L’economia è favorevole alla vita: i blocchi uccideranno più persone di quante ne salvino

placeholder


Ehi, non sarà poi così male, avremo il sacco mensile di farina dal governo (dopo aver fatto la fila per due giorni).
The Great Hysteria Pandemic
di SchiffGold
Vorrei essere chiaro in anticipo. Non penso che il coronavirus sia “solo l’influenza”. Penso che la pandemia rappresenti una significativa minaccia per la salute e potrebbe potenzialmente sopraffare il sistema sanitario se la diffusione non viene rallentata. Penso che il distanziamento sociale sia saggio. Ma penso anche che le misure draconiane adottate dai governi che hanno effettivamente bloccato l’economia in molti luoghi potrebbero rivelarsi più micidiali a lungo termine rispetto al virus stesso.

Come ha affermato Kerry Baldwin , l’economia è in grado di sostenere la vita.

Nel suo famoso saggio ” Ciò che è visto e ciò che non è visto “, l’economista francese Frédéric Bastiat ha spiegato la differenza tra un buon economista e un cattivo economista.

Tra un bravo e un cattivo economista ciò costituisce l’intera differenza: quello tiene conto dell’effetto visibile; l’altro tiene conto sia degli effetti che si vedono, sia di quelli che è necessario prevedere. “

La maggior parte dei politici sono cattivi economisti.

I funzionari governativi prendono decisioni basate principalmente su calcoli politici. Non sono saggi, né benevoli. Come tutti noi, sono guidati dall’interesse personale. E il loro interesse personale implica aumentare il loro potere. Il modo migliore per farlo è quello di apparire bene in TV, apparire decisivo e, soprattutto, non metterti in una posizione in cui puoi essere incolpato di un problema.

Questa non è una ricetta per un buon processo decisionale.

Poiché il grande pubblico si concentra solo sulle cose immediatamente viste, i politici si preoccupano solo di quello che viene immediatamente visto. Ignorano le potenziali conseguenze invisibili delle loro azioni. Non hanno la volontà, o nella maggior parte dei casi nemmeno la conoscenza, per impegnarsi in un buon calcolo economico.

Ogni decisione comporta compromessi. Un buon processo decisionale implica la considerazione dei benefici e delle conseguenze di percorsi d’azione alternativi e quindi la scelta di quello che presenta i maggiori benefici.

Prendi in considerazione la sicurezza automobilistica. Potresti costruire un’auto blindata con una velocità massima di 15 mph e sarebbe praticamente sicura al 100%. Sarebbe anche completamente inutile per andare in giro. C’è un compromesso tra funzionalità e sicurezza.

Lo stesso vale quando si tratta di combattere la pandemia di coronavirus. Arriva un momento in cui il danno causato dalla chiusura del commercio farà più danni del virus. Come ha affermato Kerry Baldwin, l’economia è in grado di sostenere la vita. Se spremi abbastanza vita dall’economia, alla fine le persone moriranno.

Dov’è quel punto? Non ne ho idea. Ma so che i politici sono le persone meno qualificate per prendere quella decisione.

In un articolo pubblicato su FEE , Jon Miltmore sottolinea correttamente che il governo ha una storia di peggioramento del panico. Spiega come “il governo federale ha preso un piccolo problema (costi elevati temporanei della benzina negli anni ’70) e l’ha trasformato in un grande problema (una carenza nazionale). Il governo ha “risolto” il problema dei costi con i controlli dei prezzi. I risultati furono meno che ideali.

Non c’è motivo di credere che il governo farà un lavoro migliore “gestendo” COVID-19. Miltmore chiama la ragione, non il panico. Sarebbe saggio ascoltare il suo avvertimento.

Mentre l’America e l’Europa subiscono la pandemia più spaventosa in un secolo [per gentile concessione dei media e non della realtà] , l’epidemia di COVID-19, è importante che le decisioni che riguardano vite, libertà e mezzi di sostentamento di centinaia di milioni di persone vengano raggiunte attraverso la ragione, non paura collettiva.

Le pandemie sono chiaramente diverse dalle depressioni economiche e dalla carenza di carburante, ma si applicano alcune delle stesse lezioni. Come un panico economico, le pandemie incitano alla paura di massa, cosa questa che può portare a decisioni sbagliate e irrazionali.

Sappiamo che gli esseri umani per natura sono inclini a seguire la folla , specialmente durante i periodi di disordini sociali e panico. Questo istinto ha portato ad alcune delle più grandi tragedie della storia umana.

COVID-19 potrebbe benissimo dimostrarsi pericoloso più di quanto siamo stati indotti a credere. Gli epidemiologi, i ricercatori sui vaccini e altri esperti medici concordano sul fatto che è altamente contagioso e mortale, soprattutto per alcuni dati demografici a rischio (anziani e persone con sistema immunitario compromesso e danno polmonare, ad esempio). Eppure molti degli stessi esperti non sono d’accordo sulla portata della minaccia COVID-19 .

Uno dei problemi che i professionisti medici stanno incontrando è semplicemente che non hanno molti dati affidabili con cui lavorare.

Stato di emergenza

“I dati raccolti finora su quante persone sono infette e su come si sta evolvendo l’epidemia sono assolutamente inaffidabili” , come ha recentemente scritto John PA Ioannidis, un epidemiologo e professore di medicina presso la Stanford University che co-dirige il University Meta-Research Innovation Center .

Ammettiamolo: le pandemie fanno paura. Questo è probabilmente doppiamente vero nell’era dei social media, quando i modelli più spaventosi tendono ad essere quelli più condivisi, il che alimenta ancora più panico . A causa dell’elevato livello di paura, non è irragionevole pensare che i funzionari pubblici possano “seguire la folla”, il che è una cattiva idea anche quando la folla non è totalmente pietrificata.

“Folle non ragione … .loro tollerano né discussione né contraddizioni, e le suggestioni esercitate su di essi invadono tutto il campo della loro comprensione e tendono subito a trasformarsi in atti”, ha scritto Gustave Le Bon nel suo seminale 1895 opera The Folla: uno studio sulla mente popolare .

Non è un segreto o una coincidenza che le crisi – guerre straniere, attacchi terroristici e depressioni economiche – abbiano spesso provocato vaste invasioni di libertà e persino dato origine a tiranni (da Napoleone a Lenin e oltre). Nel suo libro Crisis and Leviathan , lo storico ed economista Robert Higgs spiega come, nel corso della storia, le crisi sono state utilizzate per espandere lo stato di emergenza, spesso consentendo di lasciare in atto misure “temporanee” dopo che la crisi è diminuita (si pensi alla ritenuta fiscale federale durante la seconda guerra mondiale).

“Quando [si verificano le crisi] … quasi sicuramente i governi acquisiranno nuovi poteri sugli affari economici e sociali”, ha scritto Higgs. “Per coloro che hanno a cuore la libertà individuale e una società libera, la prospettiva è profondamente scoraggiante.”

Prendiamo sul serio il romanzo coronavirus, ma non gettiamo ragione, prudenza o Costituzione fuori dalla finestra mentre lo facciamo. Se lo facciamo, potremmo scoprire che la “cura” del governo per la cura del coronavirus è persino peggiore della malattia.

La realtà è che abbiamo pochissimo controllo su ciò che fanno i politici. I governi statali, locali e federali continuano ad aumentare le restrizioni ogni giorno. Sembra che siamo già nel mezzo del processo decisionale guidato dal panico.

Il presidente Trump ha chiesto un sacrificio condiviso. Eppure il governo sta salvando tutti. Sarà la nazione di salvataggio . Trump vuole che ti sacrifichi senza alcun dolore. Ma non funziona così. Man mano che le cose si svolgono, molto dovrai sacrificare. E ci sarà dolore .

Peter Schiff afferma che abbiamo superato il punto di non ritorno. Il coronavirus ha puntato la bolla . L’economia si sta sgonfiando, qualunque cosa accada al perno. E sembra probabile che la risposta del governo e della banca centrale non farà che peggiorare la situazione. Preparati. Sarà un giro accidentato.

Fonte: SchiffGold

Traduzione: Lisandro Alvardo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus