L’Egitto interviene direttamente nel conflitto libico


Gli elicotteri Mi-24 dell’Aviazione egiziana hanno inferto un duro colpo alle forze del governo dell’Accordo nazionale (GAN) e ai loro alleati turchi attaccando le loro posizioni in Libia, secondo quanto riferito dal sito web russo Avia.Pro.

“A sostegno delle forze dell’esercito nazionale libico (ENL), l’Egitto ha avviato operazioni militari su larga scala in Libia contro le forze del governo dell’Accordo nazionale (Serraj) , l’esercito turco e i terroristi filo-turchi. L’attacco dell’aviazione egiziana è stato effettuato utilizzando elicotteri Mi-24. Almeno 10 elicotteri da combattimento hanno partecipato agli attacchi “, ha riferito la fonte.

In una foto pubblicata dalla fonte russa, si possono vedere diversi elicotteri dell’aviazione egiziana, tra cui il Mi-24 di fabbricazione russa e l’Apache AH-64 di fabbricazione americana.

Il numero esatto di elicotteri da combattimento coinvolti nell’attacco contro le forze GAN e l’esercito turco non è stato menzionato, ma il sito russo, citando le proprie fonti, parla di almeno 10-12 elicotteri da attacco.

L’Egitto ha deciso di cambiare l’equilibrio del potere in Libia inviando anche i suoi carri armati nel paese al fine di prevenire ulteriori battute d’arresto militari dalle forze ENL (del gen.Haftar) che sono state attaccate dall’esercito turco e migliaia di mercenari spediti in Libia e trasferiti dalla regione di Idlib. , in Siria.

Le autorità egiziane, nel contesto dell’intervento turco nella guerra in Libia, hanno deciso di sostenere l’esercito nazionale libico, inviando dozzine di carri armati pesanti per aiutare il maresciallo Jalifa Haftar. Con tali armamenti, l’ENL potrebbe ottenere un vantaggio molto importante e in pochi giorni riprendere il controllo dei territori precedentemente perduti.

Non ci sono dichiarazioni ufficiali del Ministero della Difesa egiziano in materia. Tuttavia, le autorità di quel paese avevano precedentemente avvertito la Turchia della sua disponibilità a intervenire.

Le foto dei social media mostrano i carri armati dell’esercito egiziano Abrams nel territorio libico di Tobruk, che indicano l’imminente ripresa degli intensi combattimenti in Libia.

Carri armati egiziani trasferiti in Libia

Va notato che due giorni prima, le forze del GAN ​​hanno tentato senza successo di prendere d’assalto la città di Sirte, nelle mani dell’ENL. Un grosso convoglio militare GAN è stato distrutto da aerei sconosciuti (Mig 29). Alcune fonti hanno riferito che l’attacco è stato effettuato dai bombardieri russi MIG-29 e Su-24 che in precedenza erano apparsi in Libia. Tuttavia, finora non ci sono commenti ufficiali al riguardo.

Egitto e Turchia stanno procedendo verso uno scontro militare dopo la condanna di Erdogan del colpo di stato militare che ha rovesciato l’ex presidente egiziano Mohammed Mursi, un membro dei Fratelli musulmani, un gruppo che il presidente turco Recep Tayyip Erdogan e il suo partito hanno sostenuto e che è stato dichiarato come “Organizzazione terroristica” in Egitto. Le critiche di Erdogan sono arrivate fino a delegittimare il presidente egiziano Abdel Fattah al Sisi. L’Egitto, da parte sua, ha condannato l’interferenza turca nel mondo arabo.

La GAN libica di Serraj ha anche una forte componente della Fratellanza Musulmana.
Pertanto, l’Egitto non vuole vedere le forze GAN, i terroristi siriani o l’esercito turco sul suo confine occidentale, cosa che lo spinge ad intervenire direttamente in Libia a sostegno del suo alleato, il maresciallo Jalifa Haftar.

Fonti: Avia Pro – Press TV


Nota: La UE (inclusa il governo italiano) sostiene il governo di Tripoli di Serraj, ispirato dalla setta dei F.lli Mussulmani e appoggiato dal turco Erdogan che ha inviato in Libia i mercenari dell’ISIS (a poche miglia dalle coste della Sicilia).

Traduzione e nota: Luciano Lago

5 Commenti

  • Farouq
    9 Giugno 2020

    Quindi gli europei appoggiano i fratelli musulmani? allora è chiarissimo il complotto contro l’Egitto, voluto ovviamente dai sionisti, l’Egitto è sotto attacco:

    1-Libia
    2-Diga etiope sul Nilo
    3-Terroristi nel Sinai
    4-Fratelli musulmani in Turchia
    5-Ong e rivoluzioni colorate in casa
    6-Attacchi al turismo
    7-Sudan sottomesso agli israeliani
    8-Yemen, complotto fallito, l’Egitto si è ritirato dalla coalizione

    Viva l’Egitto

  • eusebio
    10 Giugno 2020

    Per fortuna il governo italiano appoggia l’Egitto, gli sta vendendo in queste ore navi da guerra, forse elicotteri ed altro, è sostenuto dagli EAU nemici dei Fratelli islamici che non sono altro che una specie di massoneria inventata in Egitto dagli inglesi per sostenere il loro dominio coloniale.
    Negli ultimi lustri sono stati sostenuti sopratutto dal Qatar nemico degli EAU, i quali vogliono la distruzione dell’emirato nemico.
    Il Qatar è protetto dai turchi quindi la sconfitta della Turchia può voler dire la fine del Qatar.
    La Russia fa un pò il pesce in barile perchè fa affari con i turchi, ma sia la Russia che la Cina sono alleati dell’Egitto oltre che della Siria.
    La Cina ha avuto il terrorismo uiguro armato e finanziato dai turchi e sia Russia che Cina non vedrebbero male un indebolimento della Turchia con la deposizione del salafita Erdogan e magari la separazione del Kurdistan.

  • Giorgio
    10 Giugno 2020

    Si avvicinano tempi duri durissimi per il criminale doppio anzi triplo giochista di Ankara….

  • Teoclimeno
    11 Giugno 2020

    Il più grande ed influente paese arabo non è l’Arabia Saudita, ma l’Egitto. Era quindi ovvio, che non poteva mancare di far sentire la sua voce in un momento tanto delicato, come quello attuale in Libia.

Inserisci un Commento

*

code