L’esercito siriano entra a Daraa al-Balad per espellere i terroristi

L’esercito siriano entra nell’area di Daraa al-Balad e alza le bandiere nazionali, mentre avanza con successo in una spinta per eliminare i resti dei terroristi.

Le forze siriane sono entrate mercoledì a Daraa al-Balad, nella città meridionale di Daraa, e hanno iniziato ad allestire postazioni militari in preparazione per rimuovere i resti dei terroristi, armi, munizioni, ordigni esplosivi, tunnel, fortificazioni e nascondigli, secondo l’ agenzia di stampa statale siriana , SANA .

Durante le loro operazioni hanno anche trovato un tunnel scavato sotto edifici residenziali utilizzato da gruppi terroristici per infiltrarsi e attaccare i quartieri residenziali e i checkpoint dell’esercito siriano a Daraa.

Inoltre, hanno issato la bandiera nazionale nel quartiere di Al-Arbain, nell’ambito di un accordo di tregua proposto dal governo siriano, presieduto da Bashar al-Asad, lo scorso agosto.
In base al nuovo accordo di tregua, raggiunto il 14 agosto, i miliziani anti-governativi sono stati costretti a consegnare le armi e le forze siriane hanno istituito posti di blocco in nove distretti di Daraa al-Balad. Coloro che si sono rifiutati di deporre le armi sono dovuti partire per la Siria settentrionale o la Giordania in autobus forniti dalle autorità di Damasco.

Bndiera siriana su Daraa

Stabilire il pieno controllo del governo su Daraa è della massima importanza in quanto confina con le alture del Golan occupate, che Israele ha utilizzato per fornire aiuti ai gruppi armati terroristi che combattono il governo siriano fin dal 2011.

L’esercito siriano determinato a liberare Daraa al-Balad


Nel luglio 2018, la Siria ha dichiarato la città di Daraa libera dal terrorismo, a seguito di un processo di riconciliazione sponsorizzato dalla Russia, in cui gli estremisti hanno consegnato le loro armi medie e pesanti, mentre il resto è partito per la provincia settentrionale di Idlib.

Tuttavia, i miliziani rimasero in alcune zone di Daraa, compresa la parte meridionale, chiamata Daraa al-Balad.
Il 26 luglio, le forze siriane hanno deciso di porre fine all’assedio degli estremisti in cambio della consegna di armi da parte di questi ultimi.

Tuttavia, i terroristi non hanno accettato la proposta di Damasco, hanno violato la tregua e hanno attaccato civili e militari siriani, costringendo il governo ad aumentare la propria presenza militare per ottenere il controllo dell’area.

Fonte: Hispan Tv

Trduzione: Luciano Lago

4 Commenti
  • Pavel
    Inserito alle 13:23h, 09 Settembre Rispondi

    Gravissimo errore far partire i terrosti verso Idlib e la Giordania . Un giorno potresti trovarti a combattere ancora contro gli stessi personaggi .
    L’ unico terrorista buono e il terrorista morto.

    • Giorgio
      Inserito alle 18:26h, 09 Settembre Rispondi

      …….. Cosi come l’unico anglo sionista buono è un anglo sionista morto …….

  • eusebio
    Inserito alle 19:08h, 09 Settembre Rispondi

    Anche l’IRGC oggi ha attaccato con droni e missili le basi di terroristi nel Kurdistan irakeno, uccidendo decine di terroristi, inoltre l’esercito irakeno ha preso il totale controllo della provincia di al Anbar, incluse le zone desertiche.
    Pare evidente che le forze armate delle due potenze sciite si stanno coordinando, in operazioni contro i terroristi guidati dai sionisti.
    L’IRGC ha affermato anche che l’entità sionista incontrerà lo stesso destino dell’occupazione yankee dell’Afghanistan, problema leggermente più complicato, visto che in Palestina ci sono più di sei milioni di ebrei ed ogni anno vengono raggiunti da diverse decine di migliaia di correligionari in fuga dalle violenze antisemitiche.
    In California, dove c’è una comunità ebraica di oltre mezzo milione di persone molto ricca e potente, gli ebrei si sono infuriati perchè all’attentatore della sinagoga di Poway, John T. Earnest, che nell’aprile 2019 attaccò la sinagoga aprendo il fuoco e uccidendo una donna, non è stata comminata la pena di morte.
    Negli USA i casi di antisemitismo stanno aumentando, e ad esempio la comunità ebraica californiana si sta spostando in Nevada, dove la mafia ebraica controllava il gioco d’azzardo a Las Vegas, oppure nel Nord Est e perfino alle Hawaii, dove i ricconi ebrei sono al sicuro e gestiscono i loro affari della cosra ovest.

  • atlas
    Inserito alle 02:30h, 10 Settembre Rispondi

    Dio con la Siria, sociale e nazionale. Cristiana e musulmana

Inserisci un Commento