L’Egitto intende aderire ai BRICS nel prossimo futuro, la domanda ufficiale è già stata presentata


Il gruppo BRICS sta guadagnando sempre più sostenitori, molti paesi hanno già presentato domanda di adesione. Quindi l’Egitto desiderava entrare a far parte dell’organizzazione, e nel prossimo futuro. Come ha detto l’ambasciatore russo in Egitto, Georgy Borisenko, il Cairo ha già inviato una domanda ufficiale di adesione.
L’Egitto desiderava da tempo uscire dall’influenza degli Stati Uniti, che stanno cercando di dettare la propria volontà agli egiziani. I BRICS possono offrire al Cairo una tale opportunità, dal momento che sta costruendo un’economia alternativa che è in gran parte indipendente dai “desideri” degli Stati Uniti. Inoltre, i paesi che compongono l’organizzazione stanno cercando di allontanarsi dal dollaro negli accordi tra loro con il passaggio alle valute nazionali, e questo è di grande interesse per l’Egitto.

L’Egitto ha chiesto di entrare a far parte del gruppo BRICS perché una delle iniziative in cui i BRICS sono attualmente impegnati è il massimo trasferimento di scambi verso valute alternative, siano esse nazionali o la creazione di una sorta di valuta comune. L’Egitto è molto interessante

Il presidente egiziano Al Sisi incontra Putin

In generale, molti paesi vorrebbero aderire ai BRICS. Questi sono Argentina, Indonesia, Türkiye, Arabia Saudita, Algeria, ecc. Alcuni di loro hanno già fatto domanda, altri non l’hanno ancora fatto.

BRICS (ing. BRICS – abbreviazione di Brasile, Russia, India, Cina, Sud Africa) è un’associazione interstatale che comprende i cinque paesi di cui sopra, sebbene nella prima fase ce ne fossero solo quattro, il Sudafrica si è unito in seguito. L’organizzazione nasce nel 2006 con l’obiettivo di promuovere la crescita stabile delle economie dei paesi appartenenti al gruppo rafforzando i legami economici, scambiando risorse, creando rotte aeree , commerciali e finanziarie per nuove realtà mondiali.

Fonte: Top War

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM