboli. E tanto mi basta

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Catione particello 4 mesi fa

    Io non sono convito che l articolo rappresenti la realta. Diciamo che il mondo degli anni 50 agli 80 andava
    bene per il benessere di una societa mondiale bipolare, e con una popolazone ,all interno del sistema ,
    di max circa 1 miliardio d individui ,evidentemente il numero di individui sta alla base di un sistema di successo.
    Oggi, dentro quel collaudato sistema, ci butti dentro tutta questa popolazione africana, assieme alle ex colonie dell europa dell est della cccp.
    È evidente il dolo dietro questi avvenimenti, ed è anche ben visibile la mano. Una mano proveniente dalla sponda orientale del mediterraneo.
    Mossa dall urgenza di uscire dalla situazione senza vie di uscita in cui ha indirizzato il proprio destino.stanno giocando l ultima mano, e se ,come prevedibile,soccomberanno ,
    Assieme a loro scompariranno gli an9mali parlanti, tutti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Brancaleone 4 mesi fa

    Ha ragione la sig.ra Silvia quando dice che gli italiani non vogliono uscire dall’euro perchè hanno paura di perdere i risparmi ma e’ solo questione di tempo, per i secondi mi sembra che il problema e’ gia’ risolto.
    Vorrei fare una considerazione sui popoli: leggendo la storia dell’addomesticamento degli animali nell’era primitiva, ( credo che molti gia’ lo sapranno) quando l’uomo addomestico’ gli uri, animali molto aggressivi e pericolosi, lo fece sopprimendo i nati più selvatici, facendo riprodurre i più miti, negli anni il potente uro è diventato il bue. Tutto questo per dire che il popolo (in larga parte) è stato selezionato all’addomesticamento nei millenni dai potenti. Non parliamo degli italiani che per 2000 anni sono stati asserviti a quasi tutti i popoli europei arabi inclusi, i quali hanno sfogato le loro frustrazioni qui da noi (imponevano cognomi offensivi a neonati senza padre, i preti invece usavano gli incipit delle preghiere, erano più buoni!). Forse una delle motivazioni del nostro servilismo e’ genetico fatte salve le eccezioni che se sono tali non ce n’è per nesuno al mondo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace