L’esercito israeliano si prepara per l’operazione di terra nella Striscia di Gaza

placeholder

Negli ultimi giorni gli scontri tra Hamas e l’esercito israeliano si sono intensificati, con oltre 1.600 razzi lanciati dalla Striscia di Gaza verso Israele.
L’esercito israeliano si sta preparando per un’operazione di terra nella Striscia di Gaza, ma finora non è stato emesso alcun ordine per iniziare questa offensiva, ha detto giovedì il portavoce delle Forze di Difesa Israeliane (IDF), Jonathan Conricus.

All’inizio della giornata, The Times of Israel ha riferito che lo stato maggiore presenterà e discuterà i piani per una possibile invasione di terra nell’enclave. Questi piani, messi insieme dalla Divisione di Gaza e dal Comando Meridionale, possono essere consegnati ai leader politici di Israele, suggerisce il rapporto.

Nel frattempo, il portavoce dell’IDF Jonathan Conricus ha affermato che almeno 1.600 razzi sono stati lanciati contro Israele dalla Striscia di Gaza dall’inizio dei recenti scontri e che il sistema di difesa missilistico Iron Dome israeliano ha dimostrato un’efficienza di circa il 90%.

Scontri in Palestina


Scontri a Gerusalemme e nelle aree della Cisgiordania occupata
Gli scontri iniziali tra polizia e manifestanti sono iniziati a causa delle notizie secondo cui le autorità non avrebbero permesso ai fedeli di tenere i loro consueti raduni serali del Ramadan fuori dalla Porta di Damasco a Gerusalemme, vicino alla Moschea di Al-Aqsa.

Il conflitto tra la polizia e i manifestanti si è intensificato dopo la decisione del tribunale israeliano di sfrattare alcune famiglie palestinesi dal quartiere Sheikh Jarrah di Gerusalemme.

L’escalation è stata seguita da scambi di razzi tra Israele e Gaza che hanno portato a un nuovo ciclo di tensioni e massicci disordini nel paese.

Dall’inizio delle tensioni, sei israeliani sono morti e più di 200 feriti. Allo stesso tempo, 67 palestinesi sono stati uccisi e altre centinaia feriti a Gaza, secondo le autorità palestinesi.
Evgeny Mikhaylov
Fonte: Sputnik News

La polizia israeliana sta perdendo il controllo … e Gantz: Ciò che sta accadendo è più pericoloso delle battaglie militari

Fonte: Al-Mayadeen Net
Il presidente israeliano chiede calma e il primo ministro Benjamin Netanyahu chiede l’intervento dell’esercito, mentre il ministro della sicurezza ha respinto la proposta.

Il presidente israeliano, Reuven Rivlin, ha chiesto soluzioni rapide per fermare gli scontri tra coloni e palestinesi e ha detto: “Prego tutti, fate tutto ciò che è in vostro potere per fermare questa cosa terribile che sta accadendo davanti ai nostri occhi. Ci stiamo impegnando in una guerra civile senza motivo. Smettete per favore. Siamo un solo paese “.

I media israeliani hanno riferito che la polizia israeliana ha perso il controllo sullo scontro con i palestinesi, osservando che il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, voleva legalizzare l’ingresso dell’esercito israeliano nelle città occupate, a cui si è opposto il ministro della Sicurezza, Benny Gantz , che lo consideravano un lavoro da guardie di frontiera e polizia.

In un altro contesto, i resoconti dei media israeliani hanno indicato gravi manifestazioni e scontri a Lod, Acre, Haifa, Jaffa, Beit Yam, Tiberiade e Umm al-Fahm, oltre a “scontri tra i residenti arabi da un lato, e la polizia e i coloni d’altro canto.”

Gantz ha detto durante la seduta di gabinetto che ciò che sta accadendo nelle strade è più pericoloso delle battaglie militari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus