Le uccisioni israeliane del 2018 a Gaza potrebbero costituire crimini di guerra: indagine ONU


Un’indagine autorizzata dal Consiglio dei diritti umani dell’ONU sulla micidiale repressione israeliana delle manifestazioni anti-occupazione del 2018 nella Striscia di Gaza dichiara che le forze del regime di Tel Aviv potrebbero aver perpetrato “crimini di guerra” o “crimini contro l’umanità” nella campagna contro i palestinesi.

In una dichiarazione rilasciata giovedì, Santiago Canton, presidente della Commissione indipendente d’inchiesta delle Nazioni Unite sulle proteste nei territori palestinesi occupati, ha affermato che i soldati israeliani hanno violato i diritti umani internazionali durante i disordini di Gaza.

“I soldati israeliani hanno commesso violazioni dei diritti umani internazionali e del diritto umanitario. Alcune di queste violazioni potrebbero costituire crimini di guerra o crimini contro l’umanità “, si legge nella dichiarazione.

Le tensioni sono scoppiate a Gaza il 30 marzo 2018, giorno che ha segnato l’inizio di una serie di proteste, soprannominate “La grande marcia del ritorno”, in cui si richiede il diritto al ritorno per coloro che sono stati cacciati dalla loro patria.

Gli scontri hanno raggiunto il loro apice il 14 maggio, alla vigilia del 70 ° anniversario del Nakba Day (il Giorno della Catastrofe), che ha coinciso quest’anno con il trasferimento dell’ambasciata Usa da Tel Aviv a Gerusalemme al-Quds occupata.

La violenza ha causato la morte di 189 palestinesi e più di 6.100 feriti tra il 30 marzo e il 31 dicembre 2018.

Press-TV Le forze israeliane hanno ucciso 60 palestinesi soltanto nei giorni in cui gli Stati Uniti hanno aperto l’ambasciata
La situazione si era presentata instabile e molto tesa vicino alla recinzione di Gaza dove si sono radunati i manifestanti in vista dell’inaugurazione dell’ambasciata Usa a Gerusalemme al-Quds.
Altrove nella sua dichiarazione, la commissione dell’ Onu ha dichiarato che oltre 6.000 manifestanti disarmati erano stati uccisi da cecchini militari israeliani nei luoghi della protesta.

Palestinesi uccisi a Gaza

Sussistono fondati motivi per credere che le truppe israeliane abbiano ucciso e ferito i palestinesi “che non stavano né partecipando direttamente alle ostilità, né ponendo una minaccia imminente”, ha aggiunto il portavoce della commissione.

“La Commissione ha trovato fondati motivi per ritenere che i cecchini israeliani abbiano sparato a giornalisti, operatori sanitari, bambini e persone con disabilità, sapendo che erano chiaramente riconoscibili come tali”.
Ha inoltre sottolineato che i manifestanti di Gaza “erano di natura civile” e che le manifestazioni “non costituivano campagne militari o di combattimento”.

Si è anche lamentato del fatto che le autorità israeliane non avessero risposto alle ripetute richieste di informazioni richieste dall’ONU e di accesso ai territori occupati.

La dichiarazione della richiesta si basa su 325 interviste con vittime, testimoni e altre fonti, oltre a recensioni di oltre 8.000 documenti, filmati a mezzo droni e altro materiale audiovisivo.

Israele è irato

La dichiarazione della commissione dell’ Onu ha fatto infuriare Israele, con il ministro degli esteri facente funzione, Yisrael Katz, il quale ha definito il rapporto come “ostile, ingannevole e prevenuto”.

“Israele rifiuta completamente la relazione”, ha detto.

Gaza ha subito un assedio paralizzante dal 2007 e ha assistito a tre guerre dal 2008. L’assedio è stato condannato da varie risoluzioni dell’ONU.
Il regime di Tel Aviv ha attaccaco regolarmente l’enclave costiera con il pretesto di colpire posizioni appartenenti al movimento di resistenza di Hamas.
Il regime di Israele ha dimostrato più volte con il suo comportamento di ignorare sia le risoluzioni dell’ONU sia di ritenersi al di sopra di qualsiasi norma di diritto internazionale.

Fonte: Press Tv

Traduzione: Luciano Lago

3 Commenti

  • atlas
    28 Febbraio 2019

    ” OGNI PALESTINESE E’ COME UN CAMERATA !

    STESSO NEMICO STESSA BARRICATA “

  • Max Dewa
    1 Marzo 2019

    Nethanyau e LA sua cricca do circoncisi cenciosi so sciacquano I coglioni dell’onu ,, digitate” Herzog strappa LA rispluzione dell’onu video” si e’ proprio scelto un bel posto per nascere Gesu ,un popolo peggio degli ebrei non ce n’e in circolazione razza invisa a tutti I popoli trufftori usurai depravatori di popoli spie calunniatori ecc ce le hanno tutte

  • Man
    1 Marzo 2019

    “Alcune di queste violazioni potrebbero costituire crimini di guerra o crimini contro l’umanità “. E già buon quel “potrebbero” e non si capisce che…Katz protesti. Le risoluzioni Onu contro Is-Ra-El non si contano più per noi Goym, schiavi, dicono, della grande Israele, a salve. Gerusalemme o meno, il Tempo è Galantuomo. Sempre, e il vento fetido solforoso dal 1717 è cambiato, come Bretton Woods & Co. Una bella cura TSO per i Frammassoni neofeudali luciferini, è d’obbligo. Loro non si arrenderanno mai? Oh manco noi se è per questo. Hasta la Victoria siempre.

Inserisci un Commento

*

code