L’economia di guerra della NATO è al collasso

di Michael Hudson

Intervista con Hai Phong

Russia Iran e Mar Rosso

D.Haiphong: Sono felice di averti qui perché ci sono molte novità economiche. Ma la vostra specialità è enfatizzare, e questo canale cerca di enfatizzare, il rapporto tra geopolitica ed economia, come hanno cercato di fare Radhika [Desai] e Ben Norton e altri grandi giornalisti.

La sconfitta in Ucraina
Parliamo prima dell’Ucraina. Cominciamo da lì. Si parla di tutti i tipi di “vicoli ciechi”, tra virgolette, riguardo all’Ucraina.

Tuttavia, le realtà, soprattutto economiche e sul campo di battaglia, sono molto diverse. Quindi, Michael, ti lascerò semplicemente parlare di ciò che vorresti commentare riguardo all’Ucraina, perché non è così caldo nelle notizie, ma ci sono enormi cambiamenti in atto in questo conflitto.

Hudson: Beh, sono gli Stati Uniti a dire che la situazione in Ucraina è in un vicolo cieco. Ciò che intendono è che le controffensive ucraine sono state del tutto inefficaci. L’Ucraina ha perso la guerra.

E ci sono state quasi tutte le discussioni che avete avuto, ad esempio, sulle interviste del giudice Napolitano, e la stampa europea, la stampa russa, la stampa cinese, dicono tutte: beh, la guerra è finita. La Russia può semplicemente continuare a prendere tutta la terra che vuole, ma non ha senso che la Russia cerchi di prenderne più adesso perché l’Ucraina, o meglio il Sig. Zelenskyj lancia ogni ucraino che riesce a trovare, in particolare ucraini ungheresi, ucraini di lingua russa e ucraini rumeni, nella competizione per farli ammazzare.

Michel Hudson

Quindi forse possiamo convincere la Russia a non raccogliere, a non assicurarsi la vittoria. Perché non definirlo semplicemente una situazione di stallo e lasciare le cose come stanno, visto che i russi stanno vincendo così decisamente?

Ebbene, ovviamente, la Russia ha già detto: abbiamo già posto le condizioni per la nostra pace. Naturalmente possiamo negoziare in qualsiasi momento. Le nostre condizioni sono semplici, smilitarizzazione e denazificazione totale. Ci libereremo del nazismo. Faremo in modo che l’Ucraina non aderisca mai alla NATO. E renderemo le regioni di lingua russa e la Crimea parte della Russia. Quindi, ogni volta che vorrai negoziare, cioè dire sì ai nostri termini, saremo felici di farlo. Ma nel frattempo resteremo qui seduti. E se volete inviare sempre più truppe, non c’è problema.

Ora gli americani pensano che se la Russia non prenderà più terra, saremo legati. Ma in realtà non è un pareggio, perché se si leggono i discorsi del presidente Putin e del ministro degli Esteri Lavrov, questi dice: ” L’Ucraina è solo la punta dell’iceberg “. Stiamo parlando del quadro generale. Il quadro generale è, ad esempio, che la Russia è diventata il principale amministratore dei BRICS+ dal 1° gennaio.

Perdere la battaglia economica contro Russia e Cina

E intanto gli Stati Uniti perdono la battaglia in tutto il mondo. Significa perdere la battaglia economica contro Russia e Cina. La Russia sta aumentando la produzione industriale, non solo militare, ma anche nella produzione di aerei e automobili. La Cina cresce, ma gli Stati Uniti no. E soprattutto, l’Europa sta sprofondando in una depressione causata dal collasso, o dovrei dire dalla distruzione, dell’industria tedesca a seguito delle sanzioni contro la Russia. E anche le sanzioni che gli Stati Uniti esigono che l’Europa imponga alla Cina.

Gli Stati Uniti hanno detto all’Europa che possiamo commerciare solo con noi e con i nostri alleati della NATO.

Vogliono che riduciate il vostro commercio con la Cina a quanto affermato dal capo dell’UE Borrell. Ha detto: “ Beh, sai, la Cina, importiamo molto di più dal tuo paese di quanto esportiamo. Deve essere uguale. E la Cina ha detto che ci sono molte cose che vorremmo importare da voi europei, come le macchine per la produzione di chip per l’incisione ultravioletta prodotte dai Paesi Bassi. E Borrell dice: “Oh, non possiamo, gli Stati Uniti non ci permetteranno di mandarvi o vendervi qualsiasi cosa che possa essere potenzialmente utilizzata in ambito militare”. E la Cina dice che tutto ciò che può essere utilizzato a livello economico può essere utilizzato a livello militare perché l’esercito è parte dell’economia ”.

Quindi immagino che saremo molto felici di essere d’accordo con te e di avere un commercio equilibrato tra Cina ed Europa. Ridurremo semplicemente il nostro trading con voi forse ai $ 100 all’anno che devi commerciare con noi.

Europa isolata
L’Europa si sta isolando volontariamente, limitando il commercio e gli investimenti con gli Stati Uniti e interrompendo il commercio con la Russia. E senza il gas e il petrolio russi, l’industria manifatturiera, l’industria chimica, l’industria dei fertilizzanti e l’agricoltura tedesca, francese e italiana continueranno a declinare.

Quindi lo stallo di cui parla l’America significa in realtà che stiamo riducendo il numero dei nostri alleati in Europa. Stiamo perdendo il terzo mondo. E ciò che sta accadendo in Ucraina, dove si combatte fino all’ultimo ucraino, ora assomiglia a una lotta simile in Medio Oriente, dove sembra esserci uno stallo simile, che ha davvero spinto la maggioranza mondiale e il Sud del mondo a pensare improvvisamente che questo è qualcosa di orribile. Tornerò su questo più tardi.

Ma ciò che è importante è che penso che gli americani abbiano già capito che perderanno la guerra in Ucraina. E il problema, se si legge il New York Times e il Washington Post, e soprattutto il Financial Times , è che se perdiamo la guerra in Ucraina, come farà Biden a vincere le elezioni di novembre? Poiché insiste, tutta la sua politica è quella che si prefigge di distruggere la Russia. Le nostre sanzioni porteranno al collasso dell’industria russa. Il popolo russo sarà così sconvolto dalla guerra che ci sarà un cambio di regime. Rovesceranno Putin e potremo avere un altro Boris Eltsin che distruggerà davvero la Russia nello stesso modo in cui i nostri consiglieri neoliberisti furono in grado di distruggerla negli anni ’90.

Cresce l’antiamericanismo
Ebbene, tutto questo non è accaduto. Allora cosa succederà? Ebbene, gli addetti alle pubbliche relazioni del Partito Democratico si sono riuniti e hanno deciso tutti: okay, quello che vogliamo dire alla gente è che in Ucraina non ha molta importanza. Non importa perché non abbiamo bisogno di vincere in Ucraina perché l’America può combattere [con] una sorta di soft power. E abbiamo altri modi per dominare il mondo e mantenere l’America al primo posto, anche se deindustrializziamo la nostra economia. Anche se siamo i più grandi debitori del mondo, saremo in grado di dominare. E la nuova campagna di pubbliche relazioni del Partito Democratico è qualcosa chiamato “soft power”.

Giuseppe Nye
Sul Financial Times di ieri, 15 gennaio, si è parlato a lungo. Avevano un’intera pagina scritta da un uomo che era stato consigliere del presidente Clinton, Joseph Nye, consigliere del National Intelligence Council. Per una pagina intera. Ed è stato Nye a coniare il termine soft power . Qualche decennio fa, parlando con Paul Kennedy, affermò che gli americani erano in declino. E ha avuto quest’idea per dire che gli Stati Uniti potrebbero ancora essere in grado di esercitare un’influenza, ma non di tipo militare, bensì di tipo finanziario, per un cambio di regime.

E con quello che ha detto, ha fornito cinque ragioni per cui gli Stati Uniti non sarebbero necessariamente messi in ombra dalla Cina, dalla Russia o da qualsiasi altro paese. Ed è divertente leggere le cinque ragioni fornite ieri dal Financial Times per spiegare perché non ci sarà alcuna minaccia per gli Stati Uniti.

  • La prima motivazione addotta è stata la geografia e l’amicizia dei vicini. Ebbene, negli ultimi mesi, soprattutto dopo i combattimenti e gli attacchi israeliani a Gaza, l’opinione pubblica americana ha perso. E anche il segretario Blinken ha affermato che la lotta in Israele stava creando antagonismo, non solo contro Israele, ma che l’America aveva perso il suo dominio morale sostenendo il genocidio e opponendosi a qualsiasi critica a Israele all’interno delle Nazioni Unite. Quindi è una perdita del sostegno straniero. C’è un crescente antiamericanismo, non solo in Asia, Africa e nel Sud del mondo, ma anche in Europa.
  • La seconda ragione citata da Nye è stata la fornitura di energia interna. L’America controlla il petrolio. Non solo produce il proprio petrolio, ma è semplicemente riuscita a impedire al resto del mondo di importare petrolio russo, ed è riuscita a far saltare il Nord Stream. E ora Israele si comporta essenzialmente come un’altra Ucraina. Ciò spinge Israele a incitare il Libano e l’Iran a una provocazione, a una risposta militare agli attacchi israeliani, che consentirà a Israele di fare ciò che il leader della maggioranza al Senato, il leader repubblicano, ha sostenuto, e ciò che Biden sostiene, e ciò che i neoconservatori hanno chiamato per 20 anni, una guerra con l’Iran per impossessarsi delle riserve petrolifere di quelli che una volta erano Iran, Siria, Iraq e Libia. E se riesce a controllare le riserve petrolifere del Medio Oriente e a bloccarne le esportazioni di energia verso tutti gli altri paesi, proprio come è riuscito a bloccare le esportazioni di petrolio della Russia verso l’Europa, allora può controllare l’industrializzazione di altri paesi perché l’industria funziona principalmente con petrolio e petrolio. gas. L’industria è energia e senza energia non potrete avere una vostra industrializzazione indipendente dagli Stati Uniti. Quindi la politica estera americana, come abbiamo detto, credo, nel nostro ultimo spettacolo, per 100 anni, gli Stati Uniti hanno usato il petrolio per cercare di controllare l’economia mondiale.
  • Il terzo punto sottolineato da Nye è il sistema finanziario basato sul dollaro. Ebbene, è sorprendente che abbia potuto dirlo ieri sul Financial Times, quando il mondo intero stava cercando di dedollarizzare. Si sentono uno dopo l’altro i discorsi non solo della Russia e della Cina, ma anche dei paesi del sud. E anche in Medio Oriente, si dice che ora che l’America ha sequestrato i 300 miliardi di dollari delle riserve valutarie della Russia, tutto il denaro che abbiamo risparmiato nelle nostre riserve valutarie nazionali probabilmente andrà perso e sarà confiscato dagli Stati Uniti. E hanno già detto all’Arabia Saudita che se ritireranno le loro riserve internazionali di esportazioni di petrolio sotto forma di azioni e obbligazioni americane, ciò sarà trattato come un atto di guerra. Quindi qui in Medio Oriente, l’Arabia Saudita e il Bahrein sono sottoposti a crescenti pressioni affinché sostengano gli arabi sotto attacco da parte di Israele, eppure hanno paura di agire perché gli Stati Uniti tengono in ostaggio i loro dollari. Ebbene, molto rapidamente si vedono altri paesi sbarazzarsi del dollaro il più velocemente possibile.
  • Infine, il quinto argomento avanzato da Nye per spiegare perché l’America non può perdere è la leadership demografica e tecnologica. Ma questo è il fatale tallone d’Achille dell’economia americana. La sua speranza, la sua idea di leadership tecnologica è quella di ottenere il potere monopolistico sulla tecnologia dell’informazione, sui prodotti farmaceutici e su altri settori che può dominare nella proprietà intellettuale attraverso il diritto d’autore ed essenzialmente facendo causa ai paesi che adottano la tecnologia sviluppata negli Stati Uniti.

D.Haiphong : Questa sintesi, Joseph Nye l’ha presentata, e il professor Hudson l’ha smantellata, ha rotto la facciata, o ha mostrato la realtà dietro la facciata che i neoconservatori credevano di costruire. E la cosa così interessante di questo pezzo è che Joseph Nye, è un Carter e poi un funzionario di Clinton, qualcuno che è stato vice segretario di stato e vice segretario alla difesa per queste amministrazioni. Ed è qualcuno che in realtà è stato visto come meno aggressivo, ma se leggiamo questo articolo vedresti che ciò che sta sostenendo riguardo al soft power è in realtà un cambiamento di regime con altri mezzi.
Segue seconda parte (…………………….)

Fonte: https://www.unz.com/mhudson/russia-iran-and-the-red-sea-natos-war-economy-collapses/

Traduzione: Luciano Lago

2 commenti su “L’economia di guerra della NATO è al collasso

  1. Quando uno lancia una pietra contro la sua cristalleria lo si definisce idiota. L’idiota è uno che si fa del male da solo. Queste “élite” occidentali sono idiote.
    Sono talmente incompetenti che neanche nel settore finanziario eccellono, anzi vanno in rovina, strano poiché sono finanzieri e banchieri (del casio)! Sono idioti e imbecilli. Odiano la propria gente e preferiscono il terzo mondo in casa. Sono insani di mente.

  2. La Germania si è fatta grande a spese degli americani e dei russi la ridurremo ai minimi termini è un pericolo crea sempre guerre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM