L’esercito iraniano avverte i paesi che ospitano basi statunitensi: sarete presi di mira in caso di aggressione americana



L’Iran ha la capacità e la volontà di colpire qualsiasi territorio che ospiti forze degli Stati Uniti o dei suoi alleati nella regione in caso di aggressione contro Teheran, come ha avvertito portavoce delle forze armate, Brig. generale Abolfazl Shekarchi .

“Qualsiasi luogo e punto territoriale che protegga gli interessi degli Stati Uniti e dei suoi alleati sarebbe minacciato (in caso di guerra) e la Repubblica islamica ha dimostrato di essere in grado di farlo”, ha dichiarato il portavoce delle forze armate , parlando con l’agenzia di stampa Fars.

“Anche se un paese non partecipa direttamente ad alcuna possibile guerra ma i suoi territori ospitano il nemico, considereremo quel paese come un territorio ostile e lo tratteremo come un aggressore”, ha aggiunto Shekarchi.

Shekarchi ha sottolineato che l’Iran non sarebbe mai stato l’istigatore di una guerra di aggressione, ma, come il portavoce ha sottolineato, qualora ” un aggressore commettea un errore strategico” e inizii una guerra, “allora l’aggressione si troverà di fronte alla risposta più forte e più schiacciante su una distesa geografica al di là di quanto che i nemici della Repubblica islamica potrebbero immaginare. “

Shekarchi ha aggiunto che l’inefficacia delle attrezzature militari statunitensi è stata recentemente dimostrata quando tutti i sistemi radar e di difesa aerea statunitensi “hanno fallito i loro test in maniera vergognosa” quando la milizia Houthi dello Yemen ha lanciato attacchi alle strutture saudite di Aramco a settembre. A quel tempo, ha detto il portavoce, il mondo intero “ha realizzato la debolezza e l’umiliazione [dell’attrezzatura dei paesi occidentali] in questo campo”.

Questa era la seconda volta Brig. Il generale Shekarchi ha messo in guardia gli Stati Uniti dai pericoli di un conflitto con l’Iran. A giugno, tra i timori regionali su come gli Stati Uniti potrebbero rispondere alla distruzione di un drone da 220 milioni di dollari da parte delle difese aeree iraniane nello Stretto di Hormuz, il portavoce aveva avvertito che sparare anche “un proiettile” contro l’Iran causerebbe la “messa in atto” della rappresaglia sugli obiettivi della regione che sarebbero in fiamme “nella guerra che seguirà. Fonte: Al Masdar News

https://www.almasdarnews.com/article/iranian-military-warns-countries-hosting-us-bases-you-will-be-targeted-in-the-event-of-american-aggression/

Forze speciali russe


Nel contempo Siria, Russia e Iran hanno condotto esercitazioni militari congiunte sulla zona di Deir az-Zour
Le forze dell’Esercito siriano stanno conducendo esercitazioni militari congiunte con truppe russe e iraniane a ovest di Deir az-Zour , un nuovo sviluppo che potrebbe segnalare un cambiamento significativo ai recenti avvenimenti nella parte orientale del paese.

Siti di notizie locali hanno riferito che le esercitazioni, compresi i lanci di missili e le manovre di volo su parti vuote del territorio, si sono limitate alle aree attualmente sotto il controllo del regime.
La rete di media dell’opposizione, DeirEzzor24, ha riferito che questa è la prima volta che le forze del regime hanno condotto esercitazioni militari nella provincia con la Russia e l’Iran. Ha aggiunto che gli esercizi dureranno per diversi giorni e si svolgono solo all’interno di aree controllate dal regime nella parte occidentale di Deir az-Zour.

Il notiziario ha pubblicato video degli esercitazioni, incluso il filmato dei lanci di missili. L’integrazione tra le forze iraniane russe e siriane risulta sempre più stretta.

Fonte: Al Araby.co

Traduzione: Lisandro Alvardo

4 Commenti

  • MONDO FALSO
    5 Novembre 2019

    ben detto

  • Idea3online
    5 Novembre 2019

    Gli Stati Uniti si muoveranno solo se animati dal piccolo corno, ormai lo Zio Sam starà a guardare, non è in condizioni di aggredire la Storia, assiste alla crescita esponenziale del Regno del Sud, non gli resta che riporre le speranze sul piccolo corno, sul condottiero che sfiderà anche Dio. Probabilmente questa situazione di assestamento geopolitico continuerà per decenni, a meno che l’Anticristo non sia nato ed è infante in qualche luogo del Pianeta.

    • atlas
      6 Novembre 2019

      per noi Musulmani Sunniti starà sulla terra 40 anni prima di manifestarsi. I segni dell’ora ci sono tutti. Sarà un giudeo massone

      sarà della famiglia Rothchild ?

  • Eugenio Orso
    6 Novembre 2019

    L’avviso vale anche per l’infame turchia, che ha la base di incirlik e fa parte della nato?

    Cari saluti

Inserisci un Commento

*

code