L’epopea di Gaza nel contesto della Guerra Mondiale

di Walid Charara

Il famoso editorialista del New York Times , Thomas Friedman – il quale aveva dichiarato, in un articolo pubblicato il 12 aprile 2017, che in Siria “ Trump dovrebbe garantire che l’Isis (Daesh) rimanga un grattacapo per Assad, per l’Iran, per Hezbollah e per la Russia, proprio come noi abbiamo incoraggiato i combattenti mujaheddin a dissanguare la Russia in Afghanistan negli anni ’80; “1 – ha scritto un articolo il 27 febbraio, questa volta indirizzando “un messaggio urgente” al presidente Biden e al popolo israeliano.2

Il messaggio si basa sull’osservazione della sempre più rapida erosione della posizione di Israele, che sta perdendo la sua più grande risorsa tra le nazioni amiche: la sua accettazione e legittimità, faticosamente costruite nel corso di decenni. E questo perché “ l’intera operazione Israele-Gaza comincia a sembrare, a un numero crescente di persone, come un tritacarne umano il cui unico scopo è ridurre la popolazione in modo che Israele possa controllarla più facilmente ”.

Pertanto, nonostante la sua reale simpatia per il dilemma strategico di fronte allo Stato sionista, se Biden non capisce che Netanyahu non esiterà a trascinarlo giù e che gli israeliani non si sforzano di accettare il piano postbellico proposto dall’amministrazione americana “, che non è un regalo ai palestinesi o ad Hamas “, la posizione globale degli Stati Uniti crollerà contemporaneamente a quella di Israele; cosa che renderà felice l’Iran!

Ma si può incolpare uno Stato se si rallegra per gli errori autodistruttivi di un nemico? Giornalista e ricercatore in relazioni internazionali, Walid Charara, risponde alla domanda e altro ancora.

Mouna Alno-Nakhal

*di Walid Charara

Né le parole vuote né le dichiarazioni tonanti sulla necessità di proteggere i civili e di rispettare il diritto internazionale umanitario assolvono i leader dell ‘ “Occidente collettivo “, americano ed europeo, dalla loro responsabilità nel sponsorizzare il massacro in corso commesso dal loro protetto sionista contro la popolazione di Gaza; quella che è considerata“ la più grande operazione di punizione collettiva contro i civili nella storia contemporanea ”; in particolare, da Robert Pipe, politologo americano specializzato in conflitti e sicurezza internazionale.

Un massacro di cui i leader occidentali sono partner diretti grazie al sostegno militare, politico e mediatico dato alla precaria entità che, secondo gli ultimi dati del Ministero della Sanità di Gaza, ha finora ucciso 30.035 palestinesi nella sola Striscia di Gaza, un gran parte dei quali erano bambini, mentre altre migliaia sono ancora sotto le macerie e più di 70.000 soffrono per le ferite riportate.

Diversi fattori spiegano la decisione dei leader occidentali di lanciarsi in una guerra di sterminio che continua, primo fra tutti il ​​loro pregiudizio ideologico e/o politico a favore del sionismo e del suo ” miracolo compiuto sul terreno ” come entità coloniale sostitutiva.

Pertanto, di fronte a quella che considerano una minaccia esistenziale per questa entità occupante che costituisce la pietra angolare del loro sistema di dominio sulla regione, i loro sforzi consistono soprattutto nel difendere la loro egemonia. Poi arrivano le considerazioni politiche ed elettorali interne delle élite e dei partiti che governano i paesi occidentali.

Tuttavia, un altro fattore che illumina il contesto dell’attuale nervosismo occidentale non è stato adeguatamente considerato; vale a dire, la continua guerra globale sulla scena ucraina tra NATO e Russia, nonché il confronto potenzialmente pericoloso tra Cina e Stati Uniti, con i loro alleati, nell’Asia orientale. Gli effetti di questi due elementi contribuiscono a creare un contesto di guerra mondiale che motiva gli stati occidentali ad apportare cambiamenti decisivi alle loro priorità e alla politica estera. Tra le priorità c’è il trasferimento o la ripresa della loro industria militare, con ciò che ciò implica in spese esorbitanti e cambiamenti nelle agende dei loro governi. Per quanto riguarda la politica estera, essa è ora governata dalla centralità di questo contesto (della guerra mondiale) attraverso il quale gli stati occidentali vedono molti eventi e sviluppi, inclusa la battaglia per Gaza.

In altre parole, per Washington e i suoi accoliti occidentali, l’operazione Al-Aqsa Flood ha, intenzionalmente o meno, avvantaggiato Russia e Cina; il che costituisce una ragione in più per il loro contributo alla guerra genocida della popolazione di Gaza e alla sua Resistenza.

E se alcuni di loro chiedono la fine delle operazioni militari dopo più di quattro mesi di questa guerra che non è riuscita a raggiungere il suo obiettivo primario, che è quello di eliminare la Resistenza, è perché il loro perseguimento e gli effetti che ne derivano potrebbero avvantaggiare questi due paesi. concorrenti strategici, Russia e Cina.

Tuttavia, in genere, le ” teorie del complotto ” vengono attribuite agli avversari degli Stati Uniti, sebbene le loro presunte affermazioni convincano solo coloro che ignorano i dati storici sulla politica estera americana in particolare, e sulla politica occidentale in generale. In effetti, Washington e la maggior parte dei suoi alleati non hanno esitato a presentare i movimenti di liberazione nazionale dei cosiddetti paesi del Terzo Mondo come semplici strumenti dell’Unione Sovietica. Sono stati trattati su questa base anche quando alcuni di loro hanno tentato di negoziare con gli Stati Uniti per l’instaurazione di rapporti paritari. Non ci sono mai riusciti, come è avvenuto con l’Egitto di Gamal Abdel Nasser e il “ Movimento Nazionalista Arabo ”, con la rivoluzione algerina, con il governo di Mohammad Mossadegh in Iran, e perfino con il governo di Cuba dopo la vittoria della rivoluzione sul regime di Batista. Tutti cercarono di raggiungere un accordo che evitasse un conflitto aperto con Washington, ma il loro rifiuto di sottomettersi alla sua agenda strategica portò a tale conflitto.

Allo stesso modo, dopo l’operazione “ Al-Aqsa Flood ”, è nata una teoria del complotto all’interno dei servizi militari e di sicurezza americani ed europei. Una teoria secondo la quale la Russia avrebbe almeno aiutato la Resistenza palestinese a portare a termine l’impresa, dato che ai loro occhi sarebbe la prima beneficiaria dell’apertura di un nuovo fronte nel Mediterraneo orientale contro gli Stati Uniti e i suoi alleati, dopo l’apertura del fronte ucraino. Abbiamo sentito echi di questa teoria anche in alcuni media libanesi e da un certo numero di analisti.

Ma la verità è che dopo due decenni di discredito sulla Russia, l’Occidente collettivo è rimasto sorpreso dalla sua capacità di portare avanti con successo un confronto a livello militare, politico ed economico. Il discredito si è poi trasformato in una presunta imminente minaccia russa contro l’Occidente, le sue zone di influenza e i suoi interessi, tanto più che Mosca sarebbe riuscita a “sfruttare” molte delle crisi che hanno colpito i Paesi della regione, infiltrandosi in essi per diventare un giocatore importante.

FILE PHOTO: Russian military jets are seen at Hmeymim air base in Syria,

Il primo esempio proposto è quello della Siria, dove l’intervento militare della Russia alla fine del 2015 ha rappresentato la leva per il suo ruolo politico centrale in questo paese e nella sua regione. Gli stessi commenti vengono fatti sull’intervento militare della Russia in Libia per aumentare la sua influenza nel Mediterraneo e cercare di trasformare questo paese in una piattaforma per nuovi interventi nell’Africa sub-sahariana. Per quanto riguarda gli sviluppi avvenuti nei paesi della regione del Sahel, ci sarebbe “la mano di Mosca” dietro i colpi di stato in Burkina Faso, Mali e Niger. Non sorprende quindi che la stessa logica si applichi alla battaglia del “Diluvio di Al-Aqsa”, che acquisì fin dalle sue prime ore una dimensione regionale e internazionale, perché l’Occidente ha inviato i suoi aerei e sottomarini in aiuto di Israele.

Ciò che i sostenitori di quest’ultima teoria dimenticano è che la decisione di farsi coinvolgere in questa alluvione, e poi in altre battaglie in Yemen, Siria e Iraq, invece di concentrarsi esclusivamente sulla guerra in Ucraina, è una decisione dei leader occidentali. Non è quindi la Russia ad essere incolpata delle conseguenze e dei costi di una simile vicenda. Inoltre, le accuse riguardanti il ​​ruolo di sostegno diretto o indiretto della Russia nella Resistenza palestinese non sono basate su alcuna prova.

Tuttavia, è ovvio che la Russia, così come tutti i rivali e nemici degli Stati Uniti, traggono vantaggio dal loro coinvolgimento in guerre e scontri che li esauriscono sia militarmente che economicamente e indeboliscono ulteriormente la credibilità dei loro cosiddetti valori, inclusa la libertà e altre bolle ideologiche.

È così che, sul piano strategico, Russia e Cina sono state le prime a beneficiare delle operazioni dell’11 settembre 2001 e dell’impigliamento degli Stati Uniti nella palude fangosa delle “guerre contro il terrorismo” che furono, in primo luogo, al contrario, un disastro strategico per Washington. Ma qualcuno oserebbe accusare coloro che hanno pianificato e gestito queste guerre, cioè i neoconservatori e i leader dell’amministrazione Bush Jr., come Dick Cheney e Donald Rumsfeld, di essere agenti di Mosca e Pechino?

In definitiva, in un simile contesto di guerra mondiale, l’unica prova che abbiamo è che più l’invecchiamento dell’impero (americano) viene coinvolto in nuove guerre e conflitti, più serve gli interessi dei suoi nemici. Ciò vale per la nostra regione del Medio Oriente e forse, in futuro, per altre regioni del mondo.

Fonte: Al-Akhbar (Libano) [ الحرب العالمية ]

Traduzione di Fadi Haddad

3 commenti su “L’epopea di Gaza nel contesto della Guerra Mondiale

  1. Alla narrativa occidentale che vede Israele come paese vittima, perché ha subito l’ olocausto, sempre e comunque il resto del mondo non crede e giustamente non gliene importa un fico secco. Nel presente sono loro ed i loro cugini americani a portare morte e distruzione, ovunque meno che nel paesi Nato. Il destino dell’ impero sionista, e quindi Usa, è strettamente correlato all resistenza palestinese e libanese. Se a Tel Aviv verrà inflitta una bella batosta, l’ egemonia sionista crollerà ovunque. Ecco perché s’ affannano con tanto impegno a difendere lo staterello nazista in medioriente, costringendo a fare altrettanto anche ai vassalli UE. Dietro alla resistenza c’ è la Russia o la Cina? Meglio!

  2. Molto ben scritto. Che gli Sati Uniti si indeboliscano, conferma che qualsiasi azione prendano è sempre sbagliata. Sono negativi, sono jellati.
    E’ di oggi: le FF. AA. Yemenite hanno attaccato nel Mare Arabico una nave mercantile israeliana, e nel Mar Rosso navi da guerra americane con missili e squadriglie di droni. Questi sono godimenti ! Colpite duro !

  3. La mia conclusione, dopo aver letto l’articolo, è che più gli USA si agitano, sanzionano, attaccano, invadono e bombardano, più affondano, un pò come avviene quando si finisce nelle sabbie mobili ! E il modello sociale che domina l’occidente è da tempo finito nelle sabbie mobili ! Non vedo l’ora che finisca di sprofondare !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM