L’esercito russo non ha colpito edifici residenziali e infrastrutture sociali durante l’operazione speciale, ha affermato il portavoce presidenziale Dmitry Peskov.

“Le forze armate russe non colpiscono edifici residenziali o strutture di infrastrutture sociali, colpiscono obiettivi militari: evidenti o mascherati”, ha detto Peskov, commentando i tentativi della parte ucraina di trasferire alla Russia la responsabilità della distruzione di un edificio residenziale a Dnepropetrovsk. , riferisce RIA Novosti .

Ha anche attirato l’attenzione sulle parole dei rappresentanti del regime di Kiev secondo cui il motivo del crollo dell’ingresso della casa a Dnepropetrovsk era stato l’antimissile ucraino.
Domenica, l’amministrazione della regione di Dnepropetrovsk ha dichiarato che a seguito della caduta di un razzo su un edificio residenziale di nove piani a Dnepropetrovsk, almeno 20 persone sono state uccise e 73 ferite.

I media occidentali hanno immediatamente addossato la responsabilità alla Russia affermando che l’edificio sarebbe stato colpito da un missile russo. L’informazione è stata smentita dalle fonti russe. SI tratta di un missile della difesa aerea ucraina che è ricaduto esplodendo sull’edificio, come già accaduto altre volte.

Fonti: Agenzie

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus