Le società MAERSK e HAPAG-LLOYD cesseranno (temporaneamente) tutta la navigazione sul Mar Rosso

di Hal Turner

MAERSK, una delle più grandi compagnie di spedizioni di container al mondo, ha annunciato che sta “sospendendo” le sue operazioni di spedizione e tutte le spedizioni di container attraverso il Mar Rosso.

Anche la HAPAG-LLOYD, un’altra delle più grandi compagnie di spedizioni di container al mondo, ha appena annunciato che sospenderà l’invio di navi nel Mar Rosso almeno per i prossimi tre giorni.

La compagnia di navigazione danese A.P. Moller-Maersk (MAERSKb.CO) sospende tutte le spedizioni di container attraverso il Mar Rosso fino a nuovo avviso, ha annunciato oggi un portavoce della società.

Nel 2022, Maersk gestiva il 15,3% della flotta mondiale di navi portacontainer, occupando il secondo posto dietro alla Mediterranean Shipping Company (MSC), che ne controllava il 18,6%. A maggio 2023, Maersk gestiva 682 navi portacontainer con una capacità complessiva di circa 4,13 milioni di TEU.

In seguito al quasi incidente che ha coinvolto la Maersk Gibilterra ieri e a un ulteriore attacco a una nave portacontainer oggi, abbiamo ordinato a tutte le navi Maersk nell’area che devono passare attraverso lo Stretto di Bab al-Mandab di sospendere il viaggio fino a nuovo avviso, ha dichiarato la compagnia in un comunicato stampa.

Ieri, Maersk ha dichiarato che la sua nave Maersk Gibilterra è stata presa di mira da un missile mentre viaggiava da Salalah, Oman, a Jeddah, Arabia Saudita e che l’equipaggio e la nave erano al sicuro.

Il movimento Houthi dello Yemen, allineato all’Iran, ha detto che la milizia ha colpito una nave Maersk in navigazione verso Israele.

La nave non è stata colpita”, ha detto ai media un portavoce di Maersk in una dichiarazione inviata via email in seguito all’affermazione degli Houthi.

Gli Houthi avevano affermato di aver effettuato un’operazione militare contro una nave portacontainer Maersk, colpendola direttamente con un drone. Gli Houthi, che hanno presentato la denuncia in una dichiarazione, non hanno fornito prove.

Maersk ha affermato che la compagnia è profondamente preoccupata per la situazione di sicurezza gravemente degradata nel Mar Rosso meridionale e nel Golfo di Aden.

I recenti attacchi contro navi commerciali nella regione sono allarmanti e rappresentano una minaccia significativa per la sicurezza e l’incolumità dei marittimi”, ha affermato .

Anche la Hapag-Lloyd Shipping Company ha annunciato pochi minuti fa: “Abbiamo deciso di posticipare la partenza di tutte le nostre navi attraverso il Rosso Mare nei prossimi tre giorni.”

Hapag-Lloyd controlla circa il 6% della flotta mondiale di navi portacontainer.

Queste interruzioni delle spedizioni di container da e verso il Mar Rosso avranno un impatto IMMEDIATO sulla catena di approvvigionamento globale.

Nuovi attacchi
Gli Houthi oggi hanno preso di mira la MSC “Alanya”. e le navi “Palatium 3” con missili antinave. Hanno avvertito le navi di tenere accesi i localizzatori e di seguire gli ordini delle forze navali yemenite. Quando queste navi falliscono o rifiutano, vengono attaccate.

Gli attacchi dello Yemen alle navi nel Mar Rosso sono iniziati dopo che Israele ha lanciato la sua guerra contro Hamas nella Striscia di Gaza. Vedendo così tante morti civili, lo Yemen ha invitato Israele a fermare gli attacchi o ad affrontare una risposta militare. Israele ha rifiutato perché lo Yemen non può accedere a Israele.

Ma Israele a quanto pare non ha mai considerato che tutte le navi in ​​viaggio da e verso Israele, attraverso il Mar Rosso, avrebbero potuto finire sotto il fuoco mentre attraversavano lo stretto di El Mandeb lungo la costa dello Yemen.

Ed è in questo stretto che lo Yemen spara sulle navi, costringendole a smettere di viaggiare da/per Israele. Così, il piccolo Yemen ha creato un vero – ed efficace – blocco navale contro Israele nel Mar Rosso.

Israele respinge la controproposta del Libano sul ritiro di Hezbollah: la guerra ora si espanderà
All’inizio di questa settimana, Israele ha chiesto al Libano di rimuovere Hezbollah dalla parte meridionale del Libano, a nord del fiume Litani, altrimenti potrebbe scoppiare la guerra. Il Libano ha risposto con una controproposta, secondo la quale avrebbe chiesto a Hezbollah di ritirarsi se Israele si fosse ritirato dai 13 punti contesi sul confine settentrionale.

Francia e Stati Uniti hanno informato il governo libanese che Israele rifiuta la controproposta del Libano.

Dato che Israele ha chiarito che espanderà l’attuale conflitto a Gaza e aprirà un fronte a nord, a meno che Hezbollah non si ritiri a nord del fiume Litani, ora possiamo aspettarci che seguirà altra guerra.

Revisione editoriale di Hal Turner
Israele è MOLTO stupido. Hezbollah è molto più potente di Hamas, che Israele sta attualmente combattendo nella Striscia di Gaza.

L’ultima volta che Israele ha combattuto contro Hezbollah, è stato preso a calci nel sedere.

Da questo conflitto Hezbollah è diventato molto più forte.

Il fatto che Israele stia deliberatamente espandendo il conflitto in corso a Gaza e aprendo un fronte di guerra contro Hezbollah in Libano, nel nord del paese, sembra un suicidio agli osservatori più istruiti.

Fonte: La Cause du Peuple

Traduzione: Gerard Trousson

2 commenti su “Le società MAERSK e HAPAG-LLOYD cesseranno (temporaneamente) tutta la navigazione sul Mar Rosso

  1. un occasione imperdibile il conflitto con Hezbollah. Solo così israele verrà disintegrato e la Palestina riavere la sua terra. Bisogna colpire i vertici del sionismo che sono il cancro mondiale. Sono malefici, psicopatici e inumani. Bisogna colpire per prima loro. Eliminarli dalla faccia della terra per far brillare la PACE MONDIALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM