L’esercito ucraino e l'”Internazionale Atlantista”


di Karine Bechet-Golovko .

Mentre i media occidentali ci vendono il conflitto militare in Ucraina come una grande guerra nazionale di liberazione contro il perfido aggressore russo, apprendiamo costantemente, da fonti anglosassoni, la partecipazione di soldati dei paesi della NATO nelle file della esercito ucraino.

Tanto che l’esercito ucraino sembra essere solo una denominazione vuota, come lo stato ucraino, usata per nascondere i veri meccanismi di governo. Ecco, per quanto riguarda gli inglesi. In altre parole, è piuttosto l’internazionale atlantista, che sta combattendo in Ucraina contro la Russia!
Pochi giorni fa, il quotidiano The Independent ha riportato un’intervista con un comandante georgiano, che sta combattendo in Ucraina dalla parte ucraina. È vero che la Georgia ha una vasta esperienza in termini di destabilizzazione interna ed è totalmente sotto il controllo americano (basta passeggiare per Tbilisi per vedere l’entità dell’occupazione militare fisica del paese), che ha persino riqualificato il suo ex presidente-truffatore -il rivoluzionario Saakashvilli con il governo ucraino post-Maidan e per un certo periodo come governatore di Odessa. Non parleremo nemmeno dei cecchini Maidan… Insomma, l’amicizia dei paesi “liberati” da se stessi nello spazio post-sovietico in piena azione!

Così, secondo questo comandante georgiano, in questa grande guerra di liberazione nazionale hanno preso parte ben 3.000 soldati britannici… nelle file dell’esercito ucraino . E in generale, circa 20.000 militari stranieri sono nell’esercito dell’Ucraina.

Di quale esercito nazionale stiamo parlando? Che combattimento è?

Un mercenario americano disse al giornalista americano Seth Harp che si trovavano anche membri delle forze speciali britanniche della SAS:

I russi affermano giustamente che proprio la presenza di questi combattenti stranieri ad Azot sta bloccando il processo dei colloqui e quindi la liberazione degli ostaggi civili. Ciò che è vero per questa fabbrica è vero per il Paese.

La situazione in Ucraina è peggiorata profondamente dal momento in cui è passata sotto il controllo straniero. E attualmente, è il coinvolgimento diretto dei paesi della NATO nel conflitto militare sul suolo ucraino che sta facendo durare questo conflitto. Per la semplice e buona ragione, che non hanno alcun interesse a vedere il popolo fraterno ucraino e russo convivere pacificamente, che vogliono usare una minoranza estremista per seminare il terrore all’interno del paese e combattere formalmente attraverso di lei contro la Russia.

Karine Bechet-Golovko

fonte: Russie Politics

Traduzione: Luciano Lago

5 Commenti
  • stefanogrim
    Inserito alle 19:37h, 23 Giugno Rispondi

    !il popolo fraterno ucraino e russo …”
    Ancora con questa balla del popolo fraterno ucraino! una balla che nel 2014 e’ servita anche a mister Lavrov per ripudiare inorridito e schifato ogni idea di intervento in ucraina dopo il golpe…poi qualche mese fa è servita alle 5e colonne atlantiste nel governo russo per ostacolare e frenare l’intervento russo in ucraina…il popolo ucraino non conta un c…o e doveva invece essere liberato dalle bande naziste dominanti che col loro lezzo hanno impregnato tutta o gran parte dell’ucraina! Peraltro devo ancora capire cosa centra il fatto di non colpire nodi ferroviari, , strade di comunicazione usate per mandare armi ai nazisti col fatto di dover preservare le vite dei civili! Inoltre ci sono civili e civili …non credo che siano senza responsabilità quanti sono andati a costruire molotov o prendere fucili per sparare contro i russi!

    • Giorgio
      Inserito alle 08:57h, 24 Giugno Rispondi

      Sono d’accordo STEFANOGRIM ….. anche io vorrei vedere tabula rasa dell’Ucraina …. la fine delle passeggiate dei leader atlantisti a Kiev ….
      e i mercenari usa-gb (o occidentali) rispediti nelle loro patrie in tanti sacchi neri ….
      Tuttavia, forse è meglio frenare l’impazienza ….. penso sia giusto confidare nella saggezza russa …. tanto i nodi stanno per arrivare al pettine …..

  • PETER FALK
    Inserito alle 00:16h, 24 Giugno Rispondi

    STEFANOGRIM d’accordo su tutto ma proprio tutto!!

  • Stanislao Mulinski
    Inserito alle 10:02h, 24 Giugno Rispondi

    La candidatura per l’ingresso UE di Ukraina, Moldova e Georgia non presagiscono nulla di buono

  • andrea1964
    Inserito alle 11:37h, 24 Giugno Rispondi

    In tutti i paesi Capitalisti Dittatoriali Democratici Filo-USA diversi milioni di cittadini sono in miseria alla fame , disoccupati senza cure mediche e senza nessun sussidio di disoccupazione .
    Per esempio qui in Italia abbiamo ben 15 milioni di cittadini italiani disoccupati senza nessun reddito di disoccupazione o simile e NON hanno nemmeno il diritto ad avere LE CURE MEDICHE E MEDICINE A GRATIS !
    Il regime dittatoriale democratico italiano dal 1980 fa finta che NON ESISTANO PIU” ITALIANI DISSOCUPATI IN ITALIA oppure che tutti gli italiani si rifiutano di lavorare 12 ore al giorno malgrado che guadagnino un lauto stipendio da fame di 450 euro al mese !
    Se ad un disoccupato occidentale o italiano gli sventoli sul muso 7000 euro che potrebbe guadagnare facilmente se va a fare il mercenario in Ucraina per combattere contro i russi e gli racconti la balla che i Russi muoiono come mosche perché non sanno combattere e che non dispongono di armi moderne o che stanno finendo le munizioni e perdendo la guerra in mezzo a 17 milioni di italiani disoccupati un fesso di italiano credulone-affamato -avido di soldi che ti va a fare il mercenario né trovi a migliaia !

Inserisci un Commento