L’escalation non può essere fermata – La Casa Bianca è scossa; le escalation potrebbero confluire tutte in “una”

di Alastair Crook

La realtà della necessità della guerra penetra ampiamente nella coscienza del mondo arabo e islamico.
Tom Friedman ha lanciato un terribile avvertimento sul New York Times giovedì scorso:

Penso che se Israele ora si precipitasse [unilateralmente] a Gaza per distruggere Hamas, commetterebbe un grave errore che sarebbe devastante per gli interessi israeliani e americani ”.

“ Sto parlando del trattato di pace di Camp David, degli accordi di pace di Oslo, degli accordi di Abraham e della possibile normalizzazione dei rapporti tra Israele e Arabia Saudita. Tutto questo potrebbe andare in fumo ”.
“ Sfortunatamente”, ha detto l’alto funzionario americano [Friedman], “i leader militari israeliani oggi sono più aggressivi del primo ministro. Sono rossi di rabbia e determinati a sferrare ad Hamas un colpo che l’intero quartiere non dimenticherà mai ”.

Friedman qui parla, ovviamente, di un sistema di alleanze americano, costruito attorno all’idea che il valore militare di Israele è invincibile – il paradigma della “piccola NATO” che funge da substrato essenziale per la diffusione dell’ordine basato su regole guidato dagli americani in tutto il mondo. Medio Oriente.

Questo paradigma è analogo ai substrati dell’alleanza NATO, la cui presunta “invincibilità” ha sostenuto gli interessi americani in Europa (almeno fino alla guerra in Ucraina).

Un membro del gabinetto israeliano ha detto al veterano corrispondente della difesa israeliana Ben Caspit che Israele semplicemente non può permettere che la sua deterrenza a lungo termine venga indebolita:

“ Questo è il punto più importante: ‘la nostra deterrenza’”, ha detto una fonte senior del gabinetto di guerra. “ La regione deve capire rapidamente che chiunque danneggi Israele come ha fatto Hamas paga un prezzo sproporzionato. Non c’è altro modo per sopravvivere nel nostro quartiere che chiedere questo prezzo adesso, perché molti occhi sono puntati su di noi e la maggior parte di loro non ha a cuore i nostri migliori interessi ” .

In altre parole, il “paradigma” israeliano si basa sulla manifestazione di una forza travolgente, diretta verso qualsiasi sfida emergente. Questo paradigma ha le sue origini nell’insistenza degli Stati Uniti affinché Israele sia sia in prima linea nel progresso politico (tutte le decisioni strategiche spettano esclusivamente a Israele nel quadro di Oslo) sia in prima linea nel progresso militare rispetto a tutti i suoi vicini.

Sebbene presentata come tale, questa formula non consente di raggiungere un accordo duraturo e pacifico che consenta il rispetto della risoluzione 181 dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite del 1947 (divisione della Palestina dell’era del mandato) in due Stati. Al contrario, Israele, sotto il governo Netanyahu, si sta avvicinando sempre più a una fondazione escatologica di Israele nella (biblica) “Terra d’Israele” – una mossa che cancella completamente la Palestina.

Non è un caso che, durante il suo discorso all’Assemblea Generale il mese scorso, Netanyahu abbia presentato una mappa di Israele su cui Israele domina dal fiume al mare e dove la Palestina (di fatto, qualsiasi territorio palestinese) è inesistente.

Tom Friedman, nelle sue riflessioni sul New York Times , forse teme che proprio come gli scarsi risultati della NATO in Ucraina hanno mandato in frantumi ” il mito della NATO “, così ha fatto anche il crollo delle forze armate e dei servizi, secondo i rapporti dell’intelligence israeliana del 7 ottobre, e ciò che accade di seguito a Gaza. ” potrebbe far esplodere l’intera struttura dell’alleanza filoamericana ” in Medio Oriente.

La confluenza di due di queste umiliazioni potrebbe spezzare la spina dorsale del primato occidentale. Questa sembra essere l’essenza dell’analisi di Friedman. (Probabilmente ha ragione).

Hamas è riuscita a rompere il paradigma della deterrenza israeliana: non ha avuto paura, l’IDF ha dimostrato di essere tutt’altro che invincibile e le strade arabe si sono mobilitate come mai prima d’ora (confondendo i cinici occidentali che si fanno beffe del concetto stesso di “strada araba”).

Ecco dove siamo e la Casa Bianca è scossa. I CEO di Axios VandeHei e Mark Allen sono intervenuti per avvertire :

“ Non abbiamo mai parlato con così tanti alti funzionari governativi che, in privato, sono così preoccupati (…) che una confluenza di crisi ponga problemi epici e un pericolo storico. Non ci piace essere catastrofisti. Ma suona la sirena del realismo clinico e lucido: i funzionari statunitensi ci dicono che questa settimana alla Casa Bianca è stata la più pesante e spaventosa da quando Joe Biden è entrato in carica poco fa, più di 1000 giorni… Ci dice l’ex segretario alla Difesa Bob Gates degli Stati Uniti Gli Stati si trovano ad affrontare la crisi più grave dalla fine della Seconda Guerra Mondiale, 78 anni fa… ”

“ Nessuna di queste crisi può essere risolta o eliminata: tutte e cinque le crisi potrebbero trasformarsi in qualcosa di molto più serio… Ciò che spaventa i funzionari è il modo in cui tutte e cinque le minacce potrebbero fondersi in una sola ” . (Una guerra che si espande con l’ingresso di Israele a Gaza; l’“alleanza antiamericana” Putin-Xi; un Iran “maligno”; un Kim Jong-un “squilibrato” e video e informazioni falsificati).

Cina Russia Esercitazioni congiunte

Tuttavia, l’articolo di Friedman sul NYT non menziona l’altra faccia della medaglia, perché il paradigma israeliano ha due facce: la sfera interna, che è distinta dalla necessità esterna di imporre un prezzo sproporzionato agli avversari di Israele.

Il “mito” interno è che lo Stato israeliano “recupera i suoi cittadini” ovunque vivano ebrei in Israele e nei territori occupati – dagli insediamenti più remoti ai vicoli della Città Vecchia di Gerusalemme. Più che un contratto sociale, è un obbligo spirituale nei confronti di tutti gli ebrei che vivono in Israele.

Tuttavia, questo “contratto sociale” di sicurezza è appena crollato. I kibbutz nell’area di Gaza sono stati evacuati; Venti kibbutz sono stati evacuati dal nord e sono state evacuate un totale di 43 città di confine .

Queste famiglie sfollate avranno nuovamente fiducia nello Stato? Torneranno un giorno nelle colonie? La fiducia è stata infranta. Ma non sono i missili Hezbollah a spaventare i residenti, bensì le immagini del 7 ottobre nelle comunità alla periferia di Gaza – la recinzione superata in decine di punti, le basi e le postazioni militari invase, le città occupate dalle forze di Hamas, le morti che ne derivarono e il fatto che circa 200 israeliani furono rapiti a Gaza – che non lasciavano nulla all’immaginazione. Se Hamas avesse successo, cosa fermerebbe Hezbollah?

Come nella vecchia filastrocca: Humpty-Dumpty fece una brutta caduta, ma tutti i cavalli e tutti gli uomini del re non riuscirono a rimettere in piedi Humpty.

Questo è ciò che preoccupa il team della Casa Bianca. Non è affatto convinta che un’invasione israeliana di Gaza rimetterà in piedi Humpty. Teme piuttosto che gli eventi possano peggiorare per l’IDF e che le immagini diffuse in tutto il Medio Oriente di Israele che usa una forza schiacciante in un ambiente urbano civile possano ribellare la sfera islamica.

Nonostante lo scetticismo occidentale, ci sono segnali che questa insurrezione nella sfera araba è diversa e più simile alla rivolta araba del 1916 che rovesciò l’Impero Ottomano. La situazione prende una svolta diversa quando le autorità religiose sciite e sunnite dichiarano che i musulmani hanno il dovere di stare dalla parte dei palestinesi. In altre parole, quando la politica israeliana diventa chiaramente “profetica”, lo stato d’animo islamico diventa a sua volta escatologico.

Il fatto che la Casa Bianca stia facendo volare gli aquiloni sui leader arabi “moderati” esortando i palestinesi “moderati” a formare a Gaza un governo favorevole a Israele che sostituisca Hamas e imponga sicurezza e ordine mostra quanto l’Occidente sia tagliato fuori dalla realtà. Ricordiamo che Mahmoud Abbas, il generale Sisi e il re di Giordania (tra i leader più flessibili della regione) si sono categoricamente rifiutati di incontrare Biden dopo il viaggio di quest’ultimo in Israele.

La rabbia nella regione è reale e minaccia i leader arabi “moderati”, il cui spazio di manovra è ora limitato.

I punti caldi si stanno quindi moltiplicando, così come gli attacchi contro le unità americane nella regione. Alcuni a Washington affermano di vedere la mano iraniana e sperano di allargare la finestra per la guerra con l’Iran.

La Casa Bianca, presa dal panico, ha reagito in modo eccessivo inviando enormi convogli (centinaia) di aerei cargo carichi di bombe, missili e difese aeree (THAAD e Patriot) in Israele, ma anche nel Golfo, in Giordania e Cipro. Sono dispiegate anche forze speciali e 2.000 marines. Più due portaerei e le loro navi al seguito.

Armata USA

Gli Stati Uniti inviano quindi una vera e propria armata bellica. Ciò non può che aggravare le tensioni e provocare contromisure: la Russia sta attualmente schierando aerei MiG-31 dotati di missili ipersonici Kinjal (che possono raggiungere la portaerei americana al largo di Cipro) per pattugliare il Mar Nero, e la Cina avrebbe inviato navi da guerra nella regione. . Cina, Russia, Iran e gli Stati del Golfo sono impegnati in una frenesia diplomatica per contenere il conflitto, anche se Hezbollah si impegna ulteriormente nel conflitto.

In questo momento l’attenzione è concentrata sul rilascio degli ostaggi, che sta creando molto rumore (deliberato) e confusione. Alcuni potrebbero sperare che il rilascio degli ostaggi ritarderà, e alla fine fermerà, la prevista invasione della Striscia di Gaza. Tuttavia, la leadership militare e l’opinione pubblica israeliane insistono sulla necessità di distruggere Hamas (non appena le navi americane e le nuove difese aeree saranno operative).

Qualunque cosa sia (l’invasione), la realtà è che le Brigate al-Qassam di Hamas hanno distrutto i paradigmi interni ed esterni di Israele. A seconda dell’esito della guerra tra Gaza e Israele, le Brigate potrebbero ancora causare un’altra ferita al corpo politico che “ scatena una conflagrazione globale – e fa saltare in aria l’intera struttura dell’alleanza filo-americana che gli Stati Uniti hanno costruito ” (in le parole di Tom Friedman).

Se Israele entrasse a Gaza (e Israele potrebbe decidere di non avere altra scelta se non quella di lanciare un’operazione di terra, date le dinamiche politiche interne e l’opinione pubblica), è probabile che Hezbollah venga gradualmente trascinato ulteriormente, lasciando agli Stati Uniti l’opzione binaria di vedere Israele che è stato sconfitto o lanciato una grande guerra in cui tutti i punti caldi si fondono “in uno solo”.

In un certo senso, il conflitto israelo-islamico può essere risolto solo in questo modo cinetico. Tutti gli sforzi compiuti dal 1947 non hanno fatto altro che ampliare il divario. La realtà della necessità della guerra penetra ampiamente nella coscienza del mondo arabo e islamico.

Alastair Crooke

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

5 commenti su “L’escalation non può essere fermata – La Casa Bianca è scossa; le escalation potrebbero confluire tutte in “una”

  1. Cari ebrei fermatevi e tornate indietro e tutti d’accordo date lo stato che vogliono e meritano i palestinesi o sarete per il resto della storia criminali, razzisti e assassini, pensateci fatelo per i vostri giovani e bambini e ricordo che la torah vieta versare sangue.

  2. Bisogna cacciare gli psicopatici sionisti finti ebrei ashkenaziti malefici. Solo così il mondo ritroverà la pace.

  3. Niente di strano…
    Un re paga i conti per continuare sul suo trono ❗️

    I traditori governanti arabi stanno osservando ciò che stiamo vedendo… ma sono più sionisti degli israeliani ❗️

    لاشيء غريب…
    ملك يدفع فواتير استمراره على عرشه❗️

    الحكام العرب الخونة يشاهدون ما نشاهد… ولكنهم صهاينة أكثر من الإسرائيليين❗️

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM