L’economia è favorevole alla vita: i blocchi uccideranno più persone di quante ne salvino


Ehi, non sarà poi così male, avremo il sacco mensile di farina dal governo (dopo aver fatto la fila per due giorni).
The Great Hysteria Pandemic
di SchiffGold
Vorrei essere chiaro in anticipo. Non penso che il coronavirus sia “solo l’influenza”. Penso che la pandemia rappresenti una significativa minaccia per la salute e potrebbe potenzialmente sopraffare il sistema sanitario se la diffusione non viene rallentata. Penso che il distanziamento sociale sia saggio. Ma penso anche che le misure draconiane adottate dai governi che hanno effettivamente bloccato l’economia in molti luoghi potrebbero rivelarsi più micidiali a lungo termine rispetto al virus stesso.

Come ha affermato Kerry Baldwin , l’economia è in grado di sostenere la vita.

Nel suo famoso saggio ” Ciò che è visto e ciò che non è visto “, l’economista francese Frédéric Bastiat ha spiegato la differenza tra un buon economista e un cattivo economista.

Tra un bravo e un cattivo economista ciò costituisce l’intera differenza: quello tiene conto dell’effetto visibile; l’altro tiene conto sia degli effetti che si vedono, sia di quelli che è necessario prevedere. “

La maggior parte dei politici sono cattivi economisti.

I funzionari governativi prendono decisioni basate principalmente su calcoli politici. Non sono saggi, né benevoli. Come tutti noi, sono guidati dall’interesse personale. E il loro interesse personale implica aumentare il loro potere. Il modo migliore per farlo è quello di apparire bene in TV, apparire decisivo e, soprattutto, non metterti in una posizione in cui puoi essere incolpato di un problema.

Questa non è una ricetta per un buon processo decisionale.

Poiché il grande pubblico si concentra solo sulle cose immediatamente viste, i politici si preoccupano solo di quello che viene immediatamente visto. Ignorano le potenziali conseguenze invisibili delle loro azioni. Non hanno la volontà, o nella maggior parte dei casi nemmeno la conoscenza, per impegnarsi in un buon calcolo economico.

Ogni decisione comporta compromessi. Un buon processo decisionale implica la considerazione dei benefici e delle conseguenze di percorsi d’azione alternativi e quindi la scelta di quello che presenta i maggiori benefici.

Prendi in considerazione la sicurezza automobilistica. Potresti costruire un’auto blindata con una velocità massima di 15 mph e sarebbe praticamente sicura al 100%. Sarebbe anche completamente inutile per andare in giro. C’è un compromesso tra funzionalità e sicurezza.

Lo stesso vale quando si tratta di combattere la pandemia di coronavirus. Arriva un momento in cui il danno causato dalla chiusura del commercio farà più danni del virus. Come ha affermato Kerry Baldwin, l’economia è in grado di sostenere la vita. Se spremi abbastanza vita dall’economia, alla fine le persone moriranno.

Dov’è quel punto? Non ne ho idea. Ma so che i politici sono le persone meno qualificate per prendere quella decisione.

In un articolo pubblicato su FEE , Jon Miltmore sottolinea correttamente che il governo ha una storia di peggioramento del panico. Spiega come “il governo federale ha preso un piccolo problema (costi elevati temporanei della benzina negli anni ’70) e l’ha trasformato in un grande problema (una carenza nazionale). Il governo ha “risolto” il problema dei costi con i controlli dei prezzi. I risultati furono meno che ideali.

Non c’è motivo di credere che il governo farà un lavoro migliore “gestendo” COVID-19. Miltmore chiama la ragione, non il panico. Sarebbe saggio ascoltare il suo avvertimento.

Mentre l’America e l’Europa subiscono la pandemia più spaventosa in un secolo [per gentile concessione dei media e non della realtà] , l’epidemia di COVID-19, è importante che le decisioni che riguardano vite, libertà e mezzi di sostentamento di centinaia di milioni di persone vengano raggiunte attraverso la ragione, non paura collettiva.

Le pandemie sono chiaramente diverse dalle depressioni economiche e dalla carenza di carburante, ma si applicano alcune delle stesse lezioni. Come un panico economico, le pandemie incitano alla paura di massa, cosa questa che può portare a decisioni sbagliate e irrazionali.

Sappiamo che gli esseri umani per natura sono inclini a seguire la folla , specialmente durante i periodi di disordini sociali e panico. Questo istinto ha portato ad alcune delle più grandi tragedie della storia umana.

COVID-19 potrebbe benissimo dimostrarsi pericoloso più di quanto siamo stati indotti a credere. Gli epidemiologi, i ricercatori sui vaccini e altri esperti medici concordano sul fatto che è altamente contagioso e mortale, soprattutto per alcuni dati demografici a rischio (anziani e persone con sistema immunitario compromesso e danno polmonare, ad esempio). Eppure molti degli stessi esperti non sono d’accordo sulla portata della minaccia COVID-19 .

Uno dei problemi che i professionisti medici stanno incontrando è semplicemente che non hanno molti dati affidabili con cui lavorare.

Stato di emergenza

“I dati raccolti finora su quante persone sono infette e su come si sta evolvendo l’epidemia sono assolutamente inaffidabili” , come ha recentemente scritto John PA Ioannidis, un epidemiologo e professore di medicina presso la Stanford University che co-dirige il University Meta-Research Innovation Center .

Ammettiamolo: le pandemie fanno paura. Questo è probabilmente doppiamente vero nell’era dei social media, quando i modelli più spaventosi tendono ad essere quelli più condivisi, il che alimenta ancora più panico . A causa dell’elevato livello di paura, non è irragionevole pensare che i funzionari pubblici possano “seguire la folla”, il che è una cattiva idea anche quando la folla non è totalmente pietrificata.

“Folle non ragione … .loro tollerano né discussione né contraddizioni, e le suggestioni esercitate su di essi invadono tutto il campo della loro comprensione e tendono subito a trasformarsi in atti”, ha scritto Gustave Le Bon nel suo seminale 1895 opera The Folla: uno studio sulla mente popolare .

Non è un segreto o una coincidenza che le crisi – guerre straniere, attacchi terroristici e depressioni economiche – abbiano spesso provocato vaste invasioni di libertà e persino dato origine a tiranni (da Napoleone a Lenin e oltre). Nel suo libro Crisis and Leviathan , lo storico ed economista Robert Higgs spiega come, nel corso della storia, le crisi sono state utilizzate per espandere lo stato di emergenza, spesso consentendo di lasciare in atto misure “temporanee” dopo che la crisi è diminuita (si pensi alla ritenuta fiscale federale durante la seconda guerra mondiale).

“Quando [si verificano le crisi] … quasi sicuramente i governi acquisiranno nuovi poteri sugli affari economici e sociali”, ha scritto Higgs. “Per coloro che hanno a cuore la libertà individuale e una società libera, la prospettiva è profondamente scoraggiante.”

Prendiamo sul serio il romanzo coronavirus, ma non gettiamo ragione, prudenza o Costituzione fuori dalla finestra mentre lo facciamo. Se lo facciamo, potremmo scoprire che la “cura” del governo per la cura del coronavirus è persino peggiore della malattia.

La realtà è che abbiamo pochissimo controllo su ciò che fanno i politici. I governi statali, locali e federali continuano ad aumentare le restrizioni ogni giorno. Sembra che siamo già nel mezzo del processo decisionale guidato dal panico.

Il presidente Trump ha chiesto un sacrificio condiviso. Eppure il governo sta salvando tutti. Sarà la nazione di salvataggio . Trump vuole che ti sacrifichi senza alcun dolore. Ma non funziona così. Man mano che le cose si svolgono, molto dovrai sacrificare. E ci sarà dolore .

Peter Schiff afferma che abbiamo superato il punto di non ritorno. Il coronavirus ha puntato la bolla . L’economia si sta sgonfiando, qualunque cosa accada al perno. E sembra probabile che la risposta del governo e della banca centrale non farà che peggiorare la situazione. Preparati. Sarà un giro accidentato.

Fonte: SchiffGold

Traduzione: Lisandro Alvardo

26 Commenti

  • atlas
    23 Marzo 2020

    articolo ben scritto. Quello che l’articolista omette è il significare che il politico agisce per il proprio interesse sì, MA IN UN SISTEMA DEMOCRATICO, non Socialista nazionale. Ed è proprio la democrazia internazionale a volere tutto questo, nel suo giudaico interesse internazionale

    quindi una volta risolto (ma io non lo credo) questo problema creato per esercitarci, ovvero per essere rieducati alla democrazia, sistema impopolare ed ingiusto, si dovranno necessariamente fare i conti con questa gentaglia

    si dovrà rivedere ed analizzare acriticamente, a posteri, di questo periodo storico che stiamo vivendo; in cui una così grave disgrazia ci è piombata addosso inaspettatamente ed imprevedibilmente: QUALE fu il ruolo dell’informazione nostrana unita alle altre

    che ebbe già durante l’operazione Moro

    poi durante l’operazione 11 Settembre

    poi durante l’operazione Iraq e le fialette di Colin Powell

    e poi durante la pretesa falsa insurrezione popolare in Siria, quando invece vi erano guerriglieri wahhabiti e giudeizzati di almeno 97 nazionalità diverse

    persone che muoiono senza aver fatto alcun tipo di tampone muoiono per altre cause, come ad es. l’infarto; e vengono spacciate per morti di questo virus. E l’OMS, gestita dai giudei, è la prima causa di tutto questo allarmismo. Chi pagherà mai per il trauma subito da bambini e adolescenti ? Chi per l’ingiusta detenzione domiciliare e la privazione di libertà personali come la locomozione ? Basta, basta

  • applauso
    24 Marzo 2020

    Dell’articolo ho trovato molto interessanti le proposte concrete per il contrasto alla malattia e la sua sconfitta.
    Citazioni dotte da articoli medici che han passato le peer-review; grafici ben fatti; dati numerici inoppugnabili; citazioni di luminari della scienza e della medicina; calcoli macro e micro economici solidi e verificati, e quant’altro ancora..
    Eh, sì. Ad averne di articoli così da leggere ogni giorno!
    Grazie per le informazioni altrimenti irreperibili.

  • Mardunolbo
    24 Marzo 2020

    Rimango stupefatto che Atlas stia ragionando ! Forse l’astinenza obbligata ha impedito una afflusso sanguigno esagerato al coso sprepuziato ed è migliorato il flusso cerebrale; meglio così, perchè concordo con quanto scritto dall’ex carrabbeniero…. è riuscito a fare una buona sintesi di storia !

    • atlas
      24 Marzo 2020

      nel frattempo che sei a casa a non fare un cazzo guardatela

      parte della mia storia. Non è da tutti averla al cinema per la vita

      il primo tempo si svolge in quella che fu la mia Scuola Allievi, 74mo corso, caserma Orlando De Tommaso in via Carlo Alberto Dalla Chiesa a Roma, zona Ottaviano. Le comparse sono tutti ex colleghi del 73mo, alcuni di loro amici, gli altri cmq conosciuti. C’è poi colui che fu mio Brigadiere in compagnia, D’Ascanio, l’allora Tenente mio Comandante di Plotone, Cogliano (che appare anche in ‘100 giorni a Palermo’ dove comanda il picchetto all’entrata), il Comandante della 2nda Compagnia, Mazzei e tanti altri. Allora, 1984, c’era rigorosa disciplina militare e più moralità, ma fu, forse, il periodo più bello e formativo, il più brutto a Torino poi, si era veramente trattati male. La scena del giuramento è il mio, io sono là in mezzo, non mi potrai riconoscere. Sono cmq ricordi indelebili, che segnano il cuore per sempre. L’arma, nel bene e nel male è un pò come una famiglia

    • Alvise
      24 Marzo 2020

      Hai detto bene Emanuele, ci stanno spacciando tutti quelli che muoiono in Italia per causa del covid-19. Come se prima fossimo immortali e i cimiteri in disuso da secoli. Purtroppo le masse ci cadono, con tutte le scarpe.

      • atlas
        25 Marzo 2020

        stiamo vivendo il colpo di stato internazionale più sinistro della storia

        come il tentato da Borghese, attribuito alla ‘destra’, dietro ci sono sempre loro, i giudeo-ameri cani

        prima i Kissinger, oggi i Soros. Confluendo nei Rothchild

    • Kaius
      24 Marzo 2020

      Non penso che bambini e adolescenti abbiano subito traumi.
      Jn giovane in tutto questo ci vede solo la festa e il cazzeggio.
      D altra parte il mondo è pieno di idioti,quindi sicuramente qualcuno si starà cagando addosso per questo fantomatico super virus micidiale ammazza uomini.

      • atlas
        24 Marzo 2020

        è quì la festa (quale ?); noi che scriviamo scriviamo. Mentre loro agiscono (si parla di chiusura della rete informatica. Poi magari delle linee telefoniche. Le vie di comunicazione del nemico, i popoli, saranno tagliate)

        non ho mai letto un’articolo di codesta redazione, analitico e critico, verso chi indossa OGGI divise italiane di polizia e forze armate, Locali e guardie giurate. O internazionali come l’eurogendfor. Qualsiasi divisa che rappresenti quest’ordine costituito, questo sistema. E che quindi esplicitamente lo approva e lo sostiene. E che io oggi chiamo semplicemente milizie di regime democratico. Chi sono ? Non sono forse persone umane come noi ? Ma sono loro la mano che ci colpisce. Non hanno figli ? Genitori, fratelli. Non sono anche i loro famigliari in queste condizioni ? O ognuno profitta del potere che ha per favorire la sua famiglia, i suoi profittatori, squallidi ‘amici’. E’ tutto questo il giro. Chi ha preso potere, chi detta legge, chi impone regole, palesemente ingiuste, chi è dittatore, chi ha che lo protegge ? Gentiloni, Berlusconi, Salvini, Meloni, Renzi, Boldrini, Fassino, D’Alema, Conte, Monti, Di Maio, Calderoli, Martelli, Maroni, Castelli…tutti questi suinocrati cosa sarebbero se non ci fossero altri suinocraticizzati in divisa che mettono in atto le loro porcate ?

        E conoscendo la redazione consiglio di lasciar perdere il fatto che il ‘non sinistro’ vede la polizia come simbolo di patria e ordine a differenza di sediziosi, sovversivi e piazzisti vari. Sono passati gli anni ’70, le cose sono molto cambiate. E’ chiaro che per i democratici, a differenza dei Socialisti, il nemico sia il popolo

        (anche a me piacevano le divise grigio-verde della Celere, ma non oggi)

        • Mardunolbo
          24 Marzo 2020

          Possibile che non esistano comandanti di un certo rilievo , che tu conosca, che non abbiano le palle a posto e non sappiano coordinarsi per fare qualcosa di buono perla maledetta Italia ? Intesa come insieme di popolazioni, non come stato o governo. !
          Come sapevo da anni, sono saliti ai vertici di ogni forza armata solo i lecchini ed i più capaci alla chiacchiera, perchè sono i più ligi servitori.
          Anche io fui nelle FF.AA. ma per fortuna non nelle “forze dell’ordine” (quello del Potere) solo perchè ebbi la fortuna di non dover entrare per trovare un lavoro per merito di mio padre che fece grandi sacrifici, lavoratore indipendente, per mantenermi agli studi. Ognuno ha la sua storia. Fui ufficiale d’arma nonostante fossi laureato in medicina ed una volta congedato mi fu chiesto di passare al ruolo di Sanità, diventando ufficiale superiore immediatamente. Rifiutai per incomprensione di quanto mi disse il dipendente del Distretto militare. Mi pentii del mio rifiuto in seguito,quando mi accorsi dell’errore. Ma non ho mai più inseguito medaglie e nastrini colorati come fecero sempre colleghi e alti papaveri che si gloriano dei luccichii appesi sulla divisa. La professione mi diede ben più soddisfazioni umane e mi ha riempito la vita. Guardo con un po’ di pena camerati di corso e di vita militare che ancora ricercano, vecchietti ormai,, qualche luccichio da aggiungere al petto.
          Tutte cose di vanità “tutto è vaniità, vanità delle vanità !”
          Impara un po’ a riflettere di più, come stai facendo in questo tempo di astinenza e di precarietà di vita che prende tutti. Ognuno guadagna nell’equilibrio altrui dato che siamo tutti nelle mani del Signore (non Allah, ma l’Uno e Trino…)

          • atlas
            24 Marzo 2020

            è stato Allah che mi ha trovato nudo, ribelle e ignorante senza che sapessi una parola di Arabo tranne Allahu akbar sentita al tg in tv in una cella d’isolamento a Carinola di Mondragone con anche il blindato chiuso per mesi, senza che mi facessero andare neanche al passeggio spettantemi; e come si apriva bocca erano manganellate…i napolitani non sono mica come i milanesi, sono borbone

            e tu vorresti che ora che sono sparapanzato sul letto provvisto di tutto, con una discoteca in camera, mi affidassi alla trinità ? Ma sei pazzo ? Le mie sono lontane e chissà se le rivedrò più, ma se mi giro dall’altra parte stringendo il cuscino posso vivere ormai anche solo di ricordi. Tu digliele a tua moglie queste cose, non stare lì impalato. Io non ho bisogno di filosofie vacue che mi trascendano da una condizione materiale insopportabile. Io quando scelsi, col permesso di Dio, di stare da una parte, ovvero col Partito di Allah, già allora sapevo a cosa sarei andato incontro, solo problemi, ancor più gravi di quelli che stavo vivendo nel 1991, quando ancora l’Islam nessuno sapeva nemmeno cos’era. Ostilità, controlli, nemici, vessazioni, aggressioni, ingiustizie. E i fatti mi hanno dato ragione: oggi siamo gli unici a resistere, a non scherzare e giocare con Dio, perchè abbiamo una Religione FORTE e che non accetta compromessi, la Verità assoluta. Non c’è nulla nella bibbia che non trovi nel Corano. I Principi Legislativi del Corano sono gli unici che permettono di assolvere ai limiti umani degli stati

            il ‘prof’ toni Negri da Padova, gran maestro della cia, diceva: “nulla rivela a tal punto l’enorme storica positività dell’autovalorizzazione operaia, nulla più del sabotaggio. Nulla più di quest’attività di franco tiratore, di sabotatore, di assenteista, di deviante, di criminale che mi trovo a vivere. Immediatamente mi sento il calore della comunità operaia e proletaria, tutte le volte che mi calo il passamontagna. La violenza il filo razionale che lega la valorizzazione proletaria alla destrutturalizzazione del sistema e quest’ultima alla destabilizzazione del regime. Basta con l’ipocrisia borghese e riformista contro la violenza”

            io la mia valorizzazione la ritrovo ogni volta che metto la faccia a terra innanzi al Creatore, Colui nel quale la mia anima è fra le sue mani

            viceversa mi sentirei solo come un’animale ingrato

            se ti studi bene i vangeli che hai (che non sono IL VANGELO che Dio diede a Isa, ma solo racconti in cui vi sono tracce di verità) cmq trovi che il tuo Gesù pregava così

  • antonio pelluttari
    24 Marzo 2020

    articolo ficcante e profondo, pieni di dati icertificati ed incontrovertibili.
    utilissimi i grafici delle informazioni e l’elenco dei saggi peer-review a supporto
    Grazie

  • good old napster
    24 Marzo 2020

    — Coronavirus, la Fimi lancia l’allarme: “Effetti potenzialmente gravissimi per il mercato discografico” —
    .
    esticazzi! questo si che è un problema! 🙂

    • Alfio detto hitlerino
      24 Marzo 2020

      @MARDUNOLBO
      quella del Piano Solo?
      quella che le commissioni d’inchiesta sul caso Moro (nello specifico l’ultima) ha espressamente scritto che fino a metà degli atti settanta perseguiva piani sovversivi e golpisti?
      Certo non era meglio se il servizio militare lo facevi nell’esercito… quello della Rosa dei Venti (giusto per citare un notissimo e documentatissimo esempio).
      .
      .
      c’è sinceramente qualcosa di assai bipolare in voi:
      – vi dichiarate cristiani e non seguite nemmeno la parola del vostro ‘dio’ nè quella di suo ‘figlio’.
      – vi dichiarate anti-americani, e dal 1945 non fate altro che andare a braccetto fedeli fedeli con loro.
      – vi dichiarate patrioti e sovranisti, e spingete o accondiscendete a frazionamenti dell’unità d’italia.
      – … e il lungo elenco continua…
      TSO

      • atlas
        25 Marzo 2020

        SIAMO IN MANO A DEI SUINOCRATI

        POVERA ITALIA E POVERE DUE SICILIE

        grazie anche a quelli come te

  • atlas
    24 Marzo 2020

    prima vennero…ma io…

    prima vennero a prendere chi dubitava sui numeri e sulla veridicità della narrativa dell’olocausto, ma io non dissi niente perché io credevo alla versione dei “liberatori”.
    Poi vennero a prendere chi criticava Israele e le sue politiche criminali, ma io non dissi niente perché non era un problema mio e magari ero pure moderatamente sionista.
    Poi vennero a prendere chi era “neofascista”, ma io non dissi niente perché ero “comunista” o liberale o “demo-cristiano”.
    Poi vennero a prendere chi era “comunista”, ma io non dissi niente perché ero “fascista” o liberale o “demo-cristiano”. (vedi recente legge del parlamento europeo che equipara fascismo e comunismo).
    Poi vennero a prendere chi dubitava della versione ufficiale del 9/11, ma io non dissi niente perché credevo alla versione ufficiale.
    Poi vennero a prendere chi criticava le politiche economiche della Unione Europea, ma io non dissi niente perché ero convinto europeista e alla fine ero indifferente alle sorti di chi cadeva sotto la scure dell'”austerity”.
    Poi vennero a prendere chi criticava il liberismo economico e il liberalismo culturale, ma io non dissi niente perché ero convinto che la nostra fosse la migliore delle società esistenti, pur con i suoi difetti. Io credevo nell’evoluzione, soprattutto quella sociale, e credevo che rispetto al medioevo, ma anche al ‘900, fossimo nettamente migliori e migliorati; io confondevo l’evoluzione tecnologica con l’evoluzione umana.
    Poi vennero a prendere chi criticava le politiche anti-russe o anti-iraniane, ma io non dissi niente perché non mi interesso di politica estera e tanto meno delle guerre americane/occidentali e comunque noi siamo i buoni perché abbiamo la democrazia liberale.
    Poi vennero a prendere chi criticava la guerra di liberazione del ’45 e la conseguente occupazione del territorio italiano con la NATO e 100 e più basi americane sul territorio nazionale, ma io non dissi niente perché credo alla protezione americana e comunque di politica mi interesso poco.
    Poi vennero a prendere sia chi criticava la reale esistenza del pericolo di un terrorismo islamico, sia chi sosteneva che fosse un fenomeno artificiale per scopi politici di alcuni centri di potere , che il problema fosse molto più complesso e che andava ricercato nella politica imperialista, mondialista e globalista di alcuni governi o centri di potere occidentali, ma io non dissi niente perché alla fine se tutti mettevano un “pray for” su facebook mica volevo sentirmi fuori dal coro e se tutti lo fanno, la ragione sta lì: è una questione di numeri, mi han sempre insegnato che la maggioranza in democrazia ha sempre ragione.
    Poi vennero a prendere chi criticava il controllo e lo spiare digitale sui cittadini o la raccolta dei dati dei cittadini da parte delle multinazionali, ma io non dissi niente perché lo reputavo un sacrificio accettabile per avere la tecnologia e tutto sommato pensavo che fosse da retrogradi opporsi all’invadenza della tecnologia. (vedi le persecuzioni, torture e arresti su Snowden o Assange)
    Poi vennero a prendere chi non voleva una immigrazione selvaggia e chi sosteneva che non fosse un fenomeno spontaneo, chi sosteneva che il problema fosse molto più complesso e che andava ricercato nella politica imperialista, mondialista e globalista di alcuni governi o centri di potere occidentali, ma io non dissi niente perché sono per i “porti aperti” e odio i limiti culturali di ogni tipo, pensavo fossimo tutti uguali e interscambiabili.
    Poi vennero a prendere chi si opponeva al vittimismo neo-femminista, all”‘ideologia “gender” nelle scuole e chi si opponeva alla narrativa che il sesso fisico non esiste perché è un “costrutto sociale”, ma io non dissi niente perché davvero pensavo che la violenza fosse solo una cosa maschile e che fosse giusto riscrivere tutti i parametri della società, a partire dal concetto di famiglia.
    Poi vennero a prendere chi criticava l’obbligo vaccinale, ma io non dissi niente perché credevo ai dati e alle imposizioni delle istituzioni.
    Poi vennero a prendere chi criticava i dati e veridicità delle “pandemie” che si sono succedute nel corso degli ultimi anni e soprattutto le modalità di contrasto, ma io non dissi niente perché mi fidavo di “Burioni”, della “scienza” e del circo mediatico.

    Alla fine vennero a rinchiudermi in casa senza nessun diritto, ma ormai non era rimasto nessuno a difendermi e a dar sfogo alla mia frustrazione, disappunto, sorpresa e stupore.

    Ma tutto sommato ancora non credo che ci sia un problema, spero che “tutto andrà bene”, neanche se mi uccidessero davanti ai miei occhi figli e parenti crederei che ci sia un problema, mi han lavato così tanto il cervello che non riesco a credere a niente se non che alla mia piccola insignificante vita personale e a volte neanche a quella, la posso sacrificare se “il sistema” mi dice che c’è un’emergenza nazionale. Io mi fido!

    Alla fine, e non senza qualche ragione, se anche fosse rimasto qualcuno, mi farebbe una bella pernacchia … lui alla “solitudine” e all'”isolamento”, se non altro intellettuale e mentale, ci era abituato, per voi sarà un tracollo psichico, emotivo, materiale ed emozionale … il vostro mondo di convinzioni cadrà come un castello di carta, ma chi fino ad oggi ha abituato il cervello, la psiche e la mente a non farsi ingannare dalla stampa, dai governi sedicenti democratici e pieni di false libertà, dalle istituzioni sovranazionali e dalla narrativa ufficiale, non si stupirà più di tanto. Chi negli anni si è premunito di coltivare la spirito ora almeno non si fa trovare impreparato. Arrabbiato si, ma non impreparato.

    Nel corso degli ultimi decenni si è sviluppata, come se ci fosse una regia ben coordinata, una progressiva divisione di popoli e di comunità creando finte contrapposizioni o esasperando le divisioni naturali esistenti: han messo destra contro sinistra, fascisti contro antifascisti e/o comunisti, uomini contro donne, omosessuali contro eterosessuali, hanno spaccato le famiglie in ogni modo, han messo una generazione contro l’altra, genitori contro figli, scuola contro famiglia, alunni contro professori, han messo vegani contro carnivori, poveri contro ricchi e ricchi contro classe media, operai contro datori di lavoro, governi contro i datori di lavoro e operai, han messo l’idraulico o il piccolo artigiano evasore come responsabile di ogni male economico, han messo una religione contro l’altra, esasperando l’integrazione e l’immigrazione forzata han messo una razza contro l’altra, con l’UE hanno messo un popolo europeo contro l’altro, han messo animalisti contro cacciatori, ecologisti contro tutto e tutti, ma meno che contro i responsabili veri e propri, sono riusciti a mettere una moda o uno stile musicale contro l’altro…

    Ma io ovviamente non volevo vedere questa regia coordinata, davo del complottista (e a volte del razzista o dell’omofobo o del nazista o del maschilista) a chi provava a dirmi che non andava tutto bene, a chi provava a dirmi che dei piani di “complotto” esistono e son sempre esistiti, a chi provava a dirmi che sono sempre i piccoli gruppi elitari ben organizzati che scrivono la lavagna delle masse, a chi provava a dirmi che i governi occidentali degli ultimi 70 anni ci odiano e han sempre fatto politiche di ogni tipo contro i propri popoli e che se ti dicono che fanno qualcosa per te vuol dire che c’è dietro un inganno, a chi provava a dirmi che la democrazia moderna è un specchio per allodole; ma io credevo alla casualità degli eventi, non ero in grado di correlare le cose in un quadro organico, per me era tutto disgiunto e separato, disgiunto così come alla fine mi voleva il sistema e così come il sistema voleva le società e le comunità; per me ogni cambio sociale e culturale imposto dal sistema o ogni “problema nuovo” sottoposto al paese era davvero spontaneo e volto a un miglioramento. Per me davvero si viveva in democrazia.

    uomo d’acciaio

    Weltanschauung Italia
    “se non puoi eliminare l’oppressione, almeno raccontala a tutti”

    • Mardunolbo
      24 Marzo 2020

      Ecco, qui si trova uno che ragiona e chi cita, pure sta ragionando, aldi là del suo credo religioso ! Questi sono concetti da imparare per non ritrovarsi spaventati ed incerti quando ti verranno a prendere: uno per uno, di notte, come ladri, i servi del Potere, con le modalità che hanno sempre usato.
      Chi è armato faccia, saranno le sue ultime “cartucce” e morirà combattendo per mantenere la dignità di sè e dei suoi cari , della sua famiglia e di quelli che hanno creduto nelle stesse idee.
      Quel che abbiamo imparato in questi tempi, non dobbiamo dimenticarlo perchè tra un po’ chi avrà imparato ,bene, chi non ha voluto imparare , peggio per lui perchè l’ipotesi di chiudere le comunicazioni ed internet diventerà realtà inimmaginabile ora, come mai avremmo immaginato che avrebbero permesso matrimoni omosessuali….e tutto il resto di lordure e porcate contro ogni logica umana e religiosa.
      Non ho visione ottimista su quello che ci aspetta dopo l’emergenza !

      • atlas
        25 Marzo 2020

        ottimo video mardunolbo, dice cose giuste, che condivido e ho sempre pensato anch’io; è uno del tuo popolo, una buona tua risorsa per fare qualcosa per la tua nazione. Perchè nulla si farà insieme e se lo si facesse lo si farebbe male quindi senza alcuna possibilità di positiva riuscita perchè le realtà sociali sono essenzialmente due, quì ritorniamo sempre sullo stesso argomento

        tutto si può fare, quando ti provocano e ti portano alla compressione maggiore ti istigano a reagire: la gente può indossare caschi da moto, farsi giubbotti anti-proiettile con listerelle di ferro, indossare infiniti maglioni che attutiscono le manganellate, possedere tubi di nylon che non si spezzano e non lasciano segno, ma fa male … ma gente così in genere agisce senza orientamento, per disperazione ultima. Sarebbero solo degli ultimi colpi di coda di un moribondo

        lo sciopero generale a oltranza invece è un’altra cosa. Ma siamo sempre lì: l’obiettivo popolare ? Quale sarebbe, c’è uno Stato come la Russia dietro ? Riporto di sotto un’altro post, molto sempliciotto, di un’altro esponente dei popoli, come lo siamo noi, questa volta dell’altra nazione. Questo a dimostrare che l’unico che farà qualcosa secondo me sarà Gesù quando scenderà di nuovo sulla terra. Per ora sta montando sempre di più solo il separatismo d’interesse, timidamente, ma sempre più. Questo già potrebbe essere un’obiettivo, anche se il dopo sarebbe tutto da interpretare. A pensarci bene le divise quante potranno mai essere: 500.000 ? 600.000 (se venissero convogliate TUTTE nelle Sicilie) ? Solo nelle Due Sicilie quanti saremmo abili e arruolati ? Almeno 2 milioni o no ?

        ” fratelli ? Manco parenti !

        Il cosiddetto SUD è sotto attacco? Ve lo spiegate perchè? Ancora non vi basta per farvi smettere di sventolare il tricolore e cantare l’inno? Un analisi azzeccatissima di Antonio Lombardi

        Il disegno è chiaro, meglio essere schematici.
        1) Lombardia e Veneto sono all’origine della diffusione del lombardovirus in tutta Italia.

        2) La causa principale di tale diffusione è da ascriversi alle modalità maldestre di gestire i primi casi e l’inizio dell’epidemia.

        3) Ma la diffusione al sud è stata anche intenzionalmente favorita, per condividere il danno di immagine e alleggerire il carico delle superfinanziate strutture sanitarie del nord.

        4) L’esperto nordico designato sbaglia clamorosamente le previsioni ed attacca duramente i colleghi meridionali che, invece, lavorano lontano dalle telecamere, studiano, sperimentano, trovano soluzioni.

        5) Nonostante ciò, il novello Nostradamus è perennemente sugli schermi, mentre i veri competenti vengono oscurati: bisogna convincere a tutti i costi l’opinione pubblica che i migliori sono sempre loro.

        6) Per garantire il raggiungimento dell’obiettivo (nord perfetto nonostante tutto) si pratica un attacco mediatico senza esclusione di colpi: TG e trasmissioni di informazione/approfondimento tirano fuori tutto il repertorio razzista antimeridionale. Fino a coprirsi di ridicolo, con affermazioni cinicamente surreali.

        7) Gli ascari meridionali, i collaborazionisti nostrani dei colonizzatori, fanno diligentemente la loro parte nel disegno, dichiarando: “non è il momento di fare polemiche!”, eccetera. I classici ritornelli che trovano sempre qualche fragile ascoltatore.

        Ma qui si infrange il sogno perverso dei colonizzatori e dei loro collaboratori colonizzati. Gli operatori di questa perfida strategia, infatti, si trovano davanti a qualcosa di spiazzante: il sud non ci sta e si ribella. Fioccano le proteste, le iniziative di boicottaggio degli sponsor delle trasmissioni, le azioni legali, la diffusione in rete di idee, di proposte e di sberleffi ironici. Insomma, si lotta.
        Siamo davanti ad una grande e diffusa reazione del popolo duosiciliano alla protervia dei colonizzatori.

        Questa nostra lotta, anche se poco organizzata, è spettacolare, viva e vivificante. Efficace soprattutto perché è educativa per noi stessi. Ci insegna a credere nelle nostre capacità, a sostenere reciprocamente le iniziative, a dare voce alla nostra volontà di dire basta ad una tragica farsa che dura da 159 anni.

        Grazie, popolo duosiciliano, per questa reazione fiera e tempestiva. Forza! Tutti insieme!
        Basta Italia. “

    • Kaius
      25 Marzo 2020

      Bel testo Atlas,non c’è che dire, solo su un non sono d accordo.
      Una cosa sono le donne e gli uomini

      Un altra cosa sono gli omofili e co. che sono feccia malata,mostri perversi e aberranti,abomini contro natura come i pedofili,gli zoofili ecc. che non devono neanche esistere e che meritano la morte.

      • atlas
        25 Marzo 2020

        uuufff

        kaius ti voglio bene, sinceramente. Sei forse l’unico Duo Siciliano quì. Ed è anche giusto quello che scrivi

        ma una buona volta ci dovrai spiegare che ti è successo quando eri bambino, forse ti possiamo aiutare

        non è possibile che normalmente batti sempre su uno stesso tasto. Necrofili, zoofili … ma alla fine quanti cazzo mai saranno…lo 0,01% ? E pretenderebbero di monopolizzare le argomentazioni del sito ?

        • kaius
          26 Marzo 2020

          Non so a te,ma a me nulla.
          A me non serve alcuno aiuto,piuttosto se serve a te sono a disposizione.Volevo solo puntualizzare su un passaggio del testo,perche’ dava un idea sbagliata,tutto qui.
          Poi io gia’ l ho scritto il passato piu’ volte,per quanto io mi sforzi non riesco a capire come certe mostruosita’ non siano messe a morte,come non sia messo a morte quel 0.001% che non deve neanche esistere che poi fa piu’ danni della massa.

  • Brancaleone
    24 Marzo 2020

    Lo Statista (oggi scomparso) non pensa a tutti ma al bene dello Stato. Egli è dotato di una capacità che trascende dal comune pensare, decide per il male minore di un popolo. Ahimè qui le decisioni non vengono prese dagli Stati ma da indiscutibili autorità che mettono a cuccia tutti. Questa è una realtà a prescindere dal virus (creato o no) il mondo non sarà più lo stesso, certamente automobili che con l’altoparlante ordina tassativamente di stare a casa lasciano al gregge conseguenze psicologiche di cui apprezzeremo nel breve medio periodo le mirabili conseguenze. Siamo polli nelle stie, e la nostra disgrazia è nel non comprendere che se volessimo potremmo cambiare tutto. Non ne abbiamo semplicemente la capacità spirituale e mentale. Le masse non sono in grado di affrontare l’acutezza di certe intelligenze è una partita persa. Mettiamoci l’anima in pace. Il resto è fuffa. Un caro saluto a tutti quei disgraziati che hanno capito, sono i più infelici perché inutilmente consapevoli.

  • Josey whales
    25 Marzo 2020

    Longo e’ lo cammino ma grande la fede, caro branca , non tutti i consapevoli sono infelici.
    Di certo lo sono quelli segregati in casa,non chi per tempo e’ fuggito dagli allevamenti/rincoglionimentifici
    intensivi cittadini.
    Acqua dalla sorgente, legna e carne dal bosco, orto, pesce dal fiume.
    E non essendo un irresponsabile……….. niente prole
    La cosa era prevedibile, i segni erano evidenti, quando vedo annuvolarsi e sento tuonare,
    io non resto in canottiera.
    Tu?
    La tua consapevolezza che la massa e’ una massa di ebeti, ti ha fatto rimanere tra la massa?
    In caso sei un masochista, oppure tutta questa consapevolezza ti e’ arrivata troppo………..tardi.

    Ps. Siamo, anzi siete solo ai titoli di testa.
    Pps una saluto al excaramba atlas, mi fai tenerezza,
    Gli altri, i padri di famiglia che commentano sperando nell intervento divino( uno e trino), quelli invece
    mi fanno pena, irresponsabili e scervellati fino alla fine.

    Josey whales

    • Kaius
      25 Marzo 2020

      Sta volta ti do ragione ma per motivazioni differenti.
      È vero che chi “prega e basta” di questi tempi é un miserabile scervellato e irresponsabile, io aggiungo pure perverso nell animo e vigliacco,perché se Dip ci ha dato due braccia e una mente in motivo ci sará.
      Quindi bisogna passare all azione,bisogna muoversi ,bisogna lottare ma non c è motivo per non pregare(quando èèveramente necessario)e rifiutare la grazia divina.

  • Josey whales
    25 Marzo 2020

    Mmmhhh l afflitta passivita’ dei cittadini, condita da flash mob con bandiere e canti
    dai terrazzi, mi conferma che l opera di lavaggio del cervello in atto nei rincoglionimentifici
    urbani procede a tutto spiano, ammollo prelavaggio ammorbidente e centrifuga.
    Conte , un refluo di sentina vaticana , allevato sotto le gonne del ministro ombra degli esteri
    Del vaticano( il defunto card. Silvestrini) giganteggia assumendo connotati salvifici nei devastati
    cervelli telelobotomizzati., della massa acefala , ridotta a un branco di cani di pavlov.,sbavanti e ringhiosi
    verso chi viola regole assurde imposte a suon di decreti.
    Il canovaccio gia’ vergato da orwell e huxley , vien rappresentato in maniera grottesca, all insegna
    D un mix tra commedia dell arte e commedia all itagliana.
    Ergo viva la tradizione itagggliana, manca solo che il Conte invochi a reti unificate l intervento risolutivo
    di padre pio dall alto dei coeli.
    Sara’ un grande successo degno dei Germi Risi Scola Wertmuller.

    • atlas
      25 Marzo 2020

      questa volta non hai nominato i giudei sed

  • Josey Whales
    25 Marzo 2020

    Ancora? Caro ex caramba , sed se ne sta a puttaneggiare in indocina, e non tra i boschi dell italia centrale
    Sed non e’ capace di terzine in endecasillabo di scuola tosco fiorentina, sed e’ la tua
    Opposta simmetria a specchio, sed sei tu che ti guardi allo specchio.
    Neanche sei capace ri riconoscere due stili di scrittura , lontani anni luce
    Ergo ne deduco che ,avendo tu invertito uccello e cervello , ti abbiano
    Circonciso la corteccia prefrontale.
    Temo sia andata cosi’.

Inserisci un Commento

*

code