L’Europa ha perso il suo mito guida. Nei neocon “cresce la febbre per la guerra con la Cina”


Di Alastair Crooke

Sembra esserci più energia culturale presente negli Stati Uniti oggi, che in Europa, che da tempo si è staccata dal mito vivente.

Il messaggio lanciato dalla visita di tre giorni in Russia del ministro della Difesa cinese è chiaro. Il suo ricevimento – un evento di alto profilo – è stato volutamente investito di grande visibilità. E al suo centro simbolico c’era un incontro con il presidente Putin nel giorno di Pasqua (ortodosso) che è stato consequenziale, sia per essere molto al di là delle norme del protocollo, sia per aver avuto luogo il giorno di Pasqua, quando Putin di solito non lavorava.
Il suo messaggio chiave può essere dedotto dalle osservazioni formulate in precedenza da Hu Xijin, l’ex redattore capo del Global Times cinese :
“Gli Stati Uniti affermano ripetutamente che la Cina si sta preparando a fornire “aiuti militari letali” alla Russia nel conflitto in corso in Ucraina”. Ma quella guerra “va avanti da più di un anno: e secondo i precedenti calcoli dell’Occidente, la Russia dovrebbe essere già crollata ormai… E, mentre la NATO dovrebbe essere molto più forte della Russia, la situazione sul terreno non non appare come tale – ed è per questo che provoca [tale] ansia in Occidente … ”.
Hu Xijin continua:
“Se la Russia da sola è già così difficile da affrontare, cosa succederebbe se la Cina iniziasse davvero a fornire aiuti militari alla Russia, utilizzando le sue enormi capacità industriali per l’esercito russo? [Se] la Russia da sola… è più che all’altezza dell’Occidente Collettivo. Se loro [l’Occidente] costringono davvero Cina e Russia a unirsi militarmente, la domanda che li perseguita è che l’Occidente non sarà più in grado di fare ciò che vuole. Russia e Cina insieme avrebbero il potere di controllare gli Usa”.

Questo era essenzialmente l’obiettivo della visita del ministro della Difesa: gli eventi si sono spostati da quando Hu ha scritto quel pezzo sul Global Times poche settimane fa e, semmai, i recenti sviluppi hanno conferito una dimensione aggiuntiva al suo chiaro avvertimento che un’adesione sino-russa di mani – militarmente – segnerebbe un cambio di paradigma.

Il recente evento delle fughe di notizie dell’intelligence statunitense (così come i precedenti rapporti di Seymour Hersh) sembrano indicare un profondo scisma interno nello “Stato profondo” degli Stati Uniti:

Una parte è convinta che l’offensiva ucraina di primavera sia un disastro in preparazione, con gravi conseguenze per il prestigio degli Stati Uniti. La fazione neo-con, d’altra parte, confuta amaramente questa analisi, e chiede invece un’escalation attraverso una preparazione immediata (armando Taiwan) contro una guerra statunitense che sarà presto intrapresa sia contro la Cina che contro la Russia . I neo-con sostengono che il panico e il collasso russo potrebbero verificarsi entro 24 ore da un attacco ucraino.

Per dirla chiaramente, l’improvvisa accensione della febbre della guerra neo-con contro la Cina ha appena fatto quello che Hu aveva previsto in precedenza: ha costretto Russia e Cina a unirsi militarmente, non necessariamente in Ucraina, ma piuttosto a pianificare e preparare la guerra con l’Occidente.
Sulla scia delle fughe di notizie dall’intelligence, l’attenzione sull’Ucraina negli Stati Uniti è diminuita ed è stata sostituita negli Stati Uniti da una febbre crescente per la guerra con la Cina.

La prolungata visita a Mosca del Ministro della Difesa cinese è stata la prova tangibile che ora Cina e Russia sono convinte che la prospettiva della guerra è reale e si stanno preparando. Putin ha sottolineato la “congiunzione” dando, tra l’altro, la priorità al rafforzamento della flotta russa del Pacifico e al potenziamento generale delle capacità navali russe.

Quanto avviene è semplicemente pazzesco: Hu aveva “azzeccato” la previsione. Se la NATO non ha la capacità industriale militare per sconfiggere la Russia da sola, come possono gli Stati Uniti e l’Europa aspettarsi di prevalere contro Cina e Russia messe insieme? L’idea sembra delirante.

Lo storico Paul Veyne, una figura imponente nella storia dell’antico mondo romano, una volta pose la domanda: i greci credevano nei loro miti? Tutte le società, scriveva, escogitano una qualche distinzione teorica tra “verità” e “falsità”, ma alla fine, secondo lui, anche questa è solo un’altra forma di “acquario”, quella in cui ci capita di abitare, ed è in in nessun modo superiore, in termini di epistemologia, all’acquario in cui vivevano gli antichi greci e davano un senso al loro mondo, in gran parte attraverso miti e storie sugli dei.

Americani con premier di Taiwan

Gli Stati Uniti si stanno già preparando per la prossima guerra
Rispetto al mito dell’Impero Romano che alimenta la politica estera statunitense, la posizione di Veyne è profondamente contraria. Poiché la sua affermazione fondamentale è che l’imperialismo romano aveva poco a che fare con l’arte di governo, né con la predazione economica o l’affermazione del controllo e la richiesta di obbedienza, ma piuttosto che era motivato da un desiderio collettivo di creare un mondo in cui i romani potessero essere lasciati soli, non semplicemente sicuro, ma indisturbato. Questo è tutto.

Paradossalmente, questo resoconto collocherebbe la “destra” tradizionalista americana – che si appoggia a una prospettiva burkean-buchanan – più vicina a quella della “realtà” romana di Veyne che a quella dei neocon: cioè ciò che la maggior parte degli americani desidera che l’America sia lasciato sola, e per essere al sicuro.

Sì, gli dei e i miti erano tangibili per gli Antichi. Li hanno vissuti. Il punto qui è l’avvertimento di Veyne contro il nostro “trattamento pigro” degli antichi romani come versioni di noi stessi, coinvolti in contesti diversi, certo, ma essenzialmente intercambiabili con noi.

I greci credevano nei loro miti? La risposta breve di Veyne è “no”. Lo spettacolo pubblico dell’autorità era fine a se stesso. Era un artificio senza pubblico, come espressione di autorità fuori discussione. Non esisteva una “sfera pubblica”, anzi nessun “pubblico” in quanto tale. Lo stato era strumentale. Il suo ruolo era quello di mediare e mantenere l’Impero allineato e in sintonia con queste forze invisibili e potenti.

Gli dei e i miti erano compresi dagli Antichi in un modo che è quasi del tutto estraneo a noi oggi: erano forze energetiche invisibili che portavano qualità distinte che plasmavano il mondo e portavano significato. Oggi abbiamo perso la capacità di leggere il mondo simbolicamente – i simboli sono diventati ‘cose’ rigide.

L’implicazione dell’analisi di Veyne è che Roma è falsa come paragone per sostenere il “mito” dell’inevitabilità del primato degli Stati Uniti: l’approccio “mitico” dei neo-con ovviamente è strumentalizzato per convincerci tutti che il primato degli Stati Uniti è ordinato (dagli dèi?), e che la Russia è un frutto basso, una fragile struttura marcia che può essere facilmente rovesciata.

Allora i neo-con credono ai propri miti? Beh, “sì” e “no”. “Sì”, in quanto i neo-con sono un gruppo di persone che arrivano a condividere una visione comune (ovvero la Russia come fragile e vulnerabile), spesso proposta da pochi ideologi ritenuti accreditati. È una visione tuttavia, non basata sulla realtà. Questi analisti ideologizzati possono essere convinti intellettualmente che il loro punto di vista è giusto, ma la loro convinzione non può essere verificata in un modo che possa confermarla oltre ogni dubbio. Si basa semplicemente su un’immagine del mondo come immaginano che sia, o più precisamente, come vorrebbero che fosse .

Sì, i neocon credono ai loro miti perché sembrano funzionare. Basta guardarsi intorno. Man mano che i mezzi di comunicazione sono diventati decentralizzati, digitalizzati e algoritmici, la cultura contemporanea ha costretto gli individui in branchi. Non c’è una posizione separata da questo discorso; non c’è pensiero al di fuori del feed Tik-Toc; questo dà luogo alla formazione di una pseudo-realtà, separata dal Mondo, e generata per fini ideologici più ampi.

In parole povere, a Roma non c’è mai stata una “sfera pubblica” nel senso moderno e, nel senso odierno, nemmeno una “sfera pubblica” occidentale viva . È stato anestetizzata tramite le piattaforme dei social media. Lo spettacolo pubblico dell’autorità ideologica neo-con accreditata (diciamo, una Lindsay Graham che sostiene la guerra alla Cina) diventa fine a se stesso. Un’espressione di autorità fuori discussione.

Il mito neo-con della Russia sull’orlo dell’implosione non ha senso. Ma è un’immagine del mondo come lo immaginano i neoconservatori, o meglio, come vorrebbero che fosse . Le carenze delle forze ucraine descritte in dettaglio nelle fughe di informazioni (loro americane) di Intel: fingono di non accorgersene – convinti, come spiega Foreign Policy , che una volta lanciata l’attesa offensiva ucraina, se “i soldati russi si fanno prendere dal panico, causando la paralisi tra la leadership russa … allora la controffensiva avrà successo”.

Più si persegue tale analisi delirante, più la psicopatia funzionale sarà esibita e meno normale diventerà. In breve, precipita nell’illusione collettiva, se non l’ha già fatto.

Gli Stati Uniti potrebbero essere entrati nella febbre della guerra (per ora! (Vediamo come dura mentre si svolgono gli eventi in Ucraina)), ma che dire dell’Europa? Perché l’Europa dovrebbe cercare la guerra con la Cina?

Scrive Thomas Fazi che:
L’appello di Emmanuel Macron all’Europa per ridurre la sua dipendenza dagli Stati Uniti e sviluppare la propria “autonomia strategica” ha provocato un capriccio transatlantico. L’establishment atlantista, negli Stati Uniti tanto quanto in Europa , ha risposto in modo tipicamente sfrenato e, così facendo, ha perso qualcosa di cruciale:

“Le parole di Macron hanno rivelato meno sullo stato delle relazioni euro-americane che sulle relazioni intra-europee.

“Molto semplicemente, l’”Europa” di cui parla Macron non esiste più, se mai è esistita. Sulla carta, quasi tutto il continente è unito sotto un’unica bandiera sovranazionale: quella dell’Unione Europea. Ma questo è più fratturato che mai. Oltre alle divisioni economiche e culturali che hanno sempre afflitto il blocco, la guerra in Ucraina ha fatto riemergere un’enorme faglia lungo i confini della cortina di ferro. Il divario Est-Ovest è tornato con una vendetta”.

“La fine della Guerra Fredda e, quindi, l’adesione dei paesi CEE all’UE, poco più di un decennio dopo, sono state entrambe annunciate come il tanto atteso “ritorno all’Europa” dei paesi post- comunisti . Era opinione diffusa che il progetto universalista dell’UE avrebbe appianato le principali differenze sociali e culturali tra l’Europa occidentale e quella centro-orientale… Un progetto così arrogante (e probabilmente imperialista) era destinato a fallire; infatti, tensioni e contraddizioni si sono presto palesate tra le due Europe”.

La fede in una cultura europea integrale è stata più un segno di una sensibilità dell’Europa centrale che del confine occidentale dell’Europa. Non era solo la Russia ad essere in questione per l’Oriente. Si risentivano di essere tagliati fuori da un mondo di cui erano stati una parte essenziale. Tuttavia, quando il comunismo si è ritirato, la cultura europea – come immaginata dai dissidenti – è svanita in un’Europa assediata dalla divisione e da una guerra culturale imposta dal centro che ha volutamente tentato di soffocare ogni tentativo di far rivivere le culture nazionali. Per Milan Kundera e altri scrittori come lui, non c’è cultura viva in Europa, e la sua posterità abita un vuoto creato dalla scomparsa di ogni valore supremo.

Paradossalmente, la guerra in Ucraina ha rafforzato la cultura nazionale russa, ma ha messo a nudo la facciata nell’UE. Sembra esserci più energia culturale presente negli Stati Uniti oggi, che in Europa, che da tempo si è staccata dal mito vivente.

Fonte: Global Research

Traduzione: Gerard Trousson

*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM