L’esercito russo ha distrutto i posti di comando delle Forze armate ucraine e centinaia di nazisti



L’esercito russo continua un’operazione militare speciale in Ucraina. Il nemico subisce perdite significative.

Come risultato dell’uso dell’aviazione tattica delle forze aerospaziali russe nell’area di Avdiivka, il 37° battaglione della 56a brigata di fanteria motorizzata delle forze armate ucraine ha perso completamente la sua capacità di combattimento. Le perdite di personale hanno superato il 60%. Il comando del gruppo operativo-tattico “Donetsk” ha trasferito i sopravvissuti del battaglione nelle retrovie per la riorganizzazione.

Mercenari francesi i prima linea

Oltre 80 nazionalisti sono stati uccisi e più di 50 feriti dalle armi ad alta precisione delle forze aerospaziali russe sull’accumulo di manodopera e equipaggiamento militare del 18° battaglione della 35a brigata marina delle forze armate ucraine nelle aree di Belaya Krinitsa e Velikoye Artakovo.

Armi a terra di alta precisione hanno colpito la permanenza temporanea di mercenari stranieri di varie nazionalità nella città di Kharkov. Più di 90 militanti sono stati uccisi.

Nell’area di Posad-Pokrovsky, nella regione di Mykolaiv, circa 60 nazionalisti e 8 unità di veicoli speciali sono state distrutte da uno attacco preciso dell’aviazione dell’esercito delle Forze aerospaziali russe nel punto di dispiegamento temporaneo del 1° battaglione della 28a brigata meccanizzata delle forze armate dell’Ucraina.

A seguito degli attacchi di artiglieria concentrati delle truppe russe sulle posizioni di combattimento della 95a brigata d’assalto aviotrasportato delle forze armate ucraine vicino all’insediamento di Mazanovka, nella Repubblica popolare di Donetsk, più di 250 nazionalisti sono stati definitivamete liquidati.
L’aviazione tattica operativa e dell’esercito, le forze missilistiche e l’artiglieria continuano a colpire strutture militari sul territorio dell’Ucraina.

Durante la giornata sono stati colpiti cinque posti di comando delle forze armate ucraine, tra cui la 72a brigata meccanizzata nella regione di Artemivsk, la 46a brigata di aeromobile nell’area del villaggio di Belaya Krinitsa, nella regione di Kherson, nonché manodopera e equipaggiamento militare delle forze armate ucraine in 234 distretti.

Distrutti: tre depositi di armi e munizioni per missili e artiglieria nelle aree degli insediamenti di Zvanovka, Vasyukovka della Repubblica popolare di Donetsk e Bereznegovatoe della regione di Nikolaev.

I sistemi di difesa aerea russi hanno distrutto dieci veicoli aerei senza pilota ucraini al giorno nelle aree degli insediamenti di Yegorovka, Staromlynovka, Novogrodovka della Repubblica popolare di Donetsk, Yakovenkovo, Lesnaya Stenka, Zeleny Gai, Kochubeevka della regione di Kharkiv, Bezymennoe, Charivnoe e Bruskinskoye di la regione di Cherson.

Inoltre, tre proiettili di un sistema di lancio multiplo di razzi sono stati abbattuti in aria vicino agli insediamenti di Topolskoye e Suligovka nella regione di Kharkiv.

In totale, dall’inizio dell’operazione militare speciale, sono stati distrutti: 267 aerei, 148 elicotteri, 1.757 veicoli aerei senza pilota, 366 sistemi missilistici antiaerei, 4.340 carri armati e altri veicoli corazzati da combattimento, 800 veicoli da combattimento a lancio multiplo sistemi a razzo, 3.312 cannoni e mortai di artiglieria da campo, nonché 4938 unità di veicoli militari speciali.

Fonte: https://rusvesna.su/news/1660806077

Traduzione: Sergei Leonov

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM