L’esercito siriano annienta i ribelli islamici infiltratisi nell’Hama settentrionale


BEIRUT, LIBANO (12:00) – L’esercito arabo siriano (ASA) è riuscito a eliminare diversi membri dell’esercito libero siriano (FSA) gruppo sostenuto da Arabia Saudita e USA, nella campagna settentrionale del Governatorato di Hama questo lunedì.

Guidati dalla loro guardia repubblicana, i militari siriani hanno scatenato una raffica di fuoco con missili di superficie a terra e proiettili di artiglieria verso un raduno dei miliziani dello “Jaysh Al-‘Izza” che si trovavano nei pressi della città chiave di Al-Latamnah.

Secondo un comunicato militare del Governatorato di Hama, l’attacco dell’esercito arabo siriano su questo raduno degli ” Jaysh Al-‘Izza” ha provocato la morte di numerosi miliziani vicino all’asse meridionale di Al-Latamnah.

Questo attacco dell’esercito arabo siriano il Lunedi è arrivato in risposta ad un assalto notturno da Jaysh Al-‘Izza vicino alla grande città cristiana di Mhardeh, nel nord di Hama.
L’Esercito siriano si è schierato a difesa del bastione cristiano respingendo l’atttaco dei terroristi ed annientando il gruppo
.
Nel frattempo le forze siriane stanno conducendo l’offensiva contro le restanti sacche degli jihadisti dell’ISIS che si trovano sul versante orientale, nella zona di Deir Ezzor.
Nel corso di questa offensiva sono stati catturati cinque combattenti stranieri facenti parte del gruppo terroristico Stato Islamico (ISIS / Daesh).

Terroristi dell’ISIS catturati dall?Esercito siriano

Secondo il comunicato stampa ufficiale delle forze siriane, dei cinque combattenti dello Stato islamico catturati, almeno due erano cittadini statunitensi, uno era irlandese e altri due erano pakistani. Si tratta di mercenari arruolati dai servizi di intelligence sauditi o americani.
Sono state pubblicate le foto di questi miliziani catturati. Da queste foto si può comprendere la falsità della narrazione occidentale della presunta “guerra civile” in Siria. Una “strana guerra civile quella che vede da una parte l’Esercito nazionale siriano costituito da coscritti e dall’altra mercenari di varie nazionalità armati da USA-Arabia Saudita e loro alleati.

Fonte: Al Masdar News

Traduzione : Luciano Lago

3 Commenti

  • La soluzione
    7 Gennaio 2019

    Feccia umana

  • atlas
    7 Gennaio 2019

    io credo che anche come si comunica sia importante. Se sono agenti stipendiati da sauditi, giudei e cani perché chiamarli ‘islamici’ quando sono wahhabiti salafiti ? Perché chiamarli ‘ribelli’ ? Ribelli a cosa se non sono nemmeno Siriani ?

    ‘Jihad’ nella lingua Araba, intesa come terminologia Islamico/Religiosa, vuol dire ampiamente ‘sforzo per Dio’. Da dove viene fuori questo vocabolo ‘jihadisti’…quando sono guerriglieri per la democrazia e il capitalismo massone anglo giudeo ? In lingua Araba ‘guerra’ viene tradotto ‘harb’. Gli unici che si sforzano veramente per DIO per me che non seguo le indicazioni della propaganda democratica giudeo americana sono i Musulmani e i cristiani delle Forze Armate della Repubblica Sociale e Nazionale di Siria.

  • Fabio Franceschini
    8 Gennaio 2019

    Subito sulla forca

Inserisci un Commento

*

code