L’Egemonia degli USA è finita, da un articolo del Word Economic Forum

placeholder


Se vogliamo sopravvivere alla transizione geopolitica globale, dobbiamo prima accettare che l’era dell’egemonia americana è finita”. Questo lo scriveva già un rapporto del WEF del 2018.

Nel cambiamento degli equilibri internazionali, il mondo si sta spostando verso un nuovo ordine multipolare, con gli Stati Uniti e la Cina al centro. Dobbiamo ripristinare e ricostruire istituzioni e regole stabili che tengano conto di questo nuovo contesto. Gli organismi transnazionali dovranno essere più inclusivi, rappresentativi e legittimi. Sarà inoltre necessario rafforzare il ruolo dei meccanismi di cooperazione internazionale (come il G20), delle organizzazioni regionali e degli attori non governativi, in particolare finanziari e filantropici. Inoltre, le città stanno rivendicando il loro posto, come dimostra Urban20, una collaborazione tra le più grandi aree urbane del mondo, che sarà lanciata ufficialmente nell’ottobre 2018.

Tutto questo sarà difficile da digerire per i sostenitori dell’ordine mondiale liberale. Dovrà anche essere spiegato a un pubblico abituato a cambiamenti lineari. Le trasformazioni attuali sono sia non lineari che sempre più esponenziali, si tratta di processi difficili da comprendere per gli esseri umani normali. Siamo impegnati nell’idea che le democrazie debbano andare avanti e nei principi di base su cui si basano, ma dobbiamo imparare a scendere a compromessi e accettare più sistemi di valori differenziati. Si legge nel rapporto.

Il prossimo ordine mondiale sarà più complesso e potenzialmente più precario, ma questo è il nuovo mondo che stiamo affrontando ”.

fonte: http://conscience-du-peuple.blogspot.com

Il Nuovo Ordine Mondiale post Covid : sarà l’impero dei miliardari


La realtà è che la pandemia COVID-19 viene utilizzata per creare un governo mondiale con potere concentrato su una elite costituita da un gruppo di miliardari.
Nel marzo 2020, il progetto United Nations New World Order (UNNWO) ha annunciato la sua campagna annuale per la Giornata internazionale della felicità, insieme a un appello alla solidarietà e all’unità per combattere COVID- 19. Il tema della campagna, secondo UNNWO, era il seguente:
“… chiediamo ai 7800 milioni di persone nel mondo, e alle 206 nazioni e territori del pianeta, di unirsi in solidarietà e fermezza nella lotta contro il coronavirus COVID 19”

Sebbene gli obiettivi teorici di sostenibilità dell’UNNWO sembrano positivi per l’umanità: come affrontare la povertà, la fame, l’inquinamento idrico e altro, di fatto questi nascondono la manipolazione della elite di potere mondiale che avviene con la censura dei media, la sorveglianza di massa dei cittadini e il controllo totale di cure mediche, come si può spiegare più dettagliatamente di seguito.

Un chiaro esempio dei pericoli delle iniziative è l’Agenda di vaccinazione 2030 dell’Organizzazione mondiale della sanità, che mira a vaccinare tutte le persone nel mondo entro tale data.

Bill e Melinda Gates

Bill Gates della Bill and Melinda Gates Foundation , che è uno dei principali finanziatori dell’OMS, intende vaccinare la popolazione mondiale per affrontare COVID-19, oltre che per tracciare e monitorare le persone attraverso la sorveglianza digitale. La Fondazione Rockefeller supporta anche il monitoraggio di massa delle persone, il tutto avviene con il pretesto di fermare la pandemia.

Il Grande Riassetto

La domanda che alcuni potrebbero fare è quella se un tale gigantesco sistema di sorveglianza globale creato da COVID-19 verrà smantellato una volta che la pandemia si sarà placata. Non bisogna illudersi, piuttosto questo tenderà a divenire permanente e si trasformerà semplicemente in altri metodi di sorveglianza presentati come meccanismi per proteggere la “salute pubblica” dalle altre e semprenuove emergenze. Un dato è certo: dopo il Covid il mondo non sarà più lo stesso e si dovrà procedere a quello che gli specialisti hanno già battezzato come Il Grande Riassetto (Great Reset).

Nuovo Ordine mondiale (mi raccomando…vaccinatevi, dice Papa Bergoglio)

Il grande riassetto comporta una trasformazione della società che si traduce in restrizioni permanenti alle libertà fondamentali e alla sorveglianza di massa poiché interi settori vengono sacrificati per aumentare il monopolio e l’egemonia delle società farmaceutiche, dei giganti high-tech / big data, Amazon, Google, le principali catene globali, il settore dei pagamenti digitali, preoccupazioni biotecnologiche, ecc.

Utilizzando i blocchi e le restrizioni COVID-19 per far passare questa trasformazione, il grande ripristino viene lanciato sotto le spoglie di una “ Quarta rivoluzione industriale ” in cui le imprese più vecchie devono essere portate al fallimento o assorbite in monopoli, chiudendo efficacemente enormi sezioni dell’economia pre-COVID. Le economie vengono “ristrutturate” e molti lavori verranno svolti da macchine guidate dall’intelligenza artificiale.

Il fine ultimo della Elite finanziaria è quello di riorganizzare l’ordine mondiale, decretando l’annientamento di fatto i confini nazionali, impostando i valori dominanti in senso liberal e globalista, con particolare importanza attribuita al controllo delle nascite, alla parità di genere, all’eugenetica, ed allo scientismo profilattico e vaccinale.
Nell’ordine gerarchico del nuovo ordine, al di sopra di tutto, incluse le antiche credenze, la vecchia morale, l’etica tradizionale e le culture, ci sarà un mondo dominato dai signori del denaro, dai dominatori del mercato aperto e globale, ovvero da coloro che governano le politiche monetarie, cioè il cartello delle grandi banche centrali, istituzioni finanziarie sovranazionali e “investment banking” globali.
Questo nuovo ordine distopico, secondo i promotori, si imporrà in nome della superiorità della tecnologia e della “scienza”, con la legittimità del discorso del “progresso”, con il diritto di chi invoca una saggezza tecnica e neutrale, presumibilmente estranea al gioco politico, interessata solo “al benessere dell’umanità”.
I signori del denaro e del “benessere” saranno quelli che imporranno le scelte al mondo del dopo pandemia, del grande riassetto globale. Non è prevista alcuna forma alternativa, tutto avverrà nel nome della scienza e chi cercherà di opporsi verrà internato. Una prospettiva che inizia già ad intraverersi come esito finale di questo processo.

Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus