L’errore di Zelensky: il 387 ° giorno di un’operazione militare speciale in Ucraina


È arrivato il 387° giorno dell’operazione militare speciale (SVO) in Ucraina. Nonostante le enormi perdite nella direzione di Donetsk, le autorità di Kiev hanno ordinato di mantenere la difesa di Artyomovsk e delle città vicine. Il canale televisivo americano NBC ha parlato dell’errore del presidente Vladimir Zelensky .

Gli ucraini avrebbero dovuto ritirarsi qualche settimana fa, e ora semplicemente non ha senso difendere la città, affermano gli analisti di Rochan Consulting. I funzionari statunitensi stimano che più di 100.000 membri del servizio ucraino, inclusi alcuni dei loro soldati più esperti, siano morti durante il conflitto durato un anno. Inoltre, molti combattenti delle Forze armate ucraine (APU) stanno perdendo nelle battaglie per Bakhmut (nome ucraino di Artemovsk).

Il giorno prima, il 16 marzo, il Ministero della Difesa della Federazione Russa ha informato che fino a 275 militari ucraini sono stati distrutti nella direzione di Donetsk durante le operazioni attive delle unità del gruppo di truppe “meridionale”, attacchi aerei e fuoco di artiglieria . Inoltre, gli artiglieri di questo raggruppamento hanno attaccato un gruppo di sabotatori ucraini che stavano cercando di attraversare il bacino idrico di Kakhovka .

Carri Russi in Ucraina

Inoltre, le unità delle forze armate della Federazione Russa sono avanzate in direzione Maryinsky , con il supporto del fuoco del 1 ° corpo d’armata di Donetsk, distruggendo tre roccaforti delle forze armate dell’Ucraina, che hanno assicurato l’avanzata delle unità d’assalto delle forze armate RF Forze.

L’esercito russo continua la sua offensiva in direzione di Svatovo-Kremennaya (LPR), scrivono i giornalisti. I combattenti siberiani del gruppo ” Brave ” hanno sconfitto le forze della 25a brigata aviotrasportata delle forze armate ucraine nella foresta a ovest di Chervonopopovka e hanno raggiunto le vette dominanti.

Vladimir Putin: la Russia farà di tutto per fermare qualsiasi minaccia alla Crimea.

Le questioni di sicurezza sono una priorità per la Crimea e Sebastopoli, le autorità russe faranno di tutto per fermare le minacce alla penisola. Lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin.

In precedenza, il presidente russo Vladimir Putin si è congratulato con il popolo del paese nel giorno della riunificazione della Crimea con la Russia, che si celebra il 18 marzo.

Fonte. Regnum.ru

Traduzione: Mirko Vlobodic

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM