L’ENTUSIASMO SCONCERTANTE DELL’UCRAINA NELL’INVITARE LA GUERRA NUCLEARE GUIDATA DAGLI USA NEL SUO TERRITORIO

Il 4 settembre ° , US Air Force B-52H Stratofortress bombardieri strategici hanno sorvolato lo spazio aereo ucraino, e hanno volato lungo la Crimea e il Donetsk e le Repubbliche Popolari di Luhansk .

I bombardieri USA erano scortati dai Su-27 dell’aeronautica ucraina e rappresentavano un avvertimento molto evidente per la Russia, e una sorta di dimensionamento di potenziali attacchi se necessario.

Oltre ai bombardieri, un certo numero di aerei da ricognizione della NATO, ma anche aerei da guerra della NATO, hanno effettuato anche voli sul Mar Nero.
Alcuni di questi si sono svolti all’interno del territorio controllato dall’Ucraina.
Un caccia britannico Typhoon ha sorvolato Nikolaev.
I voli sono stati confermati con entusiasmo dall’Ucraina. Avendo specificato che c’erano tre B-52H Stratofortress.

Una tale formazione di vettori missilistici americani B-52H e di caccia ucraini MiG-29 e Su-27 ha meso in allarme seriamente gli “invasori” russi, che immediatamente hanno fatto decollare 8 caccia – 4 Su-27 e 4 Su-30 – per intercettare e trasferire la difesa aerea per la piena preparazione al combattimento nel Distretto militare meridionale.
“Gli aerei da ricognizione della NATO hanno utilizzato il volo con successo e hanno ricevuto tutte le informazioni necessarie sulla difesa aerea di un potenziale nemico”, ha detto il ministero della Difesa ucraino.

“Due dei tre bombardieri hanno acceso il transponder Mode-S, che ha permesso loro di essere rintracciati durante il volo attraverso la regione del Mar Nero. È interessante notare che l’aereo ha volato verso il Mar d’Azov, poi ha orbitato per diversi minuti prima di volare a nord verso Kiev “, ha riferito il ministero della Difesa ucraino.

Il ministero della Difesa ucraino ha affermato che il volo è stato effettuato al fine di elaborare il coordinamento militare dell’aviazione ucraina e della NATO e che verranno ripetuti voli simili.

Questo è significativo, poiché per la prima volta i bombardieri strategici a lungo raggio statunitensi hanno volato vicino ai confini russi dal territorio dell’Ucraina.

In una certa misura, questa missione è preoccupante. Il B-52H è un bombardiere strategico. E il suo scopo non è la ricognizione, ma la consegna di missili e attacchi con bombe – inoltre, la Stratofortress è progettata specificamente per armi nucleari.

In pratica , l’Ucraina ha contribuito a praticare possibili attacchi con armi di distruzione di massa su una regione che considera il proprio territorio – in questo caso, la Crimea. Inoltre, probabilmente sono stati praticate prove di attacco nel sud della Russia vera e propria.

È ovvio che in uno scenario di guerra reale, i bombardieri americani che entrano nello spazio aereo ucraino diventeranno un obiettivo per la Federazione Russa. In altre parole, una guerra nucleare andrà avanti nei cieli dell’Ucraina. Con tutte le conseguenze che ne conseguono.
E in questo senso, l’entusiasmo dei militari ucraini non è del tutto chiaro.
Questa storia non promette nulla di buono neanche per l’Ucraina moderna. La Russia è pronta ad andare abbastanza lontano da impedire alle infrastrutture della NATO di avvicinarsi ai suoi confini. Questo è anche in parte il motivo per cui la Russia era piuttosto desiderosa di accettare la Crimea nei suoi confini.

E se Kiev dimostra il desiderio di diventare una base per un attacco americano contro la Russia, questo potrebbe cambiare radicalmente l’intera strategia di Mosca in Ucraina.
Una cosa è quando l’Ucraina è percepita come un debole avversario che, nel complesso, non minaccia la sicurezza della Federazione Russa.
Nell’altro scenario è come un paese dal cui territorio può essere lanciato un attacco nucleare contro la Russia. È improbabile che eventuali sanzioni possano avere un impatto sulle azioni di Mosca.

Al momento, una dimostrazione di una minaccia nucleare dal territorio dell’Ucraina può raggiungere almeno l’obiettivo di interrompere qualsiasi accordo – per esempio, nell’Ucraina orientale, dove un cessate il fuoco piuttosto stabile è in corso da più di un mese. Ovviamente, Mosca non sta permettendo all’Ucraina di integrare la regione, il che sta aiutando gli Stati Uniti a pianificare un attacco nucleare contro la Russia.

Una domanda dovrebbe essere posta: gli stessi cittadini ucraini sono consapevoli di essere coinvolti in una guerra nucleare con la Russia, che è guidata dagli Stati Uniti, ma sul territorio di Kiev?

Sono stati chiesti di un parere? E la risposta è ovvia: è improbabile che l ‘“amministrazione coloniale” chieda il parere degli “indigeni” su quali azioni intraprendere.

Fonte: South Front

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus