L’entità della sconfitta occidentale in Ucraina è superiore al previsto

di Salman Rafi Sheik
L’Europa è in uno stato di disperazione; il continente sta perdendo in Ucraina nonostante la “potente” forza della NATO; e i leader europei stanno ora promettendo una risposta “più forte”, anche attraverso l’invio di proprie forze per combattere le forze militari russe in Ucraina. Se questa decisione, se alla fine verrà presa, porterà qualche cambiamento significativo alla lenta caduta dell’Ucraina è, tuttavia, una questione controversa. Ciò che rende la questione controversa è la portata della caduta dell’Ucraina e l’esaurimento delle scorte occidentali di armi e munizioni che sta già trovando difficile rifornire.

La Russia, d’altro canto, sta già superando i suoi rivali occidentali per quanto riguarda la produzione di maggiori – e migliori – sistemi d’arma. Un rapporto del Guardian ha osservato che “la produzione di armi russa preoccupa i pianificatori di guerra europei” principalmente perché non possono eguagliare questo livello di preparazione militare e l’assoluta capacità di sostenere i combattimenti per due o tre anni.

Il leader dell’UE, Josep Borrell, ha recentemente osservato che, dopo due anni di fornitura ad alta intensità di armi da parte degli alleati dell’UE, principalmente da scorte esistenti, le scorte esistenti degli Stati europei sono ormai esaurite e “il conflitto si è evoluto da una guerra di scorte a una guerra della produzione”, che, come dimostra il suddetto rapporto, è chiaramente vincente la Russia.

Queste informazioni sono ora pubbliche e rafforzano, insieme ad alcuni documenti del Pentagono trapelati di recente, la realtà del dominio russo in Ucraina. Nonostante la propaganda, questi documenti trapelati mostrano che il Pentagono ritiene che le perdite russe in Ucraina siano state di gran lunga inferiori alle perdite dichiarate pubblicamente dai funzionari statunitensi. Ad esempio, contrariamente a varie stime dichiarate pubblicamente, si dice che la Russia abbia perso circa 200.000 soldati. Ma i documenti del Pentagono di febbraio e marzo 2024 fissano la cifra solo a circa 17.000. Tale è la portata della propaganda e la portata della paura che circonda il collasso del programma di espansione della NATO che l’Occidente sta ora adottando misure per consegnare i beni russi sequestrati all’Ucraina per finanziare la guerra contro la Russia. Probabilmente stanno anche loro finendo abbastanza soldi!

La situazione, secondo l’inchiesta di un quotidiano francese – che afferma anche di aver consultato numerose relazioni ufficiali – è “critica”, con molti ufficiali militari francesi che ridicolizzano l’idea di inviare truppe francesi in Ucraina, dove l’esercito francese delle “cheerleaders” difficilmente potrà combattere una battaglia affidata all’esercito russo. Ma la Francia non fa eccezione qui. La maggior parte delle forze militari europee condividono questo stato di cose, con pochissimo hardware attivo o poche truppe da offrire . Sicuramente l’Europa non può mandare tutto, perché lascerebbe il continente stesso senza protezione.

Ma è altamente improbabile che la Russia attacchi l’Europa, anche se una provocazione europea potrebbe cambiare questo scenario. Tuttavia, considerando il fatto che le operazioni militari russe in Ucraina sono state/sono guidate dall’imperativo occidentale di espandere la NATO, il successo russo nel prevenire questa espansione serve allo scopo. Per l’Occidente, tuttavia, una vittoria russa in Ucraina è irritante per diversi scopi.

Parlano pubblicamente di una vittoria russa che porterebbe a una guerra più ampia in Europa, ma la realtà è che una vittoria russa segnerà la fine dell’egemonia occidentale nella politica globale dalla fine della Seconda Guerra Mondiale. L’Occidente non sarà più un “centro” onnipotente del mondo.

Dal punto di vista geopolitico, l’Occidente non sarà in grado di dettare la politica globale, come ha potuto fare negli ultimi decenni. Dal punto di vista economico, il dollaro americano potrebbe perdere la sua egemonia finanziaria, soprattutto perché una vittoria russa in Ucraina indicherebbe anche la capacità della Russia di aggirare il sistema finanziario dominato dall’Occidente. Se l’Occidente non riesce più a controllare il sistema finanziario globale, crea automaticamente lo spazio affinché sistemi alternativi possano prosperare e acquisire un significato centrale. Uno scenario del genere fa ben sperare per gli imperativi di un nuovo ordine internazionale alternativo.

Per l’Occidente – in particolare per gli Stati Uniti, autoproclamatisi leader del “mondo libero” – questa è una situazione profondamente preoccupante. L’Annual Threat Assessment 2024 di Washington mostra che questa ansia raggiunge livelli critici. Dice: “Mosca continuerà a impiegare tutte le fonti possibili di potere nazionale per promuovere i propri interessi e cercare di indebolire gli Stati Uniti e i suoi alleati… [sfidando] il primato degli Stati Uniti all’interno” del sistema globale. Facendo altre ammissioni di fallimento, il rapporto afferma anche che l’economia russa continua a crescere e che, nonostante le sanzioni occidentali, il commercio petrolifero di Mosca è lungi dall’essere diminuito. Il rapporto accetta che “Mosca ha deviato con successo la maggior parte delle sue esportazioni di petrolio via mare e probabilmente sta vendendo volumi significativi al di sopra dei limiti sui prezzi del petrolio greggio e dei prodotti raffinati stabiliti dal G-7, entrati in vigore rispettivamente a dicembre 2022 e febbraio 2023 – in in parte perché la Russia sta aumentando l’uso di opzioni non occidentali per facilitare la diversione della maggior parte delle sue esportazioni di petrolio via mare e perché i prezzi globali del petrolio sono aumentati lo scorso anno”.

Poiché la Russia è in grado di mantenere la sua “leva energetica”, secondo la Valutazione 2024, significa che non si trova ad affrontare alcun problema per quanto riguarda il finanziamento delle sue operazioni militari in Ucraina. Il rapporto, infatti, riconosce anche la capacità della Russia di aumentare la spesa pubblica nonostante il conflitto in corso.

Questa è la valutazione occidentale dopo aver finanziato la guerra alla Russia per due anni consecutivi. Logicamente, tali valutazioni infondono un senso di paura e disperazione, che ha portato alcuni leader europei a spingere per l’invio di truppe NATO in Ucraina. Sebbene possa rappresentare solo una minaccia, mostra un senso di sconfitta estremamente accentuato e un chiaro senso dell’inizio della fine del “secolo occidentale”.

Fonte: Journal Neo

Traduzione: Luciano Lago

24 commenti su “L’entità della sconfitta occidentale in Ucraina è superiore al previsto

  1. Tolti i delinquenti patentati che devono scegliere tra la galera e qualche mese al fronte sperando di non essere impallinati dopo 7 ore dall’ arrivo e qualche pazzo bisognoso di soldi… e di una cassa da morto, Ve lo vedete il battaglione di calabresi che parte per l’Ucraina armato di qualche rivoltella post guerra dei balcani e il santino di San Speranza Vaccinato nel taschino.

    1. Carmelo Cannone, che problemi hai con i calabresi?e questo Santa Speranza chi lo conosce?.Fatti un battaglione della tua Regione e parti con loro.

      1. Guarda, Vincenzo, che Carmelo Cannone dovrebbe essere calabrese, come mi suggerisce il suo cognome.
        Quindi non ti offendere se parla di un battaglione di Calabresi.
        San Speranza è un epiteto per l’ex ministro della salute dell’epoca covid.
        Un saluto.

  2. Gli USA, boriosi, spacconi e presuntuosi, da bravi suprematisti, continuano a ritenersi i “leader del mondo libero”, mentre in realtà sono i leader della tirannia dei mercati finanziari, del dollaro, delle loro multinazionali, del loro mortale, violento e nichilista modello di società, a danno dei popoli del resto del mondo ! Ma, anche grazie alla resistenza palestinese e alla vittoria russa contro gli ucro-nato, la pacchia sta finendo, la velocità del declino sta aumentando, e il loro schianto finale è sempre più vicino !

  3. Kiev cade, i soldati ucraini devono capire che i soldi che l’occidente da loro li devono restituire inoltre stanno distruggendo il loro paese, i loro figli devono ricostruire un paese distrutto ridare i soldi all’Occidente e avranno una vita miserabile, se amano i loro figli possono disertare o fare un colpo di stato e i loro figli e donne e i tanti invalidi li ringrazieranno, che si sveglino e riflettino.

  4. E’ esattamente come spiegato nell’articolo: l’ukraina non ha più la demografia e l’industria bellica, ha poche truppe addestrate sopravvissute, molte possibili “leve”, in numero di centinaia di migliaia, sono scappate all’estero oppure nascoste e le forniture esterne di sistemi d’arma sono calate drasticamente, anche per la necessità usa di inviare flussi continui di armi e munizioni agli ebrei in Palestina, senza contare che gli ukronazi, ormai, riescono a produrre soltanto qualche munizione e droni suicidi.

    C’è di peggio, perché la spesa militare usa, che è circa il 40% di quella mondiale, non è efficiente, ma esattamente il contrario, perché l’industria militare privata usa, anche se si somma quella delle colonie europoidi (anche questa privata e votata al profitto), non è in grado, in diversi settori, di tenere il passo, quantitativamente e qualitativamente, di quella della Federazione Russa, esempi ne siano la produzione dei colpi d’artiglieria, come quantità, e la produzione di missili ipersonici, dal punto di vista qualitativo e dell’avanzamento tecnologico, che usa + gb + colonie eurpoidi sono ancora ben lontani dall’avere …

    Cari saluti

  5. Basterebbe rendere convertibile in oro il rublo per far diventare il dollaro e le altre valute carta straccia e potrebbero riuscire a farlo considerata la quantità immensa di oro nelle miniere russe.

    1. Esatto. Quantità cresciuta proprio bel 2023 di quasi il 5%, grazie alle sanzioni al contrario. La Russia non investe più in occidente bensì dell’ industria pubblica ed in oro. Saluti

  6. L’articolo coglie nel segno, ma è importante che la Russia vinca per mettere fine alla follia che attraversa un Occidente in cui, alla faccia della decantata libertà, la sovranità popolare è vanificata, il dibattito pubblico è pilotato dai signori che controllano il sistema dell’informazione, l’economia è a pezzi e quella pazza invasata della von der Pfizer vuole aumentare del 200% i dazi sul grano russo, perché questo “alimenta la guerra di Putin e pazienza se decisioni tanto scriteriate affameranno i popoli UE. Del resto, decrescere e depopolare l’Europa, tanto per cominciare e privando il popolo di sovranità, tanto per poterlo ridurre meglio in termini numerici e di diritti, è un progetto che a Bruxelles, Washington, New York (O.N.U.) perseguono a tappe forzate.

    1. Esatto.
      Penso siamo governati da Oligarchi e dal NED.
      I PARLAMENTI non tutelano più il benessere dei cittadini che li hanno votati e compiono azioni eversive come il nostro che violando l’art 11 della Costituzione cobelligera in una guerra mettendo in pericolo la sicurezza nazionale.
      Andrebbero arrestati e processati tutti per tradimento e eversione nei confronti dello Stato Italiano.

  7. Dobbiamo stare attenti da Aprile a Novembre perché saranno mesi bollenti e mai come in questo arco di tempo rischieremo una guerra globale. E non certo per volontà della Russia. La Russia può aspettare, gli USA no. Prima di Trump nuovo presidente devono fare qualcosa di eclatante per rimescolare le carte e una guerra che coinvolga l’occidente e la Nato non è impossibile. Potrebbero confezionarla in più modi. Vista la sconfitta potrebbero usare la tattica del muoia Sansone e tutti i Filistei provocandola direttamente con l’invio di truppe, missili e aerei in territorio russo.

  8. Numeri per chi non ha capito la terribile efficacia della tattica di logorare in avanzamento russa. 17 mila morti sovietici a fronte di 500 quasi mila naziUcro e mercenari occidentali. La distruzioni ne nemica senza quai toccare i civili se non per sbaglio! La grandezza dello Zar!

    1. ” 17 mila morti sovietici a fronte di 500 quasi mila naziUcro e mercenari occidentali. ”
      …i suoi commenti lasciano sempre il segno…dove ha trovato questi numeri?
      Le sembrano plausibili (soprattutto il primo)?

      1. Max se sei in grado di usare una semplice comune radio ( cosa che dubito ) vai sulla gamma OC -OL e ti sintonizzi su una stazione Radio Straniera di un paese NEUTRALE perciò che non una Nazione ANTI -RUSSIA oppure una Nazione sottomessa agli USA perciò FILO-USA , FILO-UCRAINA , FILO-NATO !
        Se non vuoi usare i vecchi Radiogiornali stranieri che trasmettono dal mondo libero da nazioni neutrali non collegate agli USA e ai paesi NATO per poter ricevere informazioni veritiere potresti usare la rete internet libera prendendo informazioni dalle varie agenzie straniere giornalistiche ufficiali !
        Cuba è un paese Neutrale libero ed indipendente perciò puoi on-line avere dei dati abbastanza precisi sui 17 mila Sovietici morti in Ucraina per liberare la Russia e sui 500 mila Nazisti Ucraini e dei paesi USA & NATO !
        Anche la agenzia giornalistica Cinese altra nazione Neutrale ed indipendente nella guerra tra Unione Sovietica che sta liberando territori Russi invasi e occupati dai nazisti USA & NATO e Ucraini potrebbe confermare i dati di Lollo73.

        1. Esatto. I morti russi a dire il vero non li conoscevo precisamente prima li citasse questo americano. Che i morti ucraini fossero stimati in oltre 300 Mila erano fonti addirittura del 2023. Le fonti ufficiali russe Tass e Rianovosti parlano di circa 1000 combattenti nazisti morti sul tutto il fronte OGNI GIORNO. Basta che lo moltiplichi per i giorni di conflitto ed avrai la cifra reale dei morti non solo più ucraini però. C’ è un ampia partecipazione di contractors stranieri come tutti sapete. Saluti

      2. Non sono numeri miei, li cita l’ articolo se lo leggi. Non io. Questo ex dirigente della sicurezza americano. Io li commento e basta. Saluti

  9. Ragazzi vi ricordate la massima del grande Trap. Non dire gatto finché non l’hai nel sacco. Mi sembra che molti di voi ragionanano da tifosi e non da osservatori, non credete che x la Russia sia una passeggiata, mi auguro che abbiate ragione voi, ma x me sarà una cosa ancora lunga e non facile da ottenere, anche se dovesse riuscire a vincere quali sarebbero le prospettive future, questo nessuno se l’è posto.

    1. Ciao Sarabanda, concordo. È coerente infatti con la tattica russa d’ avanzamento lento e consolidante, con perdite basse. Ci vorranno ancora un paio d’ anni perché Mosca se la riprenda tutta! Ma così sarà inesorabilmente. Che i massoni UE facciano economia di guerra e sforzi bellici o meno. Saluti

    1. Tutti i paesi USA & NATO possono dirsi molto fortunati poiché la Cina si mantiene NEUTRALE perciò non invia armamenti
      Navi-Aerei-Truppe corazzate di Pace ai confini dei paesi Filo-USA della UE !
      Vi immagginate mezzo milione di Cinesi dotati di Navi qualche migliaio di truppe Corazzate -Blindate 500 cacciabombardieri a difesa della Russia e Bielorussia a due metri dai confini dei paesi Scandinavi- Estoni-Polacco -Rumeno -Bulgaro e magari pure Turco ? Mamma mia una montagna di carta igenica Scottex andrebbe bruciata in pochi giorni dalle armate USA & NATO sempre al gabinetto ( NON DI GUERRA ) !

  10. La classe dirigente yankee vive fuori dal mondo reale, secondo alcune fonti in caso di guerra tra Cina e USA questi avrebbero scorte di armi e munizioni solo per una settimana, l’economia completamente deindustrializzata americana non riesce a soddisfare un ordine di armi di Taiwan del lontano 2019, eppure in un articolo su Atlantic Council https://www.atlanticcouncil.org/blogs/new-atlanticist/there-will-be-no-short-sharp-war-a-fight-between-the-us-and-china-would-likely-go-on-for-years/ un certo Brian Kerg sostiene che una eventuale guerra tra Cina e Stati Uniti potrebbe durare anni.
    Tra l’altro le armi prodotte dagli americani deindustrializzati sono scadenti. gli ATGM scoppiano in faccia ai soldati, il 70% degli F-35 non riesce a compiere nemmeno una missione, senza rischiare di cadere da soli, nell’ultima settimana sono caduti due elicotteri Apache, forse sarebbe il caso che gli yankee la piantino di fare gli imperialisti con le pezze al sedere e pensino ai ponti abbattuti a casa loro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM