"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

L’Egitto volta le spalle agli USA e si schiera con la Russia e la Siria

L’avvicinamento diplomatico che si è incrementato di recente tra l’Egitto e la Russia sta creando grosse preoccupazioni al governo di Tel Aviv che teme una associazione russo-egiziana a favore della Siria ed in pregiudizio del propri interessi.
In questo senso, il giornale israeliano “The Jerusalem Post” scrive  che la decisione dell’Amministrazione statunitense di annullare parte del suo aiuto finanziario all’Egitto e di sospendere un’altra parte del debito verso il Cairo, per causa della mancanza di progressi nei “diritti umani”, ha fatto infuriare il Governo del Cairo. Il giornale afferma che l’Egitto si sente di nuovo insultato e tradito dall’atteggiamento statunitense. I partiti politici egiziani i parlamentari e gli analisti hanno manifestato la loro protesta contro la decisione statunitense.

Non si conosce che cosa abbia motivato la decisione degli Stati Uniti. Ci si domanda se sia stata una decisione presa ad un livello inferiore dell’Amministrazione USA senza pensare alle sue implicazioni strategiche, se la Casa Bianca  sia stata informata di un cambiamento contrario alla politica del Presidente. Risulta certo che questa decisione si riferisce alla legge che sospende gli aiuti militari ai paesi responsabili di violazioni dei diritti umani.

Tuttavia è noto che la decisione finale risale al Segretario di Stato che può decidere quando applicare questa legge. Potrebbe esssere questa una mossa che potrebbe “svergognare” il Presidente e agire contro la sua politica? Rientra forse nel conflitto interno in corso a Washington? Queste le domande che si pone il Jerusalem Post.
Tuttavia l’Egitto già da tempo aveva deciso che era arrivato il momento di avvicinarsi alla Russia piuttosto che confidare negli Stati Uniti.

L’Egitto è il più popoloso ed influente Stato arabo che dispone del maggiore Esercito nella regione. Si tratta di uno stato a maggioranza sunnita che dovrebbe essere il paese leader in una coalizione antiterrorista, visto che il terrorismo islamista ha colpito più volte l’Egitto  nel Sinai ed al Cairo. Tuttavia l’Egitto si è tirato fuori dalla coalizione promossa dall’Arabia Saudita dei paesi sunniti contro l’Iran e l’avvicinamento alla Russia comporterà inevitabilmente un avvicinamento anche all’Iran ed alla Siria, stretti alleati di Mosca nel conflitto siriano.

Pochi giorni dopo della visita del genero e consigliere di Donald Trump, Jared Kushner, che non è stata considerata benvenuta dai funzionari egiziani, Alexei Lijachev, direttore generale della russa Rosatom, ha viaggiato al Cairo dove ha definito e sottoscritto l’accordo iniziale del 2015 relativo alla costruzione di una centrale nucleare con quattro reattori in Egitto per il 2022.
Il Cairo sta cercando di allinearsi alle posizioni di Mosca rispetto alla Siria e sta aiutando la Russia a recuperare la sua influenza in Libia . Inoltre l’Egitto sta cercando di fortificare le sue relazioni con la Cina, avvisando che la nuova Amministrazione statunitense non sembra voler chiarire in quale direzione andare. Questa non è una buona notizia per Israele, conclude l’articolo del The Jerusalem Post .

Forze egiziane antiterrorismo

Il presidente egiziano Al SIsi e la delegazione dei ministri che lo accompagnava hanno viaggiato in Cina per assistere al vertice del gruppo dei Brics e in quella sede sono previste riunioni, nel contesto del vertice, con i presidenti della Russia e della Cina. I responsabili egiziani hanno previsto di discutere di varie questioni importanti fra cui la crisi siriana che interessa entrambi i paesi.

Quello che sembra sicuro è che, l’allontanamento dell’Egitto dall’orbita statunitense e saudita per entrare in cooperazione ed alleanza con la Russia, costituisce un ulteriore smacco per la diplomazia e per la strategia degli USA in Medio Oriente. Israele ne è consapevole ed inizia a preoccuparsi dei riflessi che questo potrebbe avere sulla propria situazione, già delicata dopo la sconfitta subita in Siria della coalizione diretta dagli USA.

Fonti: The Jerusalem Post

Al Manar

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

*

code

  1. Eugenio Orso 3 mesi fa

    La sconfitta, in Siria, della coalizione diretta dagli Usa, cui si fa cenno nell’articolo, corrisponde alla sconfitta, sul terreno, manu militari, dell’isis, di al-nusra e di altri gruppi di tagliagole.
    Questa è una prova fin troppo lampante delle connessioni fra la “coalizione anti-isis”, come pigolano i mezzi-busti televisivi, qui ,da noi, e il variegato mercenariato jihadista in Siria.

    Cari saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Giorgio 3 mesi fa

    Al Sisi si sta dimostrando un presidente accorto e quindi si schiera con le persone che non tradiscono, diversamente dagli ameriCANI.
    Certo è che tra un po’ Israele, non che adesso non lo sia, si troverà in mezzo a due vicini scomodi come l’Egitto e la Siria in modo più pregnante.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Anonimo 3 mesi fa

      Sospendono gli aiuti militari a chi viola i diritti umani?Quindi i trogloditi sauditi e il “popolo eletto” (ah ah ah ) sono in regola?Devo essermi perso qualche puntata…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Luigi 3 mesi fa

        Esattamente quel che mi sono chiesto anch’io!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. mardunolbo 3 mesi fa

    L’Egitto, fin dai tempi dell’URSS, e’ stato vicino alla Russia. Dopo l’intermezzo del “muro di Berlino, ora sta ritornando alla vecchia politica di sempre, non fidandosi, giustamente, della politica Usa che e’ legata a quella di Israele.
    Guarda caso solo qui in Italia ed in Europa i politici non vedono connessioni tra Usa ed Israele..
    Nel resto del mondo molti sanno che Israele controlla e coordina Usa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. dolphin 3 mesi fa

    ottima scelta e noi cosa aspettiamo ?!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace