Lettera ai complottisti

di Marcello Veneziani –

Egregi complottisti, nonostante vi chiami in questo modo non intendo denigrarvi. Anzi, vi sono grato perché ci fate pensare, insinuate il dubbio che non tutto sia come appare e inducete a non accontentarci di quel che passa il convento. Cercate di decifrare il mondo.

Uso la definizione di complottisti senza disprezzo né ironia, solo per capirci e includervi dietrologi e malpensanti, diffidenti globali e dissidenti radicali. E “negazionisti”. Molte vostre supposizioni, e perfino qualche farneticazione, hanno una radice di verità o qualcosa di verosimile che fa riflettere. Lo dico riferendomi alle più controverse teorie che circolano da qualche tempo: su come è nato e come si è diffuso il contagio, sulle responsabilità e le mire della Cina, sui laboratori, sulla guerra per il controllo del pianeta; sugli interessi politici, economici, farmaceutici e strategici che si muoverebbero per la sua diffusione e per instaurare tramite la paura un regime globale di sorveglianza; e poi sull’uso e l’abuso di dati e notizie, veicolate, falsate, occultate, sul gigantesco business del vaccino, i misteri del 5G, le pianificazioni mondiali relative a nascite, aborti, modificazioni genetiche. E visto che ci siamo, sulle elezioni di Biden, le oscure trame in Vaticano e altri misteri degli ultimi tempi.

Reputo possibili molte vostre congetture, giudico inquietanti non pochi fatti che destano il vostro allarme. Conosco il rosario dei vostri sospetti canonici: la commissione Trilateral e il gruppo Bilderberg, Rockfeller, Soros e Attali, più contorno di sette, logge, mafie e società segrete. Più altre new entry asiatiche, le multinazionali, Big Pharma, i colossi globali del web ovvero la tetrarchia del Big-Tech (Amazon, Facebook, Google, Apple). Come voi reputo ingenuo affidarsi solo alla superficie delle cose, alla banale apparenza; viviamo in un’epoca dominata dalla volontà di onnipotenza, priva di remore e scrupoli di sorta, in cui si combattono tremende guerre sotterranee, con ogni mezzo.

Perché allora non sposo in toto le vostre teorie, perché la diffidenza che voi esercitate verso il mondo io la estendo anche alle vostre tesi? Perché fate un salto logico e documentale da ciò che è possibile, verosimile, a ciò che è effettivo, accertato. Trasformate l’utile esercizio della congettura, su cui scrisse un brillante trattato un grande futurologo come Bertrand de Jouvenel, in un teorema assoluto, in cui la realtà, la logica, il documento storico diventano così vaghi, oscuri e sibillini da perdere ogni fondatezza.

Si può pure sostenere una verità sconosciuta e destabilizzante, ma resta la domanda: ma voi come lo sapete, a quali fonti speciali attingete, inaccessibili agli altri, e perché lo sapete solo voi e i vostri affini, che non avete ruoli strategici e mansioni speciali nell’Intelligence, negli Arcana Imperii, nelle cabine di regia? Di solito il teorema regge su fonti di seconda mano e di terz’ordine, spesso attinte dalla cloaca del web o carpite da una notizia in apparenza innocua, e poi vengono montate nei passaggi seguenti usando la proprietà transitiva, i nessi presunti e collegando la “finta” casualità degli eventi che invece “non a caso” per voi accadono.

I complottisti godono di pessima fama agli occhi dell’establishment. E di solito vengono considerati una derivazione odierna di una mentalità cospirativa di tipo reazionario, se non fascista e nazista. Il riferimento classico è al complotto demo-pluto-giudeo-massonico, al falso dei Protocolli dei Savi Anziani di Sion. Ma il complottismo è stato fiorente anche nei regimi comunisti e nei partiti comunisti o di estrema sinistra, anche se era strumentale, serviva per giustificare le repressioni e demonizzare i nemici. Pensate al leit motiv delle forze oscure della reazione sempre in agguato, agli occulti disegni controrivoluzionari o più di recente alle trame nere che spiegavano ogni crimine e che tuttora vengono agitate quando si vuole montare una mobilitazione. Ricordo da ragazzo, in Puglia si captava Radio Tirana ed era un corso quotidiano di complottismo occidentale, imperialista e capitalista ai danni dell’Albania, della Cina e del comunismo…

Illuminati e massoneria

Ma il padre di tutti i complotti resta Satana. Come le categorie politiche hanno una matrice teologica, così anche il complotto ha una matrice religiosa. La demonizzazione del nemico è una delle sue eredità ancora vive. Tuttora c’è chi attribuisce il male corrente al Principe delle Tenebre; o viceversa si attribuisce una sciagura alla punizione divina per i nostri comportamenti dissoluti.

Padre Livio, direttore di Radio Maria, è stato vituperato da tutti per aver denunciato la mano di Satana nel mondo d’oggi; ma lui diceva ciò che da millenni sostengono quasi tutte le religioni, applicava una convinzione in cui credevano in tanti fino a poco tempo fa, ammessa anche nel catechismo e nella dottrina cristiana. La mano sinistra del demonio o la collera divina dietro le catastrofi. Il castigo dell’anti-provvidenza è il rovescio dell’invocazione a Dio perché ci aiuti, o la preghiera perché intervenga la Provvidenza, che i santi o gli dei ci proteggano dal male e dalla sventura. Se si crede al disegno divino e al Bene metafisico è coerente credere anche al disegno diabolico e al male metafisico.

Insomma, il complotto viene da molto lontano. Attraversa mondi, culture, visioni, religioni, ideologie. E spesso conserva un nucleo originario di verità. Ma è un sentore, un’intuizione, non è una verità assodata e dimostrata. Vagliatela col rigore della ragione e il senso della realtà.

Fonte: Marcello Veneziani

Lettera a Marcello Veneziani

Seguo Veneziani da molto tempo ed ho sempre apprezzato le sue analisi ed i suoi arguti commenti sulla deriva politica e sociale dell’Italia di oggi; tuttavia questa volta sono rimasto deluso nel leggere le sue argomentazioni presenti in questo articolo.
Caro Veneziani non posso pensare che lei creda veramente a quello che scrive. “…..I complotti sono teoremi che si reggono su fonti di seconda mano e di terz’ordine, spesso attinte alla cloaca del web e carpite da una notizia in apparenza innoqua….”
Al contrario di Veneziani noi riteniamo che sono proprio le versioni ufficiali quelle che reggono a stento su fonti di propaganda e di manipolazione, il più delle volte, e che vengono presentate come fatti e rappresentazioni della realtà che è del tutto diversa da quella ufficiale.
Il ragionamento non regge ed è facile dimostrarlo: prenda per esempio, Veneziani, la narrazione dei fatti relativi all’11 Settembre.
Lei Veneziani davvero crede che l’abbattimento delle Twin Towers sia stato causato da quello che ci hanno raccontato le fonti ufficiali? Spieghi allora come mai anche negli USA non ci crede più nessuno, a partire dall’associazione dei parenti delle vittime che ha vinto la causa giudiziaria per chiamare a risarcimento il Governo dell’Arabia Saudita (mai colpevolizzato nella versione uficiale). Oppure spieghi perchè l’associazione degli ingegneri statunitensi ha chiesto di chiarire le cause reali del crollo delle torri desecretando i rapporti e come mai la stessa richiesta è stata fatta dai dirigenti dei pompieri di New York, gli stessi che hanno perso decine di colleghi nel crollo. Tutte le persone assennate hanno ormai capito che quello delle Twin Towers è stato un “inside job” e che la versione ufficiale faceva acqua da tutte le parti. Dietro quell’evento c’era ben altro.
In aggiunta prenda per esempio la versione delle guerre fatte dall’Amministrazione USA in paesi come l’Iraq, l’Aghanistan, la Libia, la Siria, la Somalia, lei ci crede nella versione delle “armi di distruzione di massa” e nella fialetta di Colin Power mostrata all’ONU ? Lei Veneziani crede che nella guerra in Siria i mercenari, terroristi presentati dall’Occidente come “opposizione moderata” fossero patrioti che volevano portare la democrazia in Siria e abbattere il cattivo tiranno? Una guerra civile come sostenevano le fonti occidentali o un guerra per procura? Chi se non le fonti alternative (complottisti ) ha mai denunciato la collusione dei paesi occidentali con i gruppi terroristi, jihadisti che operano in Siria e in altri paesi del Medio oriente, utilizati da USA, GB Francia per destabilizzare i regimi sgraditi a Washington?

Nuovo Ordine Mondiale


Chi aveva ragione nel descrivere la realtà di quelle guerre, i “complottisti” che vedevano la mano degli USA per impadronirsi di quei paesi e delle loro risorse o le fonti come la RAI, la 7, Repubblica o La Stampa che supportavano la versione ufficiale?
Ci sarebbero molti altri esempi anche sulla storia politica italiana, dagli “anni di piombo” a “mani pulite”, alle privatizzazioni ed alla svendita del patrimonio italiano (industriale e bancario) per spiegare le vere cause di quegli avvenimenti ma il discorso sarebbe lungo. Vogliamo parlare del caso Mattei, del caso Moro, del caso Ustica ?
La verità, caro Veneziani, è quella che non esistono i complotti ma esistono le strategie che sono quelle del potere di manipolare l’informazione e i fatti puntando a presentare come verità assolute le notizie fornite dai camerieri del potere (i falsi media) e ridicolizzare o emarginare coloro che confutano le versioni ufficiali presentandoli come “complottisti”.
Viviamo nell’epoca della falsa informazione e della manipolazione delle menti, caro Veneziani, come lei stesso ha riconosciuto in molti dei suoi articoli, per questo bisogna apprezzare che esistano ancora persone che forniscono una versione diversa o opposta rispetto a quelle ufficiali, salvo le apposite deformazioni e depistaggi fatti appositamente per confondere e denigrare coloro che sostengono versioni scomode per il potere.

con stima

Luciano Lago

62 Commenti

  • Farouq
    7 Dicembre 2020

    I complottisti sono tutte le persone allergiche alla menzogna

    Rimanendo in tema, centinaia di persone in India svengono senza spiegazione e non è il coronavirus

    https://www.usatoday.com/story/news/world/2020/12/07/mystery-illness-andhra-pradesh-india-200-hospitalized-one-dead/3855842001/

  • michele
    7 Dicembre 2020

    x luciano lago
    risposta perfetta al veneziani! e non solo…..

  • giulio
    7 Dicembre 2020

    “con stima”????
    ma manco per niente! questo veneziani si meritava un sonoro “con disistima”!
    Questo veneziani è un altro di quei guru che non meritano le simpatie che spesso gli rivolgono molti dei suoi lettori di destra! Con questo articolo rivolto contro “i complottisti” ‘s’è rivelato per quello che è: un finto giornalista alternativo e un utile idiota al servizio dei centri di potere….

    • atlas
      8 Dicembre 2020

      a leggerti mi gratto prima il testicolo destro e poi quello sinistro, è l’unica sollecitazione politica che mi riesci a ispirare

      se qualcun altro ti trova un rompicoglioni io invece ti stimo

      • giulio
        8 Dicembre 2020

        leggi bene, pezzo di psicopatico: ideologicamente sei cacca, politicamente non vedi al di là del tuo naso e sai solo fare il pappagallo di quello che scrivono altri, psicologicamente sei un fissato schizofrenico, come uomo sei un maschilista puttaniere, sessualmente sei un frustrato, religiosamente sei un esaltato e per il resto sei un mediocre ex carabiniere ed ex galeotto….però forse come monnezzaro e bottegaio te la cavi.
        Questo è il tuo pedigree.

        • atlas
          8 Dicembre 2020

          concordo Giulio. Ti ricordo che dimentichi che sono anche un gran mascalzone. E un figlio di puttana pure. Però ho un limite: li riconosco. Non sono in grado minimamente di criticare un Uomo come Lavrov.. Tanto meno uno come Dugin, non ne ho il permesso

          tu hai il permesso di ascoltare

          se vuoi

          https://www.youtube.com/watch?v=wI4M9azrVYQ&feature=share&fbclid=IwAR0GIXZepy2OlQfPI8I9kvkFMK6e53Yzz6we-tcNK7S0OVP7_z_fhQ4jY3Q

          • giulio
            9 Dicembre 2020

            strano! un commento senza le solite offese …a parte quel plurale “li riconosco” con cui sembra voler mettere anche me tra i “mascalzoni e i figli di puttana”…e forse lo sono anch’io ma non della sua stessa razza.
            Premesso questo, andiamo a Dugin.
            Da quello che so di lui non mi sembra che come filosofo o ideologo sia adatto a voi nazifascisti. Dugin ripudia ogni forma di nazifascismo (e conseguente razzismo) sebbene rischia di cascarci a “piè pari” quando parla quasi favorevolmente di Trump e trumpiani …rimprovera a trump e trumpiani solo di non avere un’ideologia ma sbaglia perché in realtà l’ideologia , per quanto rozza e non concettualizzata, ce l’hanno scritta nel loro dna: si chiama fascismo anche senza chiamarlo così) .Trump è solo una delle tante maschere che le classi dominanti di stampo capitalistico sono capaci di indossare a seconda delle circostanze storiche e delle convenienze. Lo definirei un “fascista democratico” nel senso che non veste divise militari, nè usa gagliardetti ma la mentalità è proprio quella di stampo imperial-fascista.
            Dugin (ma anche molti altri assieme a lui…penso anche a Preve e al suo allievo Orso) sbaglia anche quando ritiene che comunismo e fascismo sono spariti…in realtà è sparito solo il comunismo e non il nazi-fascismo e la ragione è semplice: il comunismo è sparito perchè non essendo stato capace di rimediare ad alcuni errori teorici del marxismo, ha semplicemente buttato l’acqua sporca assieme al bambino e si è buttato tra le braccia del capitalismo stesso…vedasi la fine ingloriosa del PCI)
            Il nazifascismo, invece, non è affatto scomparso per la semplice ragione che è stato, è e sarà sempre solo una faccia del capitalismo che a volte assume le vesti del “liberismo” altre volte, quando ha paura, assume quelle proterve della dittatura fascio-nazista.
            C’è anche un altro elemento – che definirei “antropologico” – che favorisce la sopravvivenza del fascio-nazismo: la natura individualistica, rabbiosa, prepotente, arrogante di alcuni ceti sociali che sono sempre stati il principale supporto di base del nazi-fascismo: la piccola borghesia o ceto medio!
            Marx pensava erroneamente che le crisi capitalistiche avrebbero spinto i ceti medi verso la proletarizzazione e, quindi, verso la solidarietà con i proletari….errore fatale! I ceti medi, dalle crisi capitalistiche vengono spinti verso le peggiori dittature che poi vengono puntualmente assorbite e fatte proprie dai gruppi capitalistici dominanti (che oggi si chiamano multinazionali globalizzanti)…qualcosa di simile (e in questo concordo con le analisi di studiosi come Preve) è successo anche in russia perchè anche lì non c’è stata affatto una rivolta dei ceti più popolari ma proprio dei ceti medi cresciuti all’ombra dello sviluppo industriale statalistico sovietico.
            p.s. mi domando se valeva la pena mettermi a fare il “professore” (che peraltro non ritengo affatto di essere) con un personaggio come lei … non so bene neppure perchè l’ho fatto visto che non sono stato mosso da nessuna intenzione o illusione di intaccare la sua ideologia.
            Forse l’ho fatto solo per una momentanea concessione a Dugin che sinistra e destra sono sparite!

          • atlas
            10 Dicembre 2020

            convengo che è un mondo di giuli, profumato. Per questo c’impongono la mascherina …

  • Remo
    7 Dicembre 2020

    Ottima risposta alla lettera di Veneziani.
    Una volta i complottisti era quelli che ordivano per sorvertire il potere costitutuito gente che tramava all’interno della cerchia reale mentre i “complottisti” di oggi sono le cassandre che mettevano in guardia i suoi simili del pericolo (la storia si ripete sempre). E non c’è bisogno di tirare in ballo la teologia, demoni o satana per giustificare quello che è sempre stato nella storia l’istinto predatorio dell’essere umano quando ha il potere di vita e morte sui popoli che gli annebbia la mente e fa affiorare tutta la malvagità e il delirio di onnipotenza. Capire prima degli altri cosa sta succedendo o probabilmente succederà è una questione di informarsi da più fonti possibili anche quelle che meno ti piaciono e vedere dove collimano e dove invece divergono e capire cosa può essere vero, verossimile o falso e usare la logica che la storia ci insengna anche se un po’ taroccata dai vincitori di turno. Trovare buone fonti di informazione su internet non è una esclusiva degli eletti accreditati dai mass media lo può fare chiunque abbia un cervello che gli funzioni e non accetti a priori la prima verità che li viene propinata da un pseudo autorità o esperto di turno.

    PS: tutto questo è un film già visto e rivisto

    • keki
      8 Dicembre 2020

      “Pezzo di psicopatico” è bellissima! Hahahahaahahah

      • atlas
        8 Dicembre 2020

        il riso abbonda, ma come al solito il messaggio di una femmina non può essere profondo

        meglio i massaggi che mi fanno le 2 cinesi che ho conosciuto a Ottobre. Sono sempre sorridenti, nulla a che vedere con le italiane, fanno ciò per cui sono state create, senza sovvertimenti innaturali all’ordine delle cose

      • atlas
        8 Dicembre 2020

        poi, se hai cacciato la testa fuori dalla sabbia come le struzze, sperando di rintuzzarmi all’infinito come una bambina viziosa, per poi arrivare a uscire con me dimenticami. A parte che dovresti aspettare il tuo turno come tutte le altre, ma proprio non m’interessi, l’odio e l’amore sono sentimenti ineludibili; di amore per un’italiana non se ne parla neanche quindi il cerchio si restringe

        (il tuo ultimo commento nei miei riguardi di qualche mese fa lo lessi, ma poi cambiò pagina e lo lasciai lì, nel cestino, fra le cose inutili)

  • marte
    7 Dicembre 2020

    Sarebbe strano se dovessimo credere ad una sola versione dei fatti.

    • Alvise
      8 Dicembre 2020

      Non nego che le sue disamine politiche siano il più delle volte condivisibili. Ma quello che la rende fastidioso è quel suo insistere nel ficcare in ogni suo commento (anche a sproposito) il solito mantra della destra cattiva, del “fassista”, “nassista” “rassista” ecc. Non mi pare che gli altri utenti di questo sito adoprino continuamente gli stessi toni che adopra lei con la destra, nei confronti della sinistra da lei rappresentata. E poi si lamenta se qualcuno non concorda. con lei con gli stessi suoi argomenti.

  • Vittoriano
    7 Dicembre 2020

    Colgo l’occasione
    per segnalare alcuni testi
    ai ‘lettori’ di controinformazione.info,

    Il complotto della contro-Chiesa nella Divina Rivelazione e nel Magistero
    di don Curzio Nitoglia

    http://www.unavox.it/ArtDiversi/DIV411_Don_Nitoglia_Complotto_della_controChiesa.html

    Il problema dell’ora presente
    di monsignor Henri Delassus
    viene universalmente considerato come la vera summa del pensiero cattolico antisovversivo…
    Il primo d due volumi dell’opera tratta del complotto contro la Chiesa e la Cristianità. …

    Complotto contro la Chiesa
    di Maurice Pinay
    Roma, 1962
    http://antimassoneria.altervista.org/wp-content/uploads/2016/02/complotto-contro-la-chiesa-maurice-pinay.pdf

    “Vermijon”
    Le forze occulte che manovrano il mondo
    ROMA
    M C M L X X
    http://antimassoneria.altervista.org/wp-content/uploads/2016/02/lefocculte-CHE-GOVERNANO-IL-MONDO.pdf
    — La pubblicazione è stata premiata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri in data 9 agosto 1957 ed ha avuto un’ottima recensione su la rassegna «Libri e Riviste»; che, come si sa, è edita dal Centro di Documentazione della Presidenza del Consiglio della Repubblica Italiana (Giugno 1955, p. 1707).

    un sito dove poter scaricare gratuitamente
    qualche buon testo ‘complottista’
    es. :
    http://antimassoneria.altervista.org/libri-consigliati/

    se poi qualcuno conosce il francese

    segnalo 251 robustissime opere
    pubblicate dalle
    Editions Saint-Rémi
    Pour la sauvegarde de la littérature catholique.
    Les meilleurs livres de la Tradition contre-révolutionnaire.,
    nella collana JUDAÏSME – FRANC-MAÇONNERIE

    https://saint-remi.fr/fr/52-judaisme-franc-maconnerie

    e in tanto che ci siamo
    ricordiamo,
    almeno,
    anche l’opera di Michael A. Hoffman
    Judaism Discovered (2008)
    1103 Pages
    (Il giudaismo svelato: uno studio della religione antibiblica del razzismo,
    dell’autoadorazione, della superstizione e dell’inganno)
    testo nel quale l’autore fa parlare i fatti non li manipola …

    https://www.pdfdrive.com/michael-a-hoffman-judaism-discovered-2008pdf-e8568019.html

    . . .

    Grazie a voi

  • Vittoriano
    7 Dicembre 2020

    … Falsa informazione e manipolazione delle menti …

    Uno degli innumerevoli esempi
    di fondamentale importanza storica
    e dimostrabili
    ce lo ha ricordato
    Paul Craig Roberts questa mattina
    scrivendo nel suo ultimo articolo :
    Come illustra il mio articolo di questa mattina in questo 79 ° anniversario dell’attacco giapponese a Pearl Harbor
    ( https://www.paulcraigroberts.org/2020/12/07/pearl-harbor-an-orchestrated-event/ ),
    i governi usano l’inganno per portare le persone in accordo con le agende di coloro che controllano il governo. …

  • atlas
    8 Dicembre 2020

    l’unico che cospira è da sempre il giudeo

  • Gian
    8 Dicembre 2020

    Mi sembra strano che Controinformazione ospiti tali commenti e il Veneziani; forse lo fa per tenerci allerta…
    Mi accodo al commento di Giulio, aggiungendo che il caro Veneziani é un “giornalista” che, come la maggior parte degli appartenenti alla categoria, sopravvive grazie ai sussidi di stato e, in definitiva, grava sulle spalle dei contribuenti.
    Siggerisco alla redazione di non ospitare piú tali personaggi “double face”.

  • Hannibal7
    8 Dicembre 2020

    Di questo articolo ho apprezzato SOLO la nota di Luciano Lago
    H7

    • atlas
      8 Dicembre 2020

      io le giuliate: sia di destra che di sinistra

      conviene tenerselo buono quel tipo, manda maledizioni a tutta forza

      non c’è immacolata che tenga

  • Teoclimeno
    8 Dicembre 2020

    Caro Marcello Veneziani, in politica niente è per caso. I complottisti sono persone intelligenti dotate di discernimento, e che giudicano la politica dai fatti. Gli stupidi invece sono dei ben pensanti, degli idioti che non vedono l’elefante rosa in salotto. Caro Veneziani, vedi di darti una mossetta, decidi tu con chi vuoi stare. I tempi sono decisamente escrementizi e non c’è spazio per le anime candide, ed ancora meno per i pennivendoli che fanno il doppio gioco.

    • Teoclimeno
      8 Dicembre 2020

      Scusate il lapsus calami:
      L’ altra grande bufala in Mondovisione, oltre a quelle già citate da Luciano Lago, è lo sbarco degli astronauti sulla Luna del 1969.

  • Antonio Caracciolo
    8 Dicembre 2020

    No! Apprezzo e seguo costantemente Controinformazione e apprezzo il lavor di Alessandro Lago, che non conosco personalmente, come invece conosco personalmente da molti anni Marcello Veneziani, anche se non vi è stata una frequentazione assidua e sistematica, ma una costante “covergenza”: ci incontriamo e ci ritroviamo ogni volta in sintonia, sulla stessa lunghezza d’onda… No! qui direi che Alessandro Lago non abbia capito ciò che Marcello dice… Marcello in nessuna sua riga sta dicendo di essere quello che io con mio termine chiamo gli Ufficialisti, ossia quelli che credono alle “verità ufficiali” solo perché sono ufficiali e provengono da una fonte ufficiale… Come qui tutti gli altri che usano uno pseudonimo, neppure io mi firmo per intero, ma solo con il nome di battesimo… Io che da anni vengo additato come il Negazionista e che non trova sostegno e solidarietà neppuree fra i campioni della “controinformazione”… Tutti o quasi stanno alla larga da me… No! Marcello, in nessuna sua riga dice di essere un “ufficialista”… Dice altra cosa, pienamente condivisibile: il meccanismo probatorio di quanti sostengono tesi diffamatoriamente tacciate di “complottismo” o “negazionismo” devono essere giustamente rinforzate dove appaiono più fragili… E ciò nell’interesse stesso di chi le sostiene e di ad esse presta credito ed attenzione… Non bisogna poi mettere tutto sullo stesso piano… Posso io inventarmi una consapevole e deliberata bufala, ma non posso pretendere che tutti mi credano… Marcello dice che quello che credo dalla Cia sia stato bollato come “complottismo” è una fonte preziosa, alla quale si può e si deve attingere, o almeno su cui riflettere, ma sapendo discernere e cercare magari noi stessi quella ulteriore documentazione di cui la congettura ha bisogno. Spero di essere stato chiaro e di non essere a mia volta frainteso. (pubblico e sviluppo sul mio account questo commento)

  • Antonio
    8 Dicembre 2020

    Non vedo il mio commento precedente, che ho sviluppato e reso pubblico nel mio account facebook: https://www.facebook.com/antonio.caracciolodaseminara/posts/10220976976365609 Credo sia una questione tecnica, non certo una censura… Saluti.

  • giorgio
    8 Dicembre 2020

    Dissi a qualcuno: Ma se la mascherina protegge dal covid perchè si temono gli assembramenti e si chiude tutto e inoltre si chiude in certi orari e non in altri … forse che in alcuni orari il virus si riposa ?
    Mi ha risposoa quel qualcuno: ma lei vede complotti dappertutto …… eppoi lo dicono gli esperti in tv …..
    Appello: chi sposa le versioni ufficiali acriticamente, sia che si tratti del covid, dell’11 settembre, dello sbarco sulla luna, della fialetta di Powell, Moro, Mattei, Ustica ecc. è pregato di farne gli elogi (delle versioni ufficiali) sugli innumerevoli organi di stampa e siti di regime ….. c’è solo l’imbarazzo della scelta ….

    • Teoclimeno
      8 Dicembre 2020

      Egregio Signor GIORGIO, ovviamente ha ragione. Se la situazione non fosse tragica, sarebbe tutta da ridere. Molti cordiali saluti. TEOCLIMENO

  • Antonio
    8 Dicembre 2020

    Per favore, non si interpreti questo mio ulteriore intervento come un voler suscitare polemica… Non ne ho interesse alcuno, soprattutto in questo spazio virtuale. Ma mi pare che non si comprenda la questione, il nocciolo del problema. Qui non si tratta di credere o non credere a qualcosa: vi è piena libertà di fede o non-fede. Si tratta di dimostrare e argomentare una qualsiasi cosa. La si può aver dimostrata come vera, ma ciò non basta: bisogna comunicarla in modo efficace. Può essere deliberatamente falsa ed allora chi ha interesse al falso ne fa “propaganda” ed in genere (gli stati, le multinazionali…) ne hanno anche i mezzi. Il credere o non credere è una reazione individuale e soggettiva. La “guerra” non è solo quella delle bombe e dei missili, ma vi è anche una guerra che ognuno di noi combatte tutti i giorni: la lotta fra “vero” e “falso”, che si combatte con la spada della logica, del documento, della prova… ma poi non basta. Mi pare che nel Vangelo vi sia un punto dove si dice che la luce che emana da una lanterna, non la si chiude dentro un armadio, ma la si espone in modo che possa far luce a tutti quelli che si trovano nei dintorni… Il Nemico ha poi le sue astuzie: per screditare il fronte avverso magari inventa lui stesso una bufala che attribuisce all’avversario, e magari paga qualcuno perchè la sostenga, sapendo che è falsa…

  • Sandro
    8 Dicembre 2020

    Marcello Veneziani laureato in filosofia.
    Va bene scrittore, va ben giornalista, ma, per favore, filosofo no, proprio no!
    Filosofo da philos = amico e sophos = sapienza, in definitiva, “amane della sapienza”. Più precisamente, colui che si occupa dello studio di tutto lo scibile umano o, – anche – come si preferisce, forma di sapere che tende a SUPERARE ogni CONOSCENZA SETTORIALE per attingere ciò che è costante e uniforme al di là del variare dei fenomeni.
    Ciò detto non mi pare che il Veneziani, in linea generale, segua questo insegnamento.
    Un filosofo che si da al giornalismo. Non vorrei essere scorretto, ma un personaggio che svolge l’attività diversa da quella per cui si è o si dovrebbe essere formato, mi par di capire che non si sente preparato a tal compito. Quello che scrive sembra esserne conferma.

  • Mario
    8 Dicembre 2020

    Classico esempio: “Come in un attimo si perde credibilità”. Dovrà pur mangiare anche lui.

  • Renato
    8 Dicembre 2020

    Bene, allora caro Luciano, come la mettiamo con gli aerei che si sono schiantati contro le torri? E quello caduto a causa della ribellione dei passeggeri? È stata tutta una finzione del grande schermo? Il numero dei passeggeri morti, degli aerei dirottati, anche quello? Ci dia una chiara spiegazione, grazie.

  • Alvise
    8 Dicembre 2020

    Questa volta non condivido il contenuto dell’articolo di M. Veneziani, ma non mi sembra una buona ragione per attaccarlo solo perché di destra. (come fanno alcuni) Ricordiamoci che, in precedenti articoli, Veneziani si è dimostrato un giornalista anti-sistema contro (a ragione) a questo dispotico regime sinistro che ha preso illegalmente il potere in Italia e contro gli italiani. Definirlo tout-court un “Utile idiota” per un discutibile articolo mi pare molto riduttivo. Purtroppo alcuni han preso la palla al balzo e non hanno perso l’occasione per sottolineare la sua appartenenza alla destra per denigrarlo.

  • Farouq
    8 Dicembre 2020

    Semplice, grazie al fms

    https://it.wikipedia.org/wiki/Flight_Management_System

    -Cerca Malcolm Howard della CIA

    -Do è sparito l’aereo sul pentagono?

    -E la torre 7?

    -ecc…

  • play black
    8 Dicembre 2020

    Cari complottisti un cazzo,qui si parla di informazione,quellaq decapitata da tutto l’arco costituzionale e di cui fa parte Veneziani,quando stava in rai ha solo preso lo stipendio.questi intellettuali di “destra” che scodinzolano al potere,e che dimenticano che un Mons:Vigano’ ha chiesto all’umanita’ di pregare il ss rosario,per salvare il mondo dal Messia alimentato daqlla crudelta’.Complottista un cazzo,questo mettersi sopra un piedistallo ringraziare perche3′ il complottista fa riflettere,Dovevate rimanere nella provincia da cui siete venuti,quella provincia andava emancipata invece avete portato il provincialismo,e’ un offesa questo articolo e’ un offesa all’intelligenza,come tanti di “destra” pronti a prostituirsi a Draghi invece di inneggiare a Cossiga:

  • Renato
    8 Dicembre 2020

    https://scuola.repubblica.it/liguria-savona-lspdellarovere/2018/12/02/11-settembre-e-stato-un-complotto/
    Ho trovato questo articolo, ma non parla degli aerei dirottati.

    La cosa difficile da credere, per me, è, che per questo complotto, hanno dovuto assassinare quasi 3 mila persone, senza contare quelli degli aerei. Gli Usa hanno fatto tante cose sporche, ma mai si sono colpiti da soli. Il lancio della bomba atomica avenne dopo che i giapponesi attaccarono Pearl Harbor. Fu anche quello un complotto della Cia?

    • Farouq
      8 Dicembre 2020

      Errore
      Gli americani non sono stati colpiti dagli americani ma da una setta fanatica al potere

    • Arditi, a difesa del confine
      8 Dicembre 2020

      visto che le piace informarsi, si informi sulle cause (vere) dell’attacco a Pearl Harbor

    • Teoclimeno
      8 Dicembre 2020

      Egregio Signor RENATO, “mai colpiti da soli” non direi. Anzi direi che è una costante della politica americana. Ad esempio: l’affondamento del Lusitania, l’incidente del Golfo del Tonchino. Molti cordiali saluti. TEOCLIMENO

  • Pietro
    8 Dicembre 2020

    egregio Luciano Lago, fai un’opera meritoria, regala al veneziani il libro di Udo Ulfkotte: Giornalisti Comprati, scritto da un VERO GIORNALISTA, che è stato assassinato per essere coerente, magari gli si aprono gli orizzonti, ma ho paura che lui appartenga a quella categoria. Pietro

  • Pietro
    8 Dicembre 2020

    non appartenga, errata corrige

  • Renato
    8 Dicembre 2020

    Farouq, questo, non fatico a crederlo.

  • keki
    8 Dicembre 2020

    Ancora con questa storia delle etichette che qualcuno non utilizza con accezione negativa, ma che comunque vengono usate per praticità, per capirci, insomma.
    Basta!
    Veneziani fa un discorso generalista, che un po’ mi sorprende. Come i veri debunkers mischia tutto nel calderone del becero ricettacolo da gossip di quart’ordine.
    Forse Veneziani non sa che non viviamo in una favola, dove chi ci governa è un saggio illuminato che dispensa amore e pace
    Eppure, essendo giornalista, dovrebbe aver intuito che spesso l’apparenza non corrisponde alla realtà.
    Quindi ciò che asserisce, a mio avviso, è qualcosa di estremamente sterile.

  • Matteo
    8 Dicembre 2020

    Stento a credere che quel pezzo sia stato scritto dal signor Veneziani, ma in questi tempi di terrorismo psicologico e finanziario è normale che in persone fragili ci siano cedimenti con plateali inversioni di rotta. Il coraggio e la coerenza non sono virtù in vendita, ma una penna si.
    Non sono molto lontani i tempi in cui lei , quando lei ancora era lei, scriveva sulla Verità un pezzo serio dal titolo “Un pericoloso mitomane si è impadronito dell’Italia”. Ma la vita è bella perché è varia… e variabile.
    https://www.adhocnews.it/un-pericoloso-mitomane-si-e-impadronito-dellitalia-ma-la-pazienza-e-finita/
    Anche i saltimbanchi hanno il diritto, penna in mano, di fare le giravolte.

  • atlas
    8 Dicembre 2020

    uno che critica Dugin, l’altra che da donna si permette di criticare uno come Veneziani, cmq un Uomo

    il sito che ospita più volte Veneziani, poi lo critica …

    tutto e niente, regole tecniche massoni e non Leggi morali, basta

    Leggi di DIO, tagliare la mano al ladro, pena di morte, lapidare l’adultera

    DIO PATRIA FAMIGLIA

    • Kaius
      9 Dicembre 2020

      Atlas concordo al 150% con questo commento

  • antonio
    8 Dicembre 2020

    Bevi la coca cola che ti fa bene
    Bevi la coca cola che ti fa digerire
    Con tutte quelle, tutte quelle bollicine

    • atlas
      8 Dicembre 2020

      casino Antonio, futilità … un problema serio

      ma se le femmine incendiano il mondo è solo perchè i Maschi non sono più tali. Società effemminata. Poi mancava solo lei e la paperopoli è fatta

      LEGGI DI DIO ! E’ ora

  • giorgio
    8 Dicembre 2020

    Per Renato.
    Consiglio la lettura di 2 libri di Thierry Meyssan sull’ 11 settembre, dopo averli letti avrà non pochi dubbi sugli autori dello pseudo attentato …..

    – L’incredibile menzogna. Nessun aereo è caduto sul Pentagono, Roma, Fandango, 2002.
    – Il Pentagate. Altri documenti sull’11 settembre, Roma, Fandango, 2002

  • atlas
    8 Dicembre 2020

    cmq ho notato: quando si tratta di cose nostre la partecipazione è più presente (circa 40 commenti, per adesso, sia a un’articolo che all’altro)

    ciò denota per lo meno uno spirito ancora un poco identitario, e a ognuno il suo; lo tenga presente la redazione prima d’interessarsi anche a fatti e cose a 5.000km da quì

  • Monk
    8 Dicembre 2020

    Pregate il nostro Signore Gesù con Me, il vero Monk.

    • atlas
      9 Dicembre 2020

      sorbiscitela tutta monk, un’ora e un quarto, è di oggi/ieri. Pare che ” l’immacolata ” per la religione cattolica sia la ” protettrice delle Due Sicilie “, viene ‘ benedetta ‘ anche la Bandiera (a me mi protegga soltanto Il Dio, ma mi piace lo stesso)

      https://www.facebook.com/FondazioneFrancescosecondodelleDueSicilie/videos/1273656553011089

    • atlas
      9 Dicembre 2020

      https://www.youtube.com/watch?v=gf8142Sku4s&fbclid=IwAR2p7z9RmFZ4c5z9gcwfU1KYTHdN7h39NI2nZwIWlayWKi7Qz1C9Mrt8LJ4

      mi chiedo come i cristiani possano classificare ‘ infedeli ‘ altri che credono a Gesù, e ‘ fratelli maggiori ‘ quelli che lo ‘avrebbero’ mandato a morte

      è sempre più un casino …

      • Kaius
        9 Dicembre 2020

        Infatti noi cristiani riteniamo infedeli chiunque non rispetti la Sacra Dottrina.
        Ebrei,protestanti e ortodossi inclusi.
        Tutti in eresia e quindi infedeli.
        Ebrei “fratelli maggiori”?
        Ma se il loro credo non ha più motivo di esistere!

        • atlas
          10 Dicembre 2020

          ammetto che le differenze ci sono, i cattolici credono che dio si è fatto in tre, ma a parte questo, hai trovato nel video su Gesù che ho postato molto di differente o lontano dalla tua dottrina ?

          • Kaius
            10 Dicembre 2020

            I cattolici credono che Dio abbia donato la sua natura divina al Figlio e allo Spirito Santo,quindi si si è fatto trino.
            Qualsiasi versione di Cristo che non rispetti la Sacra Dottrina è blasfema e eretica in ogni sua veste.

  • alcat
    9 Dicembre 2020

    Di tutti quelli che ho letto il Veneziani mi pare il meno peggio. Al podio Giulio, Atlas e Monk. Amen

    • atlas
      10 Dicembre 2020

      se c’è Giulio non vengo …

  • Carlos Catucci
    9 Dicembre 2020

    Mi pare che il dignor Veneziani non si riferisca a casi come quelli citati da lei signor Lago. Il problema a mio svviso è che per sppunto svilire le denunce vi dis chi, per caso o per calcolo, ci acvosta ipotesi di altri, chiamoamoli così, complotti, ma afducendo prove ridicole. Così si ottiene di svilire l’ipotesi realistica e suffragata da accostandola a ipotesi ruducole e prive di supporto. A questo punto un lettore ignaro mette assieme il tutto e bolla come complottismo il tutto.
    Se si potesse distinguere tra cose dimostrate e pure invenzioni non suffragate da prove, ecco che il ruolo di bsstian contrari di coloro che non accettano supinamente le versioni ufficiali sarebbe di certo rivonosciuto.
    Nel libro, scrittoa 4 mani da Paco Ignacio Taibo II e il SubComandante Marcos dell’EZLN, morti scomodi c’è una frase sul fatto che goi zapatisti controllano sempre le fonti per essere certi di fire il vero. Perché le persone si fidano di loro proprio perché fivono sempre il vero, basterebbe una volta vhe mon dia così per distruggere la fiducia.

  • Carlos Catucci
    9 Dicembre 2020

    Mi pare che il signor Veneziani non si riferisca a casi come quelli citati da lei signor Lago.
    Il problema a mio avviso è che per appunto svilire le denunce di chi, per caso o per calcolo,
    ci accosta ipotesi di altri, chiamiamoli così, complotti, ma adducendo prove ridicole.
    Così si ottiene di svilire l’ipotesi realistica e suffragata da accostandola a ipotesi riducole
    e prive di supporto. A questo punto un lettore ignaro mette assieme il tutto e bolla come complottismo
    l’insieme delle teorie.
    Se si potesse distinguere tra cose dimostrate e pure invenzioni non suffragate da prove, ecco che il ruolo
    di bastian contrari di coloro che non accettano supinamente le versioni ufficiali sarebbe di certo riconosciuto.
    Nel libro, scritto a 4 mani da Paco Ignacio Taibo II e il SubComandante Marcos dell’EZLN, Morti scomodi, c’è una
    frase sul fatto che gli zapatisti controllano sempre le fonti per essere certi di dire il vero. Perché le persone
    si fidano di loro proprio perché dicono sempre il vero, basterebbe una volta che non sia così per distruggere la
    fiducia.

  • Giorgio
    9 Dicembre 2020

    Per Kaius …. d’accordo sugli Ebrei …. ma quali fratelli maggiori ….. però ci andrei piano ad accomunare protestanti e ortodossi …… possiamo anche tacciarli di eresia …
    ma protestanti ed evangelici sono funzionali al mercantilismo liberista e globalista anglo americano mentre degli ortodossi apprezzo sicuramente la sobrietà e la spiritualità, di molto maggiori dei presunti cattolici …..

    • atlas
      10 Dicembre 2020

      vero Giorgio, vero. Non so perchè kaius li definisca (gli ortodossi), addirittura eretici, mi sembra esagerato ma non insisto. Chi è convinto nel cattolicesimo tradizionale cmq è da stimare, mentre con i protestanti o altre sette non vi possono essere compromessi, sono come salafiti e wahhabiti, nemici di Dio, massoni

      • Kaius
        10 Dicembre 2020

        Per Giorgio
        Un ortodosso è in eresia come un protestante e un evangelico di conseguenza perverso,immorale,in errore teologico,quindi condannato agli inferi e in quanto eretico pervertitore trascina altre anime con se.
        Non vedo perché far differenze,sono sepolcri imbiancati.
        Cattolici si è o non si è,di conseguenza un cattolico è tenuto a comportarsi da tale.
        Un cristiano per essere cristiano deve essere un cristiano.
        Se non lo è e non lo fa è un nemico di Cristo,in questo caso un lupo travestito da pecora direi.
        Per Atlas
        Vale gran parte del commento sopra.
        Aggiungo solo che non esiste il cattolicesimo tradizionale,ma il Cattolicesimo e basta.
        Il resto è feccia eretica e satanica,bergogliani in primis.

Inserisci un Commento