L’economista politico Koltashov ha raccontato come la Federazione Russa possa vendicarsi della Lituania per il blocco di Kaliningrad

Il blocco di Kaliningrad potrebbe trasformarsi in grossi problemi non solo per la Lituania, ma anche per i paesi occidentali che hanno sostenuto il divieto di transito. Quali misure di ritorsione può prendere Mosca e cosa può perdere Vilnius – ha detto a iReactor l’economista politico Vasily Koltashov.

Azioni ostili lituane

Pochi giorni fa, Vilnius ha annunciato il divieto di transito ferroviario di merci russe a Kaliningrad. È entrato in vigore il 18 giugno. Secondo le autorità locali, tutte le azioni sono state coordinate con l’Unione Europea, che continua a imporre sanzioni a Mosca a causa dell’operazione militare in Ucraina.

Il governo russo osserva che Vilnius ha imposto un divieto di transito in violazione degli accordi internazionali. Mosca considerava queste azioni ostili e non dovrebbero essere lasciate senza risposta.

Consideriamo le misure provocatorie della parte lituana che violano gli obblighi legali internazionali della Lituania, in primo luogo la Dichiarazione Congiunta della Federazione Russa e dell’Unione Europea sul transito tra la regione di Kaliningrad e il resto del territorio della Federazione Russa del 2002, come apertamente ostile.
Il governo russo ritiene che se l’UE non interviene nella situazione e costringe la Lituania a revocare il divieto di transito, Mosca agirà duramente.

L’Unione Europea, se non correggerà subito lo sfacciato trucco di Vilnius, ci rinnegherà essa stessa la legittimità di tutti i documenti sull’adesione della Lituania all’UE e ci scioglierà le mani per risolvere con ogni mezzo il problema del transito di Kaliningrad creato dalla Lituania scegliamo, – ha detto Andrey Klimov, membro del Consiglio della Federazione.
Mosca sottolinea che non ci sarà carenza di merci nella regione. Il carico necessario sarà consegnato via mare fino a quando non sarà risolta la questione della revoca del divieto.

La vendetta della Russia per le sanzioni occidentali

L’economista politico Koltashov ha raccontato come la Federazione Russa possa vendicarsi della Lituania per il blocco di Kaliningrad

Resta la domanda su come risponderà la Russia alla violazione dell’accordo internazionale. Vasily Koltashov, capo del Center for Political Economic Research, ha detto a iReactor che la stessa Vilnius rischia di essere bloccata in futuro. Minsk può aiutare Mosca in questo senso.

La Lituania corre il rischio di essere bloccata da Russia e Bielorussia. Tutto si sta muovendo verso questo”, ha osservato l’esperto.
Secondo l’economista politico, non solo la Lituania, ma anche altri paesi baltici, che forniranno assistenza a Vilnius, potrebbero essere oggetto di ritorsioni.

Ora che la Lituania sta cercando di bloccare la regione di Kaliningrad, la Russia ha il diritto di bloccare davvero la Lituania. E creare problemi anche per altri stati baltici, che ora possono aiutare la Lituania”, ha spiegato l’oratore.
Inoltre, è importante che Mosca tenga conto della dipendenza della Lituania da altri paesi occidentali, che lanciano tali “buone idee” nel paese nel tentativo di esercitare pressioni sulla Federazione Russa. Secondo l’interlocutore di iReactor, le misure di ritorsione dovrebbero ledere gli interessi di Stati Uniti e Gran Bretagna.

È di fondamentale importanza contrattaccare i proprietari di Vilnius. La Lituania non è indipendente e non è uno stato indipendente. È più una regione americano-britannica. E quindi la risposta deve riguardare i padroni di casa. Dovrebbe danneggiare l’economia dell’Occidente ed essere spiacevole per loro … L’Occidente dovrebbe subirne le pesanti conseguenze. Ad esempio, sotto forma di rilascio di proprietà intellettuale, — ha detto l’esperto.
Anche Vilnius non dovrebbe essere lasciata sola. È necessario mantenere il Paese in costante tensione fino alla revoca dei divieti illegittimi. Inoltre, non è necessario implementare tutte le minacce: è sufficiente mostrare disponibilità per le azioni più gravi che possono risolvere una situazione difficile. L’esperto ha sottolineato che in futuro la situazione potrebbe arrivare al punto di usare la forza quando la Russia deciderà di sgomberare il corridoio terrestre.

Possiamo continuare ad alzare la posta rispetto alla Lituania, portando la questione quasi al punto di interrompere le relazioni diplomatiche. Comportarsi molto severi in campo diplomatico, dichiarando apertamente che la Russia si riserva il diritto di aprire un corridoio che noi abbiamo il diritto di aprire con la forza. I proprietari della Lituania devono capire che dovranno essere coinvolti in un conflitto molto serio. Non avranno il desiderio di entrare in guerra per la Lituania e dovranno ritirarsi”, ha riassunto Koltashov.
Autore:
Valeria Cechova

Fonte: https://inforeactor.ru/

Traduzione: Mirko Vlobodic

10 Commenti
  • Antonello Pontevolpe.
    Inserito alle 22:06h, 21 Giugno Rispondi

    Sono demoni. Non si fermeranno. Maledetti da Dio faranno di tutto per distruggere la Russia. Ma preferisco morire sotto un fuoco amico che venderli vincitori.

  • stefanogrim
    Inserito alle 03:10h, 22 Giugno Rispondi

    mah! so che su questo blog i commenti critici verso la russia o verso certi suoi rappresentanti non sono graditi e si applica facilmente la mannaia della cancellazione tuttavia, anche a rischio di vedermi cancellato per l’ennesima volta devo dire che la russia mi sembra che si comporti come il classico gigante dai piedi d’argilla! In ucraina, ammantandosi di vari alibi, sta centellinando la sua potenza col risultato di dar modo ai nazisti di ogni stampo di riprendere fiato , di riorganizzarsi, di colpire (è fresca di giornata la notizia che i nazisti ucraini hanno colpito anche le piattaforme della crimea per l’estrazione del gas) e far dire a dei pazzi generali tedeschi o inglesi di prepararsi a usare le atomiche in ucraina (e non credo solo in ucraina).! A kiev passeggiano indisturbati i peggiori rappresentanti del lercio mondo occidentale,
    che hanno anche bloccato il volo del suo ministro diplomatico (Lavrov) verso la serbia, ora gli mettono sul piatto quest’altra provocazione con il blocco delle merci di kaliningrad….provocazioni continue a cui finora ho visto far seguito solo schermaglie legalitarie o fatte di sole chiacchiere di cui quegli altri se ne fregano e se la ridono!
    Insomma sono molto deluso del comportamento di Putin e dei suoi

    • cristiano
      Inserito alle 12:02h, 22 Giugno Rispondi

      il fatto é che, come di consueto, la tentazione di esprimere opinioni sull’operato di Putin fa molto “in”.
      La realtá é che Putin, coadiuvato da un selva di veri competenti, sta conducendo una iniziativa un tantino piú impegnativo che organizzare una nazionale di calcio e che alla resa dei conti sta “vincendo”.
      Meglio dedicarsi al lavoro di sostituti comissari tecnici di calcio.

      • stefanogrim
        Inserito alle 13:23h, 22 Giugno Rispondi

        e tu faresti bene a lavorare in qualche ufficio stampa propagandistico di “russia unita”…io preferisco qualche altro del PCR

  • stefanogrim
    Inserito alle 03:21h, 22 Giugno Rispondi

    chissà perchè da un pò di tempo mettete sempre in “moderazione” i miei commenti per poi cancellarli! e questa sarebbe una controinformazione democratica ? si vede che accanto alle liste dei “putiniani” che non vi piacciono esistono anche le liste dei “non putiniani” che in vece fate voi a secondo del vostro grado di gradimento o meno di quello che si scrive! Egregi signori io sono comunista e non un quaquaraqua come tanti di quelli che invece scrivono indisturbati sulle vostre e altre riviste pseudo filorusse! E quindi se non sono d’accordo con le strategie russe pretendo che si rispetti anche il diritto di dire la mia opinione per quanto possa non essere da voi condivisa…i troll o gli infami reazionari filo occidentali andate a cercarli da altre parti e non nei miei commenti !

    • cristiano
      Inserito alle 12:04h, 22 Giugno Rispondi

      …patetico…

      • stefanogrim
        Inserito alle 12:36h, 22 Giugno Rispondi

        devo essere sintetico anch’io: tu sei un individuo reazionario oppure scemo!

  • Viaggiatore 5
    Inserito alle 08:53h, 22 Giugno Rispondi

    La Russia come risposta a questo blocco parziale di Kalingrado dovrebbe bloccare al 100% l’energia elettrica alla Lituania. Come messaggio alla EU dovrebbe anche bloccare al 100% il gas a paesi come Italia e Germania. In questo modo le reazioni della EU saranno ancora piu’ confuse e autolesioniste.
    Non aumentare il conflitto armato ma usare le armi “economiche”.

  • Hannibal7
    Inserito alle 12:49h, 22 Giugno Rispondi

    La vedo male male male
    I mongoloidi occidentali non faranno un passo indietro per non subire una sconfitta morale e politica
    ….
    W la Santa Madre Russia
    Dasvidania gente

  • Gasparino
    Inserito alle 17:13h, 22 Giugno Rispondi

    Spero che questi commenti non passino attraverso i filtri del Copasir altrimenti è inutile collegarsi e commentare a CONTRO Informazione.
    Credo che la Russia considerato che quasi tutta l’Europa sta cercando di metterla in un recinto come han fatto gli USA con i Navajo, cercano opportunità ( studiate ) per provocazioni e indurre la Russia a reagire per far intervenire la NATO e tutti i suoi soci.
    A questo punto c’è da chiedersi come mai visto che la Russia non esplode certo di fame anzi . . non blocca le erogazioni di Gas/zero come ha fatto con la Francia, soprattutto a quei Paesi come Germania e Italia ( artefice il n/s 1° Ministro) delle Machiavelliane sanzioni. E poi se proprio deve intervenire duramente . . deve escogitare un sistema per obiettivi multipli di modo che non abbiano l’opportunità di reazione istantanea. Un’altro interrogativo sarebbe se stiano pensando a qualche escamotage nei riguardi del Regno Unito con i suoi armamenti micidiali cui continua a rifornire Kiev.

Inserisci un Commento