"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Le università sono diventate centri di spionaggio internazionale

di  Héctor G. Barnés

A prima vista, pochi mondi collidono più di quello dell’intelligence globale e quello dell’università, presumibilmente isolati nella loro bolla. È un’idea sbagliata, dal momento che il mondo accademico continua ad avere una grande importanza geopolitica, strategica, scientifica e discorsiva.

Tanto vero che, secondo un nuovo libro presentato su questo argomento, la CIA e l’FBI hanno speso enormi risorse investendo milioni di dollari per controllare, reclutare e finanziare professori universitari in tutto il mondo, sia all’interno delle proprie frontiere negli Stati Uniti  come al di fuori, in paesi esterni.

Il libro è chiamato “Spy Schools: come la CIA, l’FBI e l’intelligenza straniera infiltrano  le università americane” ed è stato scritto dal giornalista Daniel Golden, editore di ProPublica e Premio Pulitzer nel 2004. Come spiega nel prologo l’idea emerse mentre Daniel pranzava con un ex ufficiale governativo.

Da quando aveva trascorso anni a studiare questo argomento, il giornalista aveva espresso le sue paure che i servizi di intelligence avessero “invaso” il mondo accademico. La risposta stava rivelando la realtà: “Tutti le parti  sfruttano le università” .

“Negli ultimi anni le università americane sono diventate il campo ideale per le battaglie segrete delle spie contro le spie”, scrive l’autore nel suo nuovo libro. “Anche se spesso sono descritti come enclave di apprendimento scolastico e di abilità atletica, o campi da gioco per gli adolescenti alle porte della maturità, le universitò sono diventate una inquietante linea di fuoco per lo spionaggio” . Lo spionagio è reciproco: gli agenti cinesi, russi o cubani analizzano il nemico dalle aule delle loro università, cercano di reclutare alleati e di accedere a materiale militare sensibile. I tempi del Cambridge Spy Circle non sono così lontani.

Il caso Regeni in Italia, l’agente italiano reclutato dal Cambridge Insitute, utilizzato per spionaggio in Egitto e poi fatto eliminare dai servizi di intelligence egiziani, costituisce un buon esempio in proposito.

“L’FBI e la CIA rispondono di conseguenza, cercando le loro fonti tra studenti e professori internazionali”, ricorda Golden. “Con stretti legami con i governi, le imprese e la tecnologia, oltre alle competenze tecniche necessarie per competere in un’economia basata sulla conoscenza, gli insegnanti, i laureati e perfino gli studenti sono ambiti come informatori provenienti da tutte le parti” . Questo è confermato da un ex funzionario del Pentagono, che riconosce le università come “il miglior terreno per reclutare” . La formula del campus aperto delle università occidentali favorisce coloro che realizzano operazioni  di intelligence.

Un nuovo contesto

Golden trova due pietre miliari che spiegano perché le università sono tornate a svolgere questo ruolo, dopo il freno degli anni Sessanta e Settanta, in cui l’intelligence  è stata rifiutata dal mondo accademico. Da una parte, l’approccio tra CIA, FBI e università al calore della rinascita patriottica dopo l’11 settembre, che ha riallineato molti insegnanti. D’altra parte, la globalizzazione dell’istruzione superiore, che ha favorito “le amicizie e le intese tra i paesi ostili” . La mobilità degli insegnanti è molto più grande e, con essa, la possibilità di diserzione o spionaggio.

In cosa esattamente  si traducono queste relazioni  tra intelligence e mondo accademico ? In molti casi, come mostrato in un frammento del libro che riproduce “The Guardian” , in conferenze più o meno rigide, l’ambiente di contesto per eccellenza. A volte semplicemente inviano i propri agenti; altre volte, li organizzano dall’ ombra, dalle aziende private ( il principio è che il nome della CIA non deve apparire da nessuna parte ); e, in alcuni casi, organizzando “false” riunioni per la sola ragione di raggiungere un potenziale disertore di un paese nemico.

È così che l’intelligence americana è riuscita a ostacolare il programma nucleare iraniano, dice Golden. Mostra l’esempio di uno scienziato di quel paese che una notte, dopo una conferenza in un paese neutrale, è stato visitato da un agente dell’intelligence americana. “Sono della CIA e voglio che salga su un aereo con me in viaggio verso l’America” , sbottò. L’operazione era stata accuratamente preparata per mesi. Tra l’altro, la creazione di una conferenza in cui né gli oratori né gli assistenti sapevano che fossero parte di uno charade la cui motivazione massima era di ottenere accesso per pochi minuti allo scienziato senza che nessuno sospettasse.

Come ricorda il giornalista, “l’importanza di una conferenza può essere misurata non solo dal numero dei vincitori del Nobel o dei professori di Oxford, ma anche dal numero di spie” . I pannelli degli accademici sono un luogo privilegiato dove si incontra la crème de la crème . È lì dove l’intelligence estera cerca di attirare accademici americani, cosa che obbliga  i servizi nazionali a spostarsi prima. L’FBI ha anche avvisato gli insegnanti sui pericoli delle lezioni dove, sotto la sembianza di trascinare copie di file su una chiavetta USB, potrebbe essere sottratte delle ricerche sensibili.

Come fanno?

Il processo di reclutamento emerge direttamente dalla psicologia applicata dalla CIA in molte delle sue operazioni di spionaggio. È spiegato da un ex agente della società che aveva lavorato al di fuori dei confini americani. Tutto inizia con la selezione del candidato, esaminando le conferenze in programma a medio termine. Non deve essere confermata; che sia venuto almeno due volte prima è più che sufficiente per sapere che verrà di nuovo. Poi, i suoi assistenti creano un profilo dell’obiettivo: l’agente deve sapere tutto su di lui, sia per essere credibile che per  quando è necessario convincerlo adiventare veramente parte della CIA.

Arriva  il momento di disegnare un personaggio per l’agente, probabilmente un uomo d’affari di fronte a una società fittizia e con un  progetto web a tal fine. Il primo contatto deve essere fatto sottilmente, in modo da non richiamare molta attenzione. A poco a poco devi diventare visibile all’obiettivo; per esempio, elogiando in particolare una “relazione” . Il passo definitivo è dato nel primo appuntamento, quando tale uomo d’affari si offre per finanziare il suo prossimo progetto. Ecco la cattura: come la maggior parte degli scienziati e ricercatori necessitano costantemente di nuovi mezzi di finanziamento, è facile cadere nella trappola. Una volta che si fanno il passo, non ci sono marce oindietro, perché la rivelazione che essi sono finanziati dalla CIA (anche se non lo conoscono) può mettere fine alle loro carriere o persino la loro vita nel loro paese d’origine .

Come funziona la CIA con professori americani? Innanzitutto nascondendo le loro tracce. In parte, perché la collaborazione con l’intelligenza è stata mal vista da decenni, quindi può essere uno stigma che tronca una carriera. Come ricorda Golden, la stima verso l’organizzazione che “ha sabotato i regimi marxisti popolari tra gli intellettuali” non è esattamente alta. Ma ancora più evidente è che è più facile ottenere informazioni sensibili. La CIA organizza conferenze sulla politica internazionale in modo che i suoi agenti imparino dai professori che dedicano la loro carriera a studiarla con un onorario di soli 1.000 dollari.

Agenti al lavoro

Finanziato con circa 200 milioni di dollari dal governo USA e dalla CIA stessa, Golden rivela che la Central Technology di Arlington (quale coincidenza) è l’intermediario che ospita la maggior parte di queste conferenze. Attraverso di essa si avvicinano agli organizzatori, che non sanno che lavorano per l’agenzia fino a molto tempo dopo – un insegnante spiega che lo ha scoperto molto tempo dopo, quando si è reso  conto che i partecipanti non avevano rivelato i loro cognomi – se lo arrivano a farlo. L’organizzazione nega qualsiasi rapporto con l’intelligence, ma il giornalista presenta la testimonianza di molti accademici che sanno chi si trova dietro il reclutamento.

I risultati di questi lavori di intelligence sono stati notati sotto forma di guerre. Ad esempio, l’Iraq. Il Premio Pulitzer spiega che la decisione dell’amministrazione George W. Bush di rovesciare Saddam Hussein è stata fortemente influenzata dai movimenti dei professori iracheni specializzati in chimica, biologia o energie nucleari, qualcosa che è stato interpretato come un segno di che il programma nucleare stava avanzando. Golden non è affatto il primo a mettere in evidenza questo peculiarecollegamento tra l’intelligence e l’accademia: già lo hanno fatto in precedenza  agenti in prima persona come John Kiriakou in “Doing Time Like a Spy” o Ishmael Jones en “The Human Factor” .

Le guerre d’intelligence continuano ad essere combattute lontano dalla visuale del pubblico.

Fonte: El Confidencial

Traduzione: Luciano Lago

*

code

  1. Stefano 1 settimana fa

    Da noi..gli unici infiltrati sono i politici di sinistra …il resto lo sapete gia’!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. animaligebbia 1 settimana fa

      Chissa’ in quali materie erano specialiste le “studentesse” americane che hanno incastrato i carabinieri a Firenze.Turisti,fuggite,Italia paese degli stupri e dlle violenze ai turisti ;ricordo che ,negli anni 90 ,il sindaco di Palermo Orlando rifiuto’ l’incontro con un giornalista americano che pretendeva di intervistarlo indossando un giubbotto antiproiettile;basta poco che ce’ vo’?.

      Rispondi Mi piace Non mi piace