L’esercito israeliano è in allerta per paura di una possibile risposta dell’Iran all’assassinio in Siria di uno dei suoi comandanti da parte del regime sionista.

I media israeliani, citando funzionari militari, hanno riferito lunedì sera che l’esercito del regime sionista è in allerta per una possibile risposta da parte del Corpo delle guardie della rivoluzione islamica iraniana (IRGC) all’assassinio di Seyed Razi Mousavi, uno dei suoi comandanti a Damasco.

Il comandante senior dell’IRGC è morto martire questo lunedì in un attacco aereo israeliano nel quartiere di Sayeda Zeinab, a sud di Damasco, mentre era in missione consultiva.

“Israele attende una risposta sul fronte settentrionale all’assassinio del comandante” del Corpo dei Guardiani iraniani in Siria, ha riferito il quotidiano israeliano Jerusalem Post .

Altri media israeliani, citando funzionari sionisti, hanno annunciato che l’esercito di questo regime si sta preparando per una possibile risposta da parte dell’Iran, compreso il lancio di missili.
Secondo l’ambasciatore iraniano in Siria, Hosein Akbari, il regime israeliano ha attaccato la casa del comandante iraniano nel suddetto quartiere con tre missili, provocando la distruzione della residenza e l’assassinio di Mousavi.

Seyed Razi Mousavi,

In una dichiarazione, l’IRGC ha affermato che Mousavi è stato martirizzato in “un attacco criminale” con missili da parte del “falso regime sionista che uccide bambini”, e ha avvertito che il regime usurpatore e selvaggio di Israele pagherà senza dubbio il prezzo del suo crimine.

Il presidente dell’Iran, Seyed Ebrahim Raisi, piange il martirio del veterano consigliere del Corpo dei Guardiani nell’attacco israeliano in Siria, avvertendo che il regime usurpatore pagherà sicuramente per questo crimine.

Dallo scoppio della guerra israeliana contro Gaza il 7 ottobre, il regime sionista ha intensificato i suoi attacchi contro il territorio siriano.

Nel frattempo, l’Iran avverte che qualsiasi attacco contro le sue forze nella regione riceverà una risposta schiacciante da parte della Repubblica Islamica.

Fonte: Hispan Tv

Traduzione: Luciano Lago

8 commenti su “L’esercito israeliano è in allerta per paura di una possibile risposta dell’Iran all’assassinio in Siria di uno dei suoi comandanti da parte del regime sionista.

  1. L’Iran dovrebbe “farla da furbo” evitando scontri diretti, almeno per ora, e una vera e propria guerra con l’entità sionista e le flotte usa, in che modo vorrei spiegarlo ma non posso, per non creare problemi al sito e al suo gestore ….

    Cari saluti

  2. Si ma queste risposte schiaccianti quando arrivano? Bisogna radere al suolo israele con tutti i psicopatici vertici sionisti assetati di sangue!! Questi demoni devono essere cancellati dalla faccia della terra. Continuano ad attaccare in ogni dove e nessuno cerca di renderli imbelli

  3. Io mi auguro che l’ Iran si procuri la bomba atomica con missili ICBM. Solo allora sarà rispettato dal regime sionista.

  4. Gli anglo sionisti sono all’attacco su quasi tutti i fronti. Pulizia etnica a Gaza. Omicidio “mirato” in Siria del generale iraniano Mousavi da parte del Mossad. Flotta Usa pronte all’attacco davanti alle coste yemenite con il solito pretesto della difesa della libertà di navigazione. Tentativo di una Maidan 2 a Belgrado. Sostegno al nuovo Navalny, la presunta candidata pacifista Dontsova, esclusa dalle elezioni presidenziali dal “tirannico” regime russo. Apprensione dei media sulla sorte di Navalny stesso, che, “poveruomo” è stato spedito in Siberia. Borrel che propone ai paesi europei di entrare in guerra diretta contro la Russia, visto che mandare a morte certa gli ucraini non è servito a niente. Tutto già visto.
    A Washington, Londra, Bruxelles e Tel Aviv, pensano di vincere attaccando l’asse della resistenza su tutti i fronti. L’occidente si appresta a ricevere molto presto una legnata durissima, sia da parte russa che iraniana, yemenita, irachena, siriana e palestinese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM