“LEI LA PAGHERA’ CARA” CABINA DI REGIA USA, VATICANO E APPARATI DI STATO DIETRO L’AFFARE MORO


Gli autori: Franco Soldani ed Emanuele Montagna ripercorrono la vicenda di Aldo Moro e del suo omicidio, mai chiarita fino in fondo.

«Lei la pagherà cara»: è questo il sinistro avvertimento di Kissinger a Moro durante la sua visita negli Stati Uniti del 1974. La politica di avvicinamento al Pci e il recupero parziale di indipendenza da parte dell’Italia, pur sotto l’ombrello NATO e occidentale, sono cose che non s’han da fare… La mente del giocoliere (Federico Umberto D’Amato dixit) – quel “lucido superpotere” (Pecorelli) che porterà al sequestro e all’assassinio di Aldo Moro – è già al lavoro da tempo: essa dispone dei grandi mezzi degli arcana imperii made in USA (la rete della loro Intelligente Community, CIA in testa), dell’attiva complicità del Vaticano, dell’obbedienza cieca dei loro funzionari in loco (i servizi segreti italiani) e della manovalanza fabbricata ad arte (i brigatisti). Se a questo si aggiungono la fedeltà atlantica e la subalternità collaborante dei principali partiti politici (Dc, Pci, PSI), vediamo come nulla sia stato lasciato al caso nell’affare che più di tutte le altre stragi ha impresso il suo marchio funesto sulla storia del nostro paese…

LEI LA PAGHERA’ CARA

Emerge da queste pagine un mosaico di verità indicibili che anche l’ultima commissione parlamentare di inchiesta, pur avendole in qualche modo abbordate, non ha avuto la volontà e la “forza” di rendere pubbliche. Perché il caso Moro, lungi dall’essere passato, continua a vivere nel nostro presente e ci racconta lo stesso inganno divenuto ormai da tempo l’ordine del mondo contemporaneo.

13 Commenti

  • giuseppe sartori
    17 Settembre 2020

    gli USA (e getta) finiranno in una melassa di sangue ed odio che è ciò che hanno seminato nel mondo fin dalla loro nascita; gli anglosionisti per la prima volta nella storia stanno per essere cancellati dai posti di eccellenza del mondo.

  • Marte
    17 Settembre 2020

    Di nuovo con l’affaire Moro! La CIA l’ha ammazzato su ordine dell’Alta Massoneria angloamericana. Segnalazione ai loro compari nelle brigate rosse: “Troverete il cadavere di Moro a tot metri di altitudine nel Lago della Duchessa”. Mentre i babbei italioti partivano per il laghetto, gli altri procedevano all’esecuzione. Infatti la Duchessa in oggetto era Beatrice Cenci e il castello ove avvenne l’incesto ai danni della duchessa Beatrice Cenci e ove lei si vendicò assassinando il padre incestuoso, era a due passi dal laghetto. Moro aveva commesso incesto tradendo gli USA volendo allearsi col PCI al governo e già aveva tradito gli USA mediante il Lodo Moro, cioè il permesso di andare e venire per l’Italia accordato ai palestinesi e agli arabi terroristi in cambio del non colpire mai la popolazione italiana. La cosa certo non piaceva agli americani e ad Israele. Ragion per cui Moro in prigionia continuava ad appellarsi a quell’accordo, cioè a fare uno scambio fra terroristi in carcere in Italia e lui. Ma il suo cadavere fu trovato a Roma, dove anticamente sorgeva la “Cripta Balbi” cioè proprio dove anticamente Beatrice Cenci aveva la sua eredità, che il padre incestuoso voleva sottrarle. M oro doveva morire: aveva commesso tradimento agli occhi dei Massoni dell’Alta e unica Cupola che tutto regge in Occidente, perché se i comunisti fossero entrati nel governo, avrebbero avuto accesso ai documenti e alle prove di decenni e decenni di dominio dei servizi segreti angloamericani sul Paese, compresi i traffici di droga e armi fatti da DEA, CIA, FBI usando la mafia siciliana come un povero bischero che va e si muove sotto il loro volere, con i cui proventi si finanziavano anche le varie porcherie che combinavano e combinano in tutto il mondo. Cossiga e tanti altri capirono e fecero mosca, i giornali e la televisione si mostrarono utili idioti come sempre. Tutti sanno com’è andata, com’è la merda della strage delle Ginestre in Sicilia ove Giuliano non ha mai ucciso un bel nessuno, e i bossoli dei mitra della strage erano americani, e Pisciotta aveva il fratello ben impastato con la CIA.

  • Marte
    17 Settembre 2020

    In più. ci sono le prove anche del commercio illegale di armi pesanti da parte del simpatico Kissinger, all’ombra del suo lavoro “di pace” apparente. Famiglia ricchissima, quella dei Kissinger. Moro è uno dei tanti morti eccellenti che costellano la vita di questa Repubblica, a partire da quando il generale Charles Poletti appena sbarcato in Sicilia iniziò a tessere le sue trame delittuose usando la mafia e arruolando i nazisti dei servizi segreti tedeschi che erano presenti in Sicilia al momento dello sbarco. Come sbarcano e anche prima, naturalmente, gli USA e gli Inglesi iniziano già a preparare la rete per usare e dominare l’Italia. Ma è ora DI FINIRLA! ORMAI I LORO GIOCHI SONO SCOPERTI! E come dicono anche gli altri commentatori, sono logori della loro merda! Sono andati fuori tempo massimo, la storia sta andando oltre loro!

  • MDA
    17 Settembre 2020

    leggetevi maurizio barozzi su vkontakte sul caso moro

    • atlas
      17 Settembre 2020

      perchè fai perdere tempo alla gente ? Pusillanime, tu e lui

  • atlas
    17 Settembre 2020

    sull’operazione Moro autorevoli ed esaurienti libri sono stati scritti da Sergio Flamigni, ex parlamentare del PC e già membro della commissione d’inchiesta

    ‘convergenze parallele’ e ‘il covo di stato’ ed altri sono precisi, documentati e cronacistici riferimenti alla realtà di come si svolsero i fatti, io li ho e li ho letti tutti

    Aldo Moro, di Maglie (Lecce), si formò politicamente nei Gruppi Universitari Fascisti. Mio nonno paterno, buonanima, già Capo della Gioventù del Littorio a Matino (Lecce), veniva ricordato dopo il 1978 come ‘Aldo Moro’, per la sua straordinaria somiglianza fisica e comportamentale. Sempre Onorato del sangue delle mie origini

    • atlas
      19 Settembre 2020

      a dire il vero anche Luciano Lago somiglia un pò ad Aldo Moro, anche se meno mite …

  • atlas
    17 Settembre 2020

    con Aldo Moro poi morì un cristianesimo Mediterraneo prestato a una politica italiana che non lo meritava

    e i risultati, nel tempo, sono questi

    mi pare normale che poi salafiti e wahhabiti inizino a tagliare teste

    augh

    Chiesa d’Islanda: Gesù arcobaleno con il seno per “enfatizzare le diversità”

    ” Il direttore della comunicazione della Chiesa, Pétur Georg Markan, ha spiegato che questo è un modo per celebrare la diversità, aggiungendo che la chiesa ritiene che sia “positivo e naturale” per Gesù fare appello alle persone in tutte le varietà possibili. ”

    https://it.sputniknews.com/mondo/202009179537439-chiesa-dislanda-gesu-arcobaleno-con-il-seno-per-enfatizzare-le-diversita/

  • antonio
    17 Settembre 2020

    e ci si mise pure lo spirito di Giorgio La Pira, per sabotare il bliz a liberare Moro

  • Giorgio
    17 Settembre 2020

    L’assassino ebreo Kissinger ha sulla coscienza un numero incalcolabile di morti ….. tra quelli noti oltre Moro c’è Allende, non parliamo poi dei civili uccisi dalle repressioni scatenate dai golpe da lui ispirati e preparati, oltre ai milioni di civili morti in Vietnam, Cambogia ecc …… questo maledetto individuo ha 97 anni ed è ancora vivo …… nessuno lo vuole nemmeno all’inferno …….

    • atlas
      18 Settembre 2020

      dovresti credere fermamente in Allah Giorgio. Tutti questi giudei hanno da Allah ciò che vogliono, ovvero godersi i beni di questa vita terrena

      non vedi che vivono tutti a lungo ? Ma essi non avranno nulla in quella futura. Dio li fa campare a lungo sì da ascrivergli ancor più cattive azioni possibili

      IO, nel caso, preferirei pagarla come uno ‘Jack lo squartatore’ che pagarla come sicuramente la pagheranno loro

      “essi furono maledetti dalla bocca di Gesù” … Corano

  • Sandro
    18 Settembre 2020

    Credo, sperando di sbagliare, che molti italiani non abbiano ancora ben compreso cosa abbia comportato in negativo per l’intera Nazione l’omicidio di Aldo Moro e questo mi rattrista, ma la cosa che più mal sopporto è che gli assassini abbiano usurpato l’icona di un pensiero nobile per portare a termine tal delitto.

    Non per nulla coloro che hanno tentato invano di impedire una “rivisitazione” degli accordi tra collaboratori ed imprenditori ( CCNL ) ritenuti troppo evoluti per il previsto degrado degli anni avvenire, si sono voluti chiamare “nuove brigate rosse” prendendo in tal modo le distanze dalle sedicenti brigate rosseggianti antecedenti a queste.

    Le “nuove brigate rosse” infatti si son dimostrate talmente diverse, di 360°, nei loro obiettivi da quelli delle sorellastre imbastardite che mentre i partecipanti di queste ultime sono tutti liberi, i componenti delle nuove brigate rosse sono ancora agli arresti per di più “taciti”. “Taciti” nel senso che non se ne è più parlato. Per qualcuno è bene dimenticare.

    • atlas
      19 Settembre 2020

      vedi, il tuo problema, è che io sono uno che ‘taglia’ (e che ha buona memoria)

      e più sei tutto preciso e più scrivi sconclusionatamente. E più sei sintetico ed essenziale, più sei sconclusionato. Le conclusioni le lascio a te,

      cui danno la possibilità, sacrosanta, di scrivere. Come a me

      diverso cosa ?

      «Marco Biagi era un rompicoglioni che voleva il rinnovo del contratto di consulenza»

      Scajola venne “riabilitato” da Silvio Berlusconi, che gli affidò la guida organizzativa di s-forza italia sino al 31 luglio del 2003, quando Scajola tornò nel governo come ministro per l’attuazione del Programma

      quindi ? Nuove brigate rosse di vergogna cosa. Ma davvero credi che un Berlusconi qualunque, liberista, avrebbe potuto reggere un confronto con Aldo Moro, grande Statista e Professore di Diritto e procedura penale ?

      https://www.ilsecoloxix.it/italia/2010/05/04/news/marco-biagi-un-rompicoglioni-la-frase-che-costo-il-posto-a-scajola-1.37841727

Inserisci un Commento

*

code