L’esercito ucraino uccide 20 civili in cinque giorni nel bombardamento deliberato delle città del Donbass


di Christelle Néant

Da diversi giorni l’esercito ucraino bombarda le zone residenziali delle città del Donbass con molteplici lanciarazzi Grad e Himar e artiglieria calibro NATO da 155 mm, uccidendo e ferendo molti civili.

Dal 1° dicembre 2022 l’esercito ucraino bombarda quotidianamente le aree residenziali delle città del Donbass, e in particolare contro le città di Donetsk, Gorlovka (DPR – Repubblica popolare di Donetsk) e Alchevsk (LPR – Repubblica popolare di Lugansk) .

I lanciarazzi multipli Grad e l’artiglieria NATO standard da 155 mm sono utilizzati principalmente contro la città di Donetsk, DPR, compreso il centro della città.

Alla fine della mattinata e poi la sera del 1° dicembre 2022, l’esercito ucraino ha così bombardato il centro di Donetsk con lanciarazzi multipli Grad (22 razzi in totale), uccidendo un dipendente del Ministero delle situazioni di emergenza, e uccidendo un’altro e ferendo sette civili. Sono stati colpiti anche diversi condomini e l’Hotel Ramada.
Il 2 dicembre 2022, l’esercito ucraino ha continuato a bombardare il centro di Donetsk con colpi Grad e artiglieria NATO da 155 mm, uccidendo cinque civili e ferendone 14. I colpi sono puntati su strade commerciali, dove non ci sono né postazioni, né basi militari, né pezzi d’armamento. Peggio ancora, una delle sparatorie è avvenuta intorno alle 17, quando molti dipendenti lasciano il lavoro per tornare a casa. Chiaramente, l’obiettivo dei soldati ucraini era quello di causare il maggior numero possibile di vittime civili.


Il 3 dicembre 2022, l’esercito ucraino continua a sparare su diversi distretti di Donetsk e aggiunge un lancio di missili HARM alle sue solite munizioni, contro il distretto di Kirovski. Solo che non si capisce davvero cosa abbia motivato il lancio di un missile anti-radar lì, visto che si tratta ancora una volta di una zona residenziale, dove ovviamente non ci sono radar militari. In totale quel giorno, 4 civili sono rimasti feriti.
Poi, il 4 dicembre 2022, l’esercito ucraino ha nuovamente bombardato le aree bombardate il 2 dicembre, con razzi Grad e artiglieria NATO da 155 mm, ferendo 12 civili, tra cui una bambina di 10 anni. I colpi hanno preso di mira anche la chiesa della Natività di Cristo a Donetsk.
Poi, nel pomeriggio, l’esercito ucraino ha sparato diverse salve da Grad su Donetsk, colpendo tra l’altro il centro commerciale di Stolichny e l’area intorno al centro commerciale della città di Donetsk. Questi colpi hanno ucciso quattro civili e ferito quattro.
In totale, in cinque giorni i bombardamenti dell’esercito ucraino sulle zone residenziali della DPR e della LPR hanno provocato la morte di 20 civili e il ferimento di 69 (compreso un bambino di 10 anni).

Perché questo lungo articolo pieno di post di Telegram contenenti prove fotografiche e video del fatto che questi bombardamenti dell’esercito ucraino hanno preso di mira aree esclusivamente civili, dove non c’erano obiettivi militari (né postazioni, né pezzi di armamento, né basi militari)?

Bene, questo articolo è qui per dimostrare a tutti coloro che sono presi dalla propaganda pro-kyiv e dai troll pro-NATO, NAFO e filo-Ucraina che pullulano sui social network, che l’esercito ucraino sta mirando deliberatamente e cerca di sterminare e terrorizzare i civili del Donbass! E che in considerazione delle munizioni utilizzate, come i proiettili NATO standard da 155 mm, e i missili HARM, o i razzi Himar, la scusa addotta che sia lo stesso esercito russo a bombardare le città sotto il suo controllo non regge. Solo l’Ucraina ha questi armamenti forniti a Kiev dalla stessa NATO !

Ai miei cari lettori in Occidente, ecco a cosa servono i soldi delle vostre tasse: finanziare e armare un regime terroristico, che bombarda deliberatamente civili, negozi e chiese. Mentre vi viene detto che siete a rischio di blackout elettrico, il cui prezzo, come quello di gas e benzina, è esploso grazie alle stupide sanzioni prese dai vostri governi, i soldi delle vostre tasse vengono utilizzati per aiutare l’Ucraina a commettere crimini di guerra di massa. Affinché la maggioranza silenziosa smetta di fare le scimmie che non vedono, non sentono e non dicono, fate circolare il più possibile questo articolo, in modo che i vostri concittadini vedano ciò che sostengono così ardentemente.

Christelle Neant

Nota: per chi vuole seguire giorno per giorno quello che succede nel Donbass e sul fronte, iscrivetevi al nostro canale Telegram , è gratuito, e pubblico solo informazioni in diretta sui bombardamenti, e la situazione nelle diverse zone del fronte che lì, perché è la piattaforma più adatta per questo.

fonte: Donbass Insider

Traduzione: Gerard Trousson

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM