L’Europa dovrebbe lasciare vincere l’Italia (se non vuole suicidarsi )

di  Harold James

L’attuale situazione di stallo tra il governo italiano e la Commissione europea a Bruxelles – in cui l’Italia sta spingendo per maggiori spese con un deficit maggiore, che la commissione sostiene viola le sue regole – sembra a prima vista come una replica del gioco del pollo che ha guidato la crisi del debito greco nel 2015. Allora, come ora, il debito e la politica sono intimamente intrecciati, con una nazione indebitata che cerca con ogni mezzo di ottenere un effetto leva sulle istituzioni della zona euro che hanno voce in capitolo sulla sua economia.

Da un lato, l’Italia ha sottolineato la sua importanza geopolitica, sostenendo che ha un ruolo fondamentale da svolgere nel mantenimento della stabilità della Libia. Dall’altro, invia un messaggio sottile che, se messo sotto pressione, ha il potere di far esplodere l’eurozona.

Chi si tirerà indietro per primo? La risposta probabilmente accenderà due differenze che distinguono il caso corrente da quello della Grecia. Innanzitutto, l’Italia è un paese molto più grande, e quindi una crisi finanziaria in fuga costituirebbe un problema molto più grave, perché un pacchetto di salvataggio internazionale sarebbe molto più difficile da progettare. In secondo luogo, il nuovo gioco del pollo si sta verificando in un contesto internazionale piuttosto diverso, con il presidente degli Stati Uniti Donald Trump che plasma la politica internazionale e quella americana.
Non è difficile vedere come si possa trovare un compromesso in cui l’Italia e l’Europa potrebbero concordare investimenti infrastrutturali finanziati attraverso la spesa in deficit, ma l’escalation del conflitto politico significa che con il passare del tempo qualsiasi risultato produttivo diventa sempre meno probabile. L’Unione europea deve trovare una soluzione prima che la situazione politica diventi completamente velenosa.

A prima vista, la disputa sul budget, che si basa sulla proposta italiana di un deficit del 2,4 per cento, sembra sconcertante. Non è il 2,4 percento in meno del 3 percento, la regola del rapporto deficit / PIL (dichiaratamente eccessivamente semplice) stabilita nel Trattato di Maastricht e nel suo patto di stabilità e crescita? In verità, la disputa riguarda fondamentalmente il legame tra posizioni di bilancio e crescita. La proposta di bilancio dell’Italia considera il 2,4% percorribile perché porterà a una crescita più elevata, che quindi aumenterà il denominatore nel debito verso i calcoli del PIL e quindi assicurerà redditività e successo. Negli ultimi anni, dopo decenni di bassa crescita e poi una feroce recessione a doppia pendenza, l’Italia ha messo a segno una modesta ripresa, con una crescita del PIL dell’1,5% nel 2017. Ma il tasso di crescita sta nuovamente scivolando e la nuova proposta è progettata per dare una spinta temporanea necessaria.

Il problema è che tutti sanno che la narrativa dello strappo dell’ Italia non ne descrive appieno le motivazioni. L’importanza del bilancio per il governo italiano va ben al di là dei suoi numeri: il suo scopo fondamentale è politico. Il pacchetto fiscale rappresenta non solo uno stimolo generale per l’economia italiana, ma anche un tentativo di legare insieme i due partiti piuttosto disparati nella coalizione di governo. Il partito di destra, la Lega, voleva una semplificazione (e riduzione) delle aliquote fiscali, e in definitiva un tasso standard, sperando che ciò riducesse il problema dell’evasione e dell’elusione fiscale. Ha una bassa tassa di base del 15% per gli artigiani e i lavoratori autonomi che guadagnano meno di 65.000 euro (circa 75.000 dollari) e un’amnistia fiscale. Il partito di sinistra, il Movimento a cinque stelle, ha ottenuto un reddito minimo di base in contrasto con le proposte talvolta del tutto utopistiche del partito per un reddito universale come un modo di rispondere alla disoccupazione generata dalla tecnologia e dalla globalizzazione. Entrambe le parti volevano aumentare il consumo e quindi annullato un aumento pianificato dell’imposta sul valore aggiunto. Entrambi volevano ridurre l’età pensionabile, una mossa che non ha conseguenze fiscali immediate, ma imporrà un peso a lungo termine ai giovani.

C’è anche un elemento nazionale molto evidente, per non dire nazionalista. Si tratta di un bilancio destinato a sfidare l’Europa e a sottolineare che in una democrazia le persone dovrebbero, nel votare per il proprio governo, avere voce in capitolo sulle loro aliquote fiscali e sul loro regime fiscale. Il budget include anche alcuni risparmi, in parte da una riduzione delle spese per l’alloggio e la gestione dei migranti.

L’approccio dell’Italia – sia la sua enfasi sulla crescita e la sua retorica nazionale e anti-UE – ha guadagnato il sostegno di Trump e del presidente russo Vladimir Putin. Secondo quanto riferito, entrambi i leader hanno menzionato la possibilità di estendere il sostegno fiscale e politico all’Italia, anche attraverso l’acquisto di titoli di stato italiani. Dal punto di vista legale, è del tutto possibile che il Tesoro degli Stati Uniti acquisti beni stranieri, e lo ha fatto come parte di pacchetti di salvataggio progettati in collaborazione in passato.

Conte con Trump

Ma se gli Stati Uniti avessero intrapreso un’azione deliberata a sostegno di un governo europeo che sta sfidando l’UE, sarebbe giustamente interpretato in Europa come una diplomazia apertamente aggressiva. Sembrerebbe anche che Trump stia cercando di costruire un nuovo internazionalismo, un internazionalismo nazionalista, al posto del “globalismo” che attacca e pensa che l’Unione europea incarni. Ciò produrrebbe un contraccolpo e probabilmente rafforzerebbe la posizione attuale dell’Europa.

Nel frattempo, i ministri italiani sembrano imitare Trump nell’attaccare la Banca centrale europea in quanto istituzione responsabile della crescita futura inferiore. L’Italia è preoccupata per l’esaurimento del programma di allenta “quantitative easing” della banca, che ha consentito l’acquisto estensivo di titoli di stato italiani. Luigi Di Maio, il leader del Movimento a cinque stelle, ha accusato il presidente della BCE Mario Draghi di avvelenare l’atmosfera contro l’Italia semplicemente menzionando la fine delle straordinarie misure della banca centrale europea.

La discussione sul budget e le risposte ad esso è diventata un gioco di biasimo, ma è l’Italia che ne soffre soprattutto. Il più ovvio problema finanziario immediato riguarda le banche italiane piuttosto che il governo. La percezione di un aumento del rischio per il debito pubblico italiano spinge verso l’alto i rendimenti e fa abbassare il prezzo dei titoli di stato, la maggior parte dei quali sono detenuti nei libri delle banche. Le banche stesse hanno bisogno di finanziamenti e hanno una grande quantità di obbligazioni che hanno bisogno di rifinanziamento presto. La conseguenza della caduta dei valori patrimoniali riduce la capitalizzazione delle banche e sono necessarie nuove capitalizzazioni, forse da parte del governo, ma ciò andrebbe a scontrarsi con un’altra serie di norme dell’UE, questa volta sui salvataggi statali.

Fonte:  Foreign Policy

Traduzione: Luciano Lago

5 Commenti

  • redfifer
    17 Novembre 2018

    AVANTI TUTTA!

    Meglio tirare fuori i cogljoni al punto dove siamo arrivati che passarci per coglioni. Dal mio punto di vista farei anche dell’altro visto che ci troviamo in ballo, vovvero: nuove elzioni, cosi ci togliamo fuori i pentastellati e il pappaFico a capo della camera che pensa sia il suo “centro sociale” e la grillo, cosi potrà vaccinare tutte le bambole di questo mondo e se crede farle anche ragliare visto che ci si trova, basta che non siano i prossimi italiani del futuro a cadere vittima dei vaccini e della lobby della Glaxo, che ha preso il parlamento come agenzia pubblicitaria per i suoi prodotti e fanculo a tutti… scusate volevo dire: Buon Natale 😀

  • Alegna
    18 Novembre 2018

    Approvo il commento sopra citato.

    • amadeus
      18 Novembre 2018

      Mi hai letto nel pensiero, non sapevo di avere un gemello. Bravo !

  • XD
    18 Novembre 2018

    Buon Natale a te! 😉

  • amadeus
    18 Novembre 2018

    A tempo: mi riferivo a Redfifer anche se 18 novembre 2018 ha manifestato le mie stesse idee

Inserisci un Commento

*

code