L’élite americana combatte per la propria licenza a guerre senza fine

Al Congresso americano si sta discutendo la riforma che autorizza l’uso della forza militare, adottata circa vent’anni fa. Anche se il documento è diventato una reliquia dell’invasione dell’Iraq, l’élite americana non vuole vederne la cancellazione o la fine delle operazioni militari all’estero.

All’interno della Commissione Affari Esteri della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti si è svolto un ricco dibattito sul principale elemento legislativo di un eventuale intervento americano all’estero, ovvero l’Autorizzazione all’uso della forza militare (AUMF). Intervenendo in un’udienza speciale per rivedere il documento, adottato circa 20 anni fa durante i preparativi procedurali per l’invasione americana dell’Iraq, i funzionari dell’amministrazione del presidente Joe Biden hanno delineato la loro visione per apportare possibili modifiche.

Il punto chiave della visione della Casa Bianca è la necessità di delegare al presidente un’autorità ampia e illimitata per l’uso della forza all’estero. I funzionari dell’amministrazione Biden spiegano questa linea come una lotta contro l’ISIS, al-Qaeda e i gruppi terroristici nel continente africano. Tuttavia, questi funzionari non sono riusciti a nascondere il loro grande desiderio di ridurre l’elenco dei gruppi terroristici contro i quali opera l’AUMF. Tra questi c’è il movimento talebano che controlla l’Afghanistan.

Per gli Stati Uniti i talebani non sono terroristi come Al-Qaeda e Daesh. “Inoltre, non crediamo sia necessario includere i talebani nel nuovo o aggiornato AUMF. Gli Stati Uniti non sono attualmente coinvolti nella lotta contro i talebani, hanno affermato i funzionari militari in una dichiarazione congiunta presentata al Congresso. “I leader talebani sono impegnati ad agire contro i terroristi che operano in Afghanistan – in linea con i loro impegni di Doha – e vediamo infatti la loro maggiore capacità in questo senso”, scrivono affermando che “l’attuale AUMF ha consentito alla nostra campagna persistente contro le organizzazioni terroristiche di più più di due decenni. Questa perseveranza è un elemento chiave del successo della nostra strategia complessiva nella lotta contro Al-Qaeda e ISIS. Ma la proposta di espellere i talebani dalla lista dei potenziali obiettivi ha suscitato critiche diffuse da parte dei legislatori che sembrano riluttanti a ridurre il focus operativo nel teatro delle operazioni afghano.

Giunta talebana a Kabul

“Se i talebani rispettassero davvero i loro obblighi nella lotta al terrorismo, si sforzerebbero di sconfiggere Al-Qaeda invece di pagarli, proteggerli e impiegarli”, ha affermato il presidente della commissione affari esteri della Camera dei rappresentanti, McCaul . “Temo fortemente che l’amministrazione Biden tenterà di nascondere questo fatto al popolo americano in modo che i talebani possano essere esclusi da un futuro AUMF come parte di uno sforzo più ampio per normalizzare le relazioni con loro. E non starò a guardare e non permetterò che lo facciano”, ha denunciato.

McCall non ha escluso che la Casa Bianca si muoverà gradualmente verso la normalizzazione dei contatti bilaterali con Kabul. Il capo della Commissione Esteri non perde la rabbia perché protesta anche contro le affermazioni di Victoria Nuland: “È del tutto inesatto che il sottosegretario ad interim Nuland affermi che i talebani “non prendono di mira gli afghani che hanno aiutato gli Stati Uniti – cosa che l’amministrazione Biden ha abbandonato nel 2021”. “Ci sono migliaia di atti di violenza confermati contro gli alleati afghani, molti dei quali sono stati commessi, come gli omicidi”, insiste, denunciando le menzogne ​​dell’attuale potere degli Stati Uniti: “Ancora una volta, l’amministrazione Biden sta mentendo al popolo americano sulla distruzione che ha causato in Afghanistan. E’ vergognoso”, ha concluso. La vicesegretaria di Stato Victoria Nuland ha osato esprimere dubbi sul fatto che i talebani stiano danneggiando gli afghani che avevano precedentemente collaborato con l’esercito americano.

In effetti, il dibattito sull’abrogazione o sull’aggiornamento dei parametri dell’AUMF infuria a Washington fin dai suoi primi anni. Nel 2002, l’adozione di questo documento da parte del Congresso ha dato al presidente George W. Bush l’autorità di intervenire in Iraq. “Alla fine del suo mandato, George Bush iniziò ad affrontare le sfide inerenti alla posizione degli Stati Uniti come unica superpotenza nel mondo post-Guerra Fredda”, ricorda Common Dreams . Se alcuni rappresentanti del potere legislativo non si oppongono al mantenimento della situazione attuale (una base ampia e indeterminata per le operazioni militari all’estero), un’altra parte almeno si dichiara pronta a compromessi e riforme.

Il recente dibattito in seno alla Commissione Affari Esteri della Camera si è incentrato, tra l’altro, sulla validità del documento, che gli attivisti occidentali per i diritti umani definiscono da diversi anni come un “permesso per una guerra senza fine”. Il deputato repubblicano Ken Buck, che guida una task force bipartisan sulla riforma dell’AUMF, ha insistito che il nuovo testo dovrebbe specificare esplicitamente un limite di tempo, consentendogli di rivalutare continuamente la necessità della forza e dando al Congresso una “utile funzione di applicazione”.

A suscitare polemiche è anche l’elenco dei gruppi contro i quali gli americani ritengono di avere il diritto di lanciare attacchi militari. Mentre McCaul e i suoi colleghi repubblicani sostengono una versione aggiornata dell’AUMF sui talebani, il deputato democratico Gregory Meeks, ad esempio, ha proposto che il disegno di legge modernizzato si limiti a coprire solo Al Qaeda, ISIS e i loro sostenitori in diverse regioni e sottoregioni geografiche.

La questione se l’AUMF debba essere estesa alle milizie sciite in Siria e Iraq, che secondo i funzionari statunitensi sono sostenute dalle autorità iraniane, rimane irrisolta.

Hezbollah Sciita in Iraq

Inoltre, nel contesto delle tensioni nella Striscia di Gaza, ai funzionari della Casa Bianca viene chiesto sempre più spesso se movimenti come Hamas, che combatte contro l’occupazione sionista, o Hezbollah, potrebbero essere inclusi nella lista dell’AUMF. Tuttavia, i funzionari dell’amministrazione Biden hanno risposto sostenendo che, secondo l’attuale interpretazione del documento, gli Stati Uniti stanno prendendo di mira solo le organizzazioni che i dipartimenti legali del governo hanno identificato come “seguaci” o “successori” di Al-Qaeda.

L’approccio dell’amministrazione Biden al fenomeno AUMF è fondamentalmente diverso da quello del team di Barack Obama. In un discorso del 2013, l’ex presidente Obama ha promesso che “non avrebbe firmato una legislazione che espandesse ulteriormente” il mandato dell’AUMF e ha sottolineato che tutte le guerre devono finire. Le evidenti ambizioni bellicose dei responsabili dell’attuale esecutivo ricordano piuttosto ciò che un tempo praticava la squadra del predecessore repubblicano Donald Trump.

Philippe Rosenthal

Fonte: Observateur Continental

Traduzione: Gerard Trousson

2 commenti su “L’élite americana combatte per la propria licenza a guerre senza fine

  1. Il punto è semplice, il presidente americano per costituzione può usare “l’esecutivo unitario” è una interpretazione della costituzione legale e può dichiarare guerra a chi vuole senza il permesso del congresso uno strumento che un avvocato suggerì a cheney il quale lo disse a Bush per l’attacco all’Iraq, quel potere legale trasforma il presidente americano in un vero dittatore, può fare guerre,rivoluzioni colorate, finanziamenti sovversivi, insomma può fare quello che vuole senza autorizzazione del congresso, vedete “vice” l’uomo nell’ombra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM