Le sensazioni viscerali causano errori strategici: gli Stati Uniti sono coinvolti nella battaglia a Gaza, nello Yemen e ora in Iraq

di Alastair Crooke

Cina e Russia sono rimaste straordinariamente silenziose, osservando attentamente lo spostamento delle placche tettoniche globali in risposta alle “due guerre” (la “multiguerra” di Ucraina e Israele).
Questo atteggiamento non è davvero sorprendente; entrambi gli stati possono sedersi e guardare mentre Biden e la sua squadra persistono nei loro errori strategici nelle molteplici guerre di Ucraina e Israele.

L’intreccio delle due guerre determinerà ovviamente la nuova era. Ci sono rischi significativi, ma per ora possono osservare comodamente da lontano una congiuntura climatica nella politica mondiale, aumentando gradualmente il tasso di logoramento verso un anello di fuoco.

Il fatto è che Biden, al centro della tempesta, non è un Sun Tzu calmo. La sua politica è personale e molto viscerale: come ha scritto Noah Lanard nella sua analisi forense di ” How Joe Biden Became America’s Top Hawk “, il suo team chiarisce: le politiche di Biden sono radicate nei suoi “kishkes” – il suo coraggio.

Questo può essere visto nel modo sdegnoso e vivido in cui Biden definisce il presidente Putin un “autocrate” e nel modo in cui parla delle vittime dell’attacco di Hamas, massacrate, aggredite sessualmente e prese in ostaggio, mentre “i sofferenti” diritti palestinesi sono lasciati vaghi, sempre che vengano menzionati .” “ Non credo che veda affatto i palestinesi ”, dice Rashid Khalidi, professore di studi arabi moderni alla Columbia University.

C’è una lunga tradizione di leader che prendono la decisione giusta d’impulso del momento, dal loro subconscio, senza un attento calcolo razionale. Nell’antichità questa qualità era molto apprezzata. Ulisse lo trasudava. L’abbiamo chiamata la mêtis. Ma questa capacità dipendeva da un temperamento sereno e dalla capacità di vedere le cose “faccia a faccia”; cogliere entrambi i lati di una medaglia, diremmo.

Ma cosa succederebbe se, come suggerisce il professor Khalidi, i “kishkes” fossero pieni di rabbia e bile; una simpatia istintiva per Israele, alimentata da una visione antiquata della scena interna israeliana. ” Semplicemente non sembra riconoscere l’umanità [degli altri] “, come ha detto a Lanard un ex membro del team Biden.

Ebbene, gli errori – gli errori strategici – diventano inevitabili. E questi errori attirano sempre più gli Stati Uniti in una trappola (come aveva previsto la Resistenza). Michael Knights, ricercatore presso il think tank neoconservatore Washington Institute, ha osservato che :

Gli Houthi sono orgogliosi dei loro successi e non sarà facile scoraggiarli. Si stanno divertendo tantissimo a fronteggiare una superpotenza che probabilmente non può scoraggiarli ”.

Questi commenti si inseriscono nel contesto di una guerra in Ucraina il cui esito è già – o sarà – noto in anticipo. Sia negli Stati Uniti che tra i suoi alleati in Europa, è accettato che la Russia abbia vinto in modo schiacciante in tutte le “aree di conflitto”. Non vi è praticamente alcuna possibilità che questa situazione possa essere ripristinata, indipendentemente dal denaro o da un ulteriore “sostegno” occidentale.

I soldati ucraini ne gustano ogni giorno i frutti amari. Anche molti membri della classe dirigente di Kiev lo hanno capito, ma non osano parlare apertamente. Il gruppo di estremisti dietro Zelenskyj, tuttavia, insiste nel continuare la sua illusione di organizzare una nuova offensiva.

Chiedere all’Occidente di fermarsi sarebbe mostrare gentilezza verso “coloro che stanno per morire” in un’altra inutile mobilitazione. La fine dei giochi è inevitabile: un accordo per porre fine al conflitto alle condizioni della Russia.

Ahhh, ma non dimenticate i “kishkes” di Biden: questo risultato significherebbe che Putin “vince” e la speranza di Biden di una ghirlanda di vittoria si trasformerebbe in cenere. La guerra deve continuare, anche se il suo unico risultato fosse il lancio di missili a lungo raggio direttamente contro le città civili in Russia (un crimine di guerra).

Possiamo vedere dove questo ci porta. Biden è in un buco che può solo diventare più profondo. Non può smettere di scavare? Ad alcuni negli Stati Uniti potrebbe piacere che lo faccia, visto che le prospettive elettorali del Partito Democratico diminuiscono. Ma è probabile che non possa, perché il suo nemico (Putin) “vincerebbe”.

Naturalmente, la sua nemesi ha già vinto.
Su Israele, Lanard continua :

“ …Biden ha spesso fatto risalire il suo incrollabile sostegno a Israele… a “una lunga, lunga discussione” con Henry “Scoop” Jackson – un senatore notoriamente aggressivo (una volta descritto come “più sionista dei sionisti”).

“Dopo essere diventato vicepresidente, Biden è rimasto fedele alla sua convinzione del “non c’è la luce del giorno” (“che la pace arriverà solo se non c’è “non c’è la luce del giorno” tra Israele e gli Stati Uniti “). In un libro di memorie pubblicato l’anno scorso, Netanyahu ha scritto che Biden aveva espresso la sua volontà di aiutare fin dall’inizio: “Non hai molti amici qui, vecchio mio”, avrebbe detto Biden . “Sono l’unico amico che hai. Quindi chiamami quando ne hai bisogno . “

Biden con Netanyahu

Nel 2010, quando Netanyahu fece infuriare Obama con un’importante espansione degli insediamenti mentre Biden era in Israele, Peter Beinart riferì che mentre Biden e il suo team volevano gestire la controversia in privato, il campo di Obama aveva preso una strada completamente diversa: il Segretario di Stato Clinton diede a Netanyahu 24 ore per rispondere, avvertendo : ” Se non vi conformate, ciò potrebbe avere conseguenze senza precedenti per le relazioni bilaterali, come non si sono mai viste prima “.

“ Biden ha rapidamente preso contatto con uno sbalordito Netanyahu… Biden ha completamente screditato il Segretario di Stato [Clinton] e ha dato a Netanyahu una forte indicazione che qualunque cosa stesse bollendo a Washington era aria fritta – e che avrebbe potuto disinnescare la situazione al suo ritorno .
Quando Clinton vide la trascrizione, “si rese conto di essere stata gettata sotto l’autobus ” da Biden, ha detto un funzionario. Beinart concluse:

“ Durante un periodo critico all’inizio dell’amministrazione Obama, quando la Casa Bianca stava valutando di esercitare una reale pressione su Netanyahu per mantenere viva la possibilità di uno Stato palestinese, Biden ha fatto più di ogni altro funzionario del governo per proteggere Netanyahu da questa pressione ”.

È chiaro che tali resoconti collocano Biden visceralmente alla destra di alcuni membri del gabinetto di guerra di Netanyahu: ” Non faremo altro che proteggere Israele “, ha detto Biden durante l’evento di raccolta fondi lo scorso dicembre; ” Niente di niente “.

Un sostegno così incrollabile può solo portare a errori strategici da parte degli Stati Uniti, come Mosca, Teheran e Pechino avranno intuito.

Alon Pinkas, ex diplomatico israeliano e attuale insider di Washington, ritiene che, sebbene una guerra tra Israele e Hezbollah sarebbe devastante per entrambe le parti, ” perché sembra inevitabile?” »

“ Mentre Washington è diffidente nei confronti di un simile sviluppo, Israele sembra rassegnato all’idea. Tanto che un articolo del Washington Post ha citato funzionari statunitensi che affermavano di essere “allarmati” e di credere che [Netanyahu] stesse incoraggiando l’escalation come chiave per la sua sopravvivenza politica ”.

Ma cosa gli dicono i kishke di Biden? Se un’operazione militare israeliana per “spostare” Hezbollah a nord del Litani “sembra” inevitabile a Biden, e Israele “si rassegna”, non sarebbe anche probabile – dato il costante sostegno di Biden a Israele – che anche Biden si dimetta? , in un modo o nell’altro, ad una guerra?

Che dire del rapporto di domenica del Washington Post secondo cui Biden ha incaricato il suo staff di prevenire una guerra totale tra Israele e Hezbollah?

Questo rapporto – apparentemente trapelato deliberatamente – aveva probabilmente lo scopo di evitare che gli Stati Uniti venissero accusati di complicità in caso di guerra nel Nord (fronte del Libano).

Il senatore Lindsay Graham ha trasmesso un messaggio completamente diverso a Netanyahu durante il loro incontro di giovedì scorso – e a Mohammed bin Salman (che Graham incontrò in seguito nella sua tenda nel deserto) – proprio come fece nel 2010, Biden stava “tranquillamente” dicendo a Netanyahu di ignorare il messaggio di Obama sulla necessità di uno Stato palestinese?

(Gli alti funzionari americani non hanno l’abitudine di incontrare il primo ministro israeliano, e poi il principe ereditario, senza fare riferimento al comando della Casa Bianca).

La chiave per comprendere la complessità del lancio di un’azione militare in Libano risiede nella necessità di vederla da una prospettiva più ampia: dal punto di vista neoconservatore, il confronto con Hezbollah evoca i vantaggi e gli svantaggi di una “guerra” più ampia da parte degli Stati Uniti contro l’Iran. Un simile conflitto comporterebbe aspetti geopolitici e strategici diversi e più esplosivi, dal momento che Cina e Russia hanno una partnership strategica con l’Iran.

Combattenti di Hezbollah in Libano

L’inviato americano Hochstein è a Beirut questa settimana e, secondo quanto riferito, è stato incaricato di costringere le parti libanese e israeliana a rispettare le disposizioni della risoluzione 1701 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite del 2006 (mai attuata).

Il governo libanese ha proposto all’ONU una road map per l’attuazione della risoluzione 1701. Questa “mappa” prevede la finalizzazione di un accordo sui tredici punti di confine contesi e propone di delimitare di conseguenza il confine tra Libano e Israele. Ma, come sottolinea Pinkas, una simile configurazione della questione è del tutto fuorviante, perché la Risoluzione 1701 non è semplicemente una disputa territoriale irrisolta in Libano. L’obiettivo principale della risoluzione 1701 era (ed è tuttora) il disarmo e lo spostamento di Hezbollah, ma il piano del governo libanese non menziona affatto Hezbollah, il che solleva chiaramente la questione del suo realismo e del suo obiettivo.

Perché Hezbollah dovrebbe lasciarsi convincere a deporre le armi, quando Netanyahu e il ministro della Difesa Gallant hanno annunciato in una dichiarazione congiunta lo scorso fine settimana che ” la guerra non è destinata a finire, sia a Gaza che ai confini settentrionali ” con il Libano.

Lo scorso fine settimana, Gallant ha chiarito che Israele non avrebbe tollerato che ai circa 100.000 residenti israeliani sfollati dalle loro case nel nord di Israele fosse impedito il ritorno a casa a causa delle minacce di Hezbollah. Se la soluzione diplomatica di Hochstein non avrà successo (con il disarmo e il ritiro di Hezbollah dal sud), Israele, ha promesso Gallant, adotterà misure militari. “ La clessidra presto girerà ”, ha avvertito.

Forse l’aspetto più sconcertante e preoccupante di uno scontro militare tra Israele e Hezbollah è la sua apparente inevitabilità, conclude Pinkas:

“ La sensazione che questa sia una conclusione inevitabile. In assenza di un accordo politico duraturo e reciprocamente accettato, e data la ragion d’essere di Hezbollah e le motivazioni regionali dell’Iran, una guerra del genere potrebbe essere solo questione di tempo ”.

Così, quando Blinken è arrivato in Israele, si è trovato, ovviamente, di fronte ad un profondo scetticismo riguardo alla possibilità di raggiungere un accordo con il Libano affinché Hezbollah si ritirasse oltre il fiume Litani, riferisce il commentatore israeliano Ben Caspit.

Se Israele invadesse il Libano nel tentativo di scacciare Hezbollah dal confine, invaderebbe ovviamente uno stato sovrano membro delle Nazioni Unite. Qualunque siano le circostanze, questa invasione verrebbe immediatamente denunciata a livello internazionale come aggressione illegale.

Lo scopo di questi negoziati è allora quello di cercare di convincere lo Stato libanese ad accettare un accordo “leggero” (le fattorie di Shebaa vengono ignorate) che accetti in linea di principio la risoluzione 1701, in modo che Israele non possa essere accusato di aver invaso uno Stato sovrano?

Non è anche questa una tattica, accettata da Hezbollah, per evitare che gli ambienti libanesi accusino Israele di aver iniziato una guerra che danneggerebbe lo Stato, rendendolo responsabile del lancio di un attacco al Libano? L’iniziativa 1701 è solo una farsa in vista delle possibili conseguenze giuridiche?

Se sì, in che modo ciò influisce sul messaggio che Biden potrebbe inviare a Israele attraverso canali backdoor? Sappiamo che uno dei messaggi che gli Stati Uniti inviano all’Iran è che non vogliono una guerra con quel paese. Biden sta preparando il terreno per dimostrare ancora una volta che il suo incrollabile sostegno a Israele rimane intatto? È quasi certo.

Russia, Iran, Cina e gran parte del mondo stanno naturalmente a guardare mentre gli Stati Uniti si ritrovano coinvolti in una serie di errori strategici sovrapposti – uno che porta all’altro – che senza dubbio rimodelleranno l’ordine mondiale a loro vantaggio.

Alastair Crooke

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

2 commenti su “Le sensazioni viscerali causano errori strategici: gli Stati Uniti sono coinvolti nella battaglia a Gaza, nello Yemen e ora in Iraq

  1. Colpisce nell’articolo la convinzione che sia la maummia demente senile biden a prendere le decisioni che contano, quelle strategiche, proprio comeun autocrate …

    Sappiamo bene che non è così, la mummia demokrat e liberal è eterodiretta e le decisioni le prendono gli ebrei blinken, i neocon del dipartimento di stato e il “consigliere” sullivan, per conto dei “miliardari democratici”, della lobby sionista e della finanza di rapina.

    Infatti, quando austin ministro della difesa era ricoverato, in gran segreto, qualcun altro ha deciso di lanciare l’attacco allo Yemen, alle 2.30 ora locale del 12 dicembre, e la cosa pare molto strana … Sicuramente la decisione è stata presa da quelli che muovono i fili della mummia-presidente.

    Cari saluti

  2. La Storia ricorderà gli anglosassoni come una meteora, così veloci nella caduta…………… ha ha ha ha ha!!!!!!
    Non solo, saranno ricordati come molto negativi e criminali, dei buoni a nulla, senza grandezze né elevatezze, di bassa moralità,
    falsoni al massimo, e mossi dalla rapina e dall’odio generalizzati. Insomma una feccia del Mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM