Le sanzioni statunitensi stanno spingendo la Russia in guerra

di  Finian Cunningham

Il nuovo round di sanzioni questa settimana, scatenato dagli Stati Uniti sulla Russia, ha un solo significato: i governanti statunitensi vogliono schiacciare l’economia russa. Secondo ogni definizione, Washington sta in effetti dichiarando guerra alla Russia.

Le misure economiche implementate potrebbero avere una qualità apparentemente astratta o sterile: vietare le esportazioni elettroniche in Russia, attaccare i mercati finanziari, abbassare i prezzi delle azioni. Ma la conseguenza materiale è che i funzionari americani intendono infliggere danni fisici alla società russa e al popolo russo.

È una guerra economica su scala mobile che procede verso la guerra militare, come il generale prussiano Karl von Clausewitz apprezzerebbe senza dubbio.

Sembra ancor più significativo il fatto che questa settimana abbia visto anche i servizi Internet statunitensi lanciare un’importante pressione sui siti web contro la guerra, suggerendo che i potentati vogliono chiudere qualsiasi critica o consapevolezza del loro sconsiderato agire da guerrafondai.

Inoltre, l’ultimo round di sanzioni statunitensi – ci sono stati diversi turni precedenti dall’influenza del conflitto ucraino del 2014 – si basa su nient’altro che speculazioni selvagge e ridicole. Questo aggiunge solo insulto dopo l’infortunio.

Washington ha detto che le nuove sanzioni proposte sono dovute alla “determinazione” che lo stato russo era responsabile di un presunto attacco di arma chimica contro un ex agente doppio in Inghilterra all’inizio di quest’anno.

Il cosiddetto affare Skripal che coinvolge Sergei Skripal e sua figlia Yulia che sarebbe stata presumibilmente avvelenato da agenti russi usando un agente nervoso mortale, quando questo è ancora un enigma non dimostrato. Alcuni potrebbero persino dire una “farsa”.

Nessuna prova è mai stata presentata dal governo britannico per giustificare le sue accuse sensazionali contro Mosca. La sua affermazione che la Russia era responsabile dell’avvelenamento degli Skripal si basa interamente su affermazioni e insinuazioni dubbie.

Ora Washington sta proponendo sanzioni basate su una “determinazione” totalmente non verificata da parte degli inglesi – sanzioni che hanno lo scopo di schiacciare l’economia russa. Le misure punitive proposte vanno ben oltre il consueto congelamento di attività relative ai singoli. Quello che Washington si sta predisponendo a fare è attaccare le operazioni finanziarie principali dell’economia russa.

Non c’è da stupirsi che il primo ministro russo Dmitry Medvedev abbia emesso una grave risposta alle ultime sanzioni americane. Ha detto che quelle erano paragonabili a una “guerra economica”. Medvedev ha avvertito che Mosca avrebbe dovuto reagire “politicamente, economicamente o in qualche altro modo”. Il tono di Medvedev era inequivocabilmente uno di allarme per la natura draconiana, gratuita e irrazionale delle azioni degli Stati Uniti.

Trump contro Putin

Anche il portavoce del Cremlino Dmitrij Peskov ha espresso incredulità e apprensione per la condotta di Washington. Ha detto che dopo il summit apparentemente costruttivo tra il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e l’omologo russo Vladimir Putin a Helsinki il mese scorso, quest’ultima provocazione da Washington rende la parte americana completamente imprevedibile.

Le sanzioni immediate che entrano in vigore sono limitate al divieto di esportare l’elettronica americana in Russia. Ma è quello che viene dopo che lascia perplessi. Washington sta dicendo che se la Russia non darà una “garanzia” per fermare il futuro uso di armi chimiche, e se Mosca non consente agli ispettori internazionali nel suo paese di monitorare presunte armi chimiche – allora la seconda ondata di sanzioni sarà applicata entro 90 giorni.

Il successivo giro di sanzioni include il divieto di compagnia aerea statale russa, Aeroflot, dai voli operativi negli Stati Uniti. L’impossibilità della Russia di soddisfare le assurde richieste di Washington rende inevitabile l’ulteriore applicazione delle sanzioni.

L’Aeroflot, compagnia di bandiera russa

Una legge separata sta attraversando il Congresso che sta progettando di colpire il sistema bancario russo, volto a prevenire le transazioni internazionali.

I senatori che sponsorizzano quel disegno di legge l’hanno etichettato come “il disegno di legge delle sanzioni dall’inferno”. Il titolo della legislazione proposta dice tutto: “Difendere la società americana dall’aggressione russa”. I senatori John McCain, Lindsey Graham, Robert Menendez e Ben Cardin, tra gli altri russofobi che stanno spingendo il conto, sono espliciti sull’obiettivo. Dicono che le misure attuate “schiacceranno il Cremlino”.

Tragicamente, il popolo americano viene condotto all’abisso da politici che sono ignoranti, folli o prostituiti per i profitti di guerra. Forse anche tutto quanto sopra. Perversamente, questi politici e i loro clienti media accusano la Russia di “atti di guerra” per affermazioni fantastiche su “interferenze elettorali”, quando in realtà sono loro a commettere atti di guerra contro la Russia.

È improbabile che il presidente Trump utilizzi il suo potere esecutivo per bloccare le sanzioni future. Il clima politico negli Stati Uniti tra le agenzie di intelligence, i legislatori e i principali media è diventato saturo di isteria anti-russa. Gli Stati Uniti sono un’oligarchia in preda alla follia al di là della responsabilità democratica nei confronti del suo popolo.

Già l’annuncio di questa settimana di incursioni economiche più offensive sulla Russia ha fatto crollare l’economia russa. Il rublo, i titoli obbligazionari e le azioni sono andati in rovina. Questo è un attacco agli interessi vitali della Russia. Un Barbarossa economico.

Senza dubbio parte del calcolo americano è quello di fomentare il malcontento sociale e la discordia verso il governo di Putin. Si tratta dello stesso playbook illegale che gli americani stanno usando con l’Iran, la cui economia questa settimana è stata colpita anche da draconiane sanzioni statunitensi.

Se l’economia russa è stata gettata in agitazione già dopo le ultime sanzioni annunciate, si può solo immaginare il danno inflitto quando ulteriori attacchi americani sono montati sui fondamenti del sistema bancario russo e sulla sua libertà di commerciare con il resto del mondo.

Per Washington questa sembra essere una stagione aperta per le sanzioni. Non sono soltanto la Russia e l’Iran dal lato ricevente. La Cina, il Canada, l’Unione Europea, la Turchia, il Venezuela, la Corea del Nord, tra gli altri, sono anche colpiti dalla guerra economica americana, sotto il nome di “sanzioni” o indirettamente usando la retorica delle “tariffe”.

Per la Russia, ha mostrato immensa pazienza fino ad ora nel tollerare le provocazioni di Washington e in effetti l’aggressione sulla base di numerosi pretesti. Dal conflitto in Ucraina, alla presunta annessione della Crimea, al sostegno di principio di Mosca per la Siria tradita come per “sostenere un dittatore”, alla presunta “intromissione nelle elezioni americane”, e molto altro ancora, la Russia ha mostrato enormi riserve di stoicismo e di auto -Disciplina nel tollerare quella che può essere chiamata solo un’aggressione americana gratuita.

In ogni momento, la Russia ha mantenuto una posizione dignitosa e imperturbabile di fronte allo scherzo e all’irrazionalità americana. Mosca forse pensava che il presidente Trump potesse portare un po ‘di normalità alle relazioni bilaterali. Questo si è rivelato illusorio.

Ma cosa succede ora? Quando Washington è davvero andato troppo oltre. Gli Stati Uniti hanno portato il loro comportamento malizioso a un livello completamente nuovo e pericoloso, preparandosi a lanciare una guerra economica completa sugli interessi vitali della Russia.

I pazzi governanti americani stanno spingendo il mondo sull’orlo della loro belligeranza.

Washington ha finora comunicato che non è interessato alla diplomazia, al dialogo o alla negoziazione. Ha solo una modalità di condotta: guerra, guerra, guerra.

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

7 Commenti

  • Fabio Franceschini
    12 agosto 2018

    In effetti l’accondiscendenza russa inizia ed essere imbarazzante. Giustificabile ,certo, ma imbarazzante. È evidente che le sanzioni sono lo scopo è non il mezzo. Basta dire che la Russia ha tenuto un comportamento e senza prova o approfondimento arrivano nuove sanzioni. Io resto della mia idea gli usa devono provare dolore forse non fermerà la guerra ma di certo non la causerà !la guerra è già stata decisa è in atto.

  • Paolorikonev
    12 agosto 2018

    ma McCain non stava crepando ?

  • silvia
    13 agosto 2018

    Trattare con gli Americani e’ inutile. Capiscono solo il linguaggio della forza.

  • Eugenio Orso
    13 agosto 2018

    Una soluzione ci sarebbe stata, per evitare un conflitto mondiale, pur rischiosa e incerta.
    Purtroppo, la Russia avrebbe dovuto svegliarsi prima, assieme alla sua piccola coalizione (penso soprattutto all’Iran, anche lui troppo prudente e defilato).
    Destabilizzare i governi europidi tributari di usa/nato/ue e, altrove nel mondo, destabilizzare israele e le monarchie islamiste del Golfo.
    Avrebbero dovuto cominciare l’opera almeno tre/quattro anni fa, agendo con decisione e senza risparmio di risorse.
    Gli usa avrebbero potuto scivolare, in tal caso, dalla posizione di assedianti a quella di assediati, con una ripresa conseguente dell’isolazionismo, che Trump ha millantato ma non realizzato.

    Cari saluti

    • Mardunolbo
      13 agosto 2018

      Concordo in pieno, Eugenio Orso ! La paura degli Usa ha generato la volontà di stare defilati. Stare defilati, come cercò di fare Hitler con la Germania pre-guerra, non serve a nulla se non aizzare le belve umane.
      Stare calmi serve solo coi cani….

  • Brancaleone
    13 agosto 2018

    La situazione a mio parere e’ piu’ complessa, la cina e le altre potenze non allineate, sanno che lasciare isolata la russia vuol dire scavarsi la fossa per il futuro. Se e’ veritiero cio’ che ci dicono le informazioni, non sara’ cosi facile abbattere l’orso russo. E’ palese il cambio strategico politico ed economico della cina: con la russia piegata sanno che avrebbero il nemico alle porte. Se sara’ guerra, sara’ totale: non potranno mangiarsi l’elefante un pezzo per volta, dovranno ingoiarlo per intero ( ed e’ tanto grosso). Le sanzioni sondano un piano a mio avviso inattuabile: sarebbe la fine per TUTTI.

  • Idea3online
    14 agosto 2018

    Colpire la Russia è colpire la Globalizzazione, e l’Occidente per sopravvivere deve guidare il Pianeta, con in sella la Grande Signora Americana. Certo che gli USA sono alla guida di un mondo che non ascolta più i comandi, con la sequenza Bastone e Carota i risultati sono scarsi e inesistenti. A mano a mano gli USA saranno pronti a perdere il predomino finanziario causando il crollo sistemico, ma subito pronti con un attacco militare globale a recuperare il controllo della bestia stremata. Per adesso solo minacce ed avvertimenti per recuperare l’Ordine delle colonie poco allineate, e per indebolire i rivali principalmente Russia e Cina. Ma questa volta non sarà come in passato, la Russia reagirà e ferirà l’Aquila.

Inserisci un Commento

*

code