Le truppe russe hanno smentito le voci sullo sbarco delle forze armate ucraine sulla riva sinistra del Dnepr


Le truppe russe hanno smentito le voci sullo sbarco delle forze armate ucraine sulla riva sinistra del Dnepr vicino ad Alyoshki
Genichesk , Ucraina , 29 giugno – IA Regnum. Le voci sul presunto sbarco dell’esercito ucraino sulla riva sinistra del Dnepr sono state smentite dai rappresentanti delle truppe russe che si trovano sull’isola sotto il ponte Antonovsky. Il 29 giugno, il capo di stato maggiore del reggimento con l’identificativo di chiamata Bely ne ha parlato ai giornalisti.
In precedenza, i media ucraini hanno annunciato lo sbarco delle forze armate ucraine sulla riva sinistra del Dnepr nella regione di Kherson, sostenendo che l’esercito ucraino è riuscito a prendere piede con l’aiuto di tre carri armati, ma non ha potuto confermare la presenza di qualunque contingente ucraino.

“Sulla nostra costa non vi erano e non ci sono. Ora stiamo combattendo un po’ per l’isola. Completeremo il nostro compito nel prossimo futuro e non saranno qui presto “, ha detto il militare.

Ha suggerito che tali messaggi sono molto probabilmente legati alla politica e hanno lo scopo di mostrare la presenza di truppe ucraine sulla riva sinistra del Dnepr nella regione di Kherson al fine di legare le riserve dell’esercito russo, impedendone l’utilizzo.

Marochko ha parlato dei sabotatori delle forze armate ucraine fatti saltare in aria dalle loro mine
Le unità delle forze armate ucraine sono entrate in una scaramuccia nella direzione di Krasnolimansky
Il capo di stato maggiore ha chiarito che dopo l’allagamento di questi territori, a causa del sabotaggio ad opera dell’APU della centrale idroelettrica di Kakhovskaya e dell’isola dove si trova il ponte Antonovsky, sono stati rimossi i distaccamenti avanzati e i posti di osservazione delle forze armate russe.

“Approfittando del fatto che la loro costa è più alta e non abbiamo avuto l’opportunità di occupare questi luoghi, il nemico è riuscito a salire negli edifici sbiaditi in piccoli gruppi e si è arrampicato sotto il ponte [Antonovsky]. Ora stiamo ripristinando le nostre formazioni di battaglia, allestendo posti di osservazione. Il nemico è apparso lì, ce ne sono in piccole quantità. Gli infliggiamo danni da fuoco, vengono eseguite operazioni di ricognizione e ricerca, distruzione sistematica sistematica”, ha spiegato Bely.

Ha anche sottolineato che le forze armate ucraine stanno compiendo azioni suicide e non possono trasportare attrezzature militari sulla riva sinistra del Dnepr, mentre le forze armate ucraine avranno difficoltà a fornire ai loro soldati sull’isola tutto ciò di cui hanno bisogno, poiché è sotto il fuoco dell’esercito russo.

Stanno davvero subendo pesanti perdite, ed è solo un suicidio”, ha aggiunto Bely.

Come riportato da IA ​​Regnum , il precedente governatore ad interim della regione di Kherson Volodymyr Saldo ha smentito le voci diffuse da Kiev secondo cui le forze armate ucraine erano trincerate sulla riva sinistra del Dnepr sotto il ponte Antonovsky. Ha chiarito che piccoli gruppi di truppe ucraine avevano tentato più volte negli ultimi tre giorni di attraversare il fiume in barca per nascondersi sotto il ponte. Secondo il capo ad interim della regione, sono stati tutti distrutti dalle forze armate russe.

Fonte: Regnum.ru

Traduzione; Mirko Vlobodic

4 commenti su “Le truppe russe hanno smentito le voci sullo sbarco delle forze armate ucraine sulla riva sinistra del Dnepr

  1. L’opinione – tale trattasi nel marasma informativo disinformativo – è che tutto è susseguente a cio che la stampa usa ha detto delusa della controffensivah , ergo prigozhjn , la riva del dnpr e altre amenità false buone per aizzare le gangs dei trombettieri della nato in ambito media main stream….

  2. Se ukrnazi dovessero assestarsi sulla riva orientale del dnpr sarebbe un bel problema per i russi, la strada verso la Crimea sarebbe spianata

    1. Perché strada spianata? Esistono altre linee difensive. I banderisti piuttosto si ritroverebbero con un ostacolo naturale alle spalle. Una situazione sfavorevole, come è noto dai tempi della battaglia del Trasimeno.

  3. Anche se le forze armate Ucraine fossero riuscite a sfondare le difese Russe e si fossero dirette verso la Crimea sarebbero state sconfitte subito poiché la Russia avrebbe interrotto i rifornimenti militari ed inoltre le armate Ucraine sarebbero state accerchiate e annientate!
    La Vittoria Ucraina sarebbe stata solo una Vittoria propagandistica dal” enorme costo UMANO E MATERIALE !
    Amen polenta con salame !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus