L’elogio Autografato Di Kissinger – Il Covid-19 Segna La Fine Dell’egemonia Globale Degli Stati Uniti

Di Tim Kirby (*)

Alcuni blog di persone, scrive Henry Kissinger e la sua interpretazione delle conseguenze del virus Covid-19 meritano sicuramente un’analisi. Kissinger come uno dei maggiori addetti ai lavori per generazioni di potere americano parla con una voce che riflette una certa prospettiva sulle cose dal profondo della Beltway, che coloro che si trovano all’ esterno non possono vedere o comprendere del tutto.
Ma siamo liberi di provare, perché uno degli uomini più solidamente connessi al mondo geopolitico, a metà degli anni ’90, ha deciso di parlare di quanto deve essere fatto dopo che la situazione del Coronavirus si sarà calmata. Diamo un’occhiata alle sue parole e vediamo se riusciamo a leggere nelle foglie di tè.

Il messaggio generale dell’opera di Kissinger sembra essere un appello allo status quo pre-crisi come piano per il mondo post crisi. Lui ha scritto…
“Sostenere la fiducia del pubblico è fondamentale per la solidarietà sociale, per il rapporto delle società tra loro e per la pace e la stabilità internazionali.
Le nazioni aderiscono e prosperano nella convinzione che le loro istituzioni possano prevedere le calamità, arrestarne l’impatto e ripristinare la stabilità. Quando la pandemia di Covid-19 è finita, le istituzioni di molti paesi saranno percepite come fallite. Se questo giudizio sia obiettivamente equo è irrilevante. La realtà è che il mondo non sarà più lo stesso dopo il coronavirus. Discutere ora sul passato rende solo più difficile fare ciò che deve essere fatto”.

Sembra che Kissinger sia d’accordo con quelli come me che il Coronavirus e i suoi effetti anti-globalizzazione potrebbero cambiare il gioco geopolitico. Non siamo d’accordo sul fatto che Ole Henry lo consideri davvero terribile. Se esiste una percezione di massa che lo status quo precedente sia stato un fallimento, sarà il catalizzatore a scegliere un percorso diverso o almeno a metterlo in discussione.

Solo pochi mesi fa l’idea che i confini sarebbero stati chiusi e che il movimento umano sarebbe stato limitato sembrava impossibile, poiché sicuramente affonderebbe l’economia globale. È vero che siamo in evidente recessione economica, ma l’America non muore di fame nonostante il lavoro dei migranti sia intrappolato da un lato del confine o dall’altro. Sì, alcuni prodotti stanno ancora arrivando a buon mercato dalla Cina, ma un’America in quarantena sembra lungi dall’essere caduta a causa del taglio delle forniture di magliette da due dollari. Un ordine mondiale liberale globalizzato su cui Kissinger sembra aver lavorato per quasi tutta la sua vita da adulto ha finalmente un contro-argomento spinto in faccia dalle masse alle élite di tutto il mondo.

I leader stanno affrontando la crisi su base ampiamente nazionale, ma gli effetti di dissoluzione della società del virus non riconoscono i confini. Mentre l’assalto alla salute umana – si spera – sarà temporaneo, lo sconvolgimento politico ed economico che ha scatenato potrebbe durare per generazioni. Nessun paese, nemmeno gli Stati Uniti, può superare il virus in uno sforzo puramente nazionale. Affrontare le necessità del momento deve infine essere associato a una visione e un programma collaborativi globali. Se non possiamo fare entrambi in tandem, affronteremo il peggio di ciascuno.

David Rockefeller con Kissinger

Sebbene si possa sostenere che la globalizzazione ha portato al problema del Coronavirus, Kissinger insiste sul fatto che solo la risposta di un grande secchio di più globalizzazione è la risposta possibile. Inoltre, questo solleva domande. Perché esattamente gli Stati Uniti non possono affrontare questo problema? Dalla scoperta della teoria dei germi della medicina fino alla fine della guerra fredda, un mondo non globalizzato era molto capace di estendere notevolmente la vita umana e sviluppare meraviglie mediche che i contadini medievali potevano solo sognare. È interessante notare che nel prossimo paragrafo Kissinger sembra contraddirsi …

Prendendo lezioni dallo sviluppo del Piano Marshall e del Progetto Manhattan, gli Stati Uniti sono obbligati a compiere uno sforzo notevole in tre settori. Innanzitutto, sostenere la resilienza globale alle malattie infettive. I trionfi della scienza medica come il vaccino contro la poliomielite e l’eradicazione del vaiolo, o la meraviglia emergente tecnico-statistica della diagnosi medica attraverso l’intelligenza artificiale, ci hanno cullato in un pericoloso auto compiacimento.

Come spesso accade quando le persone parlano di una comunità internazionale, in realtà con questo termine intendono l’Occidente / America. Questo linguaggio codificato è molto visibile quando si spinge affinché soluzioni globali vengano fatte unilateralmente da uno stato “eccezionale” preferito. Scegliere il piano Marshall e i progetti di Manhattan come lezioni di storia è in qualche modo ironico dato che entrambi hanno beneficiato solo degli interessi statunitensi a spese di due città giapponesi e dell’occupazione ormai multi-generazionale dell’Europa.

Dopo aver continuato a dire il suo ovvio e ragionevole secondo punto, secondo cui la leadership di tutto il mondo deve concentrarsi sul recupero rapido delle economie internazionali, si insinua in un terzo incarico molto strano da affrontare dopo che il Coronavirus si sia sprofondato.

Terzo, salvaguardare i principi dell’ordine mondiale liberale. La leggenda fondante del governo moderno è una città fortificata protetta da potenti sovrani, a volte dispotici, altre volte benevoli, ma sempre abbastanza forti da proteggere il popolo da un nemico esterno. I pensatori dell’illuminismo hanno riformulato questo concetto, sostenendo che lo scopo dello stato legittimo è quello di provvedere ai bisogni fondamentali delle persone: sicurezza, ordine, benessere economico e giustizia. Gli individui non possono proteggere queste cose da soli. La pandemia ha provocato un anacronismo, una rinascita della città murata in un’epoca in cui la prosperità dipende dal commercio globale e dal movimento delle persone.

Quindi nei primi due punti di Kissinger espone due diverse crisi causate dalla pandemia di Covid-19 – La necessità di prepararsi a livello internazionale per ulteriori pestilenze con gli Stati Uniti al timone e la necessità di ripristinare l’economia (e) a livello globale. Quindi, secondo questa logica, ciò significa che lo stesso “Ordine mondiale liberale” è in uno stato di crisi?

Questo sembra essere il vero motivo per cui Kissinger ha scelto di inviare le sue opinioni al Wall Street Journal. Sembra molto preoccupato che alla fine della sua lunga vita avventurosa e influente possa essere stato speso tutto per nulla. Come affermato sopra, la pestilenza sta fornendo un’enorme controproposta alla necessità della globalizzazione, almeno nel modo in cui molti della scuola neoliberale la vedrebbero.

Se fossi un uomo di scommesse, darei $ 100 dollari a Kissinger scrivendo questo pezzo dalle sue stesse paure che la sua vita sia stata futile. Le sue parole sono in qualche modo come un elogio autografato e un appello per gli altri a salvare l’ordine che anche lui ha costruito. Persino dopo aver vinto la Guerra Fredda, aver aperto la Cina e diventare il capostipite della diplomazia della Realpolitik raggiungendo il 99,99% della popolazione umana, i fatti rimangono ancora che …

L’Illuminismo progressista sta per uscire fuori dalla storia, gli ultimi credenti stanno invecchiando e spariranno per sempre tra due generazioni. I suoi valori diventeranno una specie di sistema di credenze legacy come le chiese protestanti in un’UE ateistica.
Il mondo non sarà più globalizzato attorno a un “papato” di Washington DC e sembra che la visione multipolare vincerà lentamente nel tempo.
I cosiddetti “anacronismi” di Kissinger continueranno a crescere man mano che la cittadinanza del mondo vede che possiamo vivere in un mondo con confini e culture separate che non ruotano attorno agli Stati Uniti. L’ordine mondiale liberale viene messo alla prova e non riesce a rispondere adeguatamente a se stesso.

Kissinger è stato un attore chiave nella costruzione di questo ordine mondiale liberale, quindi alla fine della sua strada non dovremmo essere sorpresi che si stia lamentando della sua perdita apparentemente inevitabile. Questo è il vero messaggio che sta cercando di inviare mentre si avvicina all’infinito ogni mattina.
*Tim Kirby è un giornalista indipendente con sede a Mosca, acclamato conduttore televisivo e radiofonico, direttore ideologico del Center for Syncretic Studies e collaboratore regolare della Strategic Culture Foundation.

Fonte: Fort Russ https://www.fort-russ.com/2020/05/kissingers-self-penned-eulogy-covid-19-marks-end-of-u-s-global-hegemony/

Traduzione: Luciano Lago

10 Commenti

  • anan vito
    13 Maggio 2020

    Le prospettive di questa analisi sono poco convincenti.si allontanano da un ritrovato desiderio delle nazioni di poter contare ogniuno per le proprie capacita’,noi italiani se non avessimo come politici questa classe di “PROTAGONISTI” probabilmente saremo ancora il piu’ creativo e inimitabile paese su questo pianeta.abbiamo i de donno,ma l’elite ci propone bububury e fabio fazio.la decadenza istituzionale e la corruzione intellettuale ci portano a questa analisi kisingeriana,ma la realta’ e’ che se si interrompono le frequenze takioniche e si spegnesse la tv,internet ed i telefonini,in 2 settimane gli esseri umani tornerebbero a vibrare della frequenza naturale.chi e’ la causa di tutto cio’ pandemie comprese,anche se pieno di potere,e corruzione,sta’ morendo,e le analisi dei potenti moribondi sanno di don abbondio ,hanno dimenticato DIO inteso come onniscenza,si sono voluti sostituire ad esso,ma l’esistenza ciclica interrompe qualsiasi progetto che vada contro Natura.non sara’ oggi forse non sara’ domani,ma i sub-umani che hanno progettato tuttocio’ non ce la possono fare,fino ad oggi sono stati aiutati dai “traditori bianchi” piano piano rimarranno soli e la macchina inventata divorera’ anche loro.

  • antonio
    13 Maggio 2020

    il Covid19, è palesemente un atto fallito per colpire la potenza economica e commerciale della Cina, e per bloccare sopratutto il 5G Hawei e la silck road, tutto studiato dal Pentagono, con l’ appoggio del filantropo

  • Teoclimeno
    13 Maggio 2020

    Henry Kissinger vecchia volpe della politica mondialista fa finta di non sapere, che la “pand-medicina” è l’ultima arma a disposizione dell’Impero del Male, giudaico sionista, per sodomizzare interi popoli.

    • Renato
      13 Maggio 2020

      Sono pienamente d’accordo. Gli USA odiano troppo i cinesi….hanno voluto un pò ridurli, sono troppi per loro. Ma il boomerang, è ritornato indietro.

    • IVANDRAGO
      14 Maggio 2020

      Sig. Teoclimeno, la pand-medicina ancora non è l’ultima arma, è la penultima……..
      l’ultima sono le testate atomiche !!
      Saluti

  • eusebio
    14 Maggio 2020

    Notizia delle ultime ore il Giappone sta pianificando il ritorno in patria di TUTTE le attività industriali delocalizzate in Cina, o al massimo il loro trasferimento in altri paesi dell’area, comunque la ricostituzione il più possibile in patria della filiera industriale nel suo complesso,segno che ormai la pandemia ha cambiato da cima a fondo la politica industriale dei paesi più importanti, unitamente all’utilizzo della politica monetaria indipendente per sostenere l’economia durante la pandemia e poi rilanciarla nella fase successiva.
    E il Giappone sta a due passi dalla Cina.
    Che cosa sta facendo l’attuale governo italiano?
    Aspetta beato e beota che riparta una globalizzazione che non tornerà mai più, abbandonata da tutti, fedele suddito degli oligarchi speculatori apolidi come Kissinger e Soros che hanno visto il loro mondo, il loro eterno mondo fatto di erranti che si spostano con i sacchi di soldi da dare a strozzo, andare definitivamente in frantumi, insieme al loro potere di influenza globale e alle loro farlocche creature geopolitiche, sul punto di essere archiviate.

    • Teoclimeno
      14 Maggio 2020

      Egregio Signor EUSEBIO, “Che cosa sta facendo l’attuale governo italiano?” Semplicemente non c’è, e se c’è sta dormendo. Molti cordiali saluti. TEOCLIMENO

    • ouralphe
      14 Maggio 2020

      Certo ci voleva un genio per immaginare che delocalizzando in Cina le industrie strategiche il mondo sarebbe rimasto in braghe di tela., a cominciare dagli USA che si ritengono tanto furbi.. ma l’ avidità è sorella minore della stupidità

  • Blackcrow
    14 Maggio 2020

    Solo l’autarchia e la sovranità monetaria potrebbero salvare l’Italia, perché da questa guerra noi non usciremo bene, come al solito. Comunque vada saremo nella merda.

    Ma per arrivare alla totale o quasi, autonomia bisogna che tutte queste generazioni di parlamentari asserviti a poteri stranieri e alla loro mafia vengano spazzate via definitivamente.
    Ci vogliono almeno due generazioni di deprogrammazione da questo schifo italiano, utilizzando adeguate metodologie di educazione che portino finalmente le persone a sviluppare un loro senso critico indipendente e all’orgoglio di essere italiani dopo decenni di lavaggio del cervello dei Sinistrati mentali.
    A seguito ci vorrebbe una classe dirigente davvero sovranista e determinata a restarlo.

    Allora si che si avrebbe la rinascita italica…

    Insomma un bel sogno a occhi aperti.

    • ouralphe
      14 Maggio 2020

      Intanto occorre ricostruire una Scuola e una Università con i controcog.lioni.. Non è un caso che i Traditori della Patria abbiamo distrutto entrambe.

Inserisci un Commento

*

code