"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

L’Europa addormentata finge di non vedere l’avvicinarsi di una Terza Guerra Mondiale

Nè i deputati del Parlamento polacco nè i politici dei paesi europei fanno caso a ciò che sembra ormai ovvio: esiste una forte possibilità dello scoppio di una Terza Guerra Mondiale e ci sono molti segnali che indicano come molto realistica la minaccia di un conflitto generale , questo è quanto pensano i deputati del Parlamento Polacco, Janusz Korwin-Mikke e Konrad Berkowicz in una nota espressa al settimanale Wprost.

I parlamentari polacchi ” si preoccupano dei problemi come l’aborto e la fertilizzazione in vetro ma non si accorgono della minaccia dell’inizio di una Terza Guerra Mondiale, che rappresenta attualmente una minaccia significativa”, ha dichiarato Korwin-Mikke durante una conferenza stampa a Sejm – il Parlamento del paese slavo.


Secondo quanto affermato, tutti i paesi dell’Europa, così come gli Stati Uniti e gli stati asiatici, sarebbero nella zona del conflitto, pertanto il pericolo è molto reale. “Nel 1939 Adolf Hitler fu sospinto a scatenare una guerra perchè era pieno di debiti, tanto che avrebbe dovuto altrimenti dichiarare la Germania in bancarotta per  l’anno seguente. Di conseguenza dichiarò una guerra perchè, come sappiamo, nessuno paga i debiti in tempo di guerra, in questo modo si trova una soluzione ai problemi economici”, ha aggiunto l’esponente polacco.

Il politico polacco ha affermato che uno dei segnali di una guerra potenziale si trova nel fatto che gli USA dispongono oggi di un esercito possente, mentre la Russia e la Cina ancora sono nel processo di fortificare i propri eserciti. Il polacco ha previsto che entro alcuni anni potrebbe avvenire che gli USA non avranno più questo vantaggio, un fattore questo che potrebbe costituire un motivo per scatenare le ostilità.

Postazioni missilistiche
Postazioni missilistiche

Lo stesso esponente polacco  ha aggiunto che la possibile vittoria di Donald Trump – un candidato che “si trova al fuori dell’establishment politico- nelle elezioni presidenziali negli USA è un’altra causa di preoccupazione per Hillary Clinton, precandidata alla presidenza. “Con la Clinton come presidente ci sarà una guerra mondiale”, “L’ipotesi di Trump alla presidenza non  piace nè ai democratici nè ai repubblicani. Questo significa che, una volta che Trump si presenti con i documenti che provano la corruzione che vige negli USA, questa potrebbe  risultare una catastrofe per il sistema”, come sottolineato da un altro membro del partito KORWIN —il cui leader è Janusz Korwin-Mikke—, Konrad Berkowicz, il quale ha segnalato che gli Stati Uniti riconoscono che la loro egemonia va debilitandosi e preferirebbero che questo evento (una guerra) accada piuttosto  adesso che non più in avanti”.

Non so se questo elemento può direttamente provocare  una guerra, ma molti europei si sbagliano quando pensano che la guerra sia una reliquia del passato, un qualche cosa di esotico di un posto remoto, un tema per assentire con la testa durante una discussione familiare”, ha detto Berkowicz.

Esponente polacco Janusz Korwin-Mikke
Esponente polacco Janusz Korwin-Mikke

Il parlamentare polacco ha ricordato che nessuno (nei primi del ‘900) aveva potuto predire o immaginare quello che sarebbe accaduto con la Prima Guerra Mondiale. “La Terza Guerra Mondiale è già iniziata e si sta combattendo in Siria”.

Attualmente Obama si è rifiutato di firmare la dichiarazione che gli USA non andranno mai ad effettuare il primo colpo nucleare, la Cina ha proclamato una alleanza militare con la Russia ed il primo ministro della Slovacchia ha pronosticato che la Terza Guerra Mondiale inizierà entro pochi mesi, ha specificato il politico, nel commentare che “ci troviamo su un aereo in caduta libera e che sperimenta zero forza di gravità ma che in pochi momenti andrà a disgregarsi in cento pezzi”, ha osservato.

Gli esponenti politici del KORWIN ammettono comunque di non avere possibilità di influire sulla situazione nel mondo, tuttavia possono fare qualche cosa per la Polonia, come proclamare la neutralità del paese in caso di un conflitto per evitare l’invasione degli eserciti stranieri nella loro patria.

Fonte: Sputnik Mundo

Traduzione: Manuel De Silva

*

code

  1. Vittoriano 12 mesi fa

    Segnal-azione

    [PDF]War on Syria – Educate Yourself
    educate-yourself.org/…/War%20On%20Syria%20_Cartalucci_B…
    Traduci questa pagina
    Thank you for reading “War on Syria: Gateway to WWIII. …

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Idea3online 12 mesi fa

    Prima di una Terza Guerra Mondiale l’Europa del Sud potenzialmente verrà attratta dall’Oriente. I sorvegliati speciali sono prima la Grecia, a seguire Italia e Spagna. La Russia quando arriverà il momento, quando sentiranno il fiato sul collo degli USA, faranno tutto il possibile(attività già in atto con moderazione) per indebolire l’Europa dal Sud, ed insieme alla Turchia(senza la Turchia alleata della Russia l’operazione è più difficile) attrarre l’Italia(per la Grecia è un’operazione già in atto), ed altri Stati del Sud Europa ad operazioni coordinate sia economiche che diplomatiche in caso di inizio di una guerra globale, accordi atti a stabilizzare la flotta russa nel Mediterraneo. Quando il punto di non ritorno verrà raggiunto alcuni Stati Europei si faranno modellare dal’oriente come argilla dall’acqua. Trump o Clinton, due facce della stessa medaglia. Difficilmente i Padroni del Mondo faranno vincere una donna in caso di una guerra globale, la Russia guidata da uno Zar a livello di Ciro il Grande, se i Padroni della Guerra hanno capito che è giunta la resa dei conti, non faranno duellare lo Zar Putin con la Clinton. Ma se guerra sarà a duellare saranno due uomini di guerra. Lo stesso Putin si troverebbe più a suo agio alla diplomazia di Clinton, che ai discorsi schietti e diretti di Trump(come reagirà Putin quando verrà ordinato a Trump di provocare la Russia?). Un conto è per un Imperatore essere ridicolizzato da una donna, un conto dall’uomo Trump che guiderà l’Occidente. Psicologicamente per Putin è più gestibile uno scontro diplomatico in politica estera con la Clinton che non con Trump. Inoltre i Media dicono sempre il contrario. Se ci stanno bombardando con l’dea che la Clinton vuole la guerra la verità come di solito accade è tutta l’opposto. Trump viene dipinto come amico della Russia e di Putin solo per poter dire in caso di guerra che la Russia ha sbagliato, io ho desiderato l’amicizia ma sono stato tradito e dovrò castigarla. E’ solo l’ennesimo gioco degli specchi per confondere e farci dormire sonni tranquilli.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. paolo 12 mesi fa

      Come analista vali meno di un tubo. con franchezza eh!

      Rispondi Mi piace Non mi piace